Recensione Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma 3D

Recensione del film Star Wars - Episodio I - La Minaccia Fantasma 3D (2012) diretto da George Lucas e con protagonisti Liam Neeson, Ewan McGregor, Natalie Portman, Jake Lloyd, Ian McDiarmid, Pernilla August.

di / 09.02.2012
Recensione Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma 3D

Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma torna nelle sale dopo tredici anni dalla sua uscita questa volta in versione 3D. Anche George Lucas non poteva redimersi dallo sfruttare al massimo la moda della tridimensionalità riconvertendo il primo episodio (seguendo l'intreccio narrativo) della saga più famosa al mondo. Operazione già testata, con ottimi risultati di pubblico, dalla Disney con Il re leone, tra poco sarà la volta del kolossal di James Cameron, il re del 3D grazie al suo Avatar, Titanic.

L'intera galassia è governata dalla Repubblica Galattica che però è in crisi, così la Federazione dei Mercanti, contraria alla tassazione sulle rotte commerciali, ne approfitta. Il cancelliere della Repubblica invia due Jedi, il maestro Qui-Gon Jinn (Liam Neeson) e il suo allievo Obi-Wan Kenobi (Ewan McGregor) per negoziare con i mercanti e ristabilire la pace. Ma ad attenderli c'è una trappola, la Repubblica è sotto assedio,  i due fuggono e convincono la regina Amidala (Natalie Portman) a scappare con loro. Durante la fuga la nave su cui stanno volando si guasta e sono costretti a fare sosta sul piccolo mondo di Tatooine, dove incontrano il giovane Anakin Skywlaker, che si rivelerà essere il prescelto, ovvero colui che troverà l'equilibrio nella forza.

Il mondo di Star Wars è il primo mondo fantastico che ha fatto la comparsa sul grande schermo, prima ancora di Avatar, di Harry Potter, de Il Signore degli anelli e così via, George Lucas ha creato le guerre stellari. È il progenitore di tutti i film di fantascienza, e non solo, che sono susseguiti da quel lontano 1977 in poi. Da allora il mondo del cinema fantascientifico e degli effetti speciali non è più lo stesso, la saga diventa la più citata in assoluto e annovera una moltitudine enorme di fans in tutto il mondo, creando un merchandising, che ruota intorno ai film, spaventoso, una serie di oggetti di culto che ogni estimatore che si rispetti non può non avere. Oggi, a distanza di più di trent'anni dalla sua nascita, Star Wars è ancora protagonista nelle sale.

Il giudizio sul singolo film è ininfluente, perché nonostante il primo Guerre Stellari, oltre a essere il capostipite, è anche una pellicola oggettivamente migliore rispetto a questa, non si può non considerare tutti i film che compongono la saga come un unicum. Si può comunque dire che la sceneggiatura ha le sue pecche ma gli effetti speciali sono meravigliosi. Per quanto riguarda la riedizione in 3D non se ne sentiva assolutamente il bisogno, è un'operazione prettamente di marketing che non porta nulla di più al film, se non, forse, in alcuni isolati momenti. Ma nonostante ciò, è sempre un piacere vedere riproposte sul grande schermo opere cinematografiche importanti, così che tutti i fan della saga, ma anche tutti coloro che hanno voglia di scoprirla per la prima volta, potranno avere la fortuna di verde la pellicola al cinema, con tutta la magia che la sala buia trasmette.

Valutazione di Giorgia Tropiano: su 10
Apri Box Commenti