Alberto Angela in Meraviglie, la penisola dei tesori [credit: ufficio stampa RAI]

Meraviglie, la penisola dei tesori: Padova, Napoli, Spoleto, Todi, Spello


La stagione 2021 di 'Meraviglie, la penisola dei tesori' con Alberto Angela su Rai1 si conclude tra Padova, Ercolano e Spoleto.

di / 18.01.2022
Alberto Angela in Meraviglie, la penisola dei tesori [credit: ufficio stampa RAI]
C: ufficio stampa RAI

Tra il 28 dicembre 2021 e il 18 gennaio 2022 quattro appuntamenti in prima serata su Rai1 in compagnia di Alberto Angela e i suoi viaggi nella storia del nostro Paese tra opere, bellezze naturali e artistiche in "Meraviglie, la penisola dei tesori". Dall'Isola di Procida alla Valle d'Aosta, dalle isole del Lago Maggiore alle magnifiche atmosfere di Siracusa, passando per la scoperta di Monza, Tivoli, Palermo, Padova, Ercolano e Spoleto. 

Tutte le puntate si possono (ri)vedere in streaming su RaiPlay.

Meraviglie, la penisola dei tesori | 18 Gennaio 2022
Padova, Ercolano e Spoleto

Martedì 18 gennaio alle 21.25 su Rai1 il quarto e ultimo appuntamento del viaggio di Alberto Angela attraverso le bellezze del nostra Paese in "Meraviglie, la penisola dei tesori". Si parte da Padova da uno dei luoghi simbolo della città: Palazzo della Ragione, un gioiello dell'arte e dell'architettura medievale. Poi la Basilica di Sant'Antonio, con le sue cupole in stile bizantino, e qui, nella "Basilica del Santo", si possono ammirare lavori come le sette statue bronzee opera di Donatello che ne decorano il grande altare centrale. E poi la Cappella degli Scrovegni affrescata da Giotto e di recente inserita nell'elenco dei siti Unesco. Sempre a Padova, protagonisti luoghi come il Teatro Anatomico a Palazzo Bo e l'orto botanico, realizzato in epoca rinascimentale e ancora importante centro di ricerca. La campionessa di nuoto Novella Calligaris, originaria di Padova, racconta aspetti nascosti della vita nella sua città, mentre l'attore Mariano Rigillo fa rivivere uno dei più famosi professori dell'Università patavina: Galileo Galilei.

Il viaggio di Alberto Angela prosegue tra le meraviglie del Miglio d'Oro nel Golfo di Napoli, partendo da Ercolano, a Villa Campolieto, uno degli esempi più rappresentativi delle ville vesuviane edificate in questa zona nel Settecento. Proprio all'inizio del Settecento lì venne fatta una delle scoperte che avrebbero per sempre cambiato la storia dell'archeologia: l'antico teatro romano rimasto per secoli sommerso dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Dopo aver esplorato questo luogo sotterraneo, si arriva alla città romana di Ercolano. Ultima tappa è il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, con alcuni dei reperti più belli legati alla storia della ferrovia italiana. L'attore e regista Lello Arena racconta alcuni aneddoti suvilla Campolieto, mentre l'attore Remo Girone, fa rivivere l'architetto Luigi Vanvitelli.

Dai tesori campani all'Umbria: il percorso di Alberto Angela comincia nella Cattedrale di Spoleto e dagli affreschi di Filippo Lippi. La notte spoletina prosegue quindi l'incontro con Uto Ughi, con cui Angela dialoga sugli incanti senza confini della musica. Il famoso violinista propone inoltre le note di Beethoven.

Altra tappa Todi con la sua piazza Del Popolo e l'armonia tra palazzi laici e religiosi. Qui, con l'attore Giulio Scarpati, prende vita il suo poeta contestatore, Jacopone, e poi immagini dall'alto della chiesa di Santa Maria della Consolazione, un fiore di pietra che per la sua perfezione architettonica ha fatto pensare a un intervento del Bramante.

Spello, infine, rivela le sue mura romane con la monumentale bellezza della Porta Venere e poi la Cappella Baglioni, affrescata nel 1501 nella chiesa di Santa Maria Maggiore, un lavoro del Pinturicchio, il pittore reduce dalla Cappella Sistina che a Spello volle raggiungere una dimensione intima della propria arte. 

Meraviglie, la penisola dei tesori | 11 Gennaio 2022
Alla scoperta di Monza, Tivoli e Palermo

Parte dalla Villa Reale di Monza - residenza voluta dall'Imperatrice d'Austria Maria Teresa per il figlio Ferdinando, governatore generale della Lombardia - il terzo appuntamento con Alberto Angela di "Meraviglie, la penisola dei tesori", in onda martedì 11 gennaio alle 21.25 su Rai1. Si tratta di una dimora di 740 stanze, che occupa solo una piccola parte dell'immenso Parco che la circonda. Fu Napoleone Bonaparte, succeduto agli Asburgo, a volerlo così grande: 700 ettari, più del doppio di Versailles. Oggi, come allora, il Parco Reale è il vero polmone verde di Milano e della Brianza e fra suoi viali si allena ancora uno dei calciatori più famosi d'Italia, Sandro Mazzola, che racconta il suo particolare rapporto con Monza e con il Parco. Le vicende legate alla Villa Reale non si esauriscono con Napoleone. Qui a partire dal 1868 ha soggiornato una celebre coppia: Umberto I di Savoia e la moglie Margherita, la prima Regina d'Italia. Sarà proprio lei, Margherita, interpretata dall'attrice Anna Safroncik, a svelare alcuni dei segreti legati ai Savoia. Monza è città di regine e il viaggio alla sua scoperta termina con la più famosa di tutte: Teodolinda, regina dei Longobardi. A lei è dedicata la splendida cappella racchiusa nel Duomo. Un gioiello che ne contiene un altro ancora più prezioso: la Corona Ferrea, la Corona dei Re d'Italia.

Dai tesori lombardi a Tivoli, un nome che dal '500 è sinonimo di meraviglia per la presenza di due gioielli dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'umanità: Villa Adriana e Villa d'Este. Le storie di queste due monumentali ville sono strettamente intrecciate. La prima fu progettata dall'imperatore Adriano per la sua sfarzosa corte, la seconda vide la luce nel '500 per iniziativa del cardinale Ippolito II d'Este che, con le statue e i marmi riportati alla luce dall'antica villa romana, realizzò le scintillanti fontane di Villa d'Este. A vestire i panni del cardinale Ippolito d'Este è Massimo Wermuller, mentre Francesco Pannofino racconta il fascino che da sempre esercitano su di lui questi due capolavori del genio italiano.

Le telecamere di Meraviglie si spostano infine a Palermo. Città dai mille volti, crocevia di culture differenti eppur così integrate tra loro, per visitare il castello della Zisa detta "La splendida", e poi il Duomo di Monreale, entrambi voluti da Guglielmo II. Il sovrano rivive nel corso della puntata nei panni dell'attore Vincenzo Crivello. A Monreale, invece, sono protagonisti i mosaici, l'abbraccio del Cristo Pantocratore e il chiostro: il tutto arricchito da un suggestivo intervento di Maria Falcone ad evocare i suoi ricordi più intensi vissuti a Palermo insieme al fratello Giovanni. Molto tempo prima che il magistrato diventasse il simbolo di una terra che lo ha amato e lo ama ancora tantissimo. 

Meraviglie, la penisola dei tesori | 4 Gennaio 2022
Dalle isole del Lago Maggiore alle magnifiche atmosfere di Siracusa

Parte dalle isole del Lago Maggiore, al confine tra Piemonte e Lombardia, il secondo appuntamento della quarta edizione di "Meraviglie, la penisola dei tesori", in onda martedì 4 gennaio 2022 alle 21.25 su Rai1. Si comincia dall'Isola Bella, la più fastosa delle isole Borromee, dove l'opera della natura e il genio dell'uomo si sono uniti per creare il giardino dove sorge il palazzo della famiglia Borromeo, una vera e propria reggia sull'acqua visitata da sovrani e condottieri e persino da un giovane Napoleone Bonaparte. Proprio la prima moglie di Napoleone, Giuseppina di Beauharnais, rivive i giorni della sua visita all'Isola Madre nell'interpretazione di Vittoria Belvedere. Si visita poi la Rocca di Angera, antica fortezza medievale appartenuta ai Visconti e l'Eremo di Santa Caterina del Sasso, che da più di otto secoli offre silenzio e serenità a chi dedica la sua vita alla preghiera.

A rievocare le atmosfere del Lago Maggiore ci pensano i ricordi d'infanzia di Renato Pozzetto, da sempre frequentatore delle sue rive. Il racconto prosegue alla scoperta di una delle più antiche città d'Italia: Orvieto. Con i suoi tremila anni di storia questo luogo ospita il Duomo, definito il "Giglio d'oro", per lo splendore abbagliante dei mosaici della sua facciata. Massimo Bonetti interpreta il pittore Luca Signorelli, che ha affrescato proprio all'interno del Duomo una delle più straordinarie opere del Quattrocento italiano. E poi si visita la città sotterranea, le sue gallerie, i cunicoli e i pozzi tra i quali uno in particolare è diventato famoso in tutto il mondo: il Pozzo di San Patrizio. Tra cielo e terra si svolge anche il racconto di Pino Strabioli, che a Orvieto ha trascorso la sua giovinezza.

Alberto Angela approda poi in Sicilia per immergersi nelle magnifiche atmosfere di Siracusa. Si parte da Ortigia, l'isola su cui sbarcarono i greci che fondarono la città nel 733 a. C. per poi ammirare il Duomo che unisce bellezze antiche e settecentesche. Si indaga sul mito di Aretusa per poi inoltrarsi nel parco archeologico: dall'Orecchio, nome dato da Caravaggio, di Dionisio alle Latomie del Paradiso, enormi grotte scavate nei secoli: un luogo di grande suggestione che nasconde dolore e rivela bellezza. Risorte da una vecchia stampa due petulanti lavandaie settecentesche appariranno nel ninfeo del Teatro Greco e ancora dopo aver narrato la conturbante Venere Landolina con le parole di Maupassant, Alberto Angela guida lo spettatore in una delle più belle e possenti costruzioni fortificate medievali del Mediterraneo. Ospiti d'eccezione per raccontare i propri ricordi in queste terre di Sicilia saranno i comici Ficarra e Picone. 

Meraviglie, la penisola dei tesori | 28 Dicembre 2021
Dall'Isola di Procida alla Valle d'Aosta

Martedì 28 dicembre 2021, alle 21.25 su Rai1, in onda il primo appuntamento della quarta edizione di "Meraviglie, la penisola dei tesori". Alberto Angela comincia dall'isola di Procida, capitale italiana della Cultura 2022, tra le colorate case di Marina Corricella. Maria Grazia Cucinotta ricorda come in una di quelle case girò le ultime scene de "Il postino", l'ultimo film di Massimo Troisi. Tappa poi a Ischia, con il suo Castello Aragonese, dimora della poetessa rinascimentale Vittoria Colonna, che rivive tra le sue rovine con il volto di Giusy Buscemi. Alle atmosfere ischitane è ispirata anche molta della musica di Stefano Bollani, chiamato a raccontare il suo profondo legame con l'isola. La tappa nell'area flegrea si conclude con la discesa nella "Piscina Mirabilis", che dal '700 è meta di celebri viaggiatori, tra i quali un giovane Mozart. Dai tesori campani alla città di Lucca: dal giardino pensile della Torre Guinigi lo sguardo va sulle tracce dell'antico anfiteatro romano fino alle mura rimaste intatte. Il Duomo di San Martino e Palazzo Pfanner parlano della ricchezza di questo centro toscano. In un incontro il disegnatore Milo Manara racconta la sua scoperta della città attraverso il festival Lucca Comics & Games, mentre l'attore Flavio Parenti e il soprano Maria Sardaryan fanno rivivere il cittadino più illustre di Lucca: Giacomo Puccini. Il viaggio attraverso l'Italia prosegue in Valle d'Aosta: una regione piccola, ma ricca di grandi tesori. Si parte dal colle di Nivolet, un luogo – condiviso con il Piemonte - dove il cielo sembra cominciare dal basso, tra torbiere e laghi sui quali si rispecchia l'imponente cima del Gran Paradiso. Direzione poi vero il Pont d'Aël, incastonato tra le montagne, i castelli della famiglia Challant: quello di Fénis, esempio di un'architettura tanto medioevale quanto fiabesca, e quello di Issogne, dove l'attrice Jane Alexander vestirà i panni di Bianca Maria Scapardone, contessa di Challant. Il velocista azzurro Fausto Desalu, medaglia d'oro a Tokio, racconterà delle lunghe passeggiate che era solito fare proprio sul Nivolet.