Hop: la recensione
Hop: la recensione

Hop: la recensione


Recensione del film Hop (2011) diretto da Tim Hill e con protagonisti Russell Brand, James Marsden, Elizabeth Perkins, Kaley Cuoco, Chelsea Handler, Tiffany Espensen.
Voto: 8/10

Nell’Isola di Pasqua, dentro di una delle gigantesche teste di pietra, si nasconde  il laboratorio del Coniglio Pasquale, che discende dalla generazione tramandata da secoli di conigli che hanno il compito di portare le uova ai bambini la mattina di Pasqua. L’ attuale Coniglio Pasquale è prossimo al pensionamento, e decide cosi di cedere lo scettro al figlio oramai diventato adolescente, CP, che però ha in mente solo la sua passione più sfrenata: la batteria.

Il suo sogno, diventare batterista rock star, non è condiviso col padre, e sceglie così di scappare di casa dirigendosi nella città di Hollywood, dove viene travolto in macchina da Fred, un trentenne disoccupato in cerca di lavoro, a sua volta cacciato di casa perché ritenuto immaturo dal padre. Inizia così il viaggio di CP per intraprendere questo sogno, ma per farlo avrà bisogno dell’ aiuto di Fred, che presto farà della sua vita quello che fin da bambino aveva sognato…

Combinando la più sofisticata animazione con live action, Hop  è firmato da Tim Hill, regista del blockbuster Alvin Superstar e prodotto dalla stessa casa di Cattivissimo Me.

Finalmente, un film che racconta la festa della Pasqua, anche se fa molto riferimento al Natale, solo che questa volta al posto di Babbo Natale troviamo il Coniglio Pasquale, al posto della slitta troviamo un uovo, al posto delle renne troviamo dei pulcini. Il meccanismo suona uguale, in un’ unica notte, il Coniglio di Pasqua deve consegnare in tutto il mondo dolci e caramelle ai bambini.
Non poteva non esserci il cattivo della situazione, un pulcino con la voglia di divenire il numero uno, cercando di prendere il trono del Coniglio Pasquale, ma che troverà davanti alla suo piano Fred ( James Marsden ) e CP, uniti dalla voglia di realizzare il loro sogno, seppuur diversi, ma aiutandosi l’ uno con l’atlro.

Si può pensare all’ attualità dei bamboccioni che non vogliono andare via di casa, come Fred, oppure da chi vuole trasformare il proprio sogno scappando inconscio delle conseguenze ma vivendo giorno per giorno.

Tim Hill riesce in Hop, come in Alvin Superstar, a mettere insieme il reale con l’ immaginario, non tralasciando comunque scene in cui il divertimento è assicurato. Personaggi dolci, coccolosi come possono essere i pulcini o lo stesso coniglio CP, che nella versione italiana è doppiato da Francesco Facchinetti, a cui non fa mancare la sua battuta ‘’bella di padella’’.

Hop diverte sicuramente tutta la famiglia, soprattutto ai più piccoli non mancherà di divertirsi in una rivisitata fabbrica di cioccolato in stile Willy Wonka, o al simpatico pulcino che si trasforma in un coniglietto.

Ad accompagnare il film Hop troviamo le musiche da percussione, ma anche il  remix di " Tu vuo' fa l'americano" e una bella riedizione della classica "I Want Candy",  che suscita allegria per piccoli e grandi.

Valutazione di Simone Ziggiotto: 8 su 10