Locandina Codice criminale

Codice criminale (2016)

Trespass Against Us

Locandina Codice criminale
Codice criminale (Trespass Against Us) è un film di genere Azione e Crimine di durata circa 99 minuti diretto da Adam Smith con protagonisti Michael Fassbender, Brendan Gleeson, Lyndsey Marshal, Georgie Smith, Rory Kinnear, Killian Scott, Sean Harris, Kingsley Ben-Adir, Kacie Anderson, Gerard Kearns.
Prodotto da Potboiler Productions nel 2016 in UK [Uscita Originale il 03/03/2017 (UK)] esce in Italia Mercoledì 28 Giugno 2017

TRAMA E SCHEDA TECNICA

Criminali da generazioni, i Cutler vivono nella verde campagna del Gloucestershire. ricca contea nel sud-ovest della Gran Bretagna. Non riconoscono nessuna legge e vivono di rapine, corse d'auto ed inseguimenti con la polizia. Chad (Michael Fassbender) è tormentato tra il rispetto che nutre verso suo padre, il capobanda Colby (Brendan Gleeson), e il desiderio di dare una vita migliore a sua moglie Kelly e ai loro bambini. Quando Chad decide di abbandonare la sua vecchia vita e la banda per offrire un futuro diverso ai suoi figli, deve scontrarsi con la rabbia di Colby e con un sistema che non sembra permettere alcuna redenzione. Con la polizia sempre più alle calcagna e la presa di suo padre sempre più serrata, Chad inizia a realizzare che il suo destino potrebbe non essere più nelle sue mani e che salvare la sua famiglia potrebbe comportare un doloroso sacrificio. 


Data di Uscita ITA: Mercoledì 28 Giugno 2017
Data di Uscita USA: Venerdì 20 Gennaio 2017
Data di Uscita Originale: 03/03/2017 (UK)
In HomeVideo: in DVD da Mercoledì 25 Ottobre 2017 [scopri DVD e Blu-ray]
Genere: Azione, Crimine, Drammatico
Nazione: UK - 2016
Formato: Colore
Durata: 99 minuti
Produzione: Potboiler Productions, Film4, Albert Granville, Animal Kingdom, DMC Film (in associazione con), Head Gear Films (in associazione con), Metrol Technology (in associazione con)
Box Office: Italia: 184.592 euro -> Storico incassi
Note:
Colonna sonora originale di The Chemical Brothers.

Prossimi passaggi in TV:
Venerdì 22 Giugno ore 19:15 su Sky Cinema Uno
Sabato 23 Giugno ore 19:15 su Sky Cinema +24

Cast e personaggi

Regia: Adam Smith
Sceneggiatura: Alastair Siddons
Musiche: The Chemical Brothers
Fotografia: Eduard Grau
Scenografia: Nick Palmer
Cast Artistico e Ruoli:
foto Brendan Gleeson
Colby Cutler
foto Lyndsey Marshal
Kelly Cutler
foto Georgie Smith
Tyson Cutler
foto Rory Kinnear
P.C Lovage
foto Sean Harris
Gordon Bennett
foto Kacie Anderson
Mini Cutler
foto Tony Way
Norman
foto Anastasia Hille
Mrs. Crawley
foto Peter Wright
Proprietario del cane
foto Mark Lewis Jones
P.C Pollock
foto George Russo
Poliziotto armato

News e Articoli

Codice criminale con Michael Fassbender al cinema

Nelle sale italiane Codice criminale (Trespass Against Us), film diretto da Adam Smith, con Michael Fassbender, Brendan Gleeson, Sean Harris, Rory Kinnear.

Curiosita'

Gli inizi

La genesi di CODICE CRIMINALE risale a quando, diversi anni fa, lo sceneggiatore e produttore Alastair Siddons lesse su un giornale inglese un articolo che parlava di una famiglia che terrorizzava la zona delle Cotswold.

 "L'articolo parlava di come una famiglia fosse stata accusata del 65% dei crimini della contea," racconta Siddons. La famigerata banda, definita dalla stampa i nomadi o gli zingari, era ben nota alle forze dell'ordine locali che li avevano collegati a una serie di intrusioni e furti in molte case signorili della regione.

Inizialmente Siddons pensò che la famiglia sarebbe stata un soggetto interessante per un documentario e, successivamente, per un lungometraggio di finzione. "L'articolo di giornale era affascinante e lavorare su un documentario è un'esperienza notevole, ma sentivo che in un film avrei potuto raccontare una storia molto più efficace. Ci avrebbe permesso di esplorare più a fondo le dinamiche familiari e i diversi pregiudizi, e avremmo potuto raccontare una storia comprensibile da ogni tipo di pubblico, indipendentemente dal loro background."

Siddons scrisse una storia così importante che conquistò subito attori di talento del calibro di Michael Fassbender, Brendan Gleeson, Lyndsey Marshal, Sean Harris e Rory Kinnear, nonché Il regista Adam Smith, noto sia per i suoi progetti televisivi (SKINS, LITTLE DORRIT, DOCTOR WHO), che per diversi spot pubblicitari e film musicali (in particolare con i The Chemical Brothers).

 "Abbiamo dedicato molto tempo insieme a sviluppare idee, e la maggior parte di esse si trovano nel copione", dice Adam Smith, "ma va ad Alastair il merito di questa sceneggiatura eccellente. È riuscito a combinare un film sulle rapine con la storia di una famiglia. È una sceneggiatura incredibile e il mio dovere come regista era di renderle giustizia."

In parte la produzione si è ispirata al film del 1998, GATTO NERO, GATTO BIANCO del regista Emir Kusturica, vincitore del Leone d'Argento per la miglior regia al Festival di Venezia. Il film serbo è incentrato su un gruppo di zingari che vive sulle rive del Danubio.

"Ci siamo innamorati di quel film e ho pensato che CODICE CRIMINALE potesse esserne una versione inglese", dice Siddons. "Michael Fassbender ha ottenuto il ruolo principale e ne sono felice. Abbiamo avuto un cast incredibile e dei grandi collaboratori."

I principali collaboratori sono stati Film4, la produttrice Andrea Calderwood e la Potboiler Productions. Andrea Calderwood ha lavorato sul pluripremiato L'ULTIMO RE DI SCOZIA e la miniserie della HBO, GENERATION KILL.

"CODICE CRIMINALE è arrivato a noi attraverso Film4," dice Andrea Calderwood. "Ci hanno invitato a leggere la sceneggiatura e ci è piaciuta moltissimo. Ha una grande energia e il modo in cui Alastair abbraccia i suoi personaggi e in cui descrive il loro mondo ci ha conquistato completamente fin dall'inizio."

 "Una cosa che ho particolarmente apprezzato è la relazione padre-figlio", aggiunge. "C'era qualcosa di veramente commovente nel tentativo del personaggio principale, Chad, di trovare se stesso e la propria strada, mentre suo padre fa di tutto per tenerlo legato a sé. Tutto il cuore, l'energia e l'umorismo presente nella sceneggiatura di Alastair è percepibile nel film."

Quando è stato il momento di scegliere la colonna sonora che completasse la sceneggiatura di Siddons, la lunga collaborazione creativa con i The Chemical Brothers ha portato Smith a chiedere a Tom Rowlands di comporre le musiche.

Spesso descritto come il "Terzo Chemical Brother", Smith ha lavorato con la band fin dal loro esordio, che risale al '94, progettando e realizzando la parte visual dei loro concerti. Il suo lavoro per l'acclamato tour del 2015/2016 Born in the Echoes, è stato definito "spettacolare" dalla Creative Review, e "un'esplosione estetica sotto ogni punto di vista" dal Guardian. Smith ha anche diretto il video di Galvanise e il film concerto universalmente apprezzato Don't Think.

Rowlands ha iniziato a lavorare alle musiche dopo aver letto la sceneggiatura con l'obiettivo condiviso con Smith di creare una colonna sonora che si sposasse perfettamente con i toni del film. Il processo creativo ha coinvolto l'utilizzo di strumenti normalmente non associati alla musica dei The Chemical Brothers. Rowlands ha iniziato a comporre utilizzando sintetizzatori analogici e sequenzatori, prima di registrare nuovamente le melodie utilizzando strumenti classici. Ha trasformato queste registrazioni in un modo unico, creando una colonna sonora senza tempo che è al tempo stesso emotivamente forte e incredibilmente emozionante.

I Criminali: padri e figli

CODICE CRIMINALE parla di un nucleo famigliare che vive al di fuori della società contemporanea. "In America ci sono i malviventi, persone che vivono al di là delle regole", dice Siddons ", mentre in Gran Bretagna no, perché il paese è piccolo e c'è molta videosorveglianza. Non puoi scappare come in America."

 "Ma la famiglia che ha ispirato CODICE CRIMINALE è quanto di più vicino ci possa essere ad una famiglia di malviventi che si può trovare in questo Paese. Vivono completamente al di fuori della società, senza conti in banca, passaporti o assicurazioni sanitarie. La maggior parte di loro non è mai andata a scuola. Vivono davvero al di fuori della società."

 "Quello che mi ha affascinato di più è stata l'idea di famiglia", aggiunge Siddons. "All'interno del clan possono esserci grandi litigi e dissapori, ma è sempre presente e percettibile un forte senso della famiglia. Volevo fare un film sull'amore e uno su padri e figli, un film sul rapporto complesso tra tre generazioni di uomini all'interno di una famiglia."

Sebbene ispirato a persone reali, la famiglia di CODICE CRIMINALE è immaginaria. Il film racconta dei Cutler e, in particolare, dell'interazione tra tre generazioni di uomini. A capo di tutti c'è Colby (Brendan Gleeson), il patriarca. Suo figlio Chad (Michael Fassbender) è il personaggio principale che ha a sua volta un figlio, Tyson (Georgie Smith).

È stata proprio la tematica della dinamica famigliare a far sì che Fassbender accettasse la parte. "Dopo aver percepito la sensibilità di Adam e la sua visione del film, ho deciso di firmare immediatamente", dice l'attore.

 "È un argomento davvero interessante: la storia di una famiglia in cui tutti possono identificarsi. Cosa accade quando una famiglia sta andando in frantumi?"

Nel film, Colby è a capo del clan, dispensa consigli e perle di saggezza e decide come i Cutler devono vivere la loro vita. Vuole che Chad rimanga fedele alle regole e alle tradizioni del clan, senza contaminazioni da parte di coloro che non vivono secondo gli ideali dei nomadi.

Sebbene Chad abbia seguito fino ad ora il volere del padre, adesso le sue idee stanno cambiando. Lui e sua moglie Kelly (Lyndsey Marshal) hanno due bambini, Tyson e Mini (Kacie Anderson), per i quali desiderano una vita diversa. Sono disposti a rinunciare al loro stile di vita itinerante affinché i loro figli possano essere educati all'interno del sistema sperando, in questo modo, di garantire loro maggiori opportunità.

 "È una dinamica affascinante", dice Fassbender. "Una parte della famiglia vuole stabilirsi in modo permanente e l'altra, quella più anziana, rappresentata dal personaggio di Brendan, Colby, fa tutto ciò che è in suo potere per evitare che questo accada e per mantenere le vecchie tradizioni.

 "Questo è quello che è stato insegnato a Colby, quello in cui ha sempre creduto e che secondo lui ha reso così forte la sua comunità proteggendola dal modo di vivere dei non nomadi.

 "Perché Colby non ha mandato Chad a scuola? Ho parlato di questo con Brendan," dice Fassbender. "Era un modo per tenerlo sotto controllo? Oppure per evitare che si integrasse in un sistema che non riteneva giusto e che avrebbe potuto contaminare il suo modo di pensare e la comunità dei nomadi?"

Qualunque sia la risposta, Chad è fermamente deciso a far avere un'istruzione ai suoi figli. "È una questione di tempi che cambiano," osserva Fassbender, "e del fatto che a volte è difficile lasciar andare antiche tradizioni per seguirne di nuove."

Una delle principali fonti di conflitto tra padre e figlio risiede proprio nel modo diverso di vedere le cose. "Il cuore della storia", afferma Brendan Gleeson, "riguarda il ragazzo, Tyson".

 "Chad e sua moglie Kelly ritengono che la scuola sia una buona cosa per i loro figli," dice Fassbender. "Chad non ha studiato, non sa leggere. Colby non l'ha mandato a scuola deliberatamente e quindi il fatto che Tyson ci stia andando, crea il contrasto. Il futuro di Tyson e il suo rimanere all'interno della vita rom è l'elemento costante che attraversa tutto il film."

Per il regista, il conflitto tra padre e figlio ha un fascino universale. "C'è un sacco di verità in questo tipo di rapporto", dice Smith. "Molte persone possono relazionarsi con questo. Siamo stati tutti educati a credere e a seguire alcuni valori e percorsi e, forse, a volte non vogliamo farlo, ma è difficile staccarsene."

 "È una verità universale che io sento molto personale. Rompere i legami con i valori a cui siamo abituati non è semplice, bisogna fare i conti con il timore di andare contro ciò che desiderano i nostri genitori." Smith si riferisce a se stesso, quando all'età di 17 anni se ne andò di casa per curare la parte visual dei rave. "Non era esattamente il desiderio di mia madre e mio padre," dice il regista.

In CODICE CRIMINALE, tuttavia, Chad scopre che recidere il legame con suo padre e le sue imposizioni è una cosa tutt'altro che facile. "La difficoltà incontrata da Chad per liberarsi da tutto questo è l'aspetto tragico della storia", dice Smith.

 "Il legame con il padre e la sua influenza sono molto forti. Inoltre deve affrontare i pregiudizi che il mondo esterno ha nei suoi confronti. Se si è cresciuti in una comunità molto chiusa, il mondo esterno è un luogo decisamente estraneo, e cercare di inserirsi è estremamente difficile."

Fassbender concorda: "in un certo senso, Colby ha ragione perché, quando Chad si avvicina al mondo normale, o come vogliamo chiamarlo, le cose si fanno complicate. Mi piace l'idea che nel fare il film non stavamo cercando di dare un giudizio o parteggiare per una o l'altra parte. I pregiudizi esistono da entrambe le parti."

Il pregiudizio è un tema chiave in CODICE CRIMINALE e, nonostante le loro intenzioni, il desiderio di integrarsi nella società normale di Chad e Kelly viene messo a dura prova ogni volta. Siddons spiega, "penso che lo zingarismo, in mancanza di un termine migliore, sia una delle ultime forme di razzismo accettate in questo Paese."

 "Sebbene alcune azioni dei Cutler non siano condivisibili, ho sempre voluto affrontare l'argomento senza giudizio o pregiudizio e lasciare che le persone ragionino con la propria testa."

 "Quello che mi auguro più di ogni altra cosa è che emerga il concetto che questo gruppo di persone può insegnare qualcosa, che si tratti di rapporti d'amore, famigliari o educativi."

Smith concorda: "Voglio che il pubblico comprenda ciò che queste persone pensano, sentono e fanno," dice. "Non è un film sui nomadi. È un film su una famiglia di criminali, di persone che vivono al di fuori della legge. Per diverse ragioni non sono accettati né dalle comunità nomadi, né da quella che loro stessi definiscono normale. Come tali, fuorilegge o criminali, sono al di fuori di ogni comunità."

I produttori sperano che i temi della storia siano di interesse per un vasto pubblico. "Voglio che chiunque possa apprezzare questo film, in quanto è una storia universale. Il pubblico farà un vero e proprio percorso emozionale. Voglio portare il pubblico in questo mondo e permettere che si immedesimi nei suoi personaggi."

 "Le comunità nomadi sono spesso oggetto di programmi televisivi, principalmente dal tono comico o caricaturale, ma in realtà questo film si incentra solo sulla famiglia. Si tratta di cose che potrebbero applicarsi a chiunque, qualunque sia la società in cui vivono."

Conosciamo i Cutler: personaggi e cast

Il personaggio principale di CODICE CRIMINALE è Chad, interpretato da Michael Fassbender. "Uno degli aspetti brillanti della performance di Michael è che mescola il lato sgradevole con una vulnerabilità che ti fa sentire veramente dalla sua parte e in grado di comprendere la sua situazione", dice Siddons. "Ci sono aspetti del suo personaggio che riguardano chiunque, sia che si tratti di rapporti fra colleghi o famigliari. In questo Michael è un maestro."

La produttrice Andrea Calderwood è d'accordo. "Avere Michael ha decisamente trasformato la portata del film," dice. "Abbiamo sempre saputo che avevamo un copione molto forte perché stavamo ottenendo riscontri entusiastici da diversi attori, ma una volta che Michael ha accettato la parte, il film ha assunto un certo status. Michael è un attore carismatico e ha una presenza forte sullo schermo."

Smith paragona Fassbender a "un atleta ben allenato." Spiega che "Il suo personaggio è un uomo fedele alla sua famiglia (che per lui è la cosa più importante), ai suoi amici e che si prende cura delle persone."

Secondo Fassbender, Chad conosce il suo posto nella gerarchia del clan. "Colby è il capo e Chad è il suo erede," dice. "Se stessimo parlando di una monarchia, Colby sarebbe il re, Chad il principe e Tyson il futuro re."

 "È una parte importante della struttura gerarchica. Poi ci sono i Joeys, che sono una sorta di servitori a cui viene dato alloggio in cambio di lavori umili. C'è un sistema a più livelli all'interno del clan, un ordine nel modo in cui vengono stabiliti compiti e doveri e Colby è a capo di tutto."

Poiché il personaggio di Chad è alla mercé di suo padre, era necessario un attore particolarmente intenso per ricoprire il ruolo del patriarca. "Il padre di Chad è un personaggio talmente forte che abbiamo dovuto cercare un attore che fosse altrettanto forte", dice Andrea Calderwood.

Brendan Gleeson ha accettato la parte. "È bello avere l'opportunità di lavorare con Brendan", dice Fassbender. "L'ho visto a teatro, in Irlanda, quando avevo 16 anni in La Spia di Sean O'Casey. Da allora sono un suo fan. Come spettatore lo trovo molto generoso e lo stesso vale come attore. Ti dà un sacco di spunti su cui lavorare e con cui interagire. Aspettavo da tanto di poter lavorare con lui."

Anche Gleeson voleva lavorare con Fassbender. "Dopo aver visto il documentario volevo fare il film scritto da Alastair," dice Gleeson, "ma quello che mi ha veramente convinto è che ci fosse Michael nel cast. Ho capito che ci sarebbe stata una grande limpidezza."

 "Desideravo lavorare con Michael da tempo e ho pensato che questo progetto sarebbe stato davvero interessante. Il film non dà risposte facili ed è molto più stimolante quando non si conoscono le risposte."

L'attore descrive come il suo personaggio guidi tutta la narrazione del film che include un'intrusione in una grande villa di campagna. "Colby è un padre e un nonno ed è la figura patriarcale al timone di questa comunità", dice Gleeson.

 "Non c'è alcun dubbio al riguardo. Pretende di essere ascoltato, e la sua migliore risorsa, in mancanza di un termine migliore, è suo figlio Chad. Di base, la loro attività è svaligiare le ville della zona."

Gleeson osserva che quando Colby incoraggia Chad a rimanere nella comunità, in parte lo fa perché è consapevole delle difficoltà che suo figlio dovrà affrontare per integrarsi nel mondo esterno. "Colby è prepotente, fa tremare la terra sotto i piedi ma credo anche che sa che per Chad non sarà tutto rose e fiori", dice Gleeson.

 "È un abile ladro ma non ha nessun'altra qualità, non sa nemmeno leggere. Cosa diavolo farà là fuori? Colby sa che è la società esterna a dettare le regole e per questo Chad non ha nessuna possibilità di successo."

Un momento cruciale nella storia è quando Chad e Kelly visitano la scuola frequentata dai loro figli. "È interessante quello che succede quando vanno a vedere ciò in cui hanno riposto tanta fiducia," dice Gleeson.

 "Vi si ritorcerà contro. Questo è quello che Colby gli dice da tempo. Avverte Chad che la società normale lo deruberà e gli porterà via tutto ciò che ha."

Nonostante le proteste di Colby, Chad e Kelly tentano di mantenere la loro posizione. In molti modi, Kelly è la forza trainante verso una nuova vita. "Kelly desidera una vita più stabile", dice Fassbender. "Se Chad vuole continuare su quella strada senza di lei non importa, ma lei desidera qualcosa di diverso per i suoi figli. Ed è questo che crea il conflitto con Colby."

Kelly è un personaggio femminile forte abilmente interpretato dall'attrice Lyndsey Marshal. "Avere Lyndsey nel ruolo di Kelly è stato fantastico", dice Andrea Calderwood. "È un'attrice intensa, capace di dare al suo personaggio un vero e autentico cuore. Credi che tutte queste persone esistano davvero."

Lyndsey Marshal concorda sull'unicità della sceneggiatura di CODICE CRIMINALE. "Ho pensato che fosse veramente originale ed eccitante", spiega, "ed era diversa da qualsiasi altra cosa avessi letto prima. Ho pensato che fosse davvero stimolante capire come una donna possa sopravvivere in questo mondo prevalentemente maschile."

 "È una buona mamma e una buona moglie", dice del suo personaggio. "Ho pensato che fosse una donna che avesse dovuto limitarsi molto. Non ci sono molte altre donne nel clan. Penso che per sopravvivere in questo mondo, bisogna essere piuttosto tosti. È un mondo difficile."

Il regista concorda. "Kelly è una donna tosta", dice Smith. "Vive in un mondo molto maschilista; con grande forza riesce a farsi valere, è una donna tutta d'un pezzo. Questo è ciò che Chad ama di lei. Tiene testa al marito e non ci sono molte persone che, oltre a lei e Colby, osano sfidarlo."

Così come la scelta dei personaggi principali, altrettanto importante è stata quella dei due bambini, Tyson e Mini, interpretati rispettivamente da Georgie Smith e Kacie Anderson.

 "Sia Kacie che Georgie hanno dato tanto al film", dice Fassbender. "Sono così importanti per la storia, ne sono il cuore e l'anima e, per fortuna, sono stati bravissimi. Se così non fosse stato, il film non avrebbe funzionato."

L'attore per il ruolo di Tyson, in particolar modo, era fondamentale e la direttrice del casting Shaheen Baig, insieme con Anna McAuley, hanno cercato in molte scuole di tutto il Gloucestershire e delle Cotswolds, alla ricerca del ragazzo giusto.

 "In tre diverse scuole le è stato detto che doveva assolutamente incontrare Georgie Smith", spiega Siddons. "Gli insegnanti di queste scuole dicevano che era esattamente quello che stavamo cercando."

 "Anna andò in una scuola per 'bambini cattivi', e non appena questo bambino la vide, le alzò il dito medio. Lei disse: 'Tu sei Georgie Smith.' Lui rispose: 'Tu chi sei?' Anna mi ha chiamato immediatamente dicendomi 'ho trovato il ragazzo'."

 "E aveva ragione", aggiunge Siddons. "Una volta ha preso a calci negli stinchi Adam Smith. Ho iniziato a ridere e ha dato un calcio anche a me. Nel corso della sua prima audizione ci ha detto che era entrato in un edificio con una Subaru e che aveva distrutto l'auto di suo padre con un martello. Onestamente, non sarebbe potuto essere più adatto per il ruolo."

Sebbene non avesse nessuna esperienza precedente, Georgie Smith era cresciuto in una famiglia nomade. "Una cosa che si può sicuramente dire di lui è che è molto coraggioso e non teme le sfide", dice Fassbender.

 "Ci sono state alcune scene commoventi in cui ha dovuto piangere, e l'ha fatto. È un ragazzo meraviglioso, come lo è Kacie ".

Andrea Calderwood concorda. "È stato difficile anche trovare Kacie", dice. "È sempre una grande sfida trovare un attore bambino che sappia essere naturale. Ma Kacie è davvero incredibile per essere così giovane."

 "Ha uno di quei visi accattivanti che ti conquista. Penso che sia davvero fondamentale, perché il fulcro della storia si basa sui rapporti familiari e su quanto i figli di Chad significhino per lui, quindi è fondamentale che il pubblico venga conquistato dai bambini."

I produttori indicano una scena in particolare: quando la polizia fa incursione nell'accampamento dei Cutler, traumatizzando i bambini. "Ci si sente dalla parte di questa famiglia che viene devastata", dice Calderwood, "ed è impossibile non essere preoccupati per i bambini. È stato fantastico aver trovato giovani attori così bravi."

Nel film ci sono anche una serie di altri personaggi importanti, sia all'interno che all'esterno del clan dei Cutler. Un personaggio di primo piano all'interno del clan è Gordon Bennett, uno dei joeys di Colby, che è mentalmente instabile. Ad un certo punto, le sue azioni mettono in pericolo i figli di Chad, cosa che accrescerà il conflitto tra quest'ultimo e suo padre.

 "È interessante che Colby abbia accolto nel clan un ragazzo malato di mente, che è un altro tipo di emarginato, rifiutato dalla società", spiega Smith. "Questo mostra un lato interessante di Colby, il suo desiderio di prendersi cura dei derelitti e degli abbandonati."

 "La maggior parte dei membri del clan sono così, derelitti e rifiutati. Questo rende la vita nel campo rom molto impegnativa per Kelly e Chad che devono educare i figli tra personaggi del genere."

Il personaggio di Gordon Bennett è interpretato dall'attore Sean Harris che, dice Smith, "è sorprendente, davvero intenso. Tutto il cast ha dato delle interpretazioni brillanti."

Al di fuori del clan dei Cutler, il nemico di Chad è l'ufficiale di polizia PC Lovage, interpretato da Rory Kinnear, che adora il suo cane Trousers, ed è determinato ad acciuffare Chad. "Il personaggio di Lovage doveva essere una presenza molto forte che avesse una vera e propria rivalità con Chad", dice Andrea Calderwood, "e siamo stati fortunati ad avere Rory."

Kinnear aggiunge, "le comunità nomadi sono spesso molto chiuse e Lovage in qualche modo rappresenta il mondo esterno che cerca di distruggere la loro unità. Quel mondo non è solo la polizia, ma anche i politici, i media e spesso la gente in generale. Lovage rappresenta il pensiero negativo verso queste comunità."

Vivere da fuorilegge...

Per garantire l'autenticità, i realizzatori hanno fatto in modo che tutti i membri del clan dei Cutler parlassero uno slang particolare. Il copione è ricco di parole molto specifiche, tipiche della comunità rom - 'joeys', 'mush, 'gavas' 'gorgie' - e tutti gli attori hanno un accento molto marcato.

Smith spiega, "Per noi è stato molto importante ambientare la storia nel Gloucestershire e nelle Cotswolds, nel cuore dell'Inghilterra. La sceneggiatura è stata scritta basandosi sui sobborghi di Cheltenham e sull'accento del Gloucestershire, che è molto particolare ed era davvero fondamentale riprodurlo al meglio. A tal proposito, Michael ha lavorato duramente e ha fatto un ottimo lavoro."

Per permettere agli attori di avere un'idea di questo modo di parlare, i realizzatori hanno chiesto al padre di Georgie Smith di registrare l'intero copione. "Michael ha imparato benissimo questo dialetto", dice Smith, "che non è facile perché non molto conosciuto. Non è l'accento aperto della regione occidentale, è più chiuso."

ll percorso è stato faticoso, dice Fassbender. "Abbiamo lavorato tanto sulle registrazioni," osserva. "La mia preparazione per l'accento è durata tre settimane. Questo è l'aspetto noioso del mestiere dell'attore."

La sceneggiatura stessa, tuttavia, era scritta con un linguaggio curioso. Gleeson ha trovato molto affascinante il gergo utilizzato. "La questione dell'accento è stata molto interessante e mi piace quando il linguaggio è così ricco," dice. "Il modo in cui il copione è scritto è molto particolare e bisogna fare attenzione a non esagerare."

 "Amo la ricchezza del linguaggio che si ottiene quando i dialetti sono diversi. Amo il modo diverso che le persone hanno di guardare il mondo e penso che, se è possibile ottenere un accento relativamente accurato, si trasmette molto riguardo a quello che le persone pensano, a quello che trovano divertente e a cosa gli piace."

Sebbene gli attori non abbiano trascorso molto tempo a contatto con le comunità nomadi, hanno ricevuto molti spunti. Una parte del film è stato girato durante una fiera nomade. Fassbender spiega: "Abbiamo passato un po' di tempo a girare in quella comunità e sono stato invitato in una delle roulotte per una tazza di tè."

 "Il campo rom era piuttosto grande ed è stato importante sentirsene parte. C'era confusione e a volte è stato un po' caotico, ma ne avevamo bisogno. La visione dall'interno e l'autenticità sono stati aspetti davvero importanti per un film come questo."

Apri Box Commenti
Torna su