Fabrizio De André, il biopic Principe Libero su Rai1

Il biopic di Fabrizio De André arriva nel 2018 in occasione della sua scomparsa, l'11 gennaio 1999, e quello della sua nascita, il 18 febbraio 1940.

"Io sono un principe libero e ho altrettanta autorità di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare" è la citazione del pirata britannico Samuel Bellamy scritta nelle note di copertina del disco "Le nuvole" di Fabrizio De André, frase a ui si ispira il titolo dell biopic a lui dedicato "Fabrizio De André. Principe Libero" arriva sul grande e sul piccolo schermo in occasione dei due anniversari che ne racchiudono il viaggio: quello della scomparsa, l'11 gennaio 1999, e quello della nascita, il 18 febbraio 1940.

Il biopic Fabrizio De André. Principe Libero si concentra su gran parte della vita del suo protagonista: dall'infanzia ai progetti della maturità, passando per il racconto degli anni di Genova, del rapporto con la famiglia e dell'apprendistato formativo svolto nei caruggi della città, con amici vicini come Paolo Villaggio - sarà lui a coniare per De André il soprannome con cui è tuttora noto, Faber - e delicatamente più distanti, come Luigi Tenco. Seguono i primi successi - Mina che porta in televisione la sua "Canzone di Marinella" -, le prime esibizioni dal vivo, l'incontro con Dori Ghezzi, la vita in Sardegna fino alle pagine del rapimento e al successivo ritorno sulle scene.

Coprodotto da Rai Fiction e Bibi Film, scritto da Francesca Serafini e Giordano Meacci e diretto da Luca Facchini, interpretato da Luca Marinelli (nel ruolo di Fabrizio De André), Valentina Bellé, Elena Radonicich, Davide Iacopini, Gianluca Gobbi e con la partecipazione di Ennio Fantastichini, Fabrizio De André. Principe Libero è arrivato nei cinema italiani per due soli giorni, il 23 e 24 gennaio, distribuito da Nexo Digital, e va in onda in televisione in martedì 13 e mercoledì 14 febbraio in prima serata su Rai1. 

Apri Box Commenti
Torna su