Festa del Cinema di Roma 2018

Evento: Festival
Anno: 2018
Edizione: 13
Luogo: Auditorium Parco della Musica di Roma
Quando: da Giovedì 18 Ottobre 2018 a Domenica 28 Ottobre 2018

La tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma si svolge dal 18 al 28 ottobre 2018 all'Auditorium Parco della Musica coinvolgendo numerosi altri luoghi e realtà culturali della Capitale. La struttura firmata da Renzo Piano il fulcro della manifestazione e ospita proiezioni, incontri, eventi, mostre, concerti, convegni e dibattiti. I 1300 mq del viale che conduce alla Cavea saranno trasformati in uno dei più grandi red carpet al mondo. La tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma è prodotta dalla Fondazione Cinema per Roma. La manifestazione è promossa da Roma Capitale, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma, Regione Lazio, Fondazione Musica per Roma, Istituto Luce Cinecittà (in rappresentanza del Ministero per i beni e le attività culturali). Laura Delli Colli è il Vice Presidente della Fondazione Cinema per Roma e del Consiglio di Amministrazione composto da Roberto Cicutto, José R. Dosal, Lorenzo Tagliavanti. Francesca Via è il Direttore Generale della Fondazione, Antonio Monda il Direttore Artistico della Festa del Cinema, affiancato da un comitato di selezione coordinato da Mario Sesti e composto da Richard Peña, Giovanna Fulvi, Alberto Crespi, Francesco Zippel, Valerio Carocci. 

La Selezione Ufficiale della Festa del Cinema ospita 38 film, con l'obiettivo di offrire qualità ed eccellenza in tutte le espressioni cinematografiche: nel cinema indipendente, nella produzione di genere, nell'opera di autori affermati, in quella di registi emergenti, nella ricerca e nella sperimentazione, nel cinema di dichiarata vocazione spettacolare, nell'animazione, nella visual art e nei documentari. Anche quest'anno un ruolo importante sarà svolto dagli Incontri Ravvicinati con autori, attori e protagonisti della cultura italiana e internazionale, dalle Retrospettive, dai Restauri, dagli Omaggi e dai numerosi altri eventi che comporranno il programma della manifestazione. Accanto alla Festa, come sezione autonoma e parallela, Alice nella città organizza, secondo un proprio regolamento, una rassegna di film per ragazzi.

LA FESTA IN CITTÀ
Per il pubblico disposizione numerose sale: da quelle presso il Parco della Musica (Sinopoli, Petrassi, Teatro Studio Gianni Borgna SALA SIAE, AuditoriumArte) all'Auditorium del MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, dalla Casa del Cinema alla Casa del Jazz, dal Cinema Trevi al My Cityplex Savoy e il Multisala Barberini, dal Museo dell'Ara Pacis al Palazzo delle Esposizioni, da Rebibbia Nuovo Complesso alla Casa Circondariale Femminile di Roma Rebibbia, dalla Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS al Teatro Palladium, da Via dei Condotti a Via Veneto, da Piazza San Lorenzo in Lucina a Via della Frezza con la Fondaco Gallery, dalla Galleria Alberto Sordi allo Spazio WeGil. Accanto all'Auditorium Parco della Musica sorgerà il Villaggio del Cinema - costituito da padiglioni e stand in acciaio, vetro e legno, appositamente realizzati per la manifestazione e i suoi visitatori - e la Cinema Hall, realizzata grazie al sostegno della Direzione Generale Cinema del MiBAC.

L'IMPEGNO PER IL SOCIALE
Prosegue nel 2018 l'impegno per il sociale con Telethon a favore della ricerca sulle malattie genetiche rare. Sarà inoltre promossa una raccolta fondi per sostenere due progetti italiani per la salute dei bambini: il reparto di pediatria d'urgenza del Policlinico Umberto I di Roma e la Casa di Timmi, dove troveranno ospitalità bambini vittime di violenza e maltrattamenti o costretti a lasciare il nucleo familiare. In continuità con l'impegno dell'anno passato, nell'ambito del progetto promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri volto alla prevenzione e al contrasto alla violenza alle donne, la tredicesima edizione della Festa del Cinema dedica particolare attenzione al tema con una serie di iniziative dedicate. Si terranno inoltre proiezioni presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, Rebibbia Nuovo Complesso e Casa Circondariale Femminile di Roma Rebibbia. Sarà poi presentato uno specifico progetto rivolto alla formazione al linguaggio audiovisivo per adolescenti rom sottoposti a misure penali. La Festa del Cinema ospiterà infine il primo film con attori professionisti disabili che non tratta il tema della disabilità. La Fondazione Umberto Veronesi, che da anni sostiene la ricerca scientifica, ha scelto di promuovere le sue attività attraverso la Festa del Cinema, realizzando le shopper per gli accreditati della tredicesima edizione.

LA CAMPAGNA PROMOZIONALE DELLA TREDICESIMA EDIZIONE
Peter Sellers è il protagonista dell'immagine ufficiale della tredicesima edizione della Festa del Cinema. Amato da pubblici estremamente diversi, che hanno saputo apprezzare la straordinaria carica comica, la brillante imprevedibilità delle sue interpretazioni e le eccellenti prove in ruoli drammatici, Peter Sellers è ritratto nei panni del suo personaggio più conosciuto, l'ispettore Jacques Clouseau, protagonista della serie La Pantera Rosa. Lo scatto è realizzato dal fotografo britannico Terry O'Neill, celebre in tutto il mondo per aver immortalato innumerevoli personalità del mondo della musica e del cinema, dai Beatles ai Rolling Stones, dalla famiglia reale britannica alle star di Hollywood. Nell'immagine ufficiale della Festa del Cinema 2018, Peter Sellers è colto in flagrante da Terry O'Neill che cattura tutta la sua ironia e il suo stupore: l'ispettore punta diretto al pubblico e lo rende protagonista dell'evento.

IL PREMIO DEL PUBBLICO BNL
Gli spettatori saranno protagonisti della tredicesima edizione della Festa del Cinema assegnando il Premio del Pubblico BNL, in collaborazione con il Main Partner della Festa, BNL Gruppo BNP Paribas.
Utilizzando myCicero (con l'app ufficiale della Festa del Cinema, Rome Film Fest, realizzata da Pluservice), e attraverso il sito www.romacinemafest.org, sarà possibile esprimere il proprio voto sui film in programma. 

I NUMERI DELLA TREDICESIMA EDIZIONE

38 film e documentari nella Selezione Ufficiale | 4 Tutti ne parlano
6 Eventi Speciali 
14 Incontri Ravvicinati
7 Preaperture
13 Omaggi e Restauri | 2 Retrospettive
12 Riflessi
7 Film della nostra vita
28 Altri eventi della Festa
30 Paesi partecipanti: Albania, Argentina, Belgio, Brasile, Cambogia, Canada, Cina, Colombia, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, India, Italia, Lituania, Lussemburgo, Messico, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Stati Uniti, Sudafrica, Svezia, Ucraina, Ungheria

SELEZIONE UFFICIALE

AMERICAN ANIMALS
di Bart Layton, Stati Uniti, Regno Unito, 2018, 116'
Cast: Evan Peters, Barry Keoghan, Blake Jenner, Jared Abrahamson, Udo Kier, Ann Dowd
Spencer e Warren, due amici cresciuti a Lexington, nel Kentucky, studiano all'università locale ma vogliono dare una svolta alla loro vita e per farlo sono decisi a tutto, anche a infrangere la legge. Il loro obiettivo diventa un rarissimo libro antico, che malgrado l'enorme valore viene custodito nella biblioteca universitaria senza particolari misure di sicurezza. Reclutati altri due compagni, il contabile Eric e lo sportivo Chas, iniziano a programmare il colpo fino agli ultimi dettagli, ma li attende una serie di rocamboleschi imprevisti.

FILM DI APERTURA
BAD TIMES AT THE EL ROYALE | 7 SCONOSCIUTI A EL ROYALE
di Drew Goddard, Stati Uniti, 2018, 141'
Cast: Jeff Bridges, Cynthia Erivo, Dakota Johnson, Jon Hamm, Cailee Spaeny, Lewis Pullman, Nick Offerman e Chris Hemsworth
Sette estranei, ognuno con un passato da nascondere e un segreto da proteggere, si incontrano all'El Royale sul lago Tahoe, un misterioso e fatiscente hotel al confine tra California e Nevada. La notte del loro incontro sarà un momento decisivo: tutti avranno un'ultima, fatidica possibilità di redenzione.

BAYONETA
di Kyzza Terrazas, Messico, Finlandia, 2018, 95'
Cast: Luis Gerardo Méndez, Brontis Jodorowsky, Joonas Saartamo, Laura Birn, Ilkka Koivula, Ville Virtanen
Miguel "Bayoneta" Galíndez è un ex pugile messicano che per ragioni misteriose si ritrova a vivere in un minuscolo appartamento a Turku, in Finlandia. Di giorno lavora come allenatore in una palestra di pugilato, di sera beve da solo nei bar. Il bisogno di redimersi lo porta a riprendere i guantoni e tornare a combattere. Si ritrova, così, a fare i conti con il suo passato e con tutto ciò che l'ha allontanato dalla boxe e dalla sua famiglia.

BEAUTIFUL BOY
di Felix Van Groeningen, Stati Uniti, 2018, 112'
Cast: Steve Carell, Timothée Chalamet, Maura Tierney, Amy Ryan
A diciotto anni, Nic Sheff è un bravo studente, coinvolto nelle recite e nel giornale della scuola, membro della squadra di pallanuoto, pronto per entrare al college, ma, dopo aver provato la metanfetamina, passa a una totale dipendenza. Gli Sheff devono così affrontare il fatto che la dipendenza è una malattia che non discrimina e può colpire qualsiasi famiglia in qualsiasi momento. Il calvario degli Sheff, la battaglia di Nic, gli sforzi del padre David per salvare il figlio: un quadro dei modi in cui la dipendenza può distruggere intere esistenze e di come la forza dell'amore riesca a ricostruirle, un ritratto dell'affetto incrollabile e del coraggio di una famiglia di fronte alla dipendenza del figlio e alla sua lotta per il recupero. Il film è tratto da due bestseller firmati da David e Nic Sheff.

CORLEONE IL POTERE ED IL SANGUE
CORLEONE LA CADUTA
di Mosco Levi Boucault, Francia, 2018, 151' (81'+70')
Un "tragediatore", figlio d'un contadino senza terra di Corleone, che ha affrontato la morte a tredici anni, ha visto suo padre morire e ha commesso il suo primo omicidio a diciannove. Affiliato a Cosa nostra dopo la sua uscita dal carcere a ventisei anni. Al termine di tre guerre di mafia e di centinaia di morti è diventato, a quarantadue anni, il capo assoluto della mafia siciliana. Salvatore Riina. Un "perdente" della guerra di mafia, che vuole vendicare i suoi due figli, il fratello, il nipote e il marito della figlia, uccisi dai sicari di Salvatore Riina. E non ha i mezzi militari per farlo. Tommaso Buscetta. Due ragazzi palermitani, cresciuti nel quartiere della Kalsa, che diventano giudici. Legati dagli stessi valori, tenaci, integerrimi, ostili alla mafia. Falcone e Borsellino. Falcone convince Buscetta a collaborare con la giustizia per incastrare Riina e mettere in piedi il primo storico processo a Cosa Nostra. Buscetta vede in Falcone il kalashnikov che non ha per abbattere Riina e impedirgli di vivere il suo sogno: passare la sua vecchiaia a Corleone. E ci riesce. Una trama quasi shakespeariana. Con "tanto dolore e tanto sangue". Il conflitto eterno che oppone la sete di potere alla virtu' della legge.

CORRENDO ATRÁS | RUNNING AFTER
di Jeferson De, Brasile, 2018, 86'
Cast: Aílton Graça, Juan Paiva, Juliana Alves, Lellêzinha, Lázaro Ramos, Rocco Pitanga, Tonico Pereira, Francisco Gaspar, Dadá Coelho, Nicole Bahls, Teka Romualdo, Antonio Pitanga
Paulo Ventania è un uomo senza un vero lavoro, che sopravvive vendendo chincaglierie in mezzo al traffico di Rio de Janeiro. Un giorno intravede l'opportunità di cambiare vita facendo il manager calcistico. Attraversando la periferia di Rio, Ventania si trova dinanzi a Glanderson, un ragazzo con un formidabile talento per il calcio che, come tanti altri, sogna di diventare un giocatore professionista. Glanderson ha una caratteristica fisica ragguardevole: il suo piede destro ha solo tre dita. Ventania ha fiducia nelle doti del giovane e si impegna a gestirne la carriera. Improvvisando allenamenti, avventurandosi alla ricerca di contatti e pianificando progetti, Ventania rivela il suo spirito imprenditoriale e la sua creatività.

DIARIO DI TONNARA
di Giovanni Zoppeddu, Italia, 2018, 70'
La comunità dei pescatori di tonno, divisa tra pragmatismo del lavoro e tensione al sacro. Un inno alla fatica del vivere, ma anche alla naturale propensione di una comunità alla tradizione e al rito. Rais, tonnare e tonnaroti rappresentano il centro da cui si dipanano i racconti di un tempo passato che grazie al potere del cinema riemerge magicamente dall'oblio. Un documentario che si fa interprete di storie di mare, che sono della Sicilia e del mondo. E che attraverso le immagini di repertorio di maestri come De Seta, Quilici e Alliata racconta un pezzo profondo di storia del nostro cinema. Un tempo e un cinema che a volte possiamo sentire perduti, e che invece questo film ci restituisce presenti, contemporanei, accanto a noi.

ETER | ETHER | ETERE
di Krzysztof Zanussi, Polonia, Ucraina, Ungheria, Lituania, Italia, 2018, 118'
Cast: Jacek Poniedziałek, Andrzej Chyra, Ostap Vakuliuk, Zsolt László, Maria Riaboshapka, Małgorzata Pritulak, Stanislav Kolokolnikov, Rafał Mohr
All'inizio del XX secolo, nella periferia dell'Impero Russo, un medico somministra un'iniezione letale di etere a una giovane donna, l'oggetto del suo desiderio. Rimasto impunito, trova lavoro come medico militare dell'esercito imperiale austro-ungarico, dove continua i suoi esperimenti con l'etere per riuscire a gestire il dolore e manipolare il comportamento umano. Nonostante la sua malvagità, avrà ancora tempo per salvare la sua anima dalla dannazione eterna.

FAHRENHEIT 11/9
di Michael Moore, Stati Uniti, 2018, 120'
Uno sguardo provocatorio e sarcastico sull'epoca in cui viviamo. Dopo Fahrenheit 9/11, il vincitore della Palma d'Oro Michael Moore sposta la sua attenzione su un'altra significativa data, il 9 novembre 2016, giorno in cui Donald Trump è stato eletto 45esimo Presidente degli Stati Uniti. L'ultimo documentario di Michael Moore è un affresco liberale e anticonservatore che non prende di mira solo l'amministrazione degli Stati Uniti, ma anche le politiche dei Democratici e dei Repubblicani che hanno portato all'attuale situazione politica.

FØR FROSTEN | BEFORE THE FROST
di Michael Noer, Danimarca, 2018, 104'
Cast: Jesper Christensen, Magnus Krepper, Elliott Crosset Hove, Ghita Nørby, Gustav Dyekjær Giese
1850. In un paese della Danimarca rurale, il vecchio contadino Jens e la sua famiglia si preparano ad affrontare il freddo e la fame. Le circostanze avverse e la prospettiva di dover resistere all'ennesimo rigido inverno obbligano Jens a una scelta dolorosa: per permettere alla famiglia di sopravvivere, è necessario scendere a patti con il ricco colono della fattoria vicina. Jens deve così rinunciare alla propria morale e al bene più prezioso che possiede, nel tentativo di assicurare a tutti una vita migliore. 

FUNAN
di Denis Do, Francia, Lussemburgo, Belgio, Cambogia, 2018, 86' | Animazione |
Con le voci di: Bérénice Bejo, Louis Garrel
Phnom Penh, 1975. Chou vive una vita felice fino a quando, una mattina, la follia degli Khmer Rossi fa piombare la Cambogia nell'orrore. La popolazione viene deportata nei campi di prigionia e Chou è costretta a confrontarsi con il dolore dell'impotenza. Quando il figlio di quattro anni le viene strappato di mano dalla folla in fuga, Chou vede il suo mondo cadere a pezzi. Tuttavia, non perde la speranza di salvare il figlio e di mantenere unita la famiglia malgrado i soprusi di un regime crudele.

THE GIRL IN THE SPIDER'S WEB | MILLENNIUM: QUELLO CHE NON UCCIDE
di Fede Álvarez, Regno Unito, Germania, Svezia, Canada, Stati Uniti, 2018, 110'
Cast: Claire Foy, Sverrir Gudnason, Lakeith Stanfield, Sylvia Hoeks, Stephen Merchant, Claes Bang, Christopher Convery, Synnøve Macody Lund, Vicky Krieps
Lisbeth Salander, figura di culto e personaggio principale dell'acclamata serie di libri "Millennium" creata da Stieg Larsson, torna sul grande schermo in Millennium: Quello che non uccide, il primo adattamento del recente bestseller mondiale scritto da David Lagercrantz. La vincitrice del Golden Globe, Claire Foy protagonista della serie The Crown, interpreterà l'iconica hacker sotto la direzione di Fede Alvarez, regista del thriller Man in the Dark; la sceneggiatura di questo nuovo capitolo è di Steven Knight, Fede Alvarez e Jay Basu.

GREEN BOOK
di Peter Farrelly, Stati Uniti, 2018, 130'
Cast: Viggo Mortensen, Mahershala Ali, Linda Cardellini, Sebastian Maniscalco, P.J. Byrne, Don Stark
New York, anni '60. Tony Lip, un tempo rinomato buttafuori, finisce a fare l'autista di Don Shirley, giovane pianista afro-americano. Lip deve accompagnare il pianista prodigio in un lungo tour nel profondo sud degli Stati Uniti. Dopo alcune prime difficoltà, il viaggio nelle regioni razziste degli USA porta i due a stringere una forte e straordinaria amicizia.

HALLOWEEN
di David Gordon Green, Stati Uniti, 2018, 109'
Cast: Jamie Lee Curtis, Judy Greer, Andi Matichak, Will Patton, Virginia Gardner, Nick Castle
Laurie Strode - ancora profondamente traumatizzata da Michael Myers, lo psicopatico omicida mascherato che le dà la caccia da quando quaranta anni prima era sfuggita al massacro da lui compiuto durante la notte di Halloween - non ha mai smesso di prepararsi meticolosamente al giorno in cui Michael potrebbe tornare. Questa ossessione l'ha portata ad allontanarsi dalla sua famiglia, e in particolare dalla figlia, la cui infanzia è stata segnata dai paranoici rituali di preparazione imposti dalla madre, e che ora vuole proteggere sua figlia dagli inquietanti comportamenti di Laurie. Ma quando, la notte prima di Halloween, un trasferimento di Michael fallisce, le più terribili paure di Laurie si rivelano giustificate e l'orrore torna a manifestarsi.

THE HATE U GIVE
di George Tillman Jr., Stati Uniti, 2018, 132'
Cast: Issa Rae, Anthony Mackie, Amandla Stenberg, Regina Hall, Sabrina Carpenter, Common, K.J. Apa, Russell Hornsby, Lamar Johnson, Algee Smith
Starr, sedici anni, vive nel quartiere popolare di Garden Heights. I genitori, per offrirle le migliori opportunità, la iscrivono alla rinomata Williamson Prep School. Così Starr si ritrova divisa tra due mondi: quello povero e nero del suo quartiere e quello ricco e bianco della sua scuola. Questo fragile equilibrio si rompe quando Starr assiste a una sparatoria in cui Khalil, suo amico d'infanzia, resta ucciso da un poliziotto. Unica testimone, Starr deve decidere se dire la verità: facendolo, potrebbe mettere in pericolo sé e la sua famiglia, perché coinvolgerebbe il boss della droga di Garden Heights, per cui Khalil lavorava. Mentre la sua comunità chiede giustizia per Khalil, Starr inizia un percorso che le rivelerà la verità su se stessa. Tratto dall'omonimo bestseller per ragazzi.

HERMANOS | BROTHERS
di Pablo Gonzaléz, Colombia, 2018, 89'
Cast: Alejandro Buitrag, Rodrigo Hernández Jerez, Emilia Ceballos, Jairo Camargo, Ana Maria Sánchez
Dopo aver scontato una pena di sette anni per complicità in una rapina finita male, Federico Fierro torna nella sua città natale in cerca di redenzione, dove il tempo sembra essersi fermato: sua madre gli vuole ancora bene, suo padre continua a non fidarsi di lui, il fratello Ramiro è sempre coinvolto in affari loschi. Federico cerca di tornare a una vita normale trovando lavoro in una miniera, ma presto resta invischiato in una questione di debiti tra Ramiro e uno spietato criminale locale. Mentre lottano contro il tempo per pagare i debiti a tutti i costi e salvare se stessi e la loro famiglia dal destino crudele che li perseguita, i due fratelli finiscono in una spirale di violenza e caos.  

THE HOUSE WITH A CLOCK IN ITS WALLS | IL MISTERO DELLA CASA DEL TEMPO
di Eli Roth, Stati Uniti, 2018, 105'
Cast: Jack Black, Cate Blanchett, Owen Vaccaro, Renée Elise Goldsberry, Sunny Suljic, Colleen Camp, Lorenza Izzo, Kyle Maclachlan
Il film racconta l'avventura magica e misteriosa di un ragazzino di dieci anni, Lewis Barnavelt, che si trasferisce a vivere nella casa vecchia e scricchiolante dell'eccentrico zio Jonathan. In questa strana dimora si nasconde un mondo segreto ricco di magie, misteri, streghe e stregoni che si rivelerà quando Lewis scoprirà che suo zio e la sua migliore amica Mrs Zimmerman sono due potenti maghi che lo coinvolgeranno in una missione segreta: scoprire l'origine e il significato del ticchettio di un orologio nascosto da qualche parte nei muri di casa.

IF BEALE STREET COULD TALK | SE LA STRADA POTESSE PARLARE 
di Barry Jenkins, Stati Uniti, 2018, 119'
Cast: KiKi Layne, Stephan James, Colman Domingo, Teyonah Parris, Michael Beach, Aunjanue Ellis, Dave Franco, Diego Luna, Pedro Pascal, Emily Rios, Ed Skrein, Finn Wittrock, Brian Tyree Henry, Regina King
Anni '70, quartiere di Harlem, Manhattan. Uniti da sempre, la diciannovenne Tish e il fidanzato Alonzo, detto Fonny, sognano un futuro insieme. Quando Fonny viene arrestato per un crimine che non ha commesso, Tish, che ha da poco scoperto di essere incinta, fa di tutto per scagionarlo, con il sostegno incondizionato di parenti e genitori. Senza più un compagno al suo fianco, Tish deve affrontare l'inaspettata prospettiva della maternità. Mentre le settimane diventano mesi, la ragazza non perde la speranza, supportata dalla propria forza interiore e dall'affetto della famiglia, disposta a tutto per il bene della figlia e del futuro genero.

AN IMPOSSIBLY SMALL OBJECT
di David Verbeek, Taiwan, Paesi Bassi, Croazia, 2018, 100'
Cast: Lucia, Chung Chen-Hung, David Verbeek, Klara Mucci, Lisa Lu
Una notte, un fotografo olandese scatta una foto a una bambina che gioca con l'aquilone in un parcheggio di Taipei. La foto ci conduce nella vita della bimba, che ha otto anni e sta per perdere il suo migliore amico, un bambino di famiglia benestante in procinto di trasferirsi in America. Tornato in Olanda, il fotografo si ritrova immerso nella sua immutabile solitudine. La foto della bambina gli riporta alla mente gli anni dell'infanzia, quando sentiva di avere ancora, da qualche parte, un posto nel mondo.

JAN PALACH
di Robert Sedlácek, Repubblica Ceca, Slovacchia, 2018, 124'
Cast: Viktor Zavadil, Zuzana Bydžovská, Denisa Barešová, Kristína Kanátová, Jan Vondrácek, Michael Balcar
Gli ultimi mesi della vita di Jan Palach, lo studente che nel 1969 si diede fuoco per protestare contro l'invasione sovietica della Cecoslovacchia. Un giovane che scelse il sacrificio estremo nella speranza di risvegliare la coscienza del suo popolo. Attraverso il rapporto con la fidanzata, la vita nella casa dello studente, la convivenza con la madre, il viaggio come lavoratore stagionale in Francia e in Kazakistan, seguiamo il percorso che lo portò - da figlio devoto, amico affettuoso, studente di filosofia sensibile e riflessivo - a diventare "la prima torcia umana", come si definì in un suo scritto. Il suo gesto fu poi imitato da due persone, ma il regime comunista riuscì a mantenere il controllo della Cecoslovacchia per altri vent'anni.

KURSK
di Thomas Vinterberg, Belgio, Lussemburgo, 2018, 117'
Cast: Matthias Schoenaerts, Léa Seydoux, Colin Firth, Peter Simonischek, August Diehl, Max von Sydow
Kursk è ispirato all'angosciante storia vera del K-141 Kursk, un sottomarino russo a propulsione nucleare che affondò nel Mare di Barents nell'agosto del 2000. Mentre ventitré marinai lottavano per la sopravvivenza a bordo del sottomarino, le loro famiglie combattevano disperatamente contro gli ostacoli burocratici e le scarse probabilità di salvarli. Il 10 agosto del 2000 il Kursk, un sottomarino grande il doppio di un jumbo jet e più lungo di due campi da calcio, orgoglio "inaffondabile" della Flotta Settentrionale della Marina russa, intraprende la prima esercitazione in dieci anni e le manovre coinvolgono trenta navi e tre sottomarini. Due giorni dopo, due esplosioni, abbastanza potenti da venire registrate perfino dai sismografi in Alaska, affondano il sommergibile nelle gelide acque del Mare di Barents. Solo ventitré dei centodiciotto marinai a bordo sopravvivono e, nei nove giorni successivi, il mondo intero segue la drammatica vicenda con il fiato sospeso. Le operazioni di salvataggio risultano inefficaci e l'aiuto dei paesi stranieri viene rifiutato, lasciando il destino degli uomini a bordo appeso a un filo.

LIGHT AS FEATHERS
di Rosanne Pel, Paesi Bassi, 2018, 85'
Cast: Eryk Walny, Ewa Makula, Klaudia Przybylska
Il quindicenne Eryk vive con la madre, la nonna e la bisnonna in un villaggio rurale di allevatori di oche in Polonia. Suo padre è per lui un lontano ricordo. Con la madre manipolatrice e tirannica, mantiene invece un rapporto stretto e intimo. Eryk prova dei sentimenti per una dirimpettaia tredicenne, Klaudia. Nel corso degli anni, cerca di conquistare il suo cuore, ma Eryk non conosce la differenza tra amore e sopruso.

THE LITTLE DRUMMER GIRL
di Park Chan-wook, Regno Unito, 120' (episodi 1-2)
Cast: Alexander Skarsgård, Michael Shannon, Florence Pugh
Charlie, simpatizzante di sinistra, sbarca il lunario come attrice a Londra. Quando un misterioso mecenate porta la sua compagnia in Grecia, la donna viene avvicinata da uno sconosciuto. Nel frattempo, nella Germania Ovest, Kurtz, leader di un'unità Israeliana anti-terrorismo, è sulle tracce della cellula che ha ucciso un diplomatico e la sua famiglia. Quando gli eventi porteranno Charlie e Kurtz ad incontrarsi, la donna scoprirà rapidamente che per sopravvivere dovrà tenere gli occhi ben aperti. 

MERE PYAARE PRIME MINISTER | MY DEAR PRIME MINISTER
di Rakeysh Omprakash Mehra, India, 2018, 105'
Cast: Anjali Patil, Om Kanojiya, Niteesh Wadhwa, Atul Kulkarni, Syna Anand, Prasad, Adarsh, Makrand Deshpande, Rasika Agashe, Nachiket Pumapatre, Neela Mulhekar, Sonia Albizuri, Firdaus Mevawalla, Kavita Pias
Kannu è un bambino di otto anni che vive con la madre single, Sargam, a Gandhi Nagar, una baraccopoli di Mumbai chiamata così in onore del Mahatma Gandhi. A Gandhi Nagar c'è la televisione satellitare, ci sono frigoriferi, c'è internet e ci sono smartphone in ogni casa, ma mancano i servizi igienici. Così le donne sono costrette a uscire di notte e a vagare nell'oscurità per evacuare. Una notte, uscita per soddisfare i suoi bisogni naturali, Sargam viene violentata. Kannu si lascia allora assorbire dal pensiero fisso della costruzione di un gabinetto per tenere sua madre al sicuro, ed è disposto a fare qualsiasi cosa per realizzare il suo proposito.

MIA ET LE LION BLANC | MIA E IL LEONE BIANCO
di Gilles de Maistre, Francia, Germania, Sudafrica, 2018, 97'
Cast: Daniah De Villiers, Mélanie Laurent, Langley Kirkwood, Ryan Mac Lennan, Lionel Newton, Lillian Dube
Sudafrica. Mia ha undici anni quando stringe un legame speciale con Charlie, un cucciolo di leone bianco nato nell'allevamento di felini dei suoi genitori. Per tre anni, Mia e Charlie crescono insieme e vivono un'amicizia simbiotica. Quando Mia compie quattordici anni e Charlie è ormai diventato un magnifico esemplare di leone adulto, la ragazza scopre una verità per lei inaccettabile: suo padre ha deciso di venderlo ai cacciatori di trofei. Disperata, Mia non ha altra scelta che fuggire con Charlie per tentare di salvarlo. Si propone allora di attraversare il Sudafrica, sfidando ogni sorta di pericoli, per raggiungere la riserva naturale di Timbavati, dove il leone potrà vivere protetto.

MONSTERS AND MEN
di Reinaldo Marcus Green, Stati Uniti, 2018, 95'
Cast: John David Washington, Kelvin Harrison Jr., Anthony Ramos, Chanté Adams, Nicole Beharie, Rob Morgan
È una notte come tante altre a Brooklyn ma all'angolo di una strada nel quartiere di Bed-Stuy, un uomo di colore disarmato viene ucciso dopo una lite con le forze dell'ordine. L'episodio è il punto di partenza di una complessa indagine, che vede coinvolto un distretto di polizia e un quartiere dove vive una comunità di persone strettamente unite tra loro. Nella vicenda sono implicati anche un testimone oculare che ha ripreso l'aggressione con il suo smartphone, un ufficiale di polizia e un giovane studente promessa del baseball. Attraverso i loro occhi, arriveremo a comprendere in profondità una comunità in fermento a causa di tensioni razziali, che lotta per un futuro migliore.

LA NEGRADA | BLACK MEXICANS
di Jorge Pérez Solano, Messico, 2018, 102'
Cast: Magdalena Soriano, Juana Mariche Domínguez, Felipe Neri Acevedo Corcuera, Sara Gallardo, Ángela Hortencia Baños, Noé Corcuera Herrera
In Messico, tra la popolazione nera della Costa Chica di Oaxaca, è socialmente accettato il "queridato", ossia il fatto che un uomo viva con più di una donna. Juana e Magdalena condividono l'amore di Neri, anche se entrambe si rendono conto che questa situazione le fa soffrire. La morte di Juana donerà a Magdalena la chiarezza necessaria a imprimere una nuova direzione alla propria vita e a riprenderne il controllo senza Neri. Primo film di finzione messicano sulla comunità di origine africana.

LAS NIÑAS BIEN | THE GOOD GIRLS
di Alejandra Márquez Abella, Messico, 2018, 94'
Cast: Ilse Salas, Cassandra Ciangherotti, Paulina Gaitán, Johanna Murillo, Flavio Medina
Messico, 1982. Sofía e Fernando sono una coppia della medio-alta borghesia, e hanno tutto ciò che si può desiderare: denaro, belle case, domestici. Fernando ha ereditato tutte le sue ricchezze da suo padre, che le ha conquistate grazie all'aiuto dello zio Javier. Ma una sera, a cena, Javier annuncia che ha deciso di farsi da parte. Nubi oscure e minacciose si addensano all'orizzonte: una grave crisi economica si sta abbattendo sul Messico. Inizialmente il mondo di Sofía e Fernando sembra conservarsi intatto, ma gradualmente compaiono delle crepe nelle loro vite, mentre l'ordine economico e sociale sembra crollare intorno a loro. Sofía si vedrà costretta a salvare le apparenze, ma la sua caduta sarà ineluttabile.

THE OLD MAN & THE GUN
di David Lowery, Stati Uniti, 2018, 93'
Cast: Robert Redford, Casey Affleck, Danny Glover, Tika Sumpter, Tom Waits, Sissy Spacek
Addio di Robert Redford alla carriera di attore, il film è ispirato alla storia vera di Forrest Tucker, un uomo che ha trascorso la sua vita tra rapine in banca ed evasioni dal carcere. Negli anni del suo crepuscolo, dalla sua temeraria fuga dalla prigione di San Quentin a settant'anni, fino a una scatenata serie di rapine senza precedenti, Forrest Tucker disorientò le autorità e impressionò il pubblico. Coinvolti in maniere diverse nella sua fuga, ci sono l'acuto e inflessibile investigatore John Hunt, che gli dà implacabilmente la caccia ma è allo stesso tempo affascinato dall'impegno non violento profuso da Forrest nel suo mestiere, e una donna, Jewel, che ama Forrest nonostante la professione che l'uomo si è scelto.

POWRÓT | BACK HOME
di Magdalena Łazarkiewicz, Polonia, 2018, 106'
Cast: Sandra Drzymalska, Agnieszka Warchulska, Mirosław Kropielnicki, Stanisław Cywka, Katarzyna Herman, Tomasz Sobczak
Ula, una ragazza di una piccola città polacca, viene rapita e portata in una casa di tolleranza in Germania. Fortunatamente riesce a fuggire e torna a casa. Tuttavia, al suo rientro Ula riceve un'accoglienza tutt'altro che tenera, ed è costretta a subire il retrivo ostracismo di una comunità chiusa e oscurantista. Percorrendo l'accidentato itinerario che conduce all'indipendenza, la giovane troverà la propria definizione dei termini cruciali per l'esistenza e basilari per instaurare legami con altre persone: affinità, amore, dedizione, fratellanza, autonomia.

A PRIVATE WAR
di Matthew Heineman, Stati Uniti, 2018, 106'
Cast: Rosamund Pike, Jamie Dornan, Stanley Tucci, Tom Hollander
Biopic sulla coraggiosa reporter di guerra Marie Colvin, che lavorò per il settimanale britannico The Sunday Times dal 1985 al 2012. Il film racconta il suo intrepido impegno presso i luoghi distrutti dalla guerra, Iraq, Afghanistan e Libia, fino a quando all'età di cinquantasei anni, inviata ad Homs per seguire la guerra in Siria, venne tragicamente uccisa insieme al fotografo francese Rémi Ochlik durante un'offensiva dell'esercito locale.

SANGRE BLANCA | WHITE BLOOD
di Barbara Sarasola-Day, Argentina, 2018, 97'
Cast: Eva De Dominici, Alejandro Awada, Negro Prina, Rakhal Herrero
Martina e Manuel attraversano il confine tra Bolivia e Argentina come corrieri della droga. Dopo essersi rifugiato in un albergo, Manuel muore con i pacchetti pieni di cocaina all'interno del suo corpo. La morsa dei trafficanti si stringe allora su Martina, che deve consegnare in un'altra città la merce che sta trasportando e quella rimasta nel cadavere di Manuel. Sembra non esserci via d'uscita. C'è solo una persona a cui Martina può chiedere aiuto, suo padre Javier, che però non l'ha mai riconosciuta. Impantanati nel fango del degrado, padre e figlia cercano una strada per far nascere un legame che non c'era: questa potrebbe essere la loro unica e ultima possibilità.

STAN & OLLIE | STANLIO E OLLIO
di Jon S. Baird, Regno Unito, 2018, 97'
Cast: Steve Coogan, John C. Reilly, Nina Arianda, Shirley Henderson, Danny Huston
Stan Laurel e Oliver Hardy, alias Stanlio e Ollio, i due comici più amati al mondo, partono per una tournée teatrale nell'Inghilterra del 1953. Finita l'epoca d'oro che li ha visti re della comicità, vanno incontro a un futuro incerto. Il pubblico delle esibizioni è tristemente esiguo, ma i due sanno ancora divertirsi insieme, l'incanto della loro arte continua a risplendere nelle risate degli spettatori, e così rinasce il legame con schiere di fan adoranti. Il tour si rivela un successo, ma Laurel e Hardy non riescono a staccarsi dall'ombra dei loro personaggi, e fantasmi da tempo sepolti, uniti alla delicata salute di Oliver, minacciano il loro sodalizio. I due, vicini al loro canto del cigno, riscopriranno l'importanza della loro amicizia.

THEY SHALL NOT GROW OLD
di Peter Jackson, Regno Unito, Nuova Zelanda, 2018, 100'
They Shall Not Grow Old è stato realizzato in occasione del centenario della fine della prima guerra mondiale, ricorrendo esclusivamente a filmati di repertorio originali tratti dall'archivio cinematografico dei britannici Musei Imperiali della Guerra e a registrazioni sonore provenienti dagli archivi della BBC. Le voci dei veterani sono state combinate con i materiali d'archivio per riportare in vita la realtà della guerra in prima linea e farla conoscere alle nuove generazioni. Le riprese sono state sottoposte a colorizzazione, convertite in 3D e trasformate attraverso le moderne tecniche di produzione per mostrare dettagli mai visti prima.

THREE IDENTICAL STRANGERS
di Tim Wardle, Stati Uniti, 2018, 96'
New York, 1980. In seguito a una strana serie di coincidenze, due perfetti sconosciuti di 19 anni, Edward Galland e Robert Shafran, scoprono di essere gemelli separati alla nascita, entrambi adottati e cresciuti in due famiglie diverse. Quando la loro storia viene pubblicata sul "New York Post", un altro diciannovenne, David Kellman, si rende conto di essere, anch'egli, loro fratello gemello, adottato a sua volta da un'altra famiglia. Dopo il ricongiungimento, la loro storia diventa il caso mediatico del momento: i tre rilasciano continuamente interviste, sono ospiti fissi dello Studio 54 e vengono contattati da Madonna per comparire in un suo film. Molti anni dopo, la scoperta fatta dai tre fratelli innesca altri eventi che portano alla luce un segreto straordinario e inquietante.

TITIXE
di Tania Hernández Velasco, Messico, 2018, 62'
L'ultimo contadino di una famiglia è morto e con lui è andata persa tutta la conoscenza del lavoro della terra. La figlia e la nipote, del tutto inesperte, tentano un'ultima semina con i metodi tradizionali per convincere la nonna, la vedova del contadino, a riconsiderare la scelta di vendere l'appezzamento. A contatto con la terra, le due donne ritrovano le tracce ("titixe", nella lingua locale) del loro avo e del suo mondo: l'albero del lutto, germogli danzanti, il linguaggio delle nuvole, fantasmi, storie, il rischio di perdere il raccolto a causa di una tempesta. Uno sguardo intimo sul paesaggio rurale, una riflessione dolceamara sull'abbandono delle terre in Messico.

IL VIZIO DELLA SPERANZA
di Edoardo De Angelis, Italia, 2018, 90'
Cast: Pina Turco, Massimiliano Rossi, Marina Confalone, Cristina Donadio, Odette Gomis, Juliet Esey Joseph
Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un'esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni né desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi, Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. È proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni.

WATERGATE
di Charles Ferguson, Stati Uniti, 2018, 260' (4 episodi)
Per la prima volta, viene raccontata tutta la verità sullo scandalo Watergate, dai primi preoccupanti segnali emersi nel corso della presidenza di Richard Nixon, fino alle dimissioni dello stesso Nixon, e oltre. Nonostante siano stati scritti molti libri e realizzati molti documentari notevoli sull'argomento, stranamente la storia del Watergate non è mai stata riportata nella sua vera interezza. Il caso Watergate viene inoltre collocato all'interno del contesto di tutti i problemi che ne sono scaturiti, molti dei quali richiamano, con incisiva evidenza, gli avvenimenti di oggi.

TUTTI NE PARLANO
Uno spazio dedicato ad alcuni titoli che arrivano alla Festa del Cinema dopo un sorprendente esordio internazionale.

BOY ERASED
di Joel Edgerton, Stati Uniti, 2018, 114'
Cast: Lucas Hedges, Nicole Kidman, Joel Edgerton
Jared, figlio di un pastore battista di una piccola città americana, a diciannove anni rivela ai genitori di essere omosessuale. Il ragazzo a quel punto si ritrova a un bivio: sottoporsi a una terapia di rieducazione sessuale o venire esiliato ed emarginato dalla sua famiglia, dai suoi amici e dover rinunciare alla sua fede. Costretto a mettere in discussione ogni aspetto della propria identità, Jared accetta, tra mille dubbi, di cominciare la terapia. Il film è ispirato a una storia vera.

DA XIANG XI DI ER ZUO | AN ELEPHANT SITTING STILL
di Hu Bo, Cina, 2018, 234'
Cast: Zhang Yu, Peng Yuchang, Wang Yuwen, Liu Congxi
Sotto il cielo plumbeo di una cittadina nel nord della Cina, si intrecciano diverse vite. Per proteggere un suo amico, il sedicenne Wei Bu spinge il bullo della scuola dalle scale mandandolo in ospedale. Temendo le conseguenze di quanto accaduto, Wei fugge via e a lui si uniscono il vicino Wang Jin, sessantenne senza più legami, e la compagna di classe Huang Ling, tormentata da una relazione sessuale con il direttore della scuola. Mentre i tre cercano di far perdere le loro tracce, decidono di salire a bordo di un autobus diretto a Manzhouli, in Manciuria, dove si trova un mitico elefante che passa il tempo semplicemente seduto, inerte, indifferente al mondo.

DEAD IN A WEEK: OR YOUR MONEY BACK | MORTO TRA UNA SETTIMANA… O TI RIDIAMO I SOLDI
di Tom Edmunds, Regno Unito, 2018, 86'
Cast: Tom Wilkinson, Aneurin Barnard, Freya Mavor, Christopher Ecclestone, Marion Bailey
William è un giovane scrittore profondamente insoddisfatto della sua vita che, dopo aver tentato più volte di suicidarsi, decide di ingaggiare Leslie, killer professionista prossimo alla pensione, per porre fine ai propri tormenti. Con un contratto firmato, William attende di morire entro una settimana ma la sua vita prende improvvisamente una piega inaspettata: trova un editore, si fidanza con la ragazza dei suoi sogni, e di conseguenza non ha più voglia di morire. Ma per Leslie il contratto non è più rescindibile… quindi William ha una settimana per sfuggire al killer che lui stesso ha pagato.

THE MISEDUCATION OF CAMERON POST | LA DISEDUCAZIONE DI CAMERON POST
di Desiree Akhavan, Stati Uniti, 2018, 91'
Cast: Chloë Grace Moretz, John Gallagher Jr., Sasha Lane, Forrest Goodluck, Jennifer Ehle, Marin Ireland, Owen Campbell, Kerry Butler, Quinn Shephard, Emily Skeggs
La vicenda è ambientata in una cittadina del Montana, nel 1993. Quando viene sorpresa a baciarsi con una ragazza durante il ballo della scuola, la giovane Cameron Post viene spedita in un centro religioso, God's Promise, in cui una terapia di conversione dovrebbe "guarirla" dall'omosessualità. Insofferente alla disciplina e ai dubbi metodi del centro, Cameron stringe amicizia con altri ragazzi, finendo per creare una piccola e variopinta comunità capace di riaffermare con orgoglio la propria identità.

EVENTI SPECIALI

FILM DI CHIUSURA
NOTTI MAGICHE
di Paolo Virzì, Italia, 2018, 110'
Cast: Mauro Lamantia, Giovanni Toscano, Irene Vetere, Roberto Herlitzka, Marina Rocco, Paolo Sassanelli, Annalisa Arena, Eugenio Marinelli, Emanuele Salce, Andrea Roncato, Giulio Berruti, Ferruccio Soleri, Paolo Bonacelli, Regina Orioli, Ludovica Modugno con Giulio Scarpati, Simona Marchini, Tea Falco, con la partecipazione straordinaria di Ornella Muti, con Jalil Lespert, Giancarlo Giannini
Italia '90: la notte in cui la Nazionale viene eliminata ai rigori dall'Argentina, un noto produttore cinematografico viene trovato morto nelle acque del Tevere. I principali sospettati dell'omicidio sono tre giovani aspiranti sceneggiatori, chiamati a ripercorrere la loro versione al Comando dei Carabinieri.
Notti Magiche è il racconto della loro avventura trepidante nello splendore e nelle miserie dell'ultima stagione gloriosa del Cinema Italiano.

PER NON DIMENTICARE
WHO WILL WRITE OUR HISTORY
di Roberta Grossman, Stati Uniti, 2018, 96'
Nel novembre del 1940 i nazisti rinchiusero 450 mila ebrei nel ghetto di Varsavia. Una compagnia segreta composta da giornalisti, ricercatori e capi di comunità, guidata dallo storico Emanuel Ringelblum e conosciuta con il nome in codice Oyneg Shabes ("La gioia del Sabato" in yiddish), decise di combattere le menzogne e la propaganda dei nazisti non con le armi e con la violenza ma con carta e penna. Per la prima volta, un documentario racconta la loro storia. 

FRA CINEMA E MUSICA
FACCIO QUELLO CHE VOGLIO
Conversazione con Fabio Rovazzi
Il suo ultimo singolo, "Faccio quello che voglio", che ha ideato, scritto e diretto, ha raggiunto ventotto milioni di visualizzazioni su YouTube e ha conquistato un disco di platino: il pezzo è stato l'indiscussa colonna sonora dell'estate 2018. Fabio Rovazzi, classe 1994, autore di successi come "Andiamo a comandare", "Tutto molto interessante" e "Volare", sarà protagonista di un evento speciale durante la Festa del Cinema, nel quale presenterà la versione lunga del video "Faccio quello che voglio". Seguirà una conversazione con il pubblico, durante la quale Rovazzi commenterà una selezione di clip dei film che lo hanno maggiormente influenzato e racconterà la sua recente esperienza come protagonista del film Il vegetale di Gennaro Nunziante. Rovazzi idea e realizza i suoi video e li produce tramite la sua casa di produzione Raw.

FRA CINEMA E MUSICA
IL FLAUTO MAGICO DI PIAZZA VITTORIO
di Mario Tronco, Gianfranco Cabiddu, Italia, Francia, 2018, 83'
Cast: Violetta Zironi, Ernesto Lopez Maturell, Petra Magoni, Fabrizio Bentivoglio, El Hadij Yeri Samb
Un film musicale in otto lingue dove i musicisti della multietnica Orchestra di Piazza Vittorio rivisitano e re-interpretano l'opera di Mozart, arricchendola e adattandola ad un setting moderno, ognuno secondo le proprie tradizioni e culture musicali. Tutto avviene nei giardini di Piazza Vittorio, che si animano per magia durante la notte. Contrariamente a quanto accade nell'Opera di Mozart, i personaggi femminili possono cambiare il corso degli eventi e assumere un ruolo decisivo.

FRA CINEMA E MUSICA
NOI SIAMO AFTERHOURS
di Giorgio Testi, Italia, 2018, 103'
Noi siamo Afterhours è il docufilm che, prendendo spunto dal concerto sold out al Forum di Assago del 10 aprile scorso, racconta i trent'anni di storia della band guidata da Manuel Agnelli, dagli esordi in inglese alle tournée internazionali, dai cambi di formazione fino alla line up attuale. Le immagini del concerto si alternano a quelle del passato in un racconto affidato all'io narrante di Manuel Agnelli che conduce lo spettatore in un viaggio intimo attraverso la musica di una band entrata nella storia del rock italiano. Alla proiezione sarà presente la band che, a seguire, sarà protagonista di un breve showcase elettroacustico.

FRA CINEMA E MUSICA
VERO DAL VIVO. FRANCESCO DE GREGORI
di Daniele Barraco, Italia, 79'
Vero dal vivo è il film documentario girato durante il tour di Francesco De Gregori nei club d'Europa e degli Stati Uniti. Attraverso gli occhi del filmmaker Daniele Barraco, Francesco De Gregori si mostra in totale libertà, senza schemi, ironico e inconsueto. Avvolto da nuvole di fumo, muove passi sulle note delle sue canzoni tra palchi, backstage, viaggi, accompagnato dalla sua fedele band.

INCONTRI RAVVICINATI

La tredicesima edizione della Festa del Cinema dedica ampio spazio agli incontri con registi, attori e grandi personalità del mondo della cultura.

PREMIO ALLA CARRIERA 2018
MARTIN SCORSESE
Martin Scorsese sarà protagonista di un Incontro Ravvicinato, durante il quale riceverà, dalle mani di Paolo Taviani, il Premio alla Carriera assegnato quest'anno dalla Festa del Cinema. L'autore newyorkese, che ha firmato una straordinaria serie di capolavori, da Mean Streets e Taxi Driver a Toro Scatenato, da Quei bravi ragazzi a Casinò, passando per Gangs of New York, The Departed - Il bene e il male, The Wolf of Wall Street e Silence, ripercorrerà la sua carriera cinquantennale e mostrerà alcune sequenze dei film italiani che lo hanno maggiormente influenzato. Quello con l'Italia, è un legame che ha segnato tutta la carriera del grande maestro, nato a Little Italy da una famiglia di immigrati siciliani. La passione per il cinema italiano lo ha accompagnato sin da piccolo quando, dopo la scuola, correva nelle fatiscenti salette del quartiere per vedere i film italiani che arrivavano in quel periodo: i capolavori di Rossellini, De Sica, Antonioni e soprattutto Fellini. In un evento dedicato durante la Festa, il regista Premio Oscar® presenterà, inoltre, San Michele aveva un gallo dei fratelli Taviani, omaggio alla memoria di Vittorio, recentemente scomparso, nella versione restaurata dal Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale. Scorsese, impegnato in primissima linea nella battaglia per la conservazione del cinema del passato, ha poi selezionato per il pubblico romano tre film per il cui restauro è stata impegnata la Film Foundation da lui promossa. Questi i titoli scelti: Detour di Edgar G. Ulmer (1945), restaurato da Academy Film Archive e The Film Foundation, cofinanziato da the George Lucas Family Foundation; One-Eyed Jacks di Marlon Brando (1961) restaurato da Universal Studios in collaborazione con The Film Foundation, con la consulenza di Martin Scorsese e Steven Spielberg; Ganja & Hess di Bill Gunn (1973), restaurato da The Museum of Modern Art con il supporto di The Film Foundation. L'Incontro Ravvicinato con Martin Scorsese si svolgerà con il sostegno di Campari. Il cineasta sarà ospite di una serata esclusiva presso Villa Medici organizzata in collaborazione con Vanity Fair.

PREMIO ALLA CARRIERA 2018
ISABELLE HUPPERT
Musa di Claude Chabrol, da quando è apparsa sul grande schermo per la prima volta nel 1971, in Primi turbamenti di Nina Companéez, è stato chiaro che Isabelle Huppert non sarebbe mai stata un'attrice come le altre. La Festa del Cinema quest'anno ha voluto rendere omaggio al suo talento e alla sua versatilità consegnandole il Premio alla Carriera che riceverà dalle mani di Toni Servillo. L'attrice parigina sarà anche protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico, durante il quale commenterà una serie di clip selezionate fra le pellicole che hanno maggiormente segnato la sua vita di artista. Regina indiscussa del cinema europeo, dotata di charme e talento senza pari e in grado di essere aristocratica, sensuale e dark come nessun'altra, la Huppert ha saputo conquistare il pubblico interpretando personaggi caratterizzati da una complessità e una profondità non convenzionali, sempre inquieti e anticonformisti. Durante la sua carriera ha lavorato con alcuni fra i più grandi cineasti europei e statunitensi, dal sopracitato Chabrol a Jean-Luc Godard, da Marco Ferreri ai fratelli Taviani, da Marco Bellocchio a Michael Haneke, da Michael Cimino e David O. Russell a Maurice Pialat (nella retrospettiva a lui dedicata dalla Festa è presente Loulou con Huppert protagonista). Premiata in tutto il mondo per le sue interpretazioni, tra cui un Leone d'Oro alla Carriera a Venezia nel 2005 e un Golden Globe 2017 per Elle di Paul Verhoeven (film che le ha regalato la prima nomination all'Oscar® della sua carriera), Isabelle Huppert ha portato la recitazione istintiva a livelli mai raggiunti da nessun altro interprete, regalando al suo pubblico personaggi animati da intense contraddizioni interiori e una profonda fragilità. L'Incontro Ravvicinato si svolge con il sostegno di Poste Italiane.

PIERRE BISMUTH - Un progetto di Videocittà in collaborazione con Festa del Cinema
Non solo cinema ma tutte le arti visive al centro dell'incontro con Pierre Bismuth al MAXXI. Artista post-concettuale, Bismuth realizza opere nelle quali il pensiero, i concetti, le idee diventano immagini, visioni e suoni, opere che riflettono e lavorano sui rapporti e sui confini tra percezione e realtà, tra finzione e realismo, tra fiction e documentario, attraverso la commistione di generi, di stili e di mezzi di comunicazione. Nato nel 1963 a Neuilly-sur-Seine, ha studiato arte prima a Parigi, e poi a Berlino con Georg Baselitz. Creatore di installazioni per le quali usa diversi mezzi, come pittura, scultura, video, collage, approda al cinema e vince, insieme a Charlie Kaufman e Michel Gondry, il premio Oscar® 2005 per la Miglior sceneggiatura originale con Se mi lasci ti cancello (Eternal Sunshine of the Spotless Mind), uno dei film che forse meglio mostrano i meccanismi e il paesaggio del cervello e dell'anima umana. Esordisce alla regia nel 2016 con il film Where Is Rocky II?. Se il cinema, decostruito, compariva già in diverse installazioni precedenti alla sceneggiatura di Se mi lasci ti cancello, l'arte è, come in un gioco di specchi, la protagonista di Where is Rocky II?, il cui titolo non si riferisce al pugile interpretato da Sylvester Stallone, bensì a una misteriosa opera d'arte, una roccia finta in resina creata nel 1979 da Ed Ruscha, nascosta dal suo autore tra le vere, reali rocce del deserto del Mojave e mai comparsa in nessun catalogo ufficiale: il film segue la ricerca di quest'opera d'arte da parte dello stesso Bismuth, di un investigatore privato da lui assoldato, e di due sceneggiatori di Hollywood che vorrebbero scrivere un film su questa specie di caccia al tesoro.

CATE BLANCHETT
Il programma degli Incontri Ravvicinati della tredicesima edizione della Festa quest'anno si arricchisce della presenza di una delle interpreti più intense e raffinate del cinema contemporaneo, la due volte Premio Oscar® Cate Blanchett. Premiata dall'Academy per i suoi ruoli in The Aviator di Martin Scorsese e Blue Jasmine di Woody Allen, l'attrice australiana, dotata di un fascino aristocratico e di un magnetismo da diva del passato, vanta un'eccezionale lista di collaborazioni, da Steven Spielberg a Peter Jackson, da Wes Anderson a Ron Howard, da David Fincher a Steven Soderbergh e Todd Haynes. Dopo essersi iscritta alla facoltà di Economia della University of Melbourne, Cate decide di abbandonare il corso accademico per studiare recitazione al Sydney's National Institute of Dramatic Arts e, una volta diplomata, entra a far parte della Sydney Theatre Company. Il suo debutto nel cinema avviene nel 1997 con il film Paradise Road di Bruce Beresford, al fianco di Glenn Close. Ma è l'anno successivo che viene catapultata sulla vetta dell'Olimpo, prestando il volto a un'algida e risoluta regina Elisabetta in Elizabeth di Shekhar Kapur, ruolo per il quale riceve la sua prima nomination agli Oscar® e vince il Golden Globe. Da lì in avanti, la sua è stata una carriera in continua ascesa, costellata di una varietà di personaggi anche molto diversi tra loro, tutti raccontati con stile ed eleganza. Nel 2016 l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati l'ha nominata Goodwill Ambassador per il suo impegno umanitario.

THIERRY FRÉMAUX
Dal 1997 Direttore Generale dell'Istituto Lumière di Lione, dal 2001 ai vertici del Festival di Cannes prima come Direttore Artistico e poi come Delegato Generale, Thierry Frémaux ha saputo conciliare, in qualità di organizzatore di una delle più prestigiose rassegne cinematografiche, le due anime del cinema, quella commerciale e quella artistica. Una vita passata a visionare più di mille film all'anno, a cercare e selezionare opere in giro per il mondo, a convincere attori, registi e artisti a far parte delle giurie. Di questa vita ha raccontato nell'autobiografia "Sélection officielle", pubblicata nel 2017 in Francia dall'editore Grasset: 600 pagine di ricordi e aneddoti su imprevisti, conversazioni e soluzioni diplomatiche per le situazioni più complicate. Di recente, Frémaux ha fatto parlare di sé per le scelte rigorose e, in alcuni casi controcorrente, attuate in occasione dell'ultima edizione della kermesse. L'incontro tra Frémaux e il pubblico della Festa del Cinema sarà l'occasione per discutere l'attuale significato dei festival cinematografici e la loro possibile evoluzione.  

MARIO MARTONE
Conversazione con Concita De Gregorio sul caso Elena Ferrante
Mario Martone ha iniziato la sua carriera artistica in teatro prima di esordire alla regia cinematografica con il suo primo lungometraggio Morte di un matematico napoletano (1992), storia di Renato Caccioppoli che gli vale il Gran premio della giuria alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, oltre al David di Donatello e al Nastro d'Argento come miglior esordiente. L'anno successivo gira a Napoli, sua terra natia, il mediometraggio Rasoi (1993), ispirato a uno spettacolo teatrale precedentemente allestito al Teatro Mercadante. Autore di un cinema aspro, essenziale, come testimoniano L'amore molesto (1995, David di Donatello per la regia), Teatro di guerra (1998) e L'odore del sangue (2003), tutti presentati a Cannes, si dedica a un film sul Risorgimento, Noi credevamo, con Luigi Lo Cascio, con cui ha ottenuto numerosi e importanti riconoscimenti. Dopo Il giovane favoloso (2014), sulla vita di Giacomo Leopardi, Mario Martone ha recentemente girato Capri-Revolution, ambientato sull'isola napoletana nel 1914. Il regista sarà ospite della Festa del Cinema con un Incontro Ravvicinato durante il quale discuterà con Concita De Gregorio del caso editoriale di Elena Ferrante, famosa in tutto il mondo per la serie "L'amica geniale", edita in Italia da E/O. A unire il percorso dei due autori è la trasposizione cinematografica de L'amore molesto che sarà presentato alla Festa in versione restaurata.

MICHAEL MOORE
Il regista statunitense Premio Oscar® e attivista politico Michael Moore, che durante la tredicesima edizione della Festa del Cinema presenterà il suo ultimo lavoro, Fahrenheit 11/9, sarà anche protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico. Nato nel 1954 a Davison, sobborgo di Flint, nel Michigan, e destinato a un futuro da impiegato nella General Motors (come suo padre e suo nonno), a ventidue anni decide di tentare la via del giornalismo e fonda il quotidiano locale "Flint Voice", che dirige per dieci anni. Ma alla fine degli anni '80 inizia l'attività di documentarista. Da quel momento, l'acume e la sagacia di questo "working class hero" che ha dichiarato guerra al Sistema, cambierà per sempre l'approccio al genere documentaristico. Noto per aver saputo coniugare nelle sue opere un linguaggio schietto e sgombro di artifici, particolarmente adatto a descrivere le dinamiche politico-economiche che governano gli Stati Uniti, a una forte dose di ironia, Moore nel corso degli anni ha indagato su diversi temi ritenuti estremamente scomodi dall'establishment. Tra questi, l'insaziabile avidità dell'industria automobilistica (Roger & Me), la facilità con cui negli USA è possibile reperire armi da fuoco (Bowling a Columbine, Oscar® al Miglior documentario nel 2003), la controversa reazione repubblicana agli attentati dell'11 settembre (Fahrenheit 9/11, Palma d'Oro a Cannes nel 2004), la corruzione dilagante all'interno del sistema sanitario (Sicko), l'ingordigia di Wall Street (Capitalism: A Love Story) e la politica militare americana, messa a confronto con quelle europee (Where to Invade Next). La forza dei fatti, nudi e crudi, affrontati con pragmatismo e con indubbio mestiere: questi sono i tratti distintivi della poetica di Michael Moore.

SHIRIN NESHAT - Un progetto di Videocittà in collaborazione con Festa del Cinema
La fotografa, videoartista e regista iraniana premiata alla Biennale d'Arte di Venezia nel 1999 e vincitrice, nel 2009, del Leone d'Argento alla Mostra del Cinema di Venezia con il suo primo lungometraggio Donne senza uomini, incontrerà il pubblico al MAXXI. Impostasi a livello internazionale come una delle artiste contemporanee più rappresentative nell'esplorare la complessità delle condizioni sociali all'interno della cultura islamica, Shirin Neshat ha sempre rivolto uno sguardo particolare al ruolo della donna in questa cultura. Proprio la condizione femminile e le complesse forze legate alle tradizioni e alla religione che la regolano e il rapporto tra la cultura islamica e quella occidentale sono diventati, nel corso degli anni, il nucleo attorno al quale si è sviluppata la sua ricerca artistica. Dopo i primi anni di studio a Teheran, nel 1974 si trasferisce negli Stati Uniti per il Master of Fine Arts all'Università di Berkeley, dove inizia il suo percorso come fotografa, avvicinandosi progressivamente al cinema e alla videoarte. Il suo ritorno in Iran al termine della rivoluzione fa da impulso per l'avvio della sua carriera anche se dal 1996 non le è più consentito di tornare nel suo paese natale. Nel 2017 gira il suo secondo lungometraggio, Looking for Oum Kulthum, e viene chiamata alla direzione artistica dell'Aida che va in scena al Festival di Salisburgo, sotto la direzione di Riccardo Muti. Oggi Shirin Neshat vive a New York e la sua arte, apprezzata in tutto il mondo, continua a spaziare tra tradizione e modernità, libera da ogni vincolo ed estremismo.

ALBA ROHRWACHER E ALICE ROHRWACHER
Le due sorelle Alba e Alice Rohrwacher, la prima attrice, la seconda regista e sceneggiatrice saranno protagoniste di un Incontro Ravvicinato nella giornata di chiusura della Festa del Cinema. Dopo i primi studi all'Accademia dei Piccoli di Firenze, sua città natale, Alba si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 2003. L'anno seguente esordisce al cinema con L'amore ritrovato di Carlo Mazzacurati imponendosi subito all'attenzione di critica e pubblico. La freschezza e la discrezione che caratterizzano ogni suo personaggio la rendono differente dalle attrici della sua generazione, come dimostra una carriera costellata di successi e in continua ascesa che l'ha vista protagonista di pellicole quali Mio fratello è figlio unico, Giorni e nuvole (David di Donatello come Migliore attrice non protagonista), Il papà di Giovanna (Migliore attrice protagonista ai David di Donatello) e Hungry Hearts di Saverio Costanzo che le vale la Coppa Volpi per la Migliore interpretazione femminile a Venezia nel 2014. Ad Alice, più piccola di due anni, sono bastati due film per imporsi tra i talenti emergenti del panorama cinematografico europeo: Corpo celeste, presentato alla Quinzaine a Cannes con cui vince il David di Donatello al Miglior regista esordiente, e Le meraviglie, Grand Prix della Giuria a Cannes (interpretato, tra gli altri, da sua sorella). Il suo è un cinema che si muove tra memoria e nostalgia, ricco di elementi fiabeschi e popolari, capace di restituire al pubblico la magia e il disincanto di mondi che si avviano a scomparire. Nel 2018, sempre a Cannes, vince il Premio per la Migliore sceneggiatura per Lazzaro Felice: anche in questo caso nel cast c'è Alba.

JONATHAN SAFRAN FOER
Primo Levi e Italo Calvino sono tra i suoi scrittori preferiti: con Levi condivide l'ebraismo, con Calvino il gusto per l'immaginifico e il surreale. Considerato, a poco più di quarant'anni, uno dei più grandi e originali talenti della narrativa mondiale, animerà un atteso incontro alla Festa del Cinema, approfondendo, a partire dalla sua opera, il rapporto fra letteratura e cinema. Il suo primo romanzo, "Ogni cosa è illuminata", pubblicato nel 2002, è un singolare pellegrinaggio esistenziale nella memoria, che trae ispirazione dal viaggio in Ucraina realmente compiuto dall'autore nel 1999 alla ricerca di testimonianze delle sue origini familiari, in particolare del nonno (la madre di Safran Foer è figlia di sopravvissuti all'olocausto). Divenuto un bestseller internazionale, ha raccolto il consenso della critica letteraria. Il secondo libro, "Molto forte, incredibilmente vicino" (2005), indaga il post 11 settembre negli Stati Uniti con un taglio originale e spiazzante. Da entrambi i romanzi sono stati tratti film: il primo diretto e sceneggiato nel 2005 da Liev Schreiber; il secondo, del 2011, per la regia di Stephen Daldry, con Sandra Bullock e Tom Hanks. Nel 2009 ha firmato il saggio "Se niente importa", drammatico grido di accusa contro il consumo di carne e gli allevamenti intensivi e formidabile testimonianza della scelta morale del vegetarianesimo compiuta dallo scrittore. Un lungo intervallo, fino al 2016, anno di pubblicazione del nuovo romanzo, "Eccomi": un racconto di profonda ispezione all'interno di una coppia in crisi matrimoniale, che affronta con coraggio il tema della famiglia e dell'identità ai nostri giorni.

GIUSEPPE TORNATORE
Tra gli autori italiani più amati e premiati a livello internazionale, Giuseppe Tornatore ha costruito la sua carriera su un cinema che rievoca nostalgicamente il passato, fortemente italiano eppure esportabile all'estero la cui forza risiede nel raccontare storie piccole e semplici, di un mondo perduto, con una delicatezza e quel misto di malinconia e ironia che donano al racconto un'aura di magia e lirismo. Alla prossima Festa del Cinema, il cineasta sarà protagonista di un Incontro Ravvicinato in cui approfondirà la sua passione per il noir, fra letteratura e cinema. Tornatore ha iniziato la sua carriera artistica occupandosi di fotografia. È stato regista teatrale e televisivo e autore di documentari, prima di approdare al cinema nel 1986 con Il camorrista. Ma è con il film successivo, Nuovo cinema Paradiso che la sua carriera compie una svolta decisiva. La pellicola vince l'Oscar® per il Miglior film straniero nel 1990, oltre al Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes, un Golden Globe  e cinque BAFTA. Nel 1995 viene nuovamente nominato all'Oscar® con L'uomo delle stelle. Il cinema di Tornatore è un cinema della memoria che da Malèna a Baarìa, da La leggenda del pianista sull'oceano a La sconosciuta, passando per i più recenti La migliore offerta e La corrispondenza, ha saputo rendersi identificabile attraverso un linguaggio tanto universale quanto personale, ma sempre fortemente poetico. L'Incontro Ravvicinato si svolge con il sostegno di Poste Italiane.

SIGOURNEY WEAVER
Con le sue magnifiche interpretazioni Sigourney Weaver ha saputo affermarsi attraverso un'immagine di donna sicura e determinata, tenace e risoluta, in grado di costruire personaggi caratterizzati da un'energia e una freschezza insolite nel panorama hollywoodiano. Dotata di un'indubbia presenza scenica, notevole carisma ed elevata dose di fascino, l'attrice sarà protagonista di un Incontro Ravvicinato, durante il quale ripercorrerà la sua brillante carriera. Nata a New York, figlia di Sylvester Weaver, affermato produttore televisivo, Susan Alexandra Weaver decide di adottare il nome d'arte Sigourney dopo aver visto Il grande Gatsby di Elliott Nugent. Inizia a frequentare corsi di recitazione sin dai tempi del liceo e, nel 1977, debutta come comparsa in Io e Annie di Woody Allen. Due anni dopo, Ridley Scott le offre il ruolo di protagonista in Alien, prima parte della saga sci-fi della quale interpreta anche i tre sequel: per il secondo capitolo ottiene la sua prima candidatura all'Oscar® come Miglior attrice protagonista. Verrà nominata altre due volte all'Oscar®: nel 1988 come protagonista per l'interpretazione della ricercatrice Dian Fossey in Gorilla nella nebbia di Michael Apted (vincerà però un Golden Globe); nel 1989 come non protagonista per il ruolo di un'ambiziosa e brillante dirigente in Una donna in carriera di Mike Nichols. Straordinaria la lista dei registi che l'hanno scelta per i loro film, da Ivan Reitman ad Ang Lee, da Roman Polanski a David Fincher e James Cameron.

I mestieri del cinema | Direttori della fotografia
ARNALDO CATINARI - LUCIANO TOVOLI
Il direttore della fotografia è una delle figure fondamentali nella realizzazione di un film e la scuola italiana ha prodotto, nel corso dei decenni, straordinari "maghi della luce", alcuni dei quali molto apprezzati anche a livello internazionale. Due di loro si confronteranno alla Festa del Cinema in un incontro a cura di Mario Sesti: Luciano Tovoli, vincitore di due Nastri d'argento, nel 1976 per Professione: reporter di Michelangelo Antonioni e nel 1989 per Splendor di Ettore Scola; e Arnaldo Catinari, autore della fotografia di opere come Luce dei miei occhi, Il caimano, Parlami d'amore, I demoni di San Pietroburgo e Vallanzasca - Gli angeli del male. Tovoli, classe 1936, esordisce come direttore della fotografia in Come l'amore di Enzo Muzii nel 1968. Collabora con numerosi registi, italiani e internazionali: da Dario Argento, con il quale gira Suspiria la cui fotografia è ancora oggi considerata una delle più innovative e disturbanti mai realizzate, a Luis Buñuel, da Valerio Zurlini a Marco Ferreri. Protagonista negli anni Settanta del rinnovamento dei canoni artistici del cinema italiano, Luciano Tovoli è un vero e proprio artista della luce, in grado di plasmare ombre e bagliori regalando allo spettatore suggestioni che si fissano nello sguardo e nella memoria. Catinari è stato direttore della fotografia di oltre ottanta film, collaborando con i più noti registi italiani degli ultimi anni, da Gabriele Muccino a Nanni Moretti, da Luciano Ligabue a Paolo Virzì e Riccardo Milani. Il suo stile è un connubio sapiente di innovazione e tecnica classica, così come ogni sua inquadratura è in grado di contenere tradizione e rivoluzione.

I mestieri del cinema | Montatori
ESMERALDA CALABRIA - GIOGIÒ FRANCHINI
Stanley Kubrick sosteneva che "Tutto quello che precede il montaggio è semplicemente un modo di produrre una pellicola da montare". Il montaggio è l'ultima e decisiva scrittura del film, dopo la sceneggiatura e le riprese, e sarà al centro di un incontro, a cura di Mario Sesti, che metterà di fronte due autorevoli montatori italiani: Giogiò Franchini ed Esmeralda Calabria. Montatore "di pancia", così ama definirsi Giogiò Franchini, mago del suono, ha collaborato con registi come Paolo Sorrentino, Jonathan Demme, Valeria Golino e si è aggiudicato il David di Donatello per La ragazza del lago di Andrea Molajoli. Nel corso degli anni ha continuato a portare avanti l'idea di montaggio come strumento per spiazzare e infondere meraviglia negli occhi dello spettatore, avendo come unico scopo quello di mantenere viva l'attenzione di chi guarda. Esmeralda Calabria, montatrice per autori come Nanni Moretti, Francesca Archibugi e Giuseppe Piccioni, vincitrice di un David di Donatello e di un Nastro d'Argento per Romanzo criminale di Michele Placido, è anche regista: il suo esordio dietro la macchina da presa avviene nel 2007 con Biùtiful cauntri seguito, nel 2017, dal documentario Lievito madre - Le ragazze del secolo scorso, diretto insieme a Concita De Gregorio. Per lei il montaggio è uno strumento fortemente poetico e immaginativo, in grado di superare la struttura narrativa del testo, a favore delle immagini.

PREAPERTURE - OTTOBRE CON LA FESTA DEL CINEMA

PER NON DIMENTICARE
Il 16 ottobre del 1943, le truppe tedesche della Gestapo effettuarono il rastrellamento del ghetto di Roma: a settantacinque anni da quei drammatici eventi e a ottanta dalle leggi razziali, la Festa del Cinema, in collaborazione con Roma Capitale, Fondazione Museo della Shoah e Istituto Luce Cinecittà, dedica tre preaperture al tema delle persecuzioni e dell'Olocausto. Durante i giorni della Festa del Cinema, nell'ambito della linea di programma Eventi Speciali, sarà poi presentato Who Will Write Our History di Roberta Grossman, prodotto da Nancy Spielberg.

15 ottobre ore 21 | Multisala Barberini
1938 - QUANDO SCOPRIMMO DI NON ESSERE PIÙ ITALIANI
di Pietro Suber, Italia, 2018, 78'
Il film rievoca le vicende che portarono dalle leggi razziali alla deportazione degli ebrei italiani attraverso cinque storie narrate da vittime, persecutori e testimoni: una famiglia di ebrei fascisti massacrata sul Lago Maggiore; un ebreo del Ghetto di Roma che si salvò flirtando con la nipote di un collaborazionista; Franco Schonheit e i suoi genitori, sopravvissuti ai lager; un'ebrea di Fiume che si nascose in casa di un incisore del Vaticano; una famiglia di presunti delatori.

16 ottobre ore 18 | Casa del Cinema
Omaggio a Claude Lanzmann
SOBIBÓR, 14 OCTOBRE 1943, 16 HEURES | SOBIBOR - 14 OTTOBRE 1943, ORE 16.00
di Claude Lanzmann, Francia, 2001, 95'
La Festa del Cinema ricorda, a seguito della recente scomparsa, Claude Lanzmann, con la proiezione del documentario Sobibor - 14 ottobre 1943, ore 16.00, che rievoca l'unica rivolta ebraica di successo avvenuta in un lager. Lanzmann è uno degli intellettuali che più si è identificato nella necessità della memoria della Shoah, termine che significa letteralmente "catastrofe", e che è invalso nell'uso a indicare il genocidio del popolo ebraico dopo l'apparizione del documentario di Lanzmann, dal titolo appunto Shoah. Il documentario, di oltre nove ore, frutto del lavoro di undici anni, portato a termine nel 1985, opera definitiva sull'Olocausto, è un monumento alla memoria dell'immemorabile e dell'irrappresentabile, che raccoglie le testimonianze di sopravvissuti, testimoni e carnefici, senza ricorrere a parole di commento e senza usare immagini di repertorio. Lanzmann fu partigiano, docente all'Università di Berlino, amico di Sartre, compagno di Simone de Beauvoir, collaboratore e direttore della rivista "Les Temps Modernes", scrittore, e regista di documentari d'inchiesta.

16 ottobre ore 21 | Casa del Cinema
LA RAZZIA, 16 OTTOBRE 1943 
di Ruggero Gabbai, Italia, 2018, 60'
Il 16 ottobre 1943 le forze naziste arrestano nella città di Roma oltre 1250 ebrei. Le vittime devono preparare le valigie e abbandonare le loro case in pochi minuti. Il 18 ottobre sono condotte alla stazione Tiburtina, ammassate in ventotto carri bestiame e deportate nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Solo sedici torneranno. A settantacinque anni dalla razzia del 16 ottobre '43, il film documentario ripercorre una delle più tragiche pagine di storia d'Italia attraverso le voci di chi l'ha vissuta.

Nell'ambito delle preaperture, la Festa del Cinema propone inoltre quattro originali progetti in anteprima.

15 ottobre ore 18 | Casa del Cinema
DONS OF DISCO
di Jonathan Sutak, Stati Uniti, 2018, 84'
Negli anni '80, Den Harrow dominava le classifiche europee con canzoni di successo come "Future Brain", "Bad Boy" e "Don't Break My Heart". A distanza di trent'anni arriva la rivelazione del fotografo americano Thomas Barbey: è lui la "voce segreta" di queste canzoni e l'italiano Stefano Zandri (Den Harrow) ha cantato in playback per decenni. Nel documentario Dons of Disco, un segreto durato trent'anni farà  esplodere una rivalità mai sopita tra due uomini di sessant'anni. Cosa ha determinato il successo di Den Harrow: il volto o la voce?

15 ottobre ore 21 | Casa del Cinema
L'UOMO CHE COMPRÒ LA LUNA | THE MAN WHO BOUGHT THE MOON
di Paolo Zucca, Italia, Argentina, Albania, 2018, 102'
Cast: Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannofino, Benito Urgu, Lazar Ristovski, Angela Molina
Un pescatore sardo ha promesso la Luna alla donna che ama. E i Sardi le promesse le mantengono.

17 ottobre ore 18 | Casa del Cinema
QUESTO È MIO FRATELLO
di Marco Leopardi, Italia, 2018, 80'
Massimo ha documentato con la telecamera la sua lotta contro la depressione. Da queste riprese e dai filmini del padre, Marco, fratello di Massimo, parte per ricostruire la sua storia. La telecamera per Massimo è stata l'unico amico al quale confessare il dolore. Ora però c'è il fratello con lui. Marco ha deciso di accompagnare il fratello, seguirlo con la sua telecamera mentre si sottoporrà all'ultimo tentativo di contrastare la depressione.

17 ottobre ore 21 | Casa del Cinema
IN VIAGGIO CON ADELE
di Alessandro Capitani, Italia, Francia, 2018, 83'
Cast: Alessandro Haber, Sara Serraiocco, Isabella Ferrari, Patrice Leconte, Anna Ferruzzo, Elena Cantarone, Achille Missiroli
Adele è una ragazza speciale. Libera da freni e inibizioni, indossa solo un pigiama rosa con le orecchie da coniglio, non si separa mai da un gatto immaginario e colora il suo mondo di Post-it, dove scrive tutto quello che le passa per la testa. Cinico e ipocondriaco, Aldo è un attore di teatro che, appoggiato da Carla - sua agente, amica e occasionale compagna di letto - si trova alla vigilia della sua ultima grande opportunità nel mondo del cinema. L'improvvisa morte della mamma di Adele sconvolge i piani di Aldo che scopre solo ora di essere il papà della ragazza. Con il compito di dirle la verità e l'intento di liberarsene, Aldo parte con Adele risalendo dalla Puglia su una vecchia cabrio per affrontare un viaggio dalla meta incerta: una nonna scorbutica, una zia avida, un fidanzato misterioso. Accomunati dalla solitudine e dal bisogno di amore, i due si scopriranno poco a poco, inaspettatamente, un padre e una figlia.

RETROSPETTIVE

Le retrospettive della tredicesima edizione della Festa del Cinema, a cura di Mario Sesti, saranno dedicate a due grandi esponenti del miglior cinema europeo: Peters Sellers, in collaborazione con l'Ambasciata Britannica e il British Council, e Maurice Pialat, con la Cineteca di Bologna, l'Ambasciata di Francia e l'Institut Français Italia.

PETER SELLERS
In collaborazione con l'Ambasciata Britannica e il British Council
Protagonista dell'immagine ufficiale della Festa del Cinema 2018 nei panni dell'ispettore Clouseau, Peter Sellers è amato per la straordinaria carica comica e per la lucida follia dei suoi personaggi, ma anche per le grandi interpretazioni di ruoli drammatici. La retrospettiva è innanzitutto la testimonianza di un atto d'amore nei confronti di un autore/attore che più che una filmografia ha creato un continente con popolazioni di personaggi, luoghi favolosi e immaginari, piccole provincie, grandi metropoli, nobili potenti e impiegati anonimi, scienziati pazzi e comparse più letali di un terremoto, investigatori catastrofici e maggiordomi trasformati in guru radical chic a loro insaputa. Se Chaplin ha incarnato il sottoproletario tagliato fuori dal benessere e prodotto di scarto del capitalismo, Sellers ha declinato all'infinito la piccola borghesia alle prese con l'enigma della vita e il caos anarchico del potere, senza mai rinunciare a strappare un sorriso di cuore con le palpebre a tendina, la linea ampia del suo sorriso opulento, la sua falcata insensatamente ottimista.

PRESENTAZIONE | IN ARTE PETER SELLERS
Grazie alla collaborazione con la casa editrice Sagoma, l'unica in Italia specializzata in storia della comicità e dello spettacolo, sarà pubblicata la prima biografia italiana di Peter Sellers, "In Arte Peter Sellers", scritta da Andrea Ciaffaroni. La vita dell'attore emerge attraverso le parole dei suoi amici e colleghi. Arricchiscono il volume le testimonianze di fonti fino a oggi inesplorate e una serie di foto inedite. Il libro sarà presentato in anteprima durante la Festa del Cinema.

I FILM IN RETROSPETTIVA

BEING THERE | OLTRE IL GIARDINO
di Hal Ashby, Stati Uniti, 1979, 130'
Cast: Peter Sellers, Shirley MacLaine, Melvyn Douglas, Jack Warden, Richard Dysart, Richard Basehart

DR. STRANGELOVE OR: HOW I LEARNED TO STOP WORRYING AND LOVE THE BOMB | IL DOTTOR STRANAMORE, OVVERO: COME IMPARAI A NON PREOCCUPARMI E AD AMARE LA BOMBA
di Stanley Kubrick, Stati Uniti, Regno Unito, 1964, 95'
Cast: Peter Sellers, George C. Scott, Peter Bull, Sterling Hayden, Slim Pickens, Keenan Wynn

I'M ALL RIGHT JACK | NUDI ALLA META
di John Boulting, Regno Unito, 1959, 105'
Cast: Ian Carmichael, Terry-Thomas, Peter Sellers, Richard Attenborough, Dennis Price

LOLITA
di Stanley Kubrick, Regno Unito, 1962, 154'
Cast: James Mason, Sue Lyon, Shelley Winters, Peter Sellers, Marianne Stone, Diana Decker

MR. TOPAZE | IL PIACERE DELLA DISONESTÀ
di Peter Sellers, Regno Unito, 1961, 97'
Cast: Peter Sellers, Nadia Gray, Herbert Lom, Leo McKern, Martita Hunt

MURDER BY DEATH | INVITO A CENA CON DELITTO
di Robert Moore, Stati Uniti, 1976, 94'
Cast: Alec Guinness, Peter Falk, Peter Sellers, Eileen Brennan, Truman Capote, David Niven, Maggie Smith, Elsa Lanchester

THE LADYKILLERS | LA SIGNORA OMICIDI
di Alexander Mackendrick, Regno Unito, 1955, 91'
Cast: Alec Guinness, Cecil Parker, Herbert Lom, Peter Sellers, Danny Green

THE MILLIONAIRESS | LA MILIARDARIA
di Anthony Asquith, Regno Unito, 1960, 90'
Cast: Sophia Loren, Peter Sellers, Alastair Sim, Vittorio De Sica, Dennis Price

THE MOUSE THAT ROARED | IL RUGGITO DEL TOPO
di Jack Arnold, Regno Unito, 1959, 83'
Cast: Peter Sellers, Jean Seberg, William Hartnell, David Kossoff, Leo McKern

THE PARTY | HOLLYWOOD PARTY
di Blake Edwards, Stati Uniti, 1968, 96'
Cast: Peter Sellers, Claudine Longet, Marge Champion, Buddy Lester, Denny Miller, Gavin MacLeod

THE PINK PANTHER | LA PANTERA ROSA
di Blake Edwards, Stati Uniti, 1963, 115'
Cast: David Niven, Peter Sellers, Claudia Cardinale, Capucine, Robert Wagner, Riccardo Billi

WHAT'S NEW PUSSYCAT | CIAO PUSSYCAT
di Clive Donner, Stati Uniti, Francia, 1965, 108'
Cast: Peter O'Toole, Peter Sellers, Woody Allen, Ursula Andress, Romy Schneider, Paula Prentiss, Capucine

MAURICE PIALAT
Con la Cineteca di Bologna, l'Ambasciata di Francia e l'Institut Français Italia
Palma d'oro a Cannes per Sotto il sole di Satana, Maurice Pialat ha firmato opere che sfuggono volontariamente alle etichette, ma che allo stesso tempo risultano sempre attraversate da temi e sentimenti di eccezionale tensione emotiva. I film del cineasta francese sono inclassificabili, lo erano all'epoca in cui furono realizzati, lo saranno anche tra cinquanta anni: i suoi lavori sono forti e unici e la loro irriducibile unicità sta nell'accanimento con cui strappano il cinema dalla vita, usando nient'altro che il cinema stesso, con un estremismo inaudito. Innanzitutto nel montaggio: le azioni dei suoi film non contengono attesa, preparazione, continuità, ogni scena apre una discontinuità nel flusso e getta lo spettatore senza preliminari nel vivo dei fatti. Poi nelle riprese: ogni resoconto del set riporta l'ossessione di una ricerca della verità che fa dei suoi film un'applicazione fanatica del famoso detto di Rivette per il quale ogni film è un documentario sul set e le sue pellicole si presentano ai nostri occhi senza alcun riguardo, con un'aria scontrosa. Nelle sue inquadrature "rugose", nello stridore dei suoi amanti in colluttazione, nell'imminenza della morte o nel vissuto quotidiano fatto di impasse, derisione, sottomissione e malumore, nei suoi attori strepitosi e stremati, nei suoi angoli di ripresa decentrati, c'è una idea di cinema radicale e irripetibile.

I FILM IN RETROSPETTIVA

À NOS AMOURS | TO OUR LOVES | AI NOSTRI AMORI
di Maurice Pialat, Francia, 1983, 99'
Cast: Sandrine Bonnaire, Maurice Pialat, Christophe Odent, Dominique Besnehard, Cyril Collard, Jacques Fieschi

L'ENFANCE NUE | NAKED CHILDHOOD
di Maurice Pialat, Francia, 1968, 83'
Cast: Michel Terrazon, Linda Gutemberg, Raoul Billerey, Pierrette Deplanque, Marie-Louise Thierry, René Thierry

LE GARÇU
di Maurice Pialat, Francia, 1995, 102'
Cast: Gérard Depardieu, Géraldine Pailhas, Antoine Pialat, Dominique Rocheteau, Fabienne Babe, Elisabeth Depardieu

LA GUEULE OUVERTE | THE MOUTH AGAPE
di Maurice Pialat, Francia, 1974, 82'
Cast: Nathalie Baye, Hubert Deschamps, Philippe Léotard, Monique Mélinand, Henri Saulquin, Alain Grestau Sceneggiatura

LOULOU
di Maurice Pialat, Francia, 1980, 110'
Cast: Isabelle Huppert, Gérard Depardieu, Guy Marchand, Humbert Balsan, Bernard Tronczyk, Christian Boucher

NOUS NE VIEILLIRONS PAS ENSEMBLE | WE WON'T GROW OLD TOGETHER | L'AMANTE GIOVANE
di Maurice Pialat, Francia, Italia, 1972, 106'
Cast: Marlène Jobert, Jean Yanne, Christine Fabréga, Patricia Pierangeli, Jacques Galland, Maurice Risch

PASSE TON BAC D'ABORD... | GRADUATE FIRST
di Maurice Pialat, Francia, Canada, 1979, 86'
Cast: Sabine Haudepin, Philippe Marlaud, Annik Alane, Michel Caron, Christian Bouillette, Jean-François Adam

POLICE
di Maurice Pialat, Francia, 1985, 113'
Cast: Gérard Depardieu, Sophie Marceau, Richard Anconina, Pascale Rocard, Sandrine Bonnaire, Franck Karoui

SOUS LE SOLEIL DE SATAN | UNDER THE SUN OF SATAN | SOTTO IL SOLE DI SATANA
di Maurice Pialat, Francia, 1987, 98'
Cast: Gérard Depardieu, Sandrine Bonnaire, Maurice Pialat, Alain Artur, Yann Dedet, Brigitte Legendre

VAN GOGH
di Maurice Pialat, Francia, 1991, 159'
Cast: Jacques Dutronc, Alexandra London, Bernard Le Coq, Gérard Séty, Corinne Bourdon, Elsa Zylberstein

OMAGGI E RESTAURI

OMAGGI

Omaggio ad Adriana Asti
DONNA FABIA
di Marco Tullio Giordana, Italia, 2018, 37'
Cast: Adriana Asti, Andreapietro Anselm
La marchesa Fabia Fabroni di Fabriano si lamenta con don Sigismondo, prete di casa, della generale decadenza della società e dei costumi. In attesa che il pranzo sia servito, Donna Fabia racconta l'umile preghiera che ha rivolto a Dio perché perdoni i pezzenti che l'hanno offesa. Ispirato alla poesia "Offerta a Dio (La preghiera)" di Carlo Porta.

Omaggio a Flavio Bucci
FLAVIOH - TRIBUTO A FLAVIO BUCCI
di Riccardo Zinna, Italia, 2018, 80'
Racconto dell'uomo e dell'artista, in un viaggio on the road tra luoghi e persone che hanno segnato la sua vita personale e artistica. Fuoriclasse e antidivo che ha interpretato un'infinità di tipi umani, che ha coprodotto il primo film di Nanni Moretti, sposato una principessa vera, che ha prestato la sua voce a Travolta, Depardieu, Stallone. Flavio non si può non raccontarlo! Lo ha fatto magistralmente il regista e attore Riccardo Zinna, recentemente scomparso.

Omaggio a Carlo Vanzina
SAPORE DI MARE
di Carlo Vanzina, Italia, 1983, 92'
Cast: Jerry Calà, Christian De Sica, Marina Suma, Virna Lisi, Karina Huff, Isabella Ferrari
A pochi mesi dalla prematura scomparsa, la Festa del Cinema di Roma rende omaggio a Carlo Vanzina, regista cult della commedia italiana degli anni Ottanta e Novanta, insieme al fratello Enrico con cui negli anni ha firmato le sceneggiature di decine di film campioni d'incassi. Per l'occasione viene riproposto uno dei loro maggiori successi Sapore di mare, a trentacinque anni dall'uscita. A Forte dei Marmi, nel corso di un'estate degli anni '60, si intrecciano le storie di diversi personaggi. C'è l'abbiente famiglia lombarda dei Carraro, con i goliardici fratelli Luca e Felicino. Da Napoli arrivano i Pinardi, con gli ingenui fratelli Marina e Paolo. C'è il genovese Gianni, la bella e acerba Selvaggia, la matura e attraente Adriana, borghese annoiata; e poi i due inseparabili marchesini Pucci, Maurizio, detto Ciccio; Cecco il fotografo... Sapore di mare, divenuto un film di culto, ricco di classiche canzoni anni '60, di macchiette e caratteristi impressi nei ricordi del pubblico, rinverdisce la commedia di villeggiatura degli anni '50, e lascia nella memoria uno struggente incontro finale, un ultimo scambio di sguardi tra Jerry Calà e Marina Suma, che riecheggia una "celeste nostalgia" per la giovinezza scivolata via, per le occasioni perdute, per gli amori mancati.

INCONTRO | L'ITALIA NELLO SPECCHIO DEI VANZINA
Prima della proiezione, due autori di successo, capaci di fissare su carta l'evoluzione del costume, Chiara Gamberale e Diego De Silva, dialogheranno con il critico cinematografico Alberto Crespi e con lo scrittore Paolo Di Paolo intorno all'ampio lavoro dei Vanzina. Scegliendo una scena del cuore, e interrogandosi su come - nel bene e nel male, divertendo e talvolta irritando - nello specchio dei loro film si sia riflessa qualche verità (anche sgradevole) che ci riguarda. Nella stessa giornata, nell'ambito della manifestazione "Accadrà sul Red Carpet", Via Condotti rende omaggio al regista scomparso con una mostra di fotografie che lo ritraggono sui set e con la famiglia e di locandine dei suoi celebri film. L'evento è realizzato con l'aiuto del fratello Enrico Vanzina e di Medusa.

Omaggio a Vittorio Gassman
"SONO GASSMAN!" VITTORIO RE DELLA COMMEDIA
di Fabrizio Corallo, Italia, 2018, 90'
A diciott'anni dalla sua scomparsa, Vittorio Gassman viene rievocato nel suo intenso percorso di protagonista del cinema e del teatro con particolare riferimento agli anni d'oro dei film brillanti della "commedia all'italiana". Attraverso le testimonianze di familiari e colleghi, brani di film, spettacoli teatrali e programmi tv emerge il ritratto di un estroverso "mattatore" ma anche di un uomo più segreto e vulnerabile.

Omaggio a Nelson Pereira dos Santos
VIDAS SECAS | BARREN LIVES
di Nelson Pereira dos Santos, Brasile, 1963, 103'
Cast: Átila Iório, Maria Ribeiro, Orlando Macedo, Joffre Soares, Gilvan Lima, Genivaldo Lima
La Festa del Cinema omaggia Nelson Pereira dos Santos, il regista brasiliano recentemente scomparso, con uno dei suoi film più noti. Vidas secas è una delle opere centrali del Cinéma Nôvo brasiliano, movimento nato nel periodo della presidenza di João Goulart (1961-64), composto da autori come Pereira dos Santos e Glauber Rocha, contrassegnato da uno stretto legame con la cultura del Brasile, da un carattere militante, dalla ricerca di nuovi temi e nuovi linguaggi mirati a fare del cinema uno strumento di azione politica. Portando alla luce il sottosviluppo, la povertà, la violenza, la realtà del Brasile, riprendendo e sviluppando la polemica terzomondista attraverso una provocatoria "estetica della fame", il Cinéma Nôvo voleva dare al pubblico "la coscienza della propria miseria" (Rocha), originare nel popolo una consapevolezza critica e rivoluzionaria. Vidas secas, ambientato nel Nordeste brasiliano, afflitto da una drammatica siccità, dove una famiglia di contadini vaga disperata per fuggire a sete e fame, segue questi principi, mostrando con aspro realismo un'umanità sottoposta a un'atroce indigenza ma ancora dotata di fiera dignità, e denunciando le storture della situazione agraria durante il governo Goulart.

In occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale 2014/2018
LA GRANDE GUERRA
di Mario Monicelli, Italia, Francia, 1959, 135'
Cast: Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Silvana Mangano, Folco Lulli, Romolo Valli, Bernard Blier
A cento anni dall'epilogo della prima guerra mondiale, la Festa del Cinema la ricorda con La grande guerra di Mario Monicelli, nella versione lunga ricostruita con un restauro realizzato da Aurelio De Laurentiis e dalla Cineteca Nazionale, con la supervisione del direttore della fotografia Giuseppe Rotunno. Leone d'oro 1959 ex aequo con Il Generale della Rovere di Roberto Rossellini, il film di Monicelli è uno dei primi del cinema italiano ad affrontare un tema fino ad allora considerato tabù, i massacri del conflitto '14-'18, e lo fa con un affresco corale in equilibrio fra il realismo della tragedia e il cinismo beffardo della commedia, fra epica e antiretorica, guardando la guerra dal basso delle trincee, raccontando aneddoti ora umoristici ora amari, parlando la varietà delle lingue dialettali in un periodo in cui in Italia si stava diffondendo una lingua unitaria, seguendo personaggi che sono tipi, maschere, macchiette e insieme figure umane vere, come i due protagonisti, il milanese Giovanni e il romano Oreste (interpretati rispettivamente da Vittorio Gassman e Alberto Sordi), due fanti che cercano continuamente di imboscarsi, due opportunisti lavativi e codardi che, catturati dagli austriaci, muoiono da eroi, trovando il riscatto in un lampo di fierezza, in uno sbocco di dignità personale. Il film di Monicelli, mostrando campi di battaglia che si palesano come sporchi e fangosi mattatoi, pronuncia il rifiuto caustico e al contempo accorato di una guerra sanguinaria e assurda come tutte le guerre.

OMAGGIO A CINECITTÀ FUTURA

Il 3 luglio 2017 dopo venti anni di conduzione privata, i teatri di posa di Cinecittà e i laboratori di postproduzione sono tornati sotto il controllo pubblico. Istituto Luce Cinecittà è divenuta con questa acquisizione la più significativa realtà italiana che coniuga attività di interesse generale (archivio storico, promozione all'estero del cinema italiano, distribuzione di opere prime e seconde italiane, cineteca, etc…) alle attività industriali degli storici stabilimenti fondati nel 1937. Alla realizzazione dei grandi film del passato legati alle origini del cinema italiano, passando per la Hollywood sul Tevere, i trionfi internazionali dell'arte di Fellini e di Sergio Leone per citare solo due dei nostri maestri, e le mega-produzioni di Scorsese (Gangs of New York) o Terry Gilliam (Il Barone di Munchausen), si accostano oggi le produzioni di film e serie televisive quali Il Nome della Rosadiretto da Giacomo Battiato, The Popedi Ferdinando Meirelles o The New Popedi Paolo Sorrentino. Importanti investimenti per l'ammodernamento dei teatri storici, nuove infrastrutture ma anche l'ingresso di nuovi linguaggi (compreso il mondo dei videogame) e nuove tecnologie digitali, restituiscono Cinecittà al mondo della produzione internazionale capace di rispondere alle richieste più esigenti. Per questo vogliamo celebrare il primo compleanno della Cinecittà tornata pubblica con la proiezione di alcuni fra i titoli più prestigiosi nati fra le sue mura. Ringrazio la Direzione Generale Cinema del MiBAC, la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia per averci accompagnato in questo breve viaggio nella nostra storia, e la famiglia Leone per averci concesso di mostrare il capolavoro di Sergio Leone C'era una volta in America (Roberto Cicutto - Presidente e Amministratore Delegato Istituto Cinecittà Luce).

C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA
di Sergio Leone, Italia, Stati Uniti, Canada, 1984, 229'
Cast: Robert De Niro, James Woods, Elizabeth McGovern, Joe Pesci, Burt Young
Per girare il film summa e testamento di Sergio Leone furono necessari nove mesi di riprese. A Cinecittà lo scenografo Carlo Simi ricostruì il Lower East Side, il quartiere ebraico di New York, scenario delle scorribande della piccola banda di ragazzini capeggiati da Max e Noodles nei ruggenti anni Venti.


di Federico Fellini, Italia, Francia, 1963, 138'
Cast: Marcello Mastroianni, Anouk Aimée, Sandra Milo, Claudia Cardinale, Rossella Falk, Barbara Steele, Guido Alberti
"Fellini godeva solo quando era chiuso a Cinecittà a inventarsi il suo mondo. E quando non poteva farlo, gli mancava", ha scritto Goffredo Fofi. È un legame indissolubile quello che ha legato il regista riminese a Cinecittà. In le scenografie di Piero Gherardi, allestite nello Studio 5, danno forma concreta all'universo privato, onirico e surreale di Fellini e del suo alter ego Guido Anselmi, interpretato da Marcello Mastroianni.

BELLISSIMA
di Luchino Visconti, Italia, 1951, 114'
Cast: Anna Magnani, Walter Chiari, Tina Apicella, Gastone Renzelli, Alessandro Blasetti, Corrado Mantoni
Cinecittà come luogo che fabbrica sogni ma anche illusioni e cocenti delusioni. La rincorsa sfrenata al successo, all'epoca punto di arrivo per buona parte degli italiani, offre a Visconti lo spunto per un ritratto grottesco e impietoso, sospeso tra melodramma e neorealismo, sui falsi miti del cinema.

RESTAURI

L'AMORE MOLESTO
di Mario Martone, Italia, 1995, 104'
Cast: Anna Bonaiuto, Angela Luce, Peppe Lanzetta, Licia Maglietta, Gianni Cajafa, Lina Polito
La Festa del Cinema ripropone un esempio di incontro fecondo tra cinema e letteratura, L'amore molesto, opera seconda di Mario Martone, tratto dal primo romanzo di Elena Ferrante. Da un libro scritto, come i successivi di Ferrante, in prima persona, nella forma intima del diario, con continui andirivieni tra presente e passato, centrato sul corpo femminile, sulla ricerca di sé attraverso il nodo della radice materna, Martone trae un film pulsionale, materico, carnale, che scandaglia il dentro attraverso il fuori, che sviscera l'anima attraverso il corpo, la pelle, i vestiti, e che è allo stesso tempo il ritratto della città di Martone e di Ferrante, Napoli, mostrata nei suoi vicoli e sotterranei labirintici, brulicante, caotica, turbolenta, perturbante. Film e libro raccontano di Delia, quarantenne dalla femminilità congelata, che torna a Napoli, da cui si è allontanata da tempo, per i funerali della madre, Amalia, morta annegata, forse suicida, e indaga sugli ultimi giorni della sua vita per far luce su una morte misteriosa, scavando nel passato remoto, ricordando la gioventù di una madre sensuale, esuberante, gioiosa, oppressa dal marito geloso e da un mondo di maschi prevaricatori. Delia compie un percorso di ricerca e svelamento di sé, che la porterà a far riemergere segreti, bugie, traumi, sensi di colpa, violenze rimosse, e a riscoprire se stessa identificandosi nella madre. L'amore molesto di Mario Martone sarà alla Festa in occasione dell'Incontro Ravvicinato con il regista, con il restauro in 2K eseguito da Lucky Red in collaborazione con 64 Biz e Augustus Color. La riedizione del film vede inoltre l'intervento dell'autore e del direttore della fotografia sugli inserti del passato del film, che sono stati riportati in bianco e nero come da sceneggiatura originale.

ITALIANI BRAVA GENTE
di Giuseppe De Santis, Italia, URSS, 1964, 146'
Cast: Arthur Kennedy, Zhanna Prokhorenko, Raffaele Pisu, Tatyana Samoylova, Andrea Checchi, Riccardo Cucciolla
La Festa del Cinema ripropone Italiani brava gente di Giuseppe De Santis, uno dei massimi autori del cinema neorealista, nella versione restaurata da Genoma Films in collaborazione con Cineteca Nazionale. Il film racconta la campagna italiana di Russia, che rappresentò la partecipazione italiana all'operazione tedesca contro l'URSS nel 1941, e che si concluse con la disfatta italiana nel 1943. Il fatto storico è narrato attraverso l'odissea di un reggimento italiano composto da soldati diversi per provenienza regionale ed estrazione sociale, inviati in Unione Sovietica a seguito delle forze tedesche. Il viaggio verso il fronte orientale è accompagnato da un allegro ottimismo, spezzato poi da una realtà lontana da quella sperata, dalle aspre condizioni climatiche, dalle violenze dei nazisti, dai rapporti sempre più tesi fra tedeschi e italiani. Alla grande storia collettiva, si mescolano le piccole storie individuali degli uomini del reggimento. Attraverso una narrazione corale fatta di episodi, di quadri, di una espressiva galleria di personaggi, De Santis persegue la sua idea di un cinema che rilegga i generi, gli stili, le forme dell'arte e della cultura popolare in una chiave ideologica e didattica con la quale aprire la porta ai temi dell'internazionalismo contadino e operaio e ai valori della solidarietà e della fratellanza.

SAN MICHELE AVEVA UN GALLO
di Paolo Taviani, Vittorio Taviani, Italia, 1972, 90'
Cast: Giulio Brogi, Daniele Dublino, Renato Cestiè, Vito Cipolla, Virginia Ciuffini, Renato Scarpa
La Festa del Cinema di Roma rende omaggio a Vittorio Taviani, recentemente scomparso, attraverso uno dei capolavori realizzato con il fratello Paolo e restaurato dal Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale. Il film dei fratelli Taviani, "utopisti, esagerati" (come li definì Lino Miccichè), "sovversivi" (riprendendo il titolo di un altro loro film) del cinema italiano, viene presentato alla Festa da Martin Scorsese, che in questa occasione ne celebra l'opera. Nel 1870, Giulio Maineri, anarchico borghese, organizza una rivolta in un paesino, ma l'impresa fallisce e Maineri viene condannato all'ergastolo. Dieci anni dopo, durante il trasferimento in un altro carcere, Maineri incontra un gruppo di giovani ribelli detenuti, che sconfessano e irridono il suo idealismo utopico, preferendo una strategia rivoluzionaria più razionale, concreta e pragmatica. Maineri, distrutto dal confronto con la realtà e con la storia, sentendosi ormai inutile e vedendo il superamento dei suoi ideali, si uccide. Rilettura rigorosa e austera del '68 e degli anni successivi, San Michele aveva un gallo è un film sul contrasto dialettico tra utopia e storia, tra immaginazione e realtà, tra passato e presente, è un canto funebre sulla figura del rivoluzionario romantico e sul sogno di una rivoluzione mancata e perduta.

IL TEMPO SI È FERMATO
di Ermanno Olmi, Italia, 1963, 83'
Cast: Natale Rossi, Roberto Seveso, Paolo Quadrubbi
La Festa del Cinema rende omaggio a Ermanno Olmi, recentemente scomparso, con la proiezione di Il tempo si è fermato restaurato dalla Cineteca di Bologna. Dopo aver esordito alla regia con dei documentari industriali per la sezione cinema della Edisonvolta, Olmi trasforma l'ennesimo documentario nel suo primo lungometraggio a soggetto, Il tempo si è fermato, del 1963, che racconta con stile rigoroso la creazione di un legame umano sullo sfondo della maestosa solitudine delle montagne, nel silenzio scalfito solo dal respiro del vento e dalle brevi frasi dei due protagonisti, in un mondo lontano dal rumore della modernità. Sul monte Adamello, in Lombardia, durante la pausa invernale nei lavori di costruzione di una diga, i guardiani Natale e Salvetti si occupano della custodia del cantiere; Salvetti torna a valle perché la moglie ha partorito, e viene sostituito da Roberto, un giovane studente. Il ragazzo è espansivo e chiassoso, e inizialmente il taciturno Natale lo tollera a stento, ma, dopo gli iniziali dissapori, tra i due nasce un rapporto di solidarietà e di affetto. Parabola sul rapporto tra l'uomo e la natura, Il tempo si è fermato è un film che, come Olmi continuerà a fare nelle sue opere successive, trova il sacro nella realtà, ed è una riflessione sul tempo che, come nelle Confessioni di Sant'Agostino, è sentito come un'estensione dell'anima: "In te, anima mia, misuro il tempo".

L'ANTI-SCIENZA - IL CASO ILARIA CAPUA
di Stefano Pistolini, Massimo Salvucci, Italia, 2018, 54'
Il rapporto degli italiani con la Scienza è di diffidenza. Basti pensare ai vaccini. Ma il caso di Ilaria Capua, virologa di fama internazionale travolta da un falso scandalo mediatico che l'ha bollata come trafficante di virus, è esemplare. Ora Ilaria ricostruisce la vicenda e ne elabora gli insegnamenti. E un gruppo di autorevoli testimoni analizzano un sentimento collettivo: in Italia è più facile fidarsi di una fake news che di uno scienziato?

AS TIME GOES BY - L'UOMO CHE DISEGNAVA SOGNI
di Simone Aleandri, Italia, 2018, 75'
Silvano Campeggi, in arte Nano, è stato l'ultimo grande illustratore del cinema. I suoi manifesti - da Via col Vento a West Side Story, passando per Casablanca e Ben Hur - hanno fatto sognare generazioni di spettatori prima ancora di entrare in sala. Artista prolifico ha attraversato il Novecento con la matita in mano, lavorando ogni giorno fino a novantacinque anni. Questo documentario è un viaggio nella sua vita e nell'immaginario del ventesimo secolo.

GIOSETTA FIORONI - POP SENTIMENTALE
di Gabriele Raimondi, Italia, 2018, 55'
Giosetta Fioroni è l'ultima esponente della scuola di Piazza del Popolo, l'unica donna del gruppo che è stato la risposta italiana alla Pop Art. Il documentario ripercorre la sua vita d'artista. Attraverso i ricordi della Fioroni riviviamo una stagione dell'arte e della cultura italiana. Giosetta racconta di Mario Schifano, di Federico Fellini e di Marcel Duchamp. Su tutti il ricordo dell'amore per il compagno, lo scrittore Goffredo Parise, con cui ha attraversato con leggerezza e lucidità i conflitti sociali e ideologici di quegli anni.

THE KING OF PAPARAZZI RINO BARILLARI
di Giancarlo Scarchilli, Massimo Spano, Italia, 2018, 75'
Rino Barillari è il più famoso paparazzo del mondo ancora in attività. Lo stesso Federico Fellini (che aveva "inventato" i paparazzi col suo memorabile film-affresco La Dolce Vita) lo aveva definito "The King of Paparazzi". Attraverso i suoi scatti, aveva fissato più di mezzo secolo di accadimenti legati al costume, raccontando con inconsapevole lucidità la nostra storia attraverso foto, spesso inedite, caratterizzate da un forte impatto visivo ed evocativo.

LINFA
di Carlotta Cerquetti, Italia, 2018, 52'
Un documentario musicale sulla scena underground femminile di Roma Est, sulla passione per l'arte e la musica, sulla libertà di essere ciò che vogliamo al di là dei ruoli stereotipati e sulla scelta di seguire i propri talenti e desideri - che danno linfa alla nostra esistenza - nonostante i sacrifici che questo può comportare. Una storia di libertà e di resistenza artistica, ambientata nei quartieri di Roma dove si è combattuta la Resistenza.

MUSE E DEI
di Gianfrancesco Lazotti, Italia, 2018, 78'
Catherine è sicura che Risi nascondesse un mistero, Ornella che non fosse affatto cinico, come si dice, Fanny dice che Scola la sapeva ascoltare, Stefania invece confessa che Scola è ancora il suo confidente immaginario, Caterina afferma che quando Antonioni ti guardava avevi la sensazione di essere unica... Poi ancora Alessandra, Isabella, Giovanna, Paola, Monica, ognuna con qualcosa di personale da dichiarare sul loro maestro.

LA STORIA QUASI VERA DI STEFANO BENNI - LE AVVENTURE DEL LUPO
di Enza Negroni, Italia, 2018, 70'
In un documentario biografico Stefano Benni si svela attraverso un viaggio nei suoi luoghi dell'anima, insieme ad amici, scrittori e musicisti, tra cui Daniel Pennac, Alessandro Baricco e Angela Finocchiaro. Un incontro molto ravvicinato dal quale emerge una sua visione del mondo, la sua particolare scrittura e poliedrica personalità. E, non ultima, la ragione del suo soprannome Lupo.

IL MARE DELLA NOSTRA STORIA
di Giovanna Gagliardo, Italia, 2018, 94'
C'è un luogo che guarda l'Italia e che dall'Italia è guardato. Uno sguardo fatto di brame, di scontri, incontri e seduzioni. Uno sguardo che ha significato l'inferno della guerra e l'eden di una nuova piccola patria. Questo luogo è la Libia. Il film, attraverso immagini d'archivio, sequenze d'attualità, testimonianze d'eccezione, ne racconta la storia tumultuosa, e di più: racconta perché e come questa storia riguardi in modo non marginale l'Italia e gli italiani.

TRE QUARTINE E UN ADDIO
di Fariborz Kamkari, Italia, 2018, 65'
Cast: Elettra Falzetti, Manuela Cossu, Fabio Massimo Falzetti, Daniela Belletti
Una famiglia romana è travolta da un lutto inaspettato. Elettra, dodici anni, si aggira tra i suoi famigliari a pezzi, piena di domande. Ognuno degli adulti cerca di farle accettare la morte della nonna proponendo punti di vista razionali, religiosi, pragmatici, senza grande successo. Un ritratto di famiglia oggi a Roma: sette personaggi diversi, alle prese con un'adolescente inquieta. Elettra alla fine riesce a costruire il suo racconto sulla morte. E forse, diventa adulta. 

TRENO DI PAROLE
di Silvio Soldini, Italia, 2018, 58'
Raffaello Baldini, poeta tra i maggiori del secondo '900, scriveva nel dialetto di Santarcangelo di Romagna. Canta dello spaesamento, delle nevrosi dell'uomo contemporaneo con sofferta ironia e a tratti con irresistibile comicità. Attraverso le testimonianze, le poesie da lui lette, frammenti dei monologhi, paesaggi romagnoli, questo film rende omaggio a un poeta ancora ingiustamente sconosciuto.

LE VIETNAM SERA LIBRE
di Cecilia Mangini, Paolo Pisanelli, Italia, 2018, 30'
Nel 1964-65, i registi Lino Del Fra e Cecilia Mangini vissero per tre mesi nel Vietnam del Nord in guerra con gli Stati Uniti per effettuare i sopralluoghi per un documentario. Furono poi rimpatriati insieme a tutti gli stranieri presenti ad Hanoi. Il loro film non fu più girato, ma Cecilia realizzò un reportage fotografico, ancora in buona parte inedito. Quella guerra, quella resistenza, quel popolo in armi rivivono attraverso scatti, scritti e ricordi.

WOMANITY
di Barbara Cupisti, Italia, 2018, 90'
Womanity racconta la "forza positiva" che le donne esercitano nella società: nell'ambito familiare come nelle comunità, nei luoghi di lavoro come nella politica. Una forza e un'azione positiva in grado d'agire nonostante le numerose difficoltà che le donne, ancor oggi, si trovano a dover affrontare, vuoi per motivi religiosi, politici o culturali.

FILM DELLA NOSTRA VITA

Come ogni anno, il Direttore Artistico Antonio Monda e i membri del Comitato di Selezione - Mario Sesti (Coordinatore Artistico), Richard Peña, Giovanna Fulvi, Alberto Crespi, Francesco Zippel, Valerio Carocci - condivideranno con il pubblico una breve rassegna di film che hanno segnato la loro passione per il cinema: dopo il western e il musical, nel 2018 sarà la volta del noir. Ciascun film sarà accompagnato da un incontro con autori, attori e ospiti; inoltre, prima di ogni proiezione della prossima Festa del Cinema, gli spettatori potranno assistere a brevi pillole dei noir più celebri e amati. 

Antonio Monda
CHINATOWN
di Roman Polanski, Stati Uniti, 1974, 130'
Cast: Jack Nicholson, Faye Dunaway, John Huston, Perry Lopez, John Hillerman, Darrell Zwerling, Diane Ladd

Giovanna Fulvi
JU DOU
di Zhang Yimou, Cina, Giappone, 1990, 95'
Cast: Gong Li, Li Baotian, Li Wei, Zhang Yi, Zhen Ji-an

Richard Peña
KISS ME DEADLY | UN BACIO E UNA PISTOLA
di Robert Aldrich, Stati Uniti, 1955, 106'
Cast: Paul Stewart, Ralph Meeker, Cloris Leachman, Albert Dekker, Juano Hernandez, Wesley Addy

Francesco Zippel
IN A LONELY PLACE | IL DIRITTO DI UCCIDERE
di Nicholas Ray, Stati Uniti, 1950, 94'
Cast: Humphrey Bogart, Gloria Grahame, Frank Lovejoy, Carl Benton Reid, Art Smith, Jeff Donnell

Alberto Crespi
LE SAMOURAÏ | FRANK COSTELLO FACCIA D'ANGELO
di Jean-Pierre Melville, Francia, Italia, 1967, 107'
Cast: Alain Delon, François Périer, Nathalie Delon, Cathy Rosier, Jacques Leroy

Mario Sesti
SWEET SMELL OF SUCCESS | PIOMBO ROVENTE
di Alexander Mackendrick, Stati Uniti, 1957, 96'
Cast: Tony Curtis, Burt Lancaster, Martin Milner, Susan Harrison

Valerio Carocci
WHO FRAMED ROGER RABBIT | CHI HA INCASTRATO ROGER RABBIT
di Robert Zemeckis, Stati Uniti, 1988, 104'
Cast: Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan Tilvern, Richard LeParmentier

ALTRI EVENTI DELLA FESTA

MOSTRE

THREE MINUTES | MOSTRA FOTOGRAFICA DI RICCARDO GHILARDI
Auditorium Parco della Musica - Foyer Sala Sinopoli e Foyer Sala Petrassi | 18-28 ottobre ore 9 - 24
Lo sguardo appassionato di Riccardo Ghilardi ci accompagna in un viaggio attraverso i volti del cinema, colti in quei luoghi iconici che ogni anno diventano vetrina della fabbrica dei sogni: Cannes, Venezia, Berlino, Los Angeles con gli Oscar® e i Golden Globe, e ancora Toronto, Roma, New York e tanti altri…
La mostra presenta una cinquantina di ritratti realizzati da Ghilardi, fotografo ritrattista dell'agenzia internazionale Contour by Getty Images, nel corso della sua vita artistica e professionale, durante i suoi anni vagabondi tra i festival internazionali di cinema. L'obiettivo di Ghilardi ha catturato le star in quei momenti - prima che le luci del red carpet si accendano o subito dopo che si sono spente - in cui si riappropriano della propria intima umanità, come se volessero farne tesoro per prepararsi nuovamente ai riflettori. Come ha scritto Ghilardi: "Quelli sono stati i miei momenti, dove ho cercato di cogliere la loro essenza. Ho avuto l'onore di avere i miei 'slot' nella fittissima schedule e ho scattato questi ritratti di 'persone' prima che celebrities".

L'IMPEGNO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
In continuità con l'impegno dell'anno passato, nell'ambito del progetto promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri volto alla prevenzione e al contrasto alla violenza alle donne, la Festa del Cinema dedica nuova particolare attenzione a questo tema.

Mostra "Riso Amaro"
Auditorium Parco della Musica - Villaggio del Cinema | 18 - 28 ottobre 12 - 22
Oltre a ospitare nella Selezione Ufficiale una serie di film attenti alle tematiche femminili, la Festa presenta la mostra "Riso Amaro", una selezione di opere di illustratori, grafici, disegnatori, umoristi di tutto il mondo. Il titolo della mostra parafrasa quello del film di Giuseppe De Santis (1949), dedicato alle durissime condizioni di vita delle mondine, in cui si consuma uno stupro di cui è vittima la protagonista. La mostra, con la forza della creatività e il linguaggio graffiante della satira, affronta un argomento serio e attuale, nella convinzione che la satira declinata in forma grafica possa svolgere un'importante funzione di riflessione e di denuncia: un vero e proprio manifesto per dire "Mai più violenza contro le donne". La mostra, a cura della Associazione Culturale Festival Grafico, con l'ideazione e la direzione artistica di Julio Lubetkin e la consulenza di Marilena Nardi, è ospitata nello stand dedicato nel Villaggio del Cinema.

Cuori al buio
Inoltre, durante la Festa, verranno proiettati i corti finalisti del concorso "Cuori al buio", iniziativa rivolta al mondo dei filmmaker per la realizzazione di un cortometraggio sul tema della violenza sulle donne, orientato al cambiamento dei comportamenti socio-culturali, al fine di eliminare pregiudizi, costumi, tradizioni e pratiche basate su stereotipi di ruolo e prevenire episodi di sopraffazione e discriminazione. I finalisti sono stati selezionati da una giuria presieduta dall'attrice Maria Pia Calzone, affiancata da Roberto Andò, regista, sceneggiatore e scrittore, e da Ida Dominijanni, giornalista e filosofa. Il vincitore riceverà una somma di duemila euro, mentre i finalisti avranno a disposizione quattro accrediti gratutiti ciascuno per seguire da vicino l'intera manifestazione.

MOSTRA MARCELLO MASTROIANNI
Museo dell'Ara Pacis (Lungotevere in Augusta) | 26 ottobre 2018 - 6 gennaio 2019
"Una vita tra parentesi". È stata quella di Marcello Mastroianni. O almeno così la definiva lui. Le parentesi tra un set e l'altro, tra un palcoscenico e l'altro, lungo una carriera fatta di un'infinità di film, di spettacoli, di personaggi. Ora una mostra ripercorrerà i fili intrecciati di quella vita e di quel cammino artistico: Marcello Mastroianni, che si aprirà il 26 ottobre, in occasione della Festa del Cinema, al Museo dell'Ara Pacis a Roma, dove rimarrà fino al 6 gennaio. "C'è ancora molto da scoprire di Marcello - racconta il curatore Gian Luca Farinelli - e per andare a fondo nella scoperta dobbiamo tallonare la sua filmografia, perché rappresenta lo specchio della sua stessa vita". Tutta la carriera e  la vita di Marcello Mastroianni saranno raccontate attraverso  i  suoi ritratti più belli, cimeli e tracce dei suoi film e dei suoi spettacoli; la mostra avvicenderà immagini e racconti immergendo lo spettatore in  quello  che  è  stato  ed  è  ancora il più conosciuto volto del cinema italiano. La mostra Marcello Mastroianni, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è coprodotta e curata dalla Cineteca di Bologna, con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali e dell'Istituto Luce Cinecittà; i servizi museali sono di Zètema Progetto Cultura e il coordinamento organizzativo è a cura di Equa di Camilla Morabito.

MOSTRA PIERO TOSI. ESERCIZI SULLA BELLEZZA. GLI ANNI DEL CSC 1988 - 2016
Palazzo delle Esposizioni di Roma (Via Nazionale, 194) | 16 ottobre 2018 - 20 gennaio 2019 | Info: www.palazzoesposizioni.it
La mostra "Piero Tosi. Esercizi sulla bellezza. Gli anni del CSC 1988-2016" documenta l'attività di docente svolta dal grande costumista nella più antica e importante scuola di cinema italiana. Piero Tosi è stato uno dei più geniali creatori di costumi per il cinema, per il teatro, per l'opera lirica e per la televisione, come testimonia l'Oscar® alla carriera ricevuto dalla Academy of Motion Pictures Arts and Sciences nel 2013. In 28 anni di lavoro al Centro Sperimentale di Cinematografia (dal 1988 al 2016) ha formato decine di talenti, da Massimo Cantini Parrini a Daniela Ciancio, da Andrea Cavalletto ad Andrea Sorrentino, e ha lavorato con tutti i giovani attori e registi che si sono formati al CSC in quei decenni. La mostra racconta questo lavoro e questa missione, che sono inestricabilmente legati al lavoro che Tosi svolge in parallelo sui set e sui palcoscenici di tutto il mondo.

LA PRIGIONIERA | MOSTRA DI MARINA SAGONA
Fondaco Gallery (Via della Frezza 49-51, Roma) | 17 ottobre - 17 novembre ore 11-19.30
Attraverso una serie di disegni e sculture e anche con un'opera sonora, Marina Sagona racconta i tormenti e la claustrofobia dei rapporti sbagliati. Come dice la scrittrice Claire Messud nel suo saggio introduttivo dedicato a questo lavoro: "La codipendenza affettiva comporta un'appassionata devozione per l'amore non corrisposto, un desiderio di auto-abnegazione. Questa condizione non è priva di ironia: siamo sempre pronte a dare, convinte che alla fine i nostri sacrifici verranno riconosciuti; attendiamo ai bisogni e ai desideri dell'altro prima dei nostri, andiamo fiere della nostra capacità di resistere in mezzo alle fiamme, e bruciare. Le nuove opere di Marina Sagona, intrise di sottile ironia, mettono in luce sia il pericolo che il fascino, la bellezza persino, di questo stato… e (allo stesso tempo) mettono in discussione la pornografia dei nostri tempi, che tendono a disumanizzare non solo il sesso, ma anche i rapporti umani in generale". La mostra è in collaborazione con Hdrà e Municipio Roma I Centro.

PROIEZIONI ED EVENTI

LE RASSEGNE AL CINEMA TREVI
Cinema Trevi (Vicolo del Puttarello, 25) | 18 - 28 ottobre
Durante la Festa del Cinema di Roma, la Cineteca Nazionale cura al Cinema Trevi tre rassegne dedicate ad altrettanti protagonisti della settima arte: l'attrice Antonella Lualdi (18-21 ottobre), l'adattatore-dialoghista Roberto De Leonardis, scomparso nel 1984 (23-24 ottobre), il regista Luigi Magni, a novant'anni dalla nascita e a cinque dalla morte (25-28 ottobre). Una diva con grazia, un comandante alla corte di Walt Disney e un cantore di Roma, delle sue bellezze e della sua epica storia: tre angolazioni diverse dalle quali cogliere la grandezza del cinema italiano, dagli anni Cinquanta alla fine del millennio.

LA FESTA AL TEATRO PALLADIUM
Teatro Palladium (Piazza Bartolomeo Romano, 8) | 24 - 27 ottobre
Il Teatro Palladium, storica sala romana oggi di proprietà dell'Università Roma Tre, ospiterà alcune proiezioni della Festa del Cinema. L'iniziativa è stata resa possibile dall'accordo di collaborazione fra Fondazione Roma Tre Teatro Palladium e Fondazione Cinema per Roma, con la finalità di promuovere e valorizzare i contenuti cinematografici prodotti dalla Festa del Cinema e di estenderne la fruizione in particolare al pubblico degli studenti universitari. La Fondazione Roma Tre Teatro Palladium, che si occupa della gestione del Palladium, ha infatti come scopo la formazione e la produzione artistica nei campi del teatro, del cinema, della musica e della danza, con particolare attenzione alle iniziative sviluppate dai più giovani. Le proiezioni al Palladium, dal 24 al 27 ottobre, con ingresso a 5 euro, sono selezionate fra i titoli della linea di programma "Riflessi", dedicata prevalentemente ai documentari e, quest'anno, alle biografie di intellettuali e artisti italiani. Info: teatropalladium.uniroma3.it  

SOLDATI D'ITALIA
di Andrea Salvadore, Italia, 2018, 60'
MAXXI (Via Guido Reni, 4a) | 24 ottobre ore 9.15
La Festa del Cinema di Roma propone una mattinata dedicata alle missioni militari all'estero, con la proiezione del film-documentario Soldati d'Italia, tratto da un ciclo in sei parti ideato e prodotto da Rai Italia, il canale della Rai per gli italiani all'estero. È un'opera nella forma del racconto immersivo, diversa dall'approccio cronistico ma anche dal reportage giornalistico. Soldati d'Italia ci restituisce un'Italia nel mondo inedita, una fotografia di cui andare orgogliosi. Le missioni internazionali dei nostri oltre settemila soldati sono in aree fondamentali per la tenuta della stabilità nel pianeta. Nel film sono proprio i soldati a raccontarsi, diventando la nostra carta d'identità nel mondo. Sono anche loro cervelli espatriati, lungo la linea sottile che divide la giovinezza dall'età adulta, in luoghi sospesi che segneranno per sempre le loro esistenze. In realtà, sono truppe scelte. Partono in missione volontariamente. Scelgono una vita che consente a noi di fare la nostra più tranquilla e nella pace. A fine proiezione conclusioni di: Elisabetta Trenta (Ministro della Difesa), Marcello Foa (Presidente RAI), Marco Giudici (Direttore Rai Italia), Andrea Salvadore (autore e regista), Antonio Monda (Direttore Artistico Festa del Cinema di Roma).

DONBASS. BORDERLAND
di Renat Davletyarov, Russia, 2018, 96'
Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi | 23 ottobre ore 17.30
La Festa del Cinema di Roma presenta in anteprima mondiale Donbass. Borderland del regista russo Renat Davletyarov. Il film affronta il tema del conflitto nell'Ucraina orientale, in corso da quattro anni, una guerra civile che ha già causato più di diecimila morti tra civili e combattenti. "La tragedia di questa guerra - dichiara il regista - consiste nel fatto che le persone che si uccidono a vicenda parlano la stessa lingua e indossano le stesse uniformi". Il film è ambientato nell'agosto del 2014 nei sobborghi di Donetsk. Andrey Sokolov, un giovane soldato ucraino, autista in missione nella zona di conflitto del Donbass, per ripararsi dalle granate si ritrova nel seminterrato di un condominio dove entra in contatto con persone di diversa estrazione sociale, ognuno con la propria storia e la propria visione del mondo. Ma tutti condividono lo stesso sogno: che la guerra finisca il prima possibile.

DETECTIVE PER CASO
Villaggio del Cinema - Cinema Hall | 21 ottobre ore 15.30
Con la realizzazione del lungometraggio Detective per caso, diretto da Giorgio Romano e prodotto da L'Arte nel Cuore Onlus e Addictive Ideas srl, ci si trova davanti al primo film con attori professionisti disabili che non tratta il tema della disabilità. Questo per poter lanciare un messaggio e darne una visione del tutto nuova, anche a livello cinematografico e televisivo. Interpretato dagli attori disabili e normodotati dell'Accademia L'arte nel Cuore, il film è una commedia che tratta temi sociali con leggerezza, declinata in modo da poter sottolineare il talento degli artisti disabili. Lo scopo di questo film è quello di spostare i confini: non ci sono ruoli né gerarchie, non c'è sano né malato. Ci sono esseri umani che vivono le proprie ambizioni e i propri sogni.

ACCADRÀ SUL RED CARPET
Un tappeto rosso sulle strade più celebri del centro di Roma. Dal 17 al 28 ottobre, in occasione della tredicesima edizione della Festa del Cinema, Via dei Condotti, Via Veneto, Piazza San Lorenzo in Lucina, Via della Frezza e la Galleria Alberto Sordi fanno da scenario ad "Accadrà sul Red Carpet", una rassegna di musica, danza, arte e cultura che celebra il mondo della celluloide e il suo legame con la Capitale. Mostre, concerti, performance, presentazioni di libri: un "fuori Festa" per uscire dal perimetro dell'Auditorium Parco della Musica e addentrarsi nel cuore della città. A ideare e organizzare la manifestazione, in collaborazione con il Municipio Roma I Centro, è Hdrà, gruppo tutto italiano guidato da Mauro Luchetti e Marco Forlani e specializzato in comunicazione ATL e BTL, media relations, public affairs, comunicazione social e organizzazione di eventi. Mad Entertainment e Skydancers, società partecipate da Hdrà, hanno vinto il David di Donatello nel 2017 con Crazy for Football nella categoria Miglior documentario e nel 2018 con Gatta Cenerentola nelle categorie Miglior produttore e Migliori effetti digitali.

MEDICINEMA E FONDAZIONE POLICLINICO UNIVERSITARIO AGOSTINO GEMELLI IRCCS 
Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma (largo Agostino Gemelli, 8)
Prosegue per il secondo anno consecutivo la collaborazione con MediCinema Italia Onlus e Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS. In contemporanea con le sale dell'Auditorium Parco della Musica, i pazienti potranno assistere ad alcuni film selezionati nel programma ufficiale della Festa, scelti con attenzione per un pubblico molto speciale. Da aprile 2016 esiste, infatti, una vera sala cinema all'interno del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, entrata a regime a settembre dello stesso anno con un programma bisettimanale dedicato al sollievo dei pazienti, il martedì per tutti i ricoverati e il giovedì per i piccoli degenti dei reparti pediatrici. La programmazione di film in contemporanea a quella delle "normali" sale cittadine - grazie alla grandissima collaborazione con tutte le aziende di produzione e distribuzione cinematografica - è rivolta ai malati e ai loro familiari e accompagnatori: un innovativo strumento che accompagna le terapie tradizionali e si propone di offrire ai degenti un "effetto pausa", ottenendo una sensazione di normalità. Il metodo e la gestione del programma, su base nazionale e in fase di sviluppo, è in capo a MediCinema Italia Onlus, che ha promosso contemporaneamente un progetto di ricerca scientifica in collaborazione con Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma, Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano e altre strutture sanitarie di città in cui MediCinema è presente. 

IO MI RIPRENDO | PERCORSI DI FORMAZIONE AL LINGUAGGIO AUDIOVISIVO PER ADOLESCENTI ROM SOTTOPOSTI A MISURE PENALI
Auditorium Parco della Musica - AuditoriumArte | 24 ottobre ore 12,30
Il progetto "Io mi riprendo" è stato sostenuto dalla Fondazione Cinema per Roma in collaborazione con Arci Solidarietà Onlus, l'IT Roberto Rossellini di Roma e il Centro di Giustizia Minorile per il Lazio, Abruzzo e Molise e ha coinvolto dieci ragazzi e ragazze rom dai quattordici ai diciannove anni inseriti nel circuito penale. Il percorso, che ha portato alla realizzazione di un prodotto audiovisivo, è stata un'importante opportunità di carattere educativo e riabilitativo per i giovani beneficiari attraverso un programma di inclusione ed espressione culturale, che ha costituito un punto di partenza e di ri-partenza, fornendo anche strumenti espressivi per rendere possibile un racconto alternativo della loro storia e delle loro vite. Il percorso formativo ha rappresentato per i ragazzi un'esperienza stimolante sia per conoscere tecnicamente un lavoro, sia per realizzare un prodotto in grado di raccontare la realtà sociale, ambientale, culturale degli adolescenti rom, sfuggendo dall'iper-narrazione dei rom devianti, culturalmente isolati, "cattivi" che ne fanno i media di massa. Il progetto ed i suoi risultati saranno presentati alla Festa del Cinema.

FESTA DEL CINEMA A REBIBBIA
Auditorium di Rebibbia (Via Raffaele Majetti, 70) | 24, 25 e 26 ottobre | Ingresso libero - accreditamento obbligatorio al sito www.enricomariasalerno.it entro il 16 ottobre 2018
In ventiquattro fotogrammi al secondo, il cinema fa muovere la realtà e scopre orizzonti anche là dove tutto è ristretto e gli sguardi non travalicano le mura. Da anni, nell'Auditorium di Rebibbia N.C. entra il grande cinema, grazie alla collaborazione fra Fondazione Cinema per Roma, Archivio Storico Enrico Maria Salerno, DAMS Università Roma Tre. Il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria e la Direzione del Penitenziario patrocinano la manifestazione.

24 ottobre, ore 16,30 - Proiezione del film La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu. Il film è ispirato alla rivisitazione che Eduardo fece della Tempesta di Shakespeare in napoletano antico. Partecipa il regista e il cast.
25 ottobre, ore 16,30 - Proiezione del film Trek Point di Tommaso Cavallini. Le musiche sono a cura del gruppo pop I Nomadi che interverrà al termine della proiezione con l'esecuzione di alcuni brani composti per il film.
26 ottobre, ore 16,30 - Omaggio a Vittorio Taviani con proiezione del film Cesare deve morire (Orso d'oro al Festival di Berlino), girato proprio a Rebibbia. Parteciperà alla proiezione la famiglia Taviani e il cast dei protagonisti di allora, divenuti oggi cittadini liberi.

CASA CIRCONDARIALE FEMMINILE DI ROMA REBIBBIA
Anche quest'anno continua, a cura di Giulia Merenda, la programmazione nella Casa Circondariale femminile di Roma Rebibbia in occasione della Festa del Cinema, grazie all'impegno della Direzione della Casa Circondariale. Lunedì 22 ottobre, alle ore 11, nella sala "Melograno" (proiezione riservata alle detenute) e per tutto il pubblico all'Auditorium del MAXXI alle ore 15, si terrà l'anteprima del documentario Prove di libertà. Roma, quelli dell'articolo 21, regia di Carlo Bolzoni e Guglielmo Del Signore. La proiezione sarà preceduta da "Parole in semilibertà", regia di Francesca Tricarico, con il monologo teatrale di Daniela Savu, ex detenuta, attrice della compagnia "Le donne del muro alto", e il racconto di una detenuta semilibera di Rebibbia Femminile. Saranno presenti i protagonisti detenuti in permesso speciale accompagnati dall'assessore Daniele Frongia e dalla Garante delle persone prive di libertà di Roma Capitale, Gabriella Stramaccioni, che hanno sostenuto il progetto con il Dipartimento di amministrazione penitenziaria.

CINEMADAMARE
Auditorium Parco della Musica - AuditoriumArte | 26 ottobre ore 17,30
Cinemadamare continua il suo lavoro di promozione dei giovani filmmaker e dei loro film. Grazie ad una collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma e con la Roma Lazio Film Commission, in occasione della tredicesima edizione della Festa del Cinema, mette a disposizione degli aspiranti cineasti uno spazio per la presentazione delle loro opere. L'obiettivo è proprio quello di assicurare visibilità anche a lavori realizzati al di fuori del circuito professionale, ma che contengono notevoli elementi di qualità. E farlo proprio durante uno degli appuntamenti più prestigiosi per la cinematografia nazionale e internazionale. Nella stessa occasione, sarà assicurare ai registi, agli sceneggiatori e agli attori (e altre figure artistiche), protagonisti dei film protettati, anche la presenza, in platea, di "addetti ai lavori" che possano, al termine della fruizione, offrire una loro opinione sui lavori visti (e anche sul possibile mercato del film).

LA RICERCA SULLE MALATTIE GENETICHE RARE ALLA FESTA DEL CINEMA
Villa Miani (Via Trionfale, 151) | 19 ottobre
Anche quest'anno Fondazione Telethon sarà ospite della Festa del Cinema di Roma con un'elegante serata di solidarietà, un Gala dinner esclusivo. L'appuntamento, giunto alla sua undicesima edizione consecutiva, è dedicato alla missione Telethon e ai suoi valori. Da quasi trent'anni la Fondazione lavora ogni giorno per rispondere all'appello delle persone e delle famiglie che affrontano una malattia genetica rara ancora senza cura, finanziando la migliore ricerca scientifica in Italia su queste patologie. Grazie alla generosità dei sostenitori, i ricercatori degli Istituti Telethon si impegnano quotidianamente per offrire risposte concrete a molti pazienti e famiglie. I risultati raggiunti finora sono straordinari: tra questi, vi è la terapia genica sviluppata al SR-Tiget, l'Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica di Milano, che sta salvando la vita ai bambini affetti da gravi malattie prima incurabili, e il progetto Malattie Senza Diagnosi del Tigem, l'Istituto Telethon di Genetica e Medicina di Pozzuoli (NA), che sta offrendo a molte famiglie la certezza della diagnosi per i propri figli, dopo anni di buio e incertezze. Il Gala Telethon Festa del Cinema di Roma, organizzato da Fondazione Telethon con direzione organizzativa di Tiziana Rocca, si svolgerà il 19 ottobre 2018 a Villa Miani. Personalità del mondo dell'imprenditoria e dello spettacolo parteciperanno alla serata per sostenere la ricerca Telethon.  

MUSICA

IL MAGICO ACCORDO: CINEMA E JAZZ. TRE INCONTRI
Casa del Jazz (viale di Porta Ardeatina, 55) | 12 - 22 - 27 ottobre ore 21
Sono sbocciati nello stesso secolo e hanno avuto sin dalla nascita la stessa vocazione popolare: saper parlare al corpo e alla mente di chiunque senza distinzioni di lingua, classe sociale, colore della pelle. Cosa rende vicini il linguaggio delle immagini e dei suoni su uno schermo e l'esperimento di ibridazione culturale e musicale (il retaggio ancestrale afroamericano e la tradizione musicale europea) più celebre di sempre? Ed esiste tra cinema e jazz, come in un celebre film di Martin Scorsese (New York, New York) il sogno di un "magico accordo"? La presentazione in anteprima, il 12 ottobre, di un film documentario Cocktail bar, di Stefano Landini e Tony Lama, che ricostruisce la straordinaria avventura di un club musicale romano leggendario, il Music Inn, per il quale sono passati i più grandi jazzisti di tutti i tempi, e due incontri con due autorevoli musicisti come Enrico Pieranunzi, il 22 ottobre, e Lino Patruno, il 27 ottobre, che racconteranno quelli che per loro sono i più interessanti e creativi incontri tra il cinema e il jazz, offriranno a spettatori e appassionati tracce, suggestioni e forse risposte a queste domande. A cura di Luciano Linzi e Mario Sesti.

CINEMA IN CONCERTO
Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli | 28 ottobre ore 21
ACMF (Associazione Compositori Musiche per Film) e la Fondazione Cinema per Roma presentano "Cinema in Concerto", evento di chiusura della tredicesima Festa del Cinema. In programma ventotto composizioni strumentali tratte dalle relative opere filmiche a firma dei compositori aderenti ad ACMF, tra i quali i Maestri premio Oscar® Ennio Morricone e Nicola Piovani e i pluripremiati Maestri Stefano Caprioli, Pasquale Catalano, Riccardo Giagni, Andrea Guerra, Stefano Mainetti, Lele Marchitelli, Pivio & Aldo De Scalzi, Giuliano Taviani. A condurre tutte le partiture sarà il Maestro Alessandro Molinari, vice-presidente di ACMF. Ad eseguire le partiture sarà la prestigiosa Roma Film Orchestra composta di quarantasei elementi, cui si aggiungeranno di volta in volta diversi ospiti. La serata, promossa da SIAE, Nuovo Imaie e Digital Records, sarà presentata dall'attore Pino Insegno.

L'ITALIA DEI MUSICARELLI: INCONTRO CON SHEL SHAPIRO
Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Gianni Borgna SALA SIAE | 24 ottobre ore 17.30
Se si vuole raccontare che cos'era l'Italia degli anni Sessanta, nulla di meglio dei film musicarelli, quelli ispirati alle canzoni di quegli anni. Dentro quei film, semplici solo in apparenza, si trova veramente tutto: lo spirito del tempo, le idee nuove che convivono con quelle vecchie, il conformismo e i primi segni di una rivolta che infiammerà il mondo. Steve Della Casa e Alberto Crespi ne discutono con Shel Shapiro, il leader dei Rokes, protagonista assoluto di quegli anni e fresco di un disco nuovissimo che è un po' una meditazione su quel periodo.

INCONTRI E CONVEGNI

ROMA LAZIO FILM COMMISSION
Auditorium Parco della Musica - AuditoriumArte | 18 - 28 ottobre ore 9.30 - 20.30
Roma Lazio Film Commission promuove il cinema, l'audiovisivo e le coproduzioni, proponendosi come punto di incontro tra le principali realtà produttive nazionali, internazionali e il Lazio, territorio di grande tradizione cinematografica. RLFC rinnova la sua presenza alla Festa del Cinema di Roma, con numerose iniziative e attività, che si svolgono nello spazio AuditoriumArte, all'interno dell'Auditorium Parco della Musica:

• Promozione delle risorse del territorio
• Orientamento sugli strumenti finanziari che la Regione Lazio mette a disposizione del settore audiovisivo
• Postazione per la visione immersiva 3D delle location della regione Lazio con l'app Location360
• Incontri per la formazione:

- CineCampus Masterclass - Lezioni di Cinema - XI edizione
Opportunità formativa rivolta a giovani studenti e professionisti del settore cinematografico e audiovisivo con masterclass dedicate a produzione, recitazione, regia con maestri del settore.

- CineCampus Atelier - La tecnica del cinema - III edizione
Iniziativa dedicata alle professioni tecniche con lezioni specifiche sulle tecniche di ripresa, visione, suono, effetti speciali e sulle nuove metodologie di ripresa con i droni.

CINEMA - COMUNICAZIONE - DIRITTO D'AUTORE A CONFRONTO
Auditorium Parco della Musica - AuditoriumArte | 19 ottobre ore 10
L'incontro, organizzato quest'anno da FERPI - Federazione Italiana Relazioni Pubbliche in occasione della Festa del Cinema, è a cura di Elisa Greco e Daniele Salvaggio componenti del Consiglio Direttivo Nazionale FERPI, e di Federica Carini e Susanna Zirizzotti componenti Delegazione FERPI Lazio. Il  focus dell'appuntamento di questa edizione è centrato sull'analisi e le prospettive relative al diritto d'autore: un confronto tra professionisti e professionalità del cinema e della comunicazione.

CONDIZIONI CRITICHE: INSEGNARE, E IMPARARE, AD AMARE IL CINEMA
MAXXI (Via Guido Reni, 4a) | 21 ottobre ore 11
"Si può costringere a imparare, non a sentire": questa convinzione contenuta in L'Hypothése cinèma. Petit traité de transmission du cinéma à l'ecole et ailleurs di Alain Bergala, contiene in sé ogni problema e sfida dell'insegnamento del cinema, in cui si dovrebbe tener presente la necessità di avvicinarsi al film come a un'opera d'arte, la traccia lasciata dal gesto del suo creatore. È più importante usare il cinema come strumento per aprire alla comprensione degli studenti i temi di cui tratta (la storia, la cronaca, la letteratura, ecc.) o creare le condizioni per cui ognuno possa incontrare, in una età decisiva, i film che sappiano renderlo più consapevole di sé e del mondo? Bisogna accettare le condizioni imprescindibili dell'intrattenimento o affrontare il passaggio difficile e necessario della scoperta di qualcosa di totalmente diverso da ciò che abitudine e mercato offrono? È meglio puntare a una analisi critica o a una lettura creativa? Alla formazione del gusto o alla trasmissione del sapere? Alla visione folgorante o alla "calma impregnazione"? E quali tecnologie (sala, dvd, on line) bisogna selezionare, adattare, accettare perché questi processi di insegnamento e formazione ottengano i migliori effetti possibili, inserendo il cinema come materia di studio nel curriculum delle scuole secondarie? Alcuni tra i migliori critici cinematografici del mondo, come Alain Bergala, Anthony Oliver Scott, Serge Toubiana, coordinati da Mario Sesti, affronteranno in una conversazione pubblica, insieme a Stefania Parigi (del DAMS di Roma) e Gian Luca Farinelli (Cineteca di Bologna), l'orizzonte dell'apprendimento del cinema, a scuola e nelle università, in un mondo postmediale in cui i processi di formazione tradizionali sono sempre più antagonisti del potere dei social e dell'incessante innovazione tecnologica.

L'INCONTRO TRA CINEMA E POESIA
MAXXI (Via Guido Reni, 4a) | 25 ottobre ore 9.15
Poesia e cinema sono arti che in molte occasioni si sono nutrite a vicenda. Basta richiamare i nomi di Pasolini, Bertolucci, Ferreri, Benigni, Kurosawa, Tarkovskij, Wenders, Scorsese per intendere quanto le visioni della poesia hanno influito su opere e stili. Ma anche in molti altri registi e sceneggiatori la poesia ha nutrito vicende e figure. Avvicinandosi il bicentenario della scrittura della poesia "L'Infinito" di Giacomo Leopardi (1819-2019), la Festa del Cinema realizza un omaggio a più voci e in più modi attraverso una conversazione tra registi e poeti sui rapporti tra cinema e poesia e la prima di un corto, prodotto da Rai Teche, dedicato al capolavoro leopardiano. L'iniziativa si lega a "Infinito200-una poesia", un progetto del Centro di poesia contemporanea dell'Università di Bologna e della Fondazione Claudi e Ce.S.MA. che in Italia e nel mondo mette in rete tante occasioni di "festa" e di omaggio al ventenne che mormora "Infinito".

L'Infinito Presente
WeGil (Largo Ascianghi 5) | 22 ottobre ore 19:30
Dell'omaggio a Giacomo Leopardi e al suo "L'Infinito" fa parte anche il progetto "L'Infinito Presente", della Galleria La Nuova Pesa, a cura di Simona Marchini, ospitato presso il WeGil: presentazione di un libro-opera per riaffermare, attraverso il contributo di ventinove poeti e ventinove artisti, ciascuno con la propria idea di Infinito, la necessarietà del linguaggio dell'arte a dispetto della povertà del presente.

CNA CINEMA DAY
In occasione della Festa del Cinema, CNA Cinema e Audiovisivo in collaborazione con la CNA di Roma realizza il 21 ottobre il secondo CNA Cinema Day, appuntamento durante il quale portare alla platea di operatori e istituzioni presenti alcune riflessioni su tematiche di interesse locale, nazionale ed internazionale. CNA Cinema e Audiovisivo nasce come progetto speciale elaborato dal Sistema CNA con l'obiettivo di rappresentare in maniera complessiva e con una visione strategica di insieme, le imprese della filiera. Questo il programma:

- Auditorium Parco della Musica - AuditoriumArte | ore 10
In collaborazione con la Roma Lazio Film Commission viene presentato l'accordo tra CNA Roma e Fondazione Cinema per Roma per sostenere il circuito dei Festival di Cinema Indipendente. Con l'accordo si genererà un ponte tra il mondo della Festa del Cinema e quello di altri festival romani divenuti, nel corso degli anni, una significativa realtà culturale della Capitale. L'obiettivo è offrire alla nostra città un'offerta culturale molto più interessante e variegata di quanto accaduto finora e far sì che i riflettori sul nostro mondo rimangano accesi costantemente per tutto l'anno, non solo nei dieci giorni della Festa del Cinema.

- WeGil (Largo Ascianghi 5) | ore 16
Convegno "Le nuove sfide tecnologiche per l'industria dell'audiovisivo. Netflix, Amazon e OTT, rischio o opportunità?"
Avere paura dell'evoluzione del mercato e dell'innovazione molte volte significa subirla. Regolare il mercato con poche regole, chiare, per dare tranquillità agli operatori e assicurare la crescita dell'intero comparto, sfruttando al meglio l'onda della sfida tecnologica è il vero obiettivo che devono porsi operatori e Istituzioni.

- WeGil (Largo Ascianghi 5) | ore 21
Anteprima Premio Cinearti La Chioma di Berenice
Il Cinearti La Chioma di Berenice è un premio cinematografico italiano assegnato annualmente dal 1998 agli artigiani ed artisti attivi nel mondo del cinema (acconciatori, truccatori, costumisti, scenografi, arredatori e musicisti) creato e promosso da CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e delle Piccola e Media Impresa). In questa anteprima verranno premiati per la prima volta i protagonisti dei titoli di testa: migliore produttrice, miglior produttore, migliore attrice, migliore attore, e alcuni premi per importanti categorie tecniche.

LA CIRCOLAZIONE DELLA CULTURA NELLA RETE
Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Gianni Borgna SALA SIAE | 22 ottobre ore 11,30
La tutela del prodotto culturale e la libera circolazione delle idee. La diffusione su internet di musica e audiovisivo, tra diritti spettanti a tutti i protagonisti della filiera creativa e quelli garantiti agli utenti, di conoscere e condividere idee e informazioni. Di questo e di molto altro si parlerà al convegno "La circolazione della cultura nella rete" che il NUOVOIMAIE, Istituto Mutualistico per Artisti Interpreti Esecutori, organizza nell'ambito della tredicesima edizione della Festa del Cinema. Il confronto che si è acceso recentemente nella votazione del Parlamento di Strasburgo sulla direttiva copyright ha visto schierarsi due partiti: quello che pone al centro del dibattito la protezione dell'industria creativa e quello che fa leva sulla libera e agile diffusione in rete delle idee. Il NUOVOIMAIE è convinto che solo conoscendo le ragioni dell'altro si potrà giungere a una soluzione equilibrata. Il convegno si svolgerà alla presenza di rappresentanti del governo, delle istituzioni, della filiera creativa e naturalmente di numerosi artisti.

IL FUTURO DEL CINEMA
Auditorium Parco della Musica - AuditoriumArte | 24 ottobre ore 10
In occasione della Festa del Cinema, l'associazione Cultura Italiae promuove il convegno "Il futuro del cinema tra piattaforme multimediali e sale cinematografiche, tra esperienza individuale e collettiva: nuove tecnologie, nuove sfide, nuove frontiere". Cultura Italiae rappresenta lo sforzo congiunto di donne e uomini del mondo della cultura, dello sport, dell'innovazione, delle arti, dell'impresa e delle professioni che hanno deciso di unire le proprie competenze per realizzare progetti concreti finalizzati a rappresentare al meglio l'Italia del merito e dell'eccellenza.

Proiezione riservata alla stampa accreditata
BE KIND
di Sabrina Paravicini e Nino Monteleone, Italia, 2018
Un film autoprodotto, quasi familiare, nato dal desiderio di Sabrina Paravicini di fare un regalo al proprio figlio Nino, si è trasformato, nel corso dei mesi di lavorazione, in un vero e proprio film che racconta il viaggio, da piccolo coregista, di una persona diversa all'interno della diversità. La presenza dello scrittore Roberto Saviano, con cui Nino conversa sul tema della felicità secondo la teoria di Epicuro, dell'attore Fortunato Cerlino che aiuta un giovane attore nello spettro autistico a prepara la scena madre di Robert De Niro in Taxi Driver, e dell'astronauta Samantha Cristoforetti che racconta a Nino il valore della diversità, si alternerà a tanti incontri, tante vicende che comporranno un grande racconto a lieto fine. Il progetto, supportato da Gucci, da sempre attivo nella sensibilizzazione verso tematiche come diversità e inclusione, farà parte di Gucci Equilibrium.

Recensioni da Festa del Cinema di Roma 2018

Euforia di Valeria Golino, la recensione

Ettore e Matteo sono due fratelli con un rapporto burrascoso ma, a causa della malattia di uno, si trovano costretti a vivere sotto lo stesso tetto...

7 Sconosciuti a El Royale, la recensione

Thriller che riscrive i topoi del genere e grande cinema di intrattenimento, '7 sconosciuti a El Royale' apre la tredicesima edizione della Festa del...

News e Articoli

Green Book di Peter Farrelly in DVD e Blu-ray da maggio

La storia racconta l'amicizia tra un buttafuori italoamericano e un pianista afroamericano nell'America negli anni sessanta.

L'Amore molesto di Mario Martone in versione restaurata al cinema dopo l'anteprima alla Festa del Cinema di Roma

A 23 anni dalla sua uscita, la versione restaurata in 2k de L'Amore molesto di Mario Martone, vincitore di tre David di Donatello, alla Festa del Cinema di Roma.

Notti Magiche, Paolo Virzì presenta la sua nuova commedia alla Festa del Cinema di Roma

Notti Magiche, un film 'commedia che è anche un noir' firmata da Paolo Virzì.

Roma 2018, 27 e 28 ottobre: programma degli ultimi due giorni della Festa

Notti magiche alla Festa del Cinema: il nuovo lavoro di Paolo Virzì è il film di chiusura della tredicesima edizione. Shirin Neshat protagonista di un Incontro Ravvicinato. Al MAXXI si confrontano due fra i montatori italiani Esmeralda Calabria e Giogiò Franchini. Domenica 28, Alba e Alice Rohrwacher incontrano il pubblico della Festa del Cinema e 'Cinema in concerto' è l'evento di chiusura della tredicesima edizione.

Roma 2018, 26 ottobre: American Animals, A Private War, Diario di tonnara, Three Identical Strangers, Titixe, Before The Frost

Si chiude venerdì 26 ottobre il programma della Selezione Ufficiale della Festa del Cinema di Roma 2018. Sei i film della giornata: American Animals, A Private War, Diario di tonnara, Three Identical Strangers, Titixe, Before The Frost.

Roma 2018, 25 ottobre: il programma

Il premio Oscar Giuseppe Tornatore protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico. Ascesa e caduta di Totò Riina nell'ultimo lavoro di Mosco Levi Boucault. Senso della comunità e violenza razziale in Monsters and Men di Reinaldo Marcus Green.

Premio Studio Universal 2018 ad Alice nella città, 'Falene' di Marco Pellegrini e Luca Jankovic il miglior corto. In TV su Studio Universal a Dicembre

Il corto vincitore del Premio Studio Universal 'Falene' di Marco Pellegrini e Luca Jankovic andrà in onda in prima serata il 10 Dicembre su Studio Universal, all'interno del magazine 'A noi piace Corto'.

Roma 2018, 24 ottobre: Millennium - Quello che non uccide Martin Scorsese, Sigourney Weaver, Stan e Ollie, Green Book, Hermanos

Lisbeth Salander torna sul grande schermo: alla Festa l'anteprima mondiale di The Girl in the Spider's Web di Fede Alvarez. Martin Scorsese torna alla Festa per presentare il restauro di San Michele aveva un gallo di Paolo e Vittorio Taviani. Sigourney Weaver racconta al pubblico cinque decenni di carriera. Nella Selezione Ufficiale anche Stan and Ollie di Jon S. Baird, Green Book di Peter Farrelly e Hermanos di Pablo Gonzaléz.

Roma 2018, 23 ottobre: Mere Pyaare Prime Minister, Jan Palach, La negrada

Nella Selezione Ufficiale My Dear Prime Minister di Rakeysh Omprakash Mehra, Jan Palach di Robert Sedlácek e La Negrada di Jorge Pérez Solano; musica con due eventi speciali: Il flauto magico di Piazza Vittorio e Noi siamo Afterhours; Incontro Ravvicinato con Thierry Frémaux, Delegato Generale del Festival di Cannes.

Roma 2018, 22 Ottobre: Martin Scorsese, The Hate U Give, They Shall Not Grow Old

La Festa del Cinema celebra Martin Scorsese consegnando il premio alla Carriera ed è protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico; in Selezione Ufficiale, il nuovo lavoro di Peter Jackson.

Sono Gassman! Vittorio re della commedia alla Festa del Cinema di Roma e su Sky Arte

Con l'aiuto e la testimonianza di amici e familiari viene ricostruita la carriera artistica di uno dei più rappresentativi attori italiani.

Roma 2018, 21 ottobre: Barry Jenkins, Se la strada potesse parlare, Beautiful Boy, Kursk, The Little Drummer Girl

La Selezione Ufficiale ospita If Beale Street Could Talk: alla Festa torna Barry Jenkins; in programma Kursk di Thomas Vinterberg, i primi due episodi di The Little Drummer Girl, serie firmata da Park Chan-wook, gli omaggi a Vittorio Gassman e Carlo Vanzina, l'Incontro Ravvicinato con Pierre Bismuth.

Roma 2018, 20 ottobre: Isabelle Huppert, Fahrenheit 11/9, The Old Man and the Gun, Light as Feathers

Tre gli Incontri Ravvicinati in programma: sul palco dell'Auditorium Michael Moore a presentare Fahrenheit 11/9, lo scrittore Jonathan Safran Foer, e l'attrice Isabelle Huppert per riceve il Premio alla Carriera; e ancora, l'addio di Robert Redford alla carriera di attore: nella Selezione Ufficiale, The Old Man and the Gun di David Lowery

Roma 2018, 19 ottobre: da Cate Blanchett a Il mistero della casa del tempo

In programma nel Giorno 2 della Festa del Cinema di Roma 2018: Il mistero della casa del tempo (The House with a Clock in Its Walls), Il vizio della speranza, Eter di Krzysztof Zanussi, Halloween di David Gordon Green, Sangre Blanca di Barbara Sarasola-Day. Ospite Cate Blanchett.

Roma 2018, 18 ottobre: si inizia con 7 sconosciuti a El Royale

Giovedì 18 ottobre in programma il film di apertura della Selezione Ufficiale, Bad Times at the El Royale (7 sconosciuti a El Royale), l'opera seconda di Drew Goddard.

Roma 2018, Who Will Write Our History, doc sull'archivio segreto del ghetto di Varsavia

Narrato dalle voci di Adrien Brody e Joan Allen, il docufilm è tratto dall'omonimo libro dello Storico Samuel Kassov e intreccia immagini dei testi d'archivio con nuove interviste e rari filmati.

I Mini Cuccioli in 'Le quattro stagioni' alla Festa del Cinema di Roma, poi al cinema

I Mini Cuccioli approdano sul grande schermo con le loro divertenti avventure dedicate agli spettatori più piccini.

The Old Man and the Gun con Robert Redford al cinema da dicembre, dopo l'anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma

L'ultima interpretazione di Robert Redford prima del ritiro dalle scene come attore.

A Private War porta la vera storia di Marie Colvin alla Festa del Cinema di Roma, poi in sala

Tratto dall'articolo di Marie Brenner, il biopic ripercorre la vita personale e professionale della giornalista che in Sri Lanka nel 2001 perse l'occhio sinistro.

Ben is Back con Julia Roberts da Toronto a Roma, poi al cinema da dicembre

Julia Roberts interpreta una madre coraggiosa che cerca in tutti i modi di proteggere la propria famiglia, facendo delle scelte particolarmente difficili.

TimVision alla Festa del Cinema di Roma 2018

In occasione della conferenza stampa di presentazione di Alice Nella Città, la rete di streaming Tim Vision - main partner della manifestazione - ha presentato l'offerta con cui si presenterà all'Auditorium Parco della Musica dal 18 al 28 Ottobre.

Roma 2018, Bad Times at the El Royale film d'apertura

Film noir in cui in un misterioso e fatiscente hotel si incontrano sette estranei, ognuno con un passato da nascondere e un segreto da proteggere. Nel cast: Jeff Bridges, Cynthia Erivo, Dakota Johnson, Jon Hamm, Cailee Spaeny, Lewis Pullman, Nick Offerman e Chris Hemsworth.

Roma 2018, The Miseducation of Cameron Post con Chloe Grace Moretz in anteprima italiana

Il film è tratto dal romanzo di culto di Emily M. Danforth.

Peter Sellers nell'immagine ufficiale della Festa del Cinema di Roma 13

Peter Sellers è ritratto nei panni del suo personaggio più conosciuto, l'ispettore Jacques Clouseau, protagonista della serie La Pantera Rosa.

Watergate in anteprima a Roma 2018

Lo scandalo del Watergate alla Festa del Cinema: in arrivo tutti gli episodi della nuova serie firmata dal premio Oscar Charles Ferguson.

Roma 2018, prime anticipazioni

Premio alla Carriera a Martin Scorsese protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico; per gli Incontri Ravvicinati conversazioni con Sigourney Weaver, Giuseppe Tornatore, Pierre Bismuth; in anteprima Notti magiche di Paolo Virzì.

Roma 2018, a Martin Scorsese e Isabelle Huppert il Premio alla Carriera

Martin Scorsese e Isabelle Huppert riceveranno il Premio alla Carriera; a consegnare i riconoscimenti, rispettivamente, Paolo Taviani e Toni Servillo.

Roma 2018, Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis in Selezione Ufficiale

Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis nella Selezione Ufficiale della tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma.