X-Men Dark Phoenix: la conferenza stampa con il cast in diretta da Londra

In occasione della presentazione alla stampa di X-Men: Dark Phoenix, il cast ha risposto ad alcune domande della stampa italiana

di / 23.05.2019
X-Men Dark Phoenix: la conferenza stampa con il cast in diretta da Londra

Si è tenuta il 22 Maggio alla Casa del Cinema di Roma la Virtual Press Conference del film X-Men: Dark Phoenix. Il regista Simon Kinberg insieme agli interpreti Michael Fassbender, Sophie Turner, Jessica Chastain e James McAvoy si sono collegati in esclusiva per l'Italia da Londra, per rispondere alle domande dei giornalisti.

Dark Phoenix è la pellicola che esplora la nascita e lo sviluppo di Fenice, personaggio interpretato da Sophie Turner, fresca della conclusione della serie Game of Thrones dove vestiva i panni di Sansa Stark. Il film chiude, in qualche modo, la tetralogia dedicata alle origini degli X-Men.

 x-men-dark-phoenix-conferenza-stampa-cast-diretta-londra
x-men-dark-phoenix-conferenza-stampa-cast-diretta-londra

foto scattata dalla sala in cui la stampa italiana ha assistito in diretta streaming alla conferenza stampa del film X-Men Dark Phoenix a Londra

Ad aprire le danze della conferenza è stato proprio il regista Simon Kinberg, già produttore della saga e sceneggiatore di X-Men Conflitto Finale, che ha ragionato con la stampa su cosa abbia significato passare da un ruolo all'altro, con il mondo dei mutanti sempre al centro delle sue scelte narrative. "Sono quindici anni ormai che ho a che fare con i mutanti" ha spiegato alla platea, ricordando di aver già lavorato con Jessica Chastain nel film con Matt Damon The Martian - Sopravvissuto. E poi ha aggiunto: "l'unica differenza è stato non dover filtrare le mie idee attraverso la visione di qualcun altro. Mi sono sentito molto al sicuro sul set".

E dall'accoglienza e dell'intimità del set popolato da persone conosciute, la discussione si è estesa anche al mondo in generale, alla situazione in cui sta imperversando. E su questo è intervenuto Michael Fassbender, l'affascinante Magneto di questa saga, che ha detto: "Sarebbe bello se, come esseri umani, riuscissimo ad evolverci e ad imparare a vivere e lavorare insieme". Poi ha continuato: "Sono molto preoccupato per la deriva che sta prendendo la società. Ormai viviamo come tribù e siamo tutti separati gli uni dagli altri. Basta pensare alle minoranze, no? Io spero in un mondo in cui tutti possano imparare dal passato e andare avanti, perché il futuro può essere luminoso".

Un altro tema "sociale" del film è stato affrontato dalla protagonista Sophie Turner che, dopo aver ringraziato chi le aveva riconosciuto i meriti per il destino di Sansa Stark, ha spiegato come: "La cosa interessante di Jean è che non si limita ad essere solo una donna in un film. Lei è la protagonista, ma anche l'antagonista di se stessa. In questo senso è proprio come ogni donna è. E la cosa bella è che si raffronta ad un'altra donna molto forte e questo confronto permette a Jean di crescere come persona. È bellissimo vedere come la variante villain di Jean, nel personaggio di Jessica, riesca a potenziarsi proprio attraverso il contatto con un'altra donna".

E sull'argomento dell'empowering femmine è intervenuta la stessa Jessica Chastain, che dopo essersi lamentata di come lo stupro di Sansa Stark venisse sfruttato in Game of Thrones, non ci ha pensato su due volte prima di lanciare una frecciatina agli studios hollywoodiani.


foto scattata dalla pagina Facebook ufficiale di X-MenFilm al cast di X-Men Dark Phoenix durante la conferenza stampa a Londra

Gli studios non hanno merito nel cambiamento che sta avendo luogo. Fosse stato per loro le cose non sarebbero mai cambiate, anche perché avrebbero potuto fare qualcosa già molto, molto tempo fa. Tutti questi cambiamenti sono merito del pubblico. E' grazie al pubblico se abbiamo avuto film come Black Panther, Wonder Woman e Captain Marvel. Il pubblico ormai sa quello che vuole e gli studios devono accettarlo.

Poi ha continuato, riguardo a Dark Phoenix: "Mi piace che si affronti anche il tema della rabbia femminile. Un argomento che, al cinema, di solito, viene trattato in modo molto superficiale o stereotipato". A darle man forte su questo argomento è il collega Michael Fassbender che ha aggiunto: "In effetti, se ci pensate, quando un uomo viene mostrato arrabbiato viene descritto come un personaggio forte e/o tormentato. Ma quando è una donna ad essere arrabbiata allora è una persona complicata, piena di problemi".



Apri Box Commenti