Atto di Difesa, Nelson Mandela e il processo Rivonia al cinema

Arriva al cinema per in centenario della sua nascita il film che racconta le vicende del processo intentato nel 1963 contro il leader del movimento anti-apartheid e a seguito del quale Mandela scontò 27 anni di carcere.

Nell'anniversario dei cento anni della nascita di Nelson Mandela arriva in Italia Atto di Difesa – Nelson Mandela e il processo Rivonia, il film che racconta le vicende del processo intentato nel 1963 contro il leader del movimento anti-apartheid e a seguito del quale Mandela scontò 27 anni di carcere.

Il film, distribuito da Twelve Entertainment e patrocinato da Amnesty International Italia, ripercorre la vicenda umana di Bram Fischer, l'avvocato bianco difensore di Mandela e dei leader dell'African National Congress che sedettero sul banco degli imputati accusati di sabotaggio e alto tradimento, e per questo passibili di condanna a morte.

Attraverso lo sguardo di Fischer il film racconta un'epoca e un Paese, il Sudafrica dell'Apartheid, che è passato alla storia come il regime che fece della segregazione razziale la base del suo sistema politico interno. Un paese in cui i neri costituivano l'80% della popolazione e nel quale la discriminazione assunse le forme più violente e assurde: dalla legge che proibiva a neri di utilizzare le medesime strutture pubbliche dei bianchi (le sale d'attesa, le fontane, i marciapiedi), a quella che li costringeva a frequentare i quartieri bianchi solo con degli speciali passaporti. Dalla proibizione dei matrimoni interraziali alla legge che trasformava i rapporti sessuali tra bianchi e neri in reato penalmente perseguibile.

"Amnesty International Italia è orgogliosa di patrocinare 'Atto di difesa', un film che racconta uno dei momenti più bui del Sudafrica dell'apartheid e allo stesso tempo esalta una storia di coraggio, commenta Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. A difendere e a salvare Nelson Mandela e gli altri nove dirigenti dell'African National Congress dalla condanna a morte per sabotaggio fu un avvocato per i diritti umani, Bram Fischer, che rischiò non solo di perdere la carriera ma anche di trovarsi imputato nello stesso processo per la sua militanza nel movimento di Mandela. Accanto a Mandela, è doveroso ricordare anche la sua figura di difensore dei diritti umani che rischia la vita per tutelare i diritti degli altri".

Firmato dal regista Jean Van De Velde, il film racconta la vita privata di Fischer, ex promessa del rugby sudafricano, marito e padre di due figli, la sua battaglia legale a difesa di Mandela.

In Atto di difesa il ruolo del giovane Nelson Mandela viene ricoperto dall'attore sudafricano Sello Motloung mentre Bram Fisher è interpretato dall'attore olandese Peter Paul Muller. Per questo ruolo Muller ha vinto il Golden Calf, l'equivalente olandese dei David di Donatello, come miglior attore protagonista nel 2017.

Apri Box Commenti
Torna su