Festival Internazionale del Film di Roma 2012

Centro Historico in prima mondiale al Festival del Cinema di Roma 2012




di / 20.09.2012
Festival Internazionale del Film di Roma 2012

Centro Historico di Aki Kaurismaki, Pedro Costa, Victor Erice e Manoel de Oliveira aprirà in prima mondiale la sezione CinemaXXI al Festival Internazionale del Film di Roma 2012. A capo della giuria della sezione ci sarà Douglas Gordon (Glasgow, 1966), uno dei più importanti artisti visivi che all'età di soli 30 anni vinse il prestigioso "Turner Prize", con sue opere esposte nelle principali gallerie e nei maggiori musei del mondo, tra cui la Tate di Londra.

Centro Histórico è un film a quattro voci realizzato nell'ambito dei progetti sviluppati per "Guimaraes 2012 Capitale Europea della Cultura". La prima parte, dal titolo "O Tasqueiro", è scritta e diretta da Aki Kaurismäki. Il regista finlandese ha firmato pellicole come Leningrad Cowboys Go America, L'uomo senza passato, Le luci della sera e Miracolo a Le Havre, e ritrova in questa prima parte da lui curata le atmosfere e gli elementi stilistici che evocano i suoi precedenti lavori, narrando con delicatezza un giorno nella vita di un barista solitario del centro storico di Guimarães.

Il secondo segmento di Centro Histórico, "Lamento da Vida Jovem" è curato dal regista portoghese Pedro Costa, autore di Ossos (premiato a Venezia nel 1997 per la migliore fotografia), Nella stanza di Vanda e Memories realizzato con Eugène Green. In questa seconda parte, Costa ripropone la figura del capoverdiano Ventura, già protagonista di Juventude em Marcha, nello spazio surrealista di un ascensore che diventa un luogo di confronto con la memoria.

Victor Erice - il regista de Lo spirito dell'alveare, El sur e El sol del membrillo, premiato dalla critica al Festival di Cannes - ha scritto e diretto il terzo segmento dal titolo "Vidros Partidos", in cui vengono proposti i locali della ex fabbrica di filatura e tessitura di Rio Vizela, una delle più grandi industrie tessili in Europa, fondata nella metà del XIX secolo e chiusa nel 2002. Erice raccoglie, con la sensibilità che contraddistingue tutti i suoi film, le testimonianze degli ex dipendenti della fabbrica, prendendo atto dei cambiamenti di una classe industriale che sta scomparendo.

Manoel de Oliveira si è invece occupato del quarto, ed ultimo, segmento intitolato "O Conquistador, Conquistado". In questa ultima parte, de Oliveira racconta con ironia di una nuova "conquista", ovvero quella del centro storico di Guimarães ad opera di un gruppo di turisti.

Di seguito la sinossi ufficiale di Centro Histórico

Mentre facevamo un giro attraverso la moderna Guimarães, città fondatrice del Portogallo, ci siamo chiesti: "Che storie ha da raccontarci?". La risposta a questa domanda proviene dalle voci di quattro filmmakers con visioni uniche del cinema, Aki Kaurismäki, Pedro Costa, Victor Erice e Manoel de Oliveira, che insieme hanno partecipato alla realizzazione del film. Le cose non sono quello che sembrano inizialmente: le dimensioni multiple della storia si generano sia dalla realtà che dalla finzione.