Escape Room

Escape Room: peccato, c'era del potenziale



La completa assenza anche solo di una ragione che invogli lo spettatore a seguire la vicenda fa di Escape Room un film da evitare ad ogni costo.

di / 04.03.2019
Escape Room

Per chi non lo sapesse, una "escape room" è un gioco dove si viene rinchiusi in una stanza con l'obiettivo di risolvere un enigma o un puzzle utilizzando degli indizi celati nella stanza stessa; in genere il gioco prevede una situazione di pericolo non reale per cui, qualora non si riuscisse a risolvere il mistero entro il tempo prestabilito, i giocatori "morirebbero" facendo finire il gioco. Il film Escape Room, invece, utilizza questi elementi con la differenza che le trappole mortali da cui i protagonisti cercano di fuggire sono davvero mortali.

Ora, se pensate di poter vedere l'intera trama del film svilupparsi nella vostra testa basandovi su film simili come Saw (o il meno conosciuto The Cube), beh lo credevo anche io, ma vorrebbe dire dare alla pellicola troppi meriti: il film prende la sua premessa (semplice ma potenzialmente interessante) e adopera tutte le scelte sbagliate con essa. Tutto è esattamente quello che sembra, tutti i personaggi sono stereotipati all'inverosimile, la trama non ha sviluppi degni di nota diversi da " oh no, personaggio X è morto a causa di trappola Y, ora siamo uno di meno". È davvero bizzarro l'insieme di scelte sbagliate che questo film contiene in sé, tanto a livello narrativo quanto a livello produttivo: ad una storia dozzinale si affianca una regia annoiata che non è in grado di aggiungere nulla a quello che si vede. Un film del genere potrebbe essere salvato da una recitazione efficace, ed effettivamente nessuno degli attori coinvolti risulta sgradevole, ma il materiale con cui si trovano costretti a lavorare riduce il tutto ad una piattezza tale da vanificare ogni loro sforzo. Guardando il film si potrebbe pensare che tutte queste ovvietà siano in realtà un metodo per celare un colpo di scena finale degno di nota, ma anche cercando di immaginare la conclusione più banale, scontata, stupida e mediocre possibile restereste comunque sorpresi da quello che il film ha da offrire.

Non c'è molto altro che si possa dire su questo prodotto e, recitazione a parte, tutte le sue componenti crollano sotto il peso della noia. Avrebbe potuto forse funzionare come commedia horror, sfruttando un po' di black humor e cercando di mettere in gioco gli scenari più assurdi che un ambiente come l'escape room potrebbe fornire. Ma questo film inspiegabilmente preferisce invece la rotta inversa e decide di prendersi completamente sul serio, esasperando al massimo la (presunta) complessità delle trappole high tech. Il risultato è uno degli horror più dimenticabili uscito recentemente, con una premessa magari ricca di potenziale, ma un'esecuzione governata dalla più totale piattezza creativa. La completa assenza anche solo di un tema centrale (ergo: una ragione che invogli lo spettatore a seguire la vicenda) fa di Escape Room un film da evitare ad ogni costo.

Valutazione di Jacopo Artuso: 3 su 10