Non è romantico? il film Netflix che riscrive il genere delle romcom

Non è romantico? il film Netflix che riscrive il genere delle romcom



Su Netflix arriva 'Non è romantico?' commedia con Rebel Wilson che punta a smontare il genere di appartenenza, cliché dopo cliché. Il risultato è una pellicola divertente e intelligente

di / 13.03.2019
Non è romantico? il film Netflix che riscrive il genere delle romcom

Da quando Netflix è entrata nella vita degli spettatori di tutto il mondo sembra aver in qualche modo modificato la sensazione della visione. Sembra, ormai, infatti, che se qualcosa non è su Netflix, allora non vale la pena vederlo. Quante volte abbiamo consigliato qualcosa a qualcuno e la prima domanda che ci è stata posta è stata: "ma lo trovo su Netflix?" Questo ha fatto sì che la piattaforma risultasse un mondo chiuso, pieno di paraocchi per una fetta di spettatori che non avevano (o avevano dimenticato) altri parametri di paragone.

Nonostante questo, però, Netflix ha effettivamente realizzato alcuni prodotti di valore e se c'è u genere in cui la piattaforma si è mostrata senz'altro capace è quello delle romcom, le commedie romantiche e molto spesso generazionali che hanno dato un ulteriore lustro al servizio. Tra queste commedie un posto di rilievo lo ha Non è romantico?

La pellicola di Todd Strauss-Schulson è incentrata sulla storia di Natalie, interpretata da Rebel Wilson. Dopo essere cresciuta con una madre che le ha mostrato i limiti delle commedie romantiche, applicate soprattutto alla vita di una ragazza sovrappeso e dal volto anonimo, Natalie è diventata un architetto ma ha così poca stima in se che non riesce ad attirare l'attenzione né ad avere una storia d'amore. Nascosta dietro il proprio cinismo, Natalie può fare affidamento esclusivamente sull'amicizia della sua best friend Whitney (Betty Gilpin) e del collega Josh (Adam Devine, con il quale la Wilson aveva già collaborato nella saga di Voices e Pitch Perfect). Un giorno, dopo essere stata rapinata e aver battuto la testa, Natalie si risveglia in una New York che odora di lavanda, dove subisce la corte del bellissimo Blake (Liam Hemsworth), passa il suo tempo con il vicino/migliore amico Donny (Brandon Scott Jones) e soprattutto assiste a come Josh si innamora della bellissima modella Isabella (Priyanka Chopra). Ben presto, allora, la ragazza capirà di essere finita in un mondo che è, in effetti, una commedia romantica.

Pur avendo una struttura che di certo non punta all'originalità narrativa - insomma, lo sappiamo comunque tutti come andrà a finire il film un quarto d'ora dopo averlo iniziato - ciò che colpisce di Non è romantico? è l'innovazione realizzativa. La pellicola, infatti, non si contenta di raccontare una storia, ma decide di farlo smontando, pezzo dopo pezzo, tutti i cliché legati al genere: le corse al rallentatore, il bacio sotto la pioggia, la scena al karaoke e così via. Il racconto è pervaso da un senso (non troppo) sotterraneo di ironia che prende di petto alcuni capisaldi del genere, soprattutto quelli che vedono Julia Roberts come protagonista. Da Pretty Woman a Il matrimonio del mio migliore amico, sono tantissimi gli omaggi alle commedie romantiche che Rebel Wilson travolge con la sua Natalie. Il risultato è una pellicola che diverte e che, nonostante i difetti, intrattiene al punto da rischiare di diventare una sorta di droga. Da vedere e rivedere.

Il punto è che il film sembra suggerire che se da un parte è vero che non possiamo (non possiamo!) vivere dentro una commedia romantica, con voli improvvisati su un elicottero e loft spaziosi e pieni di scarpe costose pagate con uno stipendio minimo, di certo possiamo tirare fuori il meglio dalla nostra vita. Come dice il personaggio di Whitney, nonostante le lamentele ciniche, Natalie è una donna che ha una vita di successo: una migliore amica che l'adora, un uomo che l'ama esattamente per ciò che è e un lavoro che ama e nel quale è brava. E non è questo, già di per sé, un buon punto di partenza per una buona commedia romantica?

Valutazione di Erika Pomella: 8 su 10