Non mi lasciare [credit: foto di: Jacopo Brogioni]

Non mi Lasciare, ultima puntata su Rai1 e RaiPlay della serie thriller con Vittoria Puccini ambientata a Venezia


Protagonista è Vittoria Puccini nel ruolo del vicequestore Elena Zonin, affiancata da Alessandro Roia e Sarah Felberbaum.

di / 31.01.2022
Non mi lasciare [credit: foto di: Jacopo Brogioni]
C: foto di: Jacopo Brogioni

Da lunedi 10 gennaio, su Rai1 in onda Non mi Lasciare, nuova serie thriller Rai ambientata a Venezia, coprodotta da Rai Fiction e PayperMoon Italia e diretta da Ciro Visco (Doc-Nelle tue mani e Gomorra-La serie) in onda in quattro serate. Ultimo appuntamento il 31 gennaio. Si tratta di una storia tesa e realistica, che ha al suo centro il tema mai così attuale dei reati informatici e dei crimini contro l'infanzia. Protagonista è Vittoria Puccini nel ruolo del vicequestore Elena Zonin, affiancata da Alessandro Roia e Sarah Felberbaum.  Nel cast presenti anche Sergio Albelli, Federica Girardello e Eugenio Franceschini.

Elena Zonin (Vittoria Puccini) è un vice questore della Polizia, specializzata in crimini informatici, che vive e lavora a Roma e da anni indaga su una rete di pedofili responsabile del rapimento e del traffico - sul dark web - di minori. Quando dalle acque della Laguna di Venezia affiora il corpo senza vita di Gilberto, un adolescente apparentemente sucida, il vice questore Zonin lo collega immediatamente al "suo" caso, e parte per Venezia, da dove si era allontanata vent'anni prima. Qui ritroverà il vice questore aggiunto Daniele Vianello (Alessandro Roia) e la moglie Giulia (Sarah Felberbaum), un tempo la sua migliore amica. Le indagini porteranno alla scoperta di un caso complesso e articolato, e i tre dovranno fare i conti, oltre che con il loro passato, con nemici potenti e insospettabili, in una missione che metterà a repentaglio la loro stessa vita.

Non mi Lasciare è un poliziesco che concepito per tenere lo spettatore col fiato sospeso, conducendolo dalle calli e i canali di Venezia fino alle nebbie del Polesine. Tra le profondità buie del deep web e la superficie dell'acqua della laguna, la serie scava negli abissi dell'animo umano unendo al mistero e all'azione l'indagine psicologica. Non mi Lasciare racconta una storia che ha al suo centro le emozioni, perché per combattere il più odioso dei crimini, quello contro bambini innocenti, c'è bisogno di amore, di cura, di fiducia.

Nel quarto ed ultimo appuntamento di "Non mi lasciare", in onda su Rai1, lunedì 31 gennaio alle 21.25, mentre Elena, miracolosamente sopravvissuta all'incidente, è in ospedale, Daniele e i suoi uomini scoprono dove si è rifugiato Andrea, il carceriere di Angelo. Andrea anche stavolta riesce a scappare, ferendo gravemente uno degli uomini della task force e cerca rifugio da quello che ritiene, da tutta la vita, il suo Maestro il quale però inaspettatamente non si rivela tale. Nel frattempo qualcuno ha trafugato dall'auto di Elena tutti i documenti che aveva trovato nell'orfanotrofio.Elena e Daniele ricostruiscono, grazie alle testimonianze di chi c'è stato, la drammatica storia degli abusi che in quell'orfanotrofio sono stati perpetrati. Ma eventi, assolutamente inattesi, rimetteranno in discussione l'ultimo capitolo delle indagini...

La serie, girata tra Venezia, Polesine, Milano e Roma, è stata creata da Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli che firmano anche il soggetto di serie e le sceneggiature, insieme a Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano.  

A Venezia78 le prime immagini della nuova fiction Rai con Vittoria Puccini

Lo scorso 5 settembre 2021, nell'ambito del  Festival del Cinema di Venezia 78, sono state mostrate le prime immagini di 'Non mi lasciare'. L'appuntamento si è inserito all'interno del programma organizzato da Veneto Film Commission presso lo Spazio Regione del Veneto - Veneto Film Commission c/o l'Hotel Excelsior al Lido di Venezia. Sono intervenuti Maria Pia Ammirati - direttore di Rai Fiction, Mario Mauri - produttore PayperMoon Italia, il regista Ciro Visco, gli autori del soggetto di serie e delle sceneggiature, Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli, Vittoria Puccini e Alessandro Roia. L'incontro, preceduto dai saluti di Luigi Bacialli - Presidente Veneto Film Commission, è stato moderato da Jacopo Chessa - Direttore Veneto Film Commission.