Roma 2018

Roma 2018, 20 ottobre: Isabelle Huppert, Fahrenheit 11/9, The Old Man and the Gun, Light as Feathers


Tre gli Incontri Ravvicinati in programma: sul palco dell'Auditorium Michael Moore a presentare Fahrenheit 11/9, lo scrittore Jonathan Safran Foer, e l'attrice Isabelle Huppert per riceve il Premio alla Carriera; e ancora, l'addio di Robert Redford alla carriera di attore: nella Selezione Ufficiale, The Old Man and the Gun di David Lowery

di / 20.10.2018
Roma 2018

La tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma assegna sabato 20 ottobre il Premio alla Carriera a Isabelle Huppert: a consegnare il riconoscimento c'è Toni Servillo. Isabelle Huppert ha collaborato, durante la sua carriera, con alcuni fra i più grandi cineasti europei e statunitensi, da Claude Chabrol a Jean-Luc Godard, da Maurice Pialat a Marco Ferreri, dai fratelli Taviani a Marco Bellocchio, da Michael Haneke a Andrzej Wajda, da Michael Cimino a David O. Russell. Premiata in tutto il mondo per le sue interpretazioni, Golden Globe 2017 per Elle di Paul Verhoeven, l'attrice parigina sarà inoltre protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico e commenterà una serie di clip selezionate fra le pellicole che hanno maggiormente segnato la sua vita da artista.

Spazio all'Incontro Ravvicinato con il premio Oscar Michael Moore. Noto per aver saputo coniugare nelle sue opere un linguaggio schietto e sgombro di artifici, particolarmente adatto a descrivere le dinamiche politico-economiche che governano gli Stati Uniti, a una forte dose di ironia, Moore nel corso degli anni ha indagato su diversi temi ritenuti estremamente scomodi dall'establishment. Alla Festa del Cinema, il regista presenta il suo nuovo film, Fahrenheit 11/9, uno sguardo provocatorio e sarcastico sull'epoca in cui viviamo. Dopo Fahrenheit 9/11, il vincitore della Palma d'Oro Michael Moore sposta la sua attenzione su un'altra significativa data, il 9 novembre 2016, giorno in cui Donald Trump è stato eletto 45esimo Presidente degli Stati Uniti. L'ultimo documentario di Michael Moore è un affresco liberale e anticonservatore che non prende di mira solo l'amministrazione degli Stati Uniti, ma anche le politiche dei Democratici e dei Repubblicani che hanno portato all'attuale situazione politica.

Il programma degli Incontri Ravvicinati vedrà protagonista anche il romanziere e saggista Jonathan Safran Foer che sarà sul palco della Sala Petrassi alle ore 16. Autore di bestseller venduti in tutto il mondo, Safran Foer ha investigato nelle memorie e nell'attualità della società contemporanea con "Ogni cosa è illuminata" e "Molto forte, incredibilmente vicino" (da cui sono stati tratti due film), ha approfondito questioni etiche e ambientali di straordinario rilievo nelle pagine di "Se niente importa", e ha affrontato successivamente, con "Eccomi", il tema della famiglia e dell'identità ai nostri giorni. Foer parlerà con il pubblico della sua opera approfondendo il rapporto fra letteratura e cinema.  

La Selezione Ufficiale ospita la proiezione di The Old Man & the Gun di David Lowery, addio di Robert Redford alla carriera di attore: il film è ispirato alla storia vera di Forrest Tucker, un uomo che ha trascorso la sua vita tra rapine in banca ed evasioni dal carcere. Negli anni del suo crepuscolo, dalla sua temeraria fuga dalla prigione di San Quentin a settant'anni, fino a una scatenata serie di rapine senza precedenti, Forrest Tucker disorientò le autorità e impressionò il pubblico. Coinvolti in maniere diverse nella sua fuga, ci sono l'acuto e inflessibile investigatore John Hunt, che gli dà implacabilmente la caccia ma è allo stesso tempo affascinato dall'impegno non violento profuso da Forrest nel suo mestiere, e una donna, Jewel, che ama Forrest nonostante la professione che l'uomo si è scelto. La Festa del Cinema renderà omaggio a Robert Redford con uno speciale tributo video che precederà la proiezione e che mostrerà al pubblico i momenti più emozionanti e le scene più significative della carriera dell'attore e regista, premiato dall'Academy nel 1981 per il film Gente Comune e, successivamente, nel 2002, con l'Oscar® alla Carriera.

Altri due i film in programma nella Selezione Ufficiale.
Light as Feathers di Rosanne Pel vede protagonista il quindicenne Eryk: la sua vita si svolge in un villaggio rurale di allevatori di oche in Polonia, con la madre, la nonna e la bisnonna. Suo padre è per lui un lontano ricordo. Con la madre manipolatrice e tirannica, mantiene invece un rapporto stretto e intimo. Eryk prova dei sentimenti per una dirimpettaia tredicenne, Klaudia. Nel corso degli anni, cerca di conquistare il suo cuore, ma Eryk non conosce la differenza tra amore e sopruso. La proiezione sarà preceduta da uno dei corti finalisti del concorso "Cuori al buio".
Il film di animazione Funan di Denis Do è ambientato a Phnom Penh nel 1975 quando la follia degli Khmer Rossi fa piombare la Cambogia nell'orrore: la popolazione viene deportata nei campi di prigionia e la protagonista Chou è costretta a confrontarsi con il dolore dell'impotenza. Quando il figlio di quattro anni le viene strappato di mano dalla folla in fuga, Chou vede il suo mondo cadere a pezzi. Tuttavia, non perde la speranza di salvare il figlio e di mantenere unita la famiglia malgrado i soprusi di un regime crudele.

Per la linea di programma "Tutti ne parlano", la sala Petrassi ospiterà la proiezione di The Miseducation of Cameron Post di Desiree Akhavan. La vicenda è ambientata in una cittadina del Montana, nel 1993. Quando viene sorpresa a baciarsi con una ragazza durante il ballo della scuola, la giovane Cameron Post viene spedita in un centro religioso, God's Promise, in cui una terapia di conversione dovrebbe "guarirla" dall'omosessualità. Insofferente alla disciplina e ai dubbi metodi del centro, Cameron stringe amicizia con altri ragazzi, finendo per creare una piccola e variopinta comunità capace di riaffermare con orgoglio la propria identità.

Fabio Rovazzi sarà protagonista di un Evento Speciale: classe 1994, autore di brani come "Andiamo a comandare", "Tutto molto interessante" e "Volare", Rovazzi presenterà la versione lunga del video "Faccio quello che voglio" e converserà con il pubblico, commentando una selezione di clip dei film che lo hanno maggiormente influenzato e raccontando la sua recente esperienza come protagonista del film Il vegetale di Gennaro Nunziante.

Al MAXXI, il film L'enfance nue, inserito nella retrospettiva dedicata a Maurice Pialat, sarà presentato al pubblico nell'ambito di uno speciale incontro, moderato da Mario Sesti, che vedrà protagonisti Sylvie Pialat, co-sceneggiatrice di diversi film del marito Maurice, il direttore della fotografia Luciano Tovoli (che ha lavorato con il maestro ne L'amante giovane), con i due critici cinematografici, Alain Bergala e Serge Toubiana. Palma d'oro a Cannes per Sotto il sole di Satana, Pialat ha firmato opere che sfuggono volontariamente alle etichette, ma che allo stesso tempo risultano sempre attraversate da temi e sentimenti di eccezionale tensione emotiva.

L'attore Flavio Bucci sarà al MAXXI per presentare con Marco Caldoro, Domenico Ciruzzi e Sandra Pellino un documentario sulla sua vita personale e artistica che Riccardo Zinna, recentemente scomparso, gli ha dedicato: Flavioh – Tributo a Flavio Bucci. Il MAXXI ospiterà inoltre due film della linea di programma "Riflessi". Tre quartine e un addio, racconto di una famiglia romana travolta da un lutto inaspettato, sarà presentato alle 19.30 dal regista Fariborz Kamkari, dalla giovanissima protagonista Elettra Falzetti e dalla produttrice Fabrizia Falzetti. Treno di parole, omaggio al poeta e drammaturgo romagnolo Raffaello Baldini, sarà introdotto dal regista Silvio Soldini e da Ivano Marescotti.
Nell'ambito dei "Film della nostra vita", quest'anno dedicati al genere noir, si terrà Sweet Smell of Success di Alexander Mackendrick. Dopo si terrà la proiezione del film di Marlon Brando One-Eyed Jacks nella versione restaurata da Universal Studios in collaborazione con The Film Foundation con la consulenza di Steven Spielberg e Martin Scorsese, che ha personalmente selezionato il film per la Festa del Cinema.

Continua la rassegna "Antonella Lualdi. Diva con grazia" al Cinema Trevi con tre film di cui è stata protagonista: Padri e figli, La notte brava e Via Margutta.

Il pubblico avrà la possibilità di rivedere i film della Selezione Ufficiale in diverse sale della città. The House With a Clock in Its Walls di Eli Roth, interpretato da Cate Blanchett al My Cityplex Savoy. Nello stesso cinema, il film di Edoardo De Angelis Il vizio della speranza, Halloween di David Gordon Green, e Sangre Blanca di Barbara Sarasola-Day che sarà replicato anche al MAXXI. In Cinema Hall, Eter di Krzysztof Zanussi, Fahrenheit 11/9 di Michael Moore e The Old Man & the Gun di David Lowery.