A Ciambra (2017)

A Ciambra

Locandina A CiambraA Ciambra (A Ciambra) è un film di genere Drammatico di durata circa 120 minuti diretto da Jonas Carpignano con protagonisti Pio Amato, Damiano Amato, Koudous Seihon.
Prodotto da Stayblack nel 2017 in Italia e Brasile [Uscita Originale il 19/05/2017 (Francia)] esce in Italia Giovedì 31 Agosto 2017 distribuito da Academy Two.

Trama e Scheda Tecnica

Il protagonista è un ragazzo di 14 anni, Pio che vive nella piccolo comunità Rom denominata A Ciambra in Calabria. Beve, fuma ed è uno dei pochi che siano in relazione con tutte le realtà presenti in zona: gli italiani, gli africani e i suoi consanguinei Rom. Quando Cosimo e il padre vengono arrestati tocca a Pio il ruolo del capofamiglia precoce che deve provvedere al sostentamento della numerosa famiglia.


Data di Uscita ITA: Giovedì 31 Agosto 2017
Data di Uscita Originale: 19/05/2017 (Francia)
Genere: Drammatico
Nazione: Italia, Brasile, Germania, Francia, USA, Svezia - 2017
Formato: Colore
Durata: 120 minuti
Produzione: Stayblack, RT Features, Rai Cinema, DCM Productions, Haut et Court
Distribuzione: Academy Two
Box Office: Italia: 26.092 euro -> Storico incassi
Note:
Presentato al Festival di Cannes 2017 nella Quinzaine des réalisateurs, dove ha vinto il Premio Europa Cinemas Label come Miglior film europeo.

Cast e personaggi

Regia: Jonas Carpignano
Sceneggiatura: Jonas Carpignano
Musiche: Dan Romer
Fotografia: Tim Curtin
Scenografia: Marco Ascanio Viarigi
Cast e Ruoli:

News e Articoli

A Ciambra, Trailer e Poster Ufficiali

Il protagonista è un ragazzo di 14 anni che vive nella piccolo comunità Rom denominata A Ciambra in Calabria.

CINE' 2017, ecco i Film di prossima uscita al Cinema

Ciné, l'appuntamento estivo delle Giornate Professionali di Cinema, torna a Riccione dal 4 al 7 luglio 2017.

Curiosita'

INTERVISTA CON JONAS CARPIGNANO

Entrambi i suoi film sono ambientati nel sud Italia in una città che si chiama Gioia Tauro. In MEDITERRANEA, ci hai portato nel mondo di due immigrati africani che cercavano la propria strada dopo un pericoloso viaggio. In A CIAMBRA, ci fa conoscere la famiglia Amato, appartenente ad una comunità rom. Come è stato il suo primo incontro con la famiglia Amato? Può parlarci della comunità rom presente in Italia?
La prima volta che ho incontrato la famiglia Amato era il 2011, dopo che la mia Fiat Panda, con tutte le mie apparecchiature cinematografiche, era stata rubata. Eravamo a Gioia Tauro per girare A Chjana (il cortometraggio da cui poi sarebbe nato Mediterranea). A Gioia Tauro quando una macchina sparisce, la prima cosa da fare è "chiedere agli zingari". Ed è stata la prima volta che ho visto la Ciambra. Mi sono innamorato immediatamente dell'energia di quel posto. Ogni volta che racconto questa storia, Pio dice di ricordarsi di avermi visto ma di non avermi notato, ma anche io non feci attenzione a lui, c'erano troppe cose da fare. Dovemmo aspettare tre giorni per riavere la macchina perché il nonno di Pio ( che ha ispirato il personaggio di Nonno Emiliano ) era appena morto e loro non potevano contrattare il riscatto per la macchina prima dei funerali. La processione durante il rito funebre mi impressionò talmente tanto che cinque anni dopo la riproposi nel film. Tutta questa vicenda ebbe un tale impatto su di me che di lì a poco iniziai la stesura della versione breve di A CIAMBRA. È difficile definire genericamente la condizione dei rom nella società italiana, e non ho lo spazio qui per spiegare la complessità della loro situazione in Italia o in Europa. Ci sono quelli che hanno raggiunto le vette della criminalità organizzata, come i Casamonica a Roma; o gli operai che lavorano a giornata e che non si distinguono dagli altri italiani; o i nomadi che vivono in squallidi campi creati dallo stato nelle periferie delle più grandi città italiane; e posso fare anche altri esempi. Quello che è importante nel film è il ruolo che i rom della Ciambra svolgono a Gioia Tauro e la loro relazione con i nuovi immigrati africani arrivati nel Sud Italia. Penso che partendo da questo esempio, possiamo parlare di una condizione più universale, l'obiettivo del film non è mai stato fare luce su articolate questioni sociologiche. Sono interessato a Pio e Ayiya e penso che il film racconti in maniera articolata la loro relazione, punti di forza e limiti.

Apri Box Commenti