Box Office USA: Divergent primo, ma parte in seconda


Divergent poteva partire meglio, ma conquista il botteghino USA del 21-23 marzo 2014; secondo Muppets Most Wanted; terzo Mr. Peabody e Sherman.

Conquista il botteghino americano del 21-23 marzo 2014 Divergent, il film diretto da Neil Burger che è ambientato in un futuro in cui l'umanità è divisa in cinque fazioni, ciascuna caratterizzata da un valore diverso che rispecchia la personalità dei suoi membri: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Con protagonisti Shailene Woodley, Theo James, Aaron Eckhart, Kate Winslet, Jai Courtney, Maggie Q, Miles Teller, Ray Stevenson, per Divergent alcuni si aspettavano il prossimo "Twilight Saga" o " Hunger Games", ma l'esordio è stato modesto in confronto ai blockbuster appena citati. Divergent ha incassato una cifra stimata di 56 milioni di dollari nel suo primo weekend in 3396 sale, poco più di 14 mila dollari per ogni schermo. 5 mila dollari di tale importo provengono dalle proiezioni IMAX su 348 schermi.

Non poi così fortunato è anche Muppets Most Wanted, il sequel che troviamo al suo debutto in seconda posizione, con un incasso di 16.514.000 dollari da 3.194 sale, per una media di 5.170 dollari per schermo. E' un risultato ben lontano dai 41,5 milioni di dollari che aveva incassato il primo film, The Muppets, nei suoi primi cinque giorni del Ringraziamento 2012.

Dopo essersi piazzato in prima posizione la scorsa settimana, il film d'animazione della Dreamworks Animations, Mr. Peabody & Sherman (20th Century Fox), è sceso al terzo posto con un incasso di altri 11,7 milioni, per un totale che ha raggiungo in America quota 81 milioni in totale.

Al suo terzo weekend, il sequel 300: Rise of an Empire (300: L'Alba di un Impero) lo troviamo in quarta posizione, con un incasso di altri 8,7 milioni di dollari (in calo del 55 per cento). Il film è sulla buona strada per raggiungere i 100 milioni di dollari, avendone già incassati 93,8 milioni finora nel solo mercato statunitense. Fuori dagli USA, "Rise of an Empire" ha incassato 195 milioni di dollari, per cui il suo totale mondiale è a quota 289 milioni di dollari.

La più grande sorpresa del weekend è il film indie che troviamo al quinto posto: God's Not Dead (Freestyle Releasing), un film che in qualche modo è riuscito ad entrare in 780 cinema americani, da cui ha incassato ben 8.564.000 dollari, con una media di 10.979 dollari per schermo. La commedia vede nel cast, tra gli altri, anche Willie Robertson, David A.R. White, Shane Harper, Kevin Sorbo, Korie Robertson, Marco Khan, Alex Aristidis,.

Parlando di religione, il film di Darren Aronofsky, Noah, interpretato da Russell Crowe, Emma Watson, Logan Lerman, Jennifer Connelly e Anthony Hopkins, ha debuttato una settimana prima in Messico e Corea del Sud prima della sua uscita nel Nord America il prossimo Venerdì, prendendo il primo posto in entrambi i paesi con 5,7 milioni e 8,3 milioni di dollari, rispettivamente.

Sceso del 56 per cento dal suo weekend di esordio, il film di corse della DreamWorks, Need for Speed, interpretato da Aaron Paul, Imogen Poots e Dominic Cooper, ha preso il sesto posto con un incasso di altri 7,8 milioni e un misero totale di 30,4 milioni dopo dieci giorni. Il film continua a fare molto meglio al di fuori del mercato americano, da dove ha raccolto altri 29,2 milioni in questo fine settimana per portare il suo totale extra-USA a 96,1 milioni. Il film ha incassato 41,7 milioni di dollari solo in Cina. Questo basterà per avere un sequel? Vedremo.

The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson continua a piacere, nonostante sia ancora proiettato in pochi cinema americani: da 304 sale, il film ha raccolto altri 6,7 milioni, quasi il doppio dell'importo incassato la scorsa settimana. Finora, il film di Anderson ha incassato 13 milioni dal suo debutto all'inizio di questo mese.

L'ultimo action-thriller di Liam Neeson, Non-Stop (Universal), scende all'ottavo posto in questo weekend, con un incasso di altri 6,3 milioni di dollari, per un totale giunto a 78.621.000. Nono posto per The Lego Movie, con un incasso di altri 4.115.000 dollari, per un totale a 243.352.000.

Per quanto riguarda le versioni limitate, il controverso dramma sul sesso di Lars von Trier, Nymphomaniac: Volume I, interpretato da Charlotte Gainsbourg e Stellan Skarsgard, ha raccolto 150,000 dollari da 24 cinema o 6.250 dollari per ogni schermo.

Clicca qui per il Box Office USA 21-23 marzo 2014.