Ritratto Jerry Bruckheimer

Jerry Bruckheimer

Scheda di Jerry Bruckheimer

Scheda relativa a Jerry Bruckheimer, con la biografia, la filmografia, la seriegrafia, le notizie, i video correlati e un forum dedicato a Jerry Bruckheimer.

Biografia Jerry Bruckheimer

Ha prodotto per oltre 40 anni film e programmi televisivi di rilievo e di qualità, diventando così il produttore di maggior successo di tutti i tempi in entrambi i media. Le sue produzioni, tutte con l'ormai familiare logo del fulmine, non solo hanno deliziato il pubblico di tutto il mondo, ma hanno avuto un forte impatto sulla cultura popolare nel corso dei decenni. I film di Bruckheimer sono stati premiati con 43 nomination agli Oscar®, sei Oscar®, otto nomination ai Grammy, cinque Grammy, 23 nomination ai Golden Globe, quattro Golden Globe, 133 nomination agli Emmy, 23 Emmy, 32 nomination ai People's Choice Awards, 15 People's Choice Awards, 12 nomination ai BAFTA, due BAFTA, numerosi premi MTV, tra cui uno per il Miglior film del decennio per Beverly Hills Cop – Un piedipiatti a Beverly Hills e 20 Teen Choice Awards. I suoi primi film sono stati delle pillole di circa 60 secondi in cui raccontava la sua città natale, Detroit. Uno di quei mini-film è stato notato dal Time Magazine e ha portato il produttore, allora 23enne, all'attenzione dell'agenzia pubblicitaria di fama mondiale BBD&O, che lo ha chiamato a New York. Quattro anni a Madison Avenue gli hanno dato l'esperienza e la sicurezza per affrontare Hollywood, così, a 30 anni, ha iniziato a produrre film memorabili come Marlowe, il poliziotto privato, American Gigolo e Flashdance nel 1983. L'ultimo film ha cambiato la vita di Bruckheimer, incassando 92 milioni di dollari solo negli Stati Uniti e saldando il sodalizio con Don Simpson, che sarebbe diventato il suo socio per i 13 anni a seguire. Insieme, Simpson e Bruckheimer hanno prodotto un successo dopo l'altro, tra cui Top Gun, Giorni di tuono, Beverly Hills Cop, Beverly Hills Cop II, Bad Boys, Pensieri pericolosi, Allarme rosso, e il film cult C'eravamo tanto odiati, che Entertainment Weekly ha nominato come uno dei "50 film migliori di sempre" nel luglio del 2012. I successi al botteghino sono stati riconosciuti sia nel 1985 che nel 1988 quando l'Associazione Nazionale degli Esercenti (NATO) ha nominato Bruckheimer 'Producer of the Year'. E nel 1988 il GILDA lo ha nominato, insieme a Simpson, 'Motion Picture Showmen of the Year'. Nel dicembre 2015, la Library of Congress ha annunciato che Top Gun era stato selezionato per il National Film Registry. Nel 1996 Bruckheimer ha prodotto The Rock, che è stato nominato Miglior film dell'anno dalla NATO, ha incassato 350 milioni di dollari in tutto il mondo ed è stato l'ultimo film di Bruckheimer insieme a Simpson, che purtroppo è morto durante la produzione. Da solo, Bruckheimer ha prodotto nel 1997 Con Air, che ha incassato oltre 230 milioni di dollari, ottenendo un Grammy e due nomination agli Oscar® e portando al produttore lo ShoWest International Box Office Achievement Award. Poi arrivò il successo di Armageddon, che è stato il più importante film del 1998, incassando circa 560 milioni di dollari in tutto il mondo. Alla fine del millennio, Bruckheimer ha prodotto Nemico pubblico e Fuori in 60 secondi, incassando oltre 225 milioni di dollari in tutto il mondo; Le ragazze del Coyote Ugly, il cui album della colonna sonora è diventato triplo disco di platino; e Il sapore della vittoria – Uniti si vince, che ha vinto un NAACP Image Award. I suoi colleghi della Producers Guild of America lo hanno insignito con il David O. Selznick Award. Bruckheimer ha iniziato il 21° secolo con il triplice candidato agli Oscar® Pearl Harbour. Oltre a numerose nomination per diversi premi e all'Oscar® per il Miglior montaggio sonoro, il film ha incassato oltre 450 milioni di dollari al botteghino mondiale e superato i 250 milioni di dollari in vendite di DVD. Nel 2001, Black Hawk Down, la storia della Battaglia di Mogadiscio del 1993, diretta da Ridley Scott, è stato premiato con due Oscar® e recensioni entusiastiche. Nel 2003 Bruckheimer ha presentato La maledizione della prima luna, con Johnny Depp, Orlando Bloom, Geoffrey Rush e Keira Knightley e diretto da Gore Verbinski. Il film ha incassato più di 630 milioni di dollari in tutto il mondo e ha ottenuto cinque nomination agli Oscar®. Ha anche dato vita a quattro sequel: Pirati dei Caraibi: la maledizione del forziere fantasma, Pirati dei Caraibi: ai confini del mondo, Pirati dei Caraibi: oltre i confini del mare e Pirati dei Caraibi: la vendetta di Slazar, tutti con maggiore successo del primo. Complessivamente, i cinque film Pirati dei Caraibi fino ad oggi hanno incassato circa 4,5 miliardi di dollari al botteghino mondiale, oltre 900 milioni di dollari in home video e oltre 1,6 miliardi di dollari in vendite di gadget. Altri film prodotti da Bruckheimer nel 2003 includono Kangaroo Jack – Prendi i soldi e salta, Bad Boys II e Veronica Guerin – Il prezzo del coraggio. Nel 2004 è stato rilasciato King Arthur, seguito dal successo Il mistero dei tamplari, che ha incassato più di 335 milioni di dollari in tutto il mondo. All'inizio del 2006 il film drammatico Glory Road – Vincere cambia tutto vinse un premio ESPY, mentre gli sceneggiatori ricevettero un Humanitas Prize. Dopo aver collaborato per la sesta volta con il regista Tony Scott, Bruckheimer rilasciò Déjà Vu – Corsa contro il tempo, alla fine di quell'anno. Nel dicembre 2007, Il mistero delle pagine perdute, il sequel del successo del 2004, ha esordito al primo posto al botteghino, con 45 milioni di dollari, quasi 10 milioni in più rispetto al primo film. È rimasto al vertice del box office per tre settimane consecutive, raggiungendo un incasso lordo mondiale di oltre 450 milioni di dollari. Nel 2009 ha prodotto I love shopping, basato sui romanzi best-seller di Sophie Kinsella, seguito dal successo internazionale G-Force – Superspie in missione, un innovativo film d'avventura in 3D, diretto da Hoyt Yeatman. Le produzioni della Jerry Bruckheimer Films del 2010 includono l'epico Prince of Persia: le sabbie del tempo e L'apprendista stregone, parzialmente ispirato al classico della Disney Fantasia. L'uscita del 2013 di The Lone Ranger ha riunito la squadra dei primi tre film di successo Pirati dei Caraibi, ed è stato premiato con due nomination agli Oscar®. L'anno seguente Bruckheimer ha prodotto l'horror Liberaci dal male, un thriller paranormale diretto da Scott Derrickson. In seguito Bruckheimer ha prodotto Gemini Man, un thriller internazionale che lo riunisce a Will Smith, diretto dal due volte premio Oscar® Ang Lee. Le riprese del film, prodotto in collaborazione con Skydance Media, inizieranno nel 2018 in località di tutto il mondo. Nel dicembre 2013 è stato annunciato che Bruckheimer si sarebbe riassociato alla Paramount Pictures, lo studio con il quale lui e Don Simpson si erano associati per alcuni dei loro film di maggior successo. Tra i film in sviluppo c'è un nuovo film di Beverly Hills Cop, ancora una volta con Eddie Murphy e Top Gun 2, in associazione con Skydance Media, con Tom Cruise di nuovo protagonista. Bruckheimer ha portato la sua esperienza anche in televisione nel 2000 con CSI: scena del crimine. È diventato rapidamente lo show di maggior successo in televisione, con una media di 25 milioni di spettatori alla settimana e, insieme ai suoi due spin-off, CSI: Miami e CSI: NY, hanno catapultato la CBS al top dei canali più seguiti. La serie originale CSI: scena del crimine si è conclusa con la XV stagione con un evento di due ore il 27 settembre 2015, intitolato appropriatamente CSI: Immortality, che ha riportato William Petersen, Marg Helgenberger e Paul Guilfoyle al laboratorio di Las Vegas. La Jerry Bruckheimer Television ha prodotto serie di successo come Senza traccia, Cold Case, Dark Blue, Hostages, Lucifer. Uno dei successi più duraturi del produttore è la serie The amazing Race, che è appena entrata nella sua trentesima stagione in 17 anni. La serie ha vinto un totale di 15 Emmy, otto dei quali consecutivamente, su 55 nomination. Nel 2004 il Time ha inserito Bruckheimer nella lista delle 100 persone più influenti del mondo, ed è stato posizionato al primo posto nel Power Issue da Entertainment Weekly. Variety lo ha scelto come Showman of the Year 2006. Nel 2010 ShoWest ha insignito Bruckheimer con il suo Lifetime Achievement Award. Il 17 maggio 2010 ha impresso le sue mani nel cemento del piazzale del famoso Chinese Theatre di Hollywood Boulevard. Quella stessa sera, è stato premiato dall'American Film Institute con una retrospettiva di cinque dei suoi film di maggior successo, introdotti dai rispettivi cast e registi. Nel 2012 Bruckheimer ha ricevuto l'eccezionale Producer of Competition Television Award dalla Producers Guild of America per The Amazing Race. Nello stesso anno ha ricevuto il prestigioso Humanitarian Award dal Simon Wiesenthal Center. Il 24 giugno 2013 Bruckheimer ha ricevuto la sua stella sulla Hollywood Walk of Fame. La notte del 12 dicembre 2013, è diventato anche il primo produttore a essere premiato con un American Cinematheque Award. Le numerose altre onorificenze di Bruckheimer includono la consegna della Ninfa d'Oro dal Principe Alberto II di Monaco al Monte Carlo Television Festival nel 2014. Nel 2016 la UCLA ha omaggiato il produttore con una retrospettiva di dieci suoi film al Billy Wilder Theatre, per rendere omaggio all'eccezionale contributo che ha apportato durante la sua carriera. 

Video correlati a Jerry Bruckheimer

Apri Box Commenti