Locandina Clown

Clown (2014)

Clown

Clown (Clown) è un film di genere Drammatico e Horror di durata circa 99 minuti diretto da Jon Watts con protagonisti Peter Stormare, Eli Roth, Laura Allen, Elizabeth Whitmere, Christian Distefano, Chuck Shamata.
Prodotto da Cross Creek Pictures nel 2014 in USA e Canada esce in Italia Giovedì 13 Novembre 2014 distribuito da M2 Pictures.

TRAMA

Il clown ha dato forfait e la festa per il decimo compleanno di Jack rischia di essere un disastro. Per fortuna Kent, il padre del bambino, trova un vecchio costume da clown e riesce a far tornare il sorriso al piccolo. Finiti i festeggiamenti Kent, esausto, si addormenta con il costume ancora addosso. Il giorno dopo, però, ogni tentativo di togliere trucco, parrucca e costume si rivela inutile: tira, strappa, usa strumenti elettrici, ma non riesce a toglierseli. In un primo momento l'uomo si rassegna a sopportare le strane occhiate della gente mentre va a lavoro vestito da clown; poi qualcosa inizia ad andare storto. Inizia a sentire uno strano cambiamento, è in preda a una fame violenta e incontrollabile e sente il costume fondersi con la sua stessa pelle. Kent, alla ricerca di un modo per liberarsi del costume maledetto, viene a sapere di una terribile leggenda ormai dimenticata. Oggi il clown è un personaggio buffo, ma un tempo il "Cloyne" era un demone che viveva fra i ghiacciai e scendeva nei villaggi per divorare un bambino al mese durante l'inverno. Nessuno si ricorda più del demone, ma quella pelle bianca e quel volto insanguinato sono ancora affamati.

Data di Uscita ITA: Giovedì 13 Novembre 2014
Genere: Drammatico, Horror
Nazione: USA, Canada - 2014
Formato: Colore
Durata: 99 minuti
Produzione: Cross Creek Pictures, PS 260, Vertebra Films, Zed Filmworks
Distribuzione: M2 Pictures
Box Office: Italia: 1.381.037 euro -> Storico incassi

Cast e personaggi

Regia: Jon Watts
Sceneggiatura: Jon Watts, Christopher D. Ford
Musiche: Matt Veligdan
Fotografia: Matthew Santo
Scenografia: Lisa Soper
Montaggio: Robert Ryang

Cast Artistico e Ruoli:
foto Eli RothEli Roth
Frowny the Clown
foto John MacDonaldJohn MacDonald
Helpful Motorist
foto Claudia JurtClaudia Jurt
Panicked Parent
foto Sarah SchefferSarah Scheffer
Costume Shop Employee

News e Articoli

ClownClown: Censurato il poster italiano

Prodotto dal maestro dell'horror Eli Roth, 'Clown' diretto da Jon Watts si è visto censurare il poster italiano dalle sale cinematografiche italiane.

ClownClown, il thriller di Jon Watts dal 13 Novembre al Cinema

Prodotto dal maestro dell'horror Eli Roth, 'Clown' diretto da Jon Watts con Andy Powers, Laura Allen, Peter Stormare uscirà nei cinema italiani il 13 Novembre 2014.

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina italiana - Versione NON Censurata
Foto e Immagini Clown
Locandina italiana - Versione NON Censurata
Locandina italiana - Versione Censurata
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

Curiosita'

Clown è un progetto cominciato per gioco. Fin dai tempi in cui frequentavano la scuola di cinema, il regista Jon Watts e lo sceneggiatore Chris Ford scherzavano sull'idea di fare un film che fosse quanto di più inquietante potessero immaginare: un horror psicologico su un uomo che si trasformava lentamente nel demone di un clown assassino. Ma non avevano mai pensato che ci sarebbe stato davvero qualcuno interessato a produrlo.

Nel 2010, qualche giorno dopo Halloween, hanno deciso di testare l'idea pubblicando un finto trailer di Clown sul loro canale di YouTube. Watts e Ford apparivano come sceneggiatori del film e come regista Eli Roth, che in realtà però non ne sapeva niente. La scelta di inserire nei titoli il regista di Hostel e Cabin Fever aggiungeva credibilità al trailer e dava un'idea dei raccapriccianti colpi di scena che ci sarebbero stati in quel film di fatto inesistente. L'obiettivo era convincere il piccolo gruppo di sostenitori su YouTube che il progetto di Clown fosse reale, ma sono rimasti molto sorpresi da quello che è successo dopo.

Il trailer è diventato virale ed è stato ripreso da moltissimi blog horror. Tutti pensavano che fosse vero e chiedevano quando sarebbe uscito. La voce è arrivata in breve a Eli Roth, che li ha contattati personalmente dopo due giorni dalla pubblicazione del trailer. Watts racconta: "La prima cosa che ho detto a Eli è stata 'Ti prego, non ci fare causa!' Ma lui si è messo a ridere e ha detto 'Non voglio farvi causa, ragazzi, voglio produrre il film!'".

Mentre Roth si occupava dei finanziamenti, Watts e Ford hanno trasformato la loro bozza nella sceneggiatura di un lungometraggio. Invece di seguire la tendenza dell'horror paranormale, Roth ha condiviso l'idea di Ford e Watts: Clown doveva essere un film ispirato ai classici della Universal degli anni Trenta e ai body horror contemporanei come La mosca di Cronenberg. Così, una volta scartato lo stereotipo di un "clown killer" si sono concentrati sulla storia del personaggio, un uomo buono che soccombe a un antico demonio. Consapevoli del fatto che di base i clown ispirino paura, volevano andare a fondo su questa percezione e raccontarne il motivo. Hanno così affondato le origini della storia nella leggenda nordica del Cloyne, un demone di montagna dal volto bianco che attirava i bambini nella sua caverna per divorarli.

"Clown è la storia di un uomo che diventa un mostro", dice Watts, "Ma è soprattutto la storia di quanto un genitore possa spingersi lontano pur di far felice suo figlio e di proteggerlo. Più che raccontare una semplice storia che avesse una morale – un uomo commette un'azione malvagia e viene punito – io e Ford abbiamo voluto vedere come delle persone buone se la sarebbero cavata di fronte al male vero. E di certo in questo film c'è più di un mostro".

Una volta terminata la sceneggiatura – una singolare combinazione di horror classico, humor nero e sfumature narrative – ha subito conquistato l'attenzione delle migliori talent agency. Nel novembre 2012 a Ottawa, nell'Ontario, sono cominciate le riprese con un cast d'eccezione e la regia di Watts.

Il film è stato girato in soli 23 giorni, con l'aiuto di una troupe del posto e con collaboratori fidati di Watts, il producer Cody Ryder e il direttore della fotografia Matthew Santo. Dal momento che avrebbe dovuto destreggiarsi fra il trucco del mostro, e gli effetti speciali delle protesi e le limitazioni di tempo imposte per le scene con bambini e animali, Watts ha previsualizzato tutto il film per ottimizzare le riprese. E, nonostante la serrata tabella di marcia, è stato in grado di portare a compimento l'aspetto e il tono del film che aveva in mente. Quando il protagonista Kent McCoy si trasforma nel malefico Cloyne, cambia anche lo stile visivo del film, e quello che era partito come un film drammatico di carattere realistico diventa gradualmente una fiaba da incubo, in cui innocue ambientazioni di periferia (come il labirinto di un Chuck-E-Cheese o un campo di mini golf) diventano surreali set del terrore.

Watts ha lavorato con un altro suo collaboratore di lunga data, il montatore Robert Ryang, per realizzare un montaggio che avesse un ritmo che giocasse con le aspettative del pubblico rispetto a un film horror. "Eli si è fidato di noi e ci ha lasciati costruire il film e sviluppare un'atmosfera gradualmente, senza starci col fiato sul collo per controllare che il pubblico saltasse per lo spavento ogni cinque minuti", dice Watts.

Graham Reznick, il fidato sound designer di Ti West, regista di horror indipendenti, ha contribuito al suono, lavorando a stretto contatto col compositore Matthew Veligdan e riuscendo a realizzare l'ambiente sonoro del film, con un suono che evocasse il mostro unendo lo stridore dei palloncini con le urla dei bambini.

Chris Ford, sceneggiatore:

Clown è cominciato con la storia del finto trailer. Io e Jon giocavamo da tempo con l'idea di un film che fosse terribilmente spaventoso. Così durante un Halloween abbiamo deciso di fare un trailer da postare su YouTube per fare uno scherzo ai nostri seguaci e far credere loro che un progetto folle come Clown fosse vero. E per renderlo più spaventoso e più autentico possibile abbiamo usato il nome di Eli Roth. Il nostro intento era solo rendere credibile il trailer di un progetto inverosimile. Poco dopo però è stato lo stesso Eli a contattarci. All'inizio abbiamo avuto paura di esserci cacciati nei guai, ma per fortuna Eli è una persona intelligente e ha capito. Il trailer gli era piaciuto e voleva sapere se volevamo farlo davvero.

Mentre scrivevamo Clown, una delle parti più divertenti è stata quella sulla leggenda del mostro. Per la storia del clown abbiamo avuto lo stesso approccio con cui abbiamo realizzato il finto trailer: volevamo far credere che fosse una storia vera. Che fosse simile a quella dei vampiri o dei lupi mannari e che fosse stata dimenticata. Penso che il motivo per cui funzioni è il fatto che faccia leva su quello che spaventa dei clown: sembrano sorridenti, allegri, buffi – ma è ovvio che dietro il naso finto e tutto quel trucco ci sia qualcun altro… Cosa nascondono? Associare l'origine del clown alla paurosa leggenda del mostro che mangia bambini durante l'inverno si lega in modo naturale alla percezione che si ha del clown. Non è insomma un personaggio uscito fuori all'improvviso da un vulcano stregato o cose del genere.

Ho avuto la fortuna di stare sul set come sceneggiatore. Non sempre siamo coinvolti nelle riprese, ma la verità è che il lavoro non finisce mai. Inoltre sono state riprese difficili – molte notti in esterno in pieno inverno in Canada. A ripensarci, forse sarei stato più fortunato se avessi potuto rimanere a dormire in un letto caldo.

Cody Ryder, produttore:

Abbiamo cominciato subito chiamando Alex Laurant, un eccezionale concept illustrator. Jon e Alex hanno fatto molte ricerche su clown, demoni, mostri, costumi delle tribù del Nord, maschere, animali, creature mitologiche, Krampus, e così via, e hanno fatto una serie di schizzi che mi fanno ancora venire gli incubi.

Abbiamo scelto Alterian perché Tony Gardner aveva già realizzato costumi e pupazzi emblematici, come quello di Chucky, la celebre bambola assassina, e il trucco ultrarealistico di Amore a prima svista e Jackass – Nonno cattivo. È un fanatico dell'horror e poteva trovare la combinazione perfetta di trucco e costume per creare la trasformazione realistica e mostruosa di cui avevamo bisogno.

Convertiti gli schizzi di Alex in stampi tridimensionali, abbiamo cominciato a lavorare con il volto e, una volta ottenuto un mostro terrificante, l'abbiamo riportato a una sagoma da clown. Jon ha disegnato sui tovagliolini di un bar dei tratti di un clown e ci siamo rifatti a una specie di origami, poiché è il modo più semplice per comunicare un'immagine. Si trattava semplicemente di una faccia bianca con un naso rosso e con delle croci rosse sugli occhi. Nel film si vede la pelle sbiancare e alla fine incrinarsi, con dei segni di sangue a forma di croce sugli occhi, il naso di gomma si strappa e rivela una bulbo rosso incrostato al posto del naso. Tutto molto disgustoso. All'inizio avevamo pensato che avremmo dovuto realizzare 4 o 5 livelli di trasformazione da padre a mostro, ma alla fine questa progressione avviene poco a poco durante il film. In definitiva in Clown sono stati impiegati 58 makeup leggermente diversi. Alcuni dettagli del trucco erano a dire il vero impercettibili, e questa era la prova che funzionavano bene.

Apri Box Commenti