Classe Z (2017)

Classe Z

Locandina Classe ZClasse Z (Classe Z) è un film di genere Commedia diretto da Guido Chiesa con protagonisti Andrea Pisani, Enrico Oetiker, Luca Filippi, Antonio Catania, Alessandro Preziosi, Antonio Catania, Alessandro Preziosi, Francesco Russo.
Prodotto da Colorado Film nel 2017 in Italia esce in Italia Giovedì 30 Marzo 2017 distribuito da Medusa.

Trama e Scheda Tecnica

Primo giorno dell'ultimo anno per gli studenti di un liceo scientifico, ma a scuola c'è una novità: alcuni ragazzi sono stati spostati dalle rispettive classi in una sezione creata appositamente per loro, la sezione H. Gli studenti della sezione H non sono stati scelti a caso, sono infatti elementi notoriamente problematici, troppo esuberanti e svogliati. Tra loro c'è Ricky (Enrico Oetiker) che è sveglio e non perde occasione per fare irritanti scherzi che poi condivide sul suo canale Youtube, Stella (Greta Menchi) il cui unico interesse è il suo look e Viola (Alice Pagani) intelligente ma sempre in guerra con il mondo. Per i ragazzi la vita nella nuova sezione è una pacchia, i professori sembrano aver perso con loro ogni speranza e non provano nemmeno più a farli studiare. L'unico professore che si presenta alla classe con sincero entusiasmo e pronto a vivere il suo ruolo da supplente come una sfida importante è Marco Andreoli (Andrea Pisani) il prof d'italiano che ha come modello di riferimento il Professor Keating de L'Attimo fuggente. Dopo molti tentativi per cercare di coinvolgere e appassionare i ragazzi, esasperato dal disinteresse e dalle continue umiliazioni a cui lo sottopone la classe, Andreoli abbandona il lavoro a metà anno. Prima di andarsene però, svela ai ragazzi che la creazione della sezione H è stata un'idea del Preside (Alessandro Preziosi) che aveva deciso di isolarli in una classe "ghetto", sicuro di poter dimostrare che il rendimento delle altri classi sarebbe migliorato. A cento giorni dall'esame di maturità, i ragazzi si accorgono di essere spacciati, non riusciranno mai a superare l'esame. Il solo modo per salvarsi è farsi aiutare dall'unica persona che credeva in loro, il professor Andreoli. Riusciranno con il suo aiuto a ottenere la tanto attesa maturità? 


Data di Uscita ITA: Giovedì 30 Marzo 2017
Genere: Commedia
Nazione: Italia - 2017
Formato: Colore
Durata: N.d.
Produzione: Colorado Film
Distribuzione: Medusa
Box Office: Italia: 708.774 euro -> Storico incassi

News e Articoli

Box Office Italia: Ghost in the Shell debutta secondo, dietro La Bella e la Bestia

'La Bella e la Bestia' il film piu' visto nel weekend italiano dal 31 marzo al 2 aprile 2017, seguito da 'Ghost in the Shell' e 'Classe Z'.

Classe Z, al cinema la commedia di Guido Chiesa

Gli studenti problematici, esuberanti e svogliati di un liceo scientifico spostati in una sezione creata per loro, nell'ultimo anno scolastico prima della maturità.

Curiosita'

Intervista a Guido Chiesa

Come è nata l'idea di questo film?
La Colorado Film ci ha chiesto di sviluppare una storia ambientata nel mondo della scuola. In questo processo, abbiamo conosciuto i responsabili del portale Scuola Zoo, nato alla fine dello scorso decennio grazie ad uno studente, Paolo De Nadai, che per denunciare lo scarso impegno di alcuni insegnanti aveva postato su Youtube il filmato di un suo professore che dormiva in classe. Il video ebbe un successo clamoroso. Questo ragazzo è oggi un imprenditore di successo, che con Scuola Zoo si rivolge a una platea di milioni di studenti, muovendosi tra aspetti più goliardici (come i viaggi post maturità) e altri più seri (come quello di realizzare le campagne elettorali di aspiranti rappresentanti di istituto, al fine di migliorare la scuola sia dal punto di vista delle strutture che didattico). I promotori del portale ci hanno raccontato la realtà del mondo scolastico dal punto di vista dei ragazzi, delle loro aspettative e problemi. Su questa base, Alessandro Aronadio, Renato Sannio ed io abbiamo elaborato varie idee. Tra queste, la Colorado ha scelto "Classe Z", decidendo al contempo di continuare la collaborazione con Scuola Zoo, che è co-produttore minoritario del film. La scelta di proporre la sceneggiatura a Medusa, infine, nasceva dal comune desiderio di continuare il felice rapporto nato con il successo di "Belli di papà". Per quanto mi riguarda, avevo un interesse personale molto forte, perché ho due figlie che frequentano il liceo, una delle quali alle prese quest'anno con gli esami di maturità. L'obiettivo era di realizzare una commedia che parlasse del mondo della scuola attraverso il conflitto tra due idee di didattica: una più orientata verso l'efficienza, la meritocrazia e la selezione; un'altra più attenta agli studenti in quanto "persone", alla loro crescita e creatività. Ovviamente, dovendo dar vita ad una commedia, abbiamo volutamente esasperato i toni ed "estremizzato" le situazioni".

Che cosa si racconta in scena?
Il primo giorno dell'ultimo anno, un gruppo di studenti di un liceo scientifico trova ad attenderli una strana sorpresa: sono stati spostati dalle rispettive classi nella neonata sezione H, creata ex novo per loro. Motivo: il sovraffollamento delle classi. Lo spostamento non turba più di tanto i ragazzi e nessuno sentirà la loro mancanza. Sono infatti elementi altamente individualisti e notoriamente problematici. C'è la ragazza che va bene a scuola ma litiga con tutti; la fashion victim che va avanti grazie alle raccomandazioni della mamma; una coppia di gemelli cinesi che parla con accento romano e non lega con nessuno. E poi lo spaccone pluriripetente, il "casinista" continuamente dedito agli scherzi, l'erotomane apatico, l'introverso cronico spesso assente. Per i ragazzi, la vita nella nuova classe è una pacchia. Nella neonata sezione, infatti, i professori tendono a non essere molto severi o a disinteressarsi completamente della didattica. L'unico professore apparentemente intenzionato a cavare qualcosa di buono da questo gruppo di "sfigati" e piantagrane è il giovane supplente d'italiano, Marco Andreoli, ossessionato dalla figura del professor Keating di L'attimo fuggente. Ma anche lui deve scontrarsi con il disinteresse e la facinorosità degli studenti, i quali lo bersagliano di scherzi e lo deridono per il suo idealismo. A metà anno, dopo l'ennesima beffa ai suoi danni, Andreoli svela ai ragazzi che la storia del sovraffollamento è una bugia. La verità è che il preside (Alessandro Preziosi) a inizio anno, nel pieno rispetto della legge, ha deciso di fare un esperimento al fine di capire se, togliendo gli alunni "difficili" dalle rispettive classi, il rendimento degli altri studenti sarebbe migliorato. Come minimo, mettendoli in una classe "speciale", li poteva tenere sotto controllo. Rivelato ciò agli studenti, Andreoli, il quale aveva aderito pieno di entusiasmo al progetto del preside, lascia la scuola riconoscendo il proprio fallimento, pieno di risentimento verso quei ragazzi che non è riuscito ad aiutare. L'abbandono è così radicale che Andreoli non avvisa nessuno, e per questo viene deferito ad una commissione disciplinare per abbandono del posto di lavoro. I ragazzi all'inizio non danno peso alle sue parole, ma poco per volta si rendono conto che ha detto la verità: tutti li considerano dei vuoti a perdere, e neanche i trucchetti per copiare, con cui se la sono cavata negli anni precedenti, riescono a fargli prendere la sufficienza. Non resta che studiare! Il problema è che, individualisti come sono, non riescono a darsi una mano e ormai mancano poco più di 100 giorni all'esame…

Commenti

Serie in Prima Serata

Film in Prima Serata