Film di Roma 2012

Film di Roma 2012: tutta la giuria di Concorso, due nuovi film Fuori Concorso


Completata la giuria che assegnerà i premi ai film in concorso: Jeff Nichols (Presidente), Timur Bekmambetov, Valentina Cervi, Edgardo Cozarinsky, Chris Fujiwara, Leila Hatami, P.J. Hogan. Al Festival due nuovi film Fuori Concorso: Black Star di Francesco Castellani e Tom le Cancre di Manuel Pradal.

di / 31.10.2012
Film di Roma 2012

Il direttore artistico del Festival Internazionale del Film di Roma, Marco Müller, ha annunciato i componenti della giuria che assegnerà i premi ai film in concorso nella settima edizione, in programma dal prossimo 9 - 17 novembre, al Auditorium Parco della Musica.

Oltre al presidente Jeff Nichols (Stati Uniti), il regista e sceneggiatore di Shotgun Stories, Take Shelter e Mud, troviamo il regista e produttore russo di origine kazaka Timur Bekmambetov, l'attrice italiana Valentina Cervi, il critico cinematografico e direttore di festival statunitense Chris Fujiwara, l'attrice iraniana Leila Hatami, il regista australiano P.J. Hogan e lo scrittore e regista argentino Edgardo Cozarinsky.

La giuria così composta assegnerà i seguenti premi:

  • il premio Marc'Aurelio d'Oro per il miglior film,
  • il Premio per la migliore regia, il Premio Speciale della giuria,
  • il Premio per la migliore interpretazione maschile,
  • il Premio per la migliore interpretazione femminile,
  • il Premio a un giovane attore o attrice emergente,
  • il Premio per il migliore contributo tecnico,
  • il Premio per la migliore sceneggiatura.

Inoltre, è stato annunciato che al programma del Festival Internazionale del Film di Roma 2012 si aggiungono due nuovi titoli nella sezione Fuori Concorso che saranno proiettati l'ultimo giorno del Festival, sabato 17 novembre: i due film sono Black Star di Francesco Castellani e Tom le Cancre di Manuel Pradal. Il primo, ambientato a Roma, è la storia emozionante della squadra di calcio di rifugiati "Liberi Nantes Football Club", mentre Tom le Cancre è una sorta di Peter Pan moderno, uno spaccato poetico e visionario del momento in cui un gruppo di ragazzi varca la soglia che separa l'infanzia dall'adolescenza.