Giffoni 2016

Gomorra DAY a Giffoni 2016


il 17 luglio al Giffoni 2016 i protagonisti di Gomorra - La Serie a Giffoni 2016.

di / 17.07.2016
Giffoni 2016

Il cast della serie-evento firmata Sky Gomorra - La Serie ha incontrato i giurati del Festival di Giffoni 2016 il 17 luglio al Giffoni 2016.

Sul Blue Carpet Salvatore Esposito, Genny Savastano nella serie, pronto a prendere in mano l'eredità paterna, Marco D'Amore, per i fan Ciro Di Marzio, accerchiato dal potente clan Savastano e poi vendicatosi della morte della figlia, Marco Palvetti, il 'compianto' boss Salvatore Conte, Fabio De Caro, il più fedele soldato di Pietro Sastano e protagonista di una delle scene più discusse e significative della seconda stagione di Gomorra, e le due grandi new entry della seconda stagione, Cristiana Dell'Anna, nel ruolo della coraggiosa Patrizia e Cristina Donadio, la spietata Scianel.  

I protagonisti di Gomorra – La Serie in una vera reunion alla Cittadella a mezzogiorno per quanti sono riusciti a trovare un posto al Meet the Stars, mentre nel pomeriggio l'incontro con le giurie Generator in Sala Truffaut. A chiudere la giornata il concerto live dedicato al "Gomorra Sound" con i musicisti che hanno scritto ed eseguito l'original-soundtrack della serie tv, i Mokadelic, e con i rapper Ntò e Lucariello.

Alla 46esima edizione del Giffoni Film Festival parte del cast di Gomorra - La Serie protagonista anche di MasterClass. I primi a incontrare i ragazzi selezionati il 16 luglio Marco D'Amore, con Francesco Ghiaccio per raccontare anche l'esperienza del film "Un posto sicuro", e Cristiana Dell'Anna, tra le protagoniste della sezione 'OFF', dedicata ai giovani talenti italiani. E ancora, Masterclass il 19 luglio con il regista Claudio Cupellini e Francesca Comencini, Claudio Giovannesi e Stefano Sollima.

La seconda stagione di Gomorra - La Serie, trasmessa da Sky tra i mesi di maggio e giugno, ha registrato un aumento 66% degli ascolti rispetto alla prima stagione e con numeri 6 volte superiori a una serie di culto come Il Trono di Spade.

"Molti pensano che la serie crei falsi miti. Trovo invece che Gomorra sia catartico: conoscere il male ci permette di liberarcene" dice Cristiana Dell'Anna ai giurati Generator per sottolineare il valore culturale e narrativo della serie Gomorra – La Serie.

"Il lavoro dell'attore non è far amare il personaggio, è rispettarlo" dice Marco Palvetti, alias Salvatore Conte uscito di scena nella seconda stagione: "Il suo punto debole è stato l'amore, che non poteva vivere come avrebbe voluto".

Ciro Di Marzio è davvero 'Immortale' per gli sceneggiatori? Marco D'Amore spiega che "Gomorra è un campo minato; è un progetto così ampio che va oltre i suoi personaggi. È un racconto epico, perfetto per Napoli. Per Ciro, però, l'Immortalità è una condanna: lui è già morto dentro, prima con l'omicidio della moglie e poi con la morte della figlia. Come sono riuscito a girare le ultime scene della seconda stagione? Non so cosa voglia dire perdere un figlio e a dir la verità non mi piace parlare del mio lavoro sul personaggio. Voi spettatori dovete godere del risultato. C'è però una parte della vita di Ciro che il pubblico non conosce e che racconta molto di lui: a 10 anni, pochi meno di quelli che avete voi, si ritrova sotto un tavolo a chiamare terrorizzato mamma e papà durante la devastante scossa del Terremoto del 1980. Non sapeva ancora che i suoi genitori erano morti: da lì inizia la sua formazione criminale. All'orfanotrofio conoscerà il gruppo che lo accompagnerà negli anni successivi".

E nella terza stagione di Gomorra – La Serie cosa vedranno i fan? "La destinazione di Gomorra la decideranno gli sceneggiatori" dice Cristina Donadio, con le riprese che inizieranno questo autunno.