Il DVD di Crooked Arrows

Recensione del DVD di Crooked Arrows diretto da Steve Rash con Brandon Routh: buona fattura tecnica audio e video, quantità di contenuti extra soddisfacente
Il DVD di Crooked Arrows

Scheda Tecnica

Titolo: Crooked Arrows
Formato video: PAL, Schermo panoramico, 16:9
Formato audio: Inglese, Italiano, Spagnolo, Inglese per non udenti Dolby Digital 5.1
Numero di dischi: 1, dvd
Studio: Sony Pictures Home Entertainment
Data versione DVD: 3 luglio 2013
Durata: 101 minuti
Contenuti speciali: Sì, 30 minuti circa.

Il Film

In Crooked Arrows Brandon Routh é Joe Logan, un importante imprenditore pronto ad espandere il suo casinò per un progetto di un cliente, se non fosse per il terreno sopra cui i nuovi immobili devono essere costruiti: parte del terreno su cui bisogna costruire é dove lui cresciuto e appartiene ad una comunità di Nativi Americani, tra cui la sua famiglia. Nei piani del progetto é compresa anche la distruzione del campo di lacrosse dove si allena la squadra della comunità partecipante al torneo nazionale; un torneo importante sebbene i Crooked Arrows (il nome della squadra) continuano a perdere le partite. Facendo un patto con il Consiglio della comunità, Joe riceverà il permesso di costruire se diventa l'allenatore della squadra di lacrosse del liceo della sua città, portando alla vittoria il team di ragazzi abituati ad arrivare sempre ultimi nello sport che i loro stessi antenati hanno creato. Mentre lotta per far tornare in forma i suoi giocatori, Joe cerca di motivare i loro spiriti fuori e dentro il campo scoprendo con loro cosa significa essere veramente un vincitore, facendogli anche riscoprire lo spirito della tribù di cui fanno parte. Momenti di sport frenetici, attimi che scaldano il cuore, tanta determinazione e una serie di insegnamenti positivi sono i punti forti del film, capace di mostrare come un semplice gioco di squadra può aiutare ad acquisire una nuova consapevolezza di sé stessi. Joe non solo farà riavvicinare la sua squadra alle proprie radici, ma insegnerà loro cosa veramente significa essere tribale; qualcosa che lui stesso si era dimenticato negli ultimi anni ma che imparerà a riscoprire. E con lo spirito di riportare in auge il proprio patrimonio culturale, il coach e la squadra di lacrosse, contrariamente ad ogni aspettativa, arriveranno alla finale del campionato contro la squadra di un'esclusiva scuola privata. Se riusciranno a vincere o meno non lo svelo, ma vi consiglio di guardare questo bel film che, purtroppo, non ha trovato una distribuzione italiana al cinema.
Diretto da Steve Rash, nel film Brandon Routh è affiancato da Gil Birmingham, Crystal Allen, Chelsea Ricketts, Tom Kemp, Michael Hudson, Dennis Ambriz, Lonnie Farmer.

Video

Crooked Arrows arriva direttamente in home video senza passare per le sale cinematografiche in un DVD targato Sony Pictures Home Entertainment con una fattura tecnica molto buona. Il video è compatto e pulito e non viene meno in tutte le numerose scene movimentate, quelle durante gli incontri di lacrosse. Certo, l'immagine appare in alcune occasioni leggermente sfocata nei contorni, ma per un DVD la qualità è comunque buona. Il quadro in generale rimane solido e senza particolari flessioni, con un nero leggermente opaco in grado di far percepire comunque allo spettatore i dettagli in secondo piano. Quando la squadra di lacrosse si ritrova in tenda per trovare un animale che possa corrispondere alla personalità di ciascuno, ad esempio, la scena si svolge nella penombra, con il quadro che regge bene con un'immagine piuttosto definita. Il rumore video è poco, la compressione è ben gestita. I colori non sono molto vivaci ma l'illuminazione è buona. In generale, la definizione è buona pur con qualche lieve sbavatura in qualche scena. Voto 8.

Audio

Ottimo l'audio, con una traccia multicanale italiana qualitativamente simile all'originale inglese, tranne che per la naturalezza dei dialoghi. L'audio si propone con dialoghi chiari e sempre puliti e con una colonna sonora precisa. Per il resto la traccia è normale, in quanto il film è composto per di più da dialoghi. L'ambienza è discreta, coinvolgente durante gli incontri di lacrosse con le tifoserie che rumoreggiano nel sottofondo senza essere troppo invadenti. Voto 8.

Contenuti Extra

- Commento con il regista Steve Rash, il co-produttore Mark Ellis e il co-produttore Neal Powless;
- La storia di Crooked Arrows;
- Fedeli alla realtà: il lacrosse di Crooked Arrows;
- Il lacrosse dei nativi americani: il tributo di Crooked Arrows;
- Cuore e spirito di Onondaga;

Soddisfacente il numero di contenuti extra. Vi è la possibilità di guardare il film commentato dal regista Steve Rash, il co-produttore Mark Ellis e il co-produttore Neal Powless. Si prosegue con la featurette La storia di Crooked Arrows (5 minuti) in cui si racconta la vera storia da cui è tratto il film. Nella featurette Fedeli alla realtà: il lacrosse di Crooked Arrows (5 minuti) i produttori parlano della scelta di prendere veri giocatori di lacrosse e insegnare loro a recitare per garantire quel filo di realtà nel gioco presente nel film, piuttosto che prendere degli attori a cui insegnare a giocare a lacrosse. In Il lacrosse dei nativi americani: il tributo di Crooked Arrows (5 minuti) i produttori parlano della sceneggiatura del film, di come si è riusciti a raccontare l'eredità e la cultura indigena e delle origini del gioco di lacrosse. Infine, in Cuore e spirito di Onondaga (13 minuti) un interessante approfondimento sugli Onondaga, ossia "Il popolo delle colline" facenti parte della Lega Irochese, il Popolo della Lunga Casa, il cui sport più sacro è proprio il lacrosse. Voto 8.

Giudizio Finale

Trovo un peccato che il film non sia arrivato in sala, ma per fortuna ci ha pensato la Sony Pictures HE a proporre Crooked Arrows in homevideo con un dvd di buona fattura tecnica audio e video e con una quantità di contenuti speciali soddisfacente. Il bello di questo film è che è tratto da una storia vera, non solo importante per i giocatori di lacrosse ma anche per tutte le persone comuni a cui piace questo sport.

Valutazione di Simone Ziggiotto: 8 su 10
Apri Box Commenti