Abluka (2015)

Abluka

Locandina Abluka
Abluka (Abluka) è un film di genere Drammatico diretto da Emin Alper.
Prodotto nel 2015 in Turchia

TRAMA

Istanbul è in preda alla violenza politica. Hamza, un ufficiale di polizia di alto grado, offre a Kadir la libertà condizionale dal carcere. Per essere rilasciato deve accettare di lavorare come netturbino. Kadir accetta e inizia a raccogliere spazzatura dalle baraccopoli, controllando che non ci sia materiale utilizzato per la fabbricazione di bombe. Vagando per questi quartieri, Kadir trova suo fratello minore Ahmet, che lavora presso il comune come accalappiacani. 

Genere: Drammatico
Nazione: Turchia - 2015
Formato: Colore
Durata: N.d.
Note:
Presentato in Concorso al Festival del Cinema di Venezia 2015.

Cast e personaggi

Regia: Emin Alper
Sceneggiatura: Emin Alper

News e Articoli

DESDE ALLÁVenezia 72: tutti i Premi e Vincitori

A Venezia 72: Valeria Golino miglior attrice, Leone d'oro a 'Desde Alla', Leone d'argento a 'El Clan'. Tutti i Premi e Vincitori di Venezia 72.

SANGUE DEL MIO SANGUE di Marco BellocchioVenezia 72, il programma di Martedì 8 Settembre 2015

A Venezia 72, Martedì 8 settembre, in concorso tre film: Anomalisa di Charlie Kaufman e Duke Johnson, Sangue Del Mio Sangue di Marco Bellocchio, Abluka (Frenzy) di Emin Alper. Fuori concorso: La Vita E Niente Altro di Bertrand Tavernier.

Immagini

[Schermo Intero]
Foto dal film
Foto e Immagini Abluka
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

I COMMENTI DEL REGISTA EMIN ALPER

Caos politico
Frenzy, si svolge in una città che sta scivolando nel caos politico. Lo stato centrale combatte disperatamente contro i terroristi che hanno base nei quartieri disagiati. Quando le tecniche di isolamento e segregazione di questi quartieri non funzionano, il governo adotta nuove strategie. Frenzy è la storia di due fratelli che cercano di sopravvivere in uno di questi quartieri. Racconta di come il sistema politico trasforma "piccoli uomini" in parti del suo meccanismo di violenza, fornendo loro autorità e strumenti di violenza, che alla fine si rivoltano contro di loro e li conducono alla distruzione.

Seguire gli ordini
In Frenzy punto lo sguardo su "piccoli uomini" che sono al contempo strumenti e vittime di una violenza sistematica. Kadir è un informatore che ha il potere di porre termine ad una vita attraverso le 'informazioni' che fornisce. Ahmet è uno sterminatore di cane randagi, metafora e immagine speculare del cacciatore di terroristi. Che le loro pratiche di violenza siano dirette verso cani randagi o terroristi, questi uomini seguono ordini – vuoi al fine di avverare i propri sogni o giusto per guadagnarsi da vivere. Sono indifferenti agli effetti causati dai loro strumenti. Ciononostante, non possono sfuggire agli effetti soffocanti del clima politico. La violenza che li circonda e le pressioni dalle autorità li rendono sempre più paranoici. L'esito di questa paranoia è letale, a causa proprio delle armi che hanno a disposizione.

Nemico e amico
Quel che innesca gli eventi nel film è il disordine emotivo che i due fratelli vivono a causa di alcune svolte narrative. Queste svolte consistono principalmente nel divenire amico da parte di un nemico, nel caso di Ahmet, e del divenire nemici da parte di amici, nel caso di Kadir. In Frenzy, vediamo come un nemico può essere un caro amico, mentre un caro amico può diventare un nemico. Vedo questa distinzione quasi come una coincidenza. La necessità di guadagnarsi da vivere ha portato Ahmet a divenire un killer di cani. Il sogno di Kadir di ricreare una vitta di famiglia lo porta a divenire informatore. E poi all'improvviso, la crudele solitudine di Ahmet crea un amico intimo nel nemico cane, mentre un amico di Kadir e il suo oggetto del desiderio divengono per lui nemici mortali. La solida logica della violenza distrugge tutti i legami intimi tra queste persone e crea avversari politici alienati. Le linee di demarcazione tra nemici e amici possono essere determinate da coincidenze, ma sono molto forti. È per questo che Kadir e Ahmet non riescono a far fronte alla situazione quando altri personaggi transitano da un fronte all'altro.

Vulnerabili
I personaggi nel film non sono semplicemente gli strumenti del sistema o le vittime di un'atmosfera di violenza. Essi compiono delle scelte e hanno delle responsabilità, il che per me avvicina il film alla forma della tragedia. I personaggi hanno debolezze che li conducono a dei finali tragici. Il bisogno di affetto di Ahmet lo spinge a costruire una relazione perversa con il cane Coni. La paura di perderlo lo rende paranoico. Anche il bisogno d'amore e di affetto di Kadir ha un effetto catalizzatore. Il suo tentativo di conquistare l'amore di Ahmet, la sua invidia verso il fratello perduto Veli, il suo desiderare Meral e la gelosia nei confronti di Ahmet a riguardo di quest'ultima, nutrono la paranoia di Kadir. Dunque, non solo la temperie politica e le autorità o la trasformazione di amici in nemici, ma anche la debolezze emotive dei personaggi sono responsabili del finale tragico.

Tempo e luogo
Non determino con precisione il momento in cui Frenzy si svolge. Si potrebbe trattare di un presente, passato o futuro fittizio... Traggo ispirazione dalle storie di violenza del mondo moderno. Frenzy ha atteso a lungo d'essere portato a compimento. Ho iniziato a pensarci nei primi anni 2000. La prima stesura è stata redatta nei tardi anni 2000. Nonostante il passare del tempo, la rilevanza della storia è cresciuta, poiché il potere politico in Turchia ha testardamente continuato ad adottare metodi antiquati. Quando nei primi anni 2000 ho pensato per la prima volta alla storia, l' 'organizzazione' contro cui il governo faceva guerra era influenzata dai movimenti di guerriglia marxisti e di separatismo etnico, attivi dall'America Latina fino all'Asia durante il XX secolo. All'inizio del XXI secolo, prima gli attentati dell'11 settembre 2011, poi l'occupazione dell'Afghanistan e dell'Iraq, hanno creato un nuovo contesto globale per pensare le traiettorie e i perpetratori della violenza politica. E in anni recenti, l'onda di sommosse e rivoluzioni, non sono limitate alla sola Primavera Araba, ha ulteriormente giustificato la critica della violenza in Frenzy. In questo momento, per l'ennesima volta nella storia dell'uomo, come rapportarsi alla violenza politica è una questione pressante per tutti noi.

Apri Box Commenti Movietele Comments