Locandina Cinquanta sfumature di Nero

Cinquanta sfumature di Nero (2017)

Fifty Shades Darker

Locandina Cinquanta sfumature di Nero
Cinquanta sfumature di Nero (Fifty Shades Darker) è un film di genere Drammatico e Romantico di durata circa 115 minuti diretto da James Foley con protagonisti Jamie Dornan, Dakota Johnson, Tyler Hoechlin, Bella Heathcote, Kim Basinger, Luke Grimes, Jennifer Ehle, Max Martini, Marcia Gay Harden, Eric Johnson.
Prodotto da Universal Pictures nel 2017 in USA [Uscita Originale il 10/02/2017 (USA)] esce in Italia Giovedì 9 Febbraio 2017 distribuito da Universal Pictures.

TRAMA E SCHEDA TECNICA

Quando un addolorato Christian Grey cerca di persuadere una cauta Ana Steele a tornare nella sua vita, lei esige un nuovo accordo in cambio di un'altra possibilità. I due iniziano così a ricostruire un rapporto basato sulla fiducia e a trovare un equilibrio, ma alcune figure misteriose provenienti dal passato di Christian accerchiano la coppia, decise ad annientare le loro speranze di un futuro insieme.


Data di Uscita ITA: Giovedì 9 Febbraio 2017
Data di Uscita USA: Venerdì 10 Febbraio 2017
Data di Uscita Originale: 10/02/2017 (USA)
In HomeVideo: in DVD da Mercoledì 7 Giugno 2017 [scopri DVD e Blu-ray]
Genere: Drammatico, Romantico
Nazione: USA - 2017
Formato: Colore
Durata: 115 minuti
Produzione: Universal Pictures
Distribuzione: Universal Pictures
Budget: 55.000.000 dollari (stimato)
Box Office: USA: 114.043.075 dollari | Italia: 14.661.522 euro -> Storico incassi
SAGA
Prossimi passaggi in TV:
Martedì 22 Maggio ore 22:53 su Premium Cinema
Mercoledì 23 Maggio ore 13:51 su Premium Cinema

Cast e personaggi

Regia: James Foley
Sceneggiatura: Niall Leonard
Musiche: Danny Elfman
Fotografia: John Schwartzman
Scenografia: Nelson Coates
Cast Artistico e Ruoli:
foto Jamie Dornan
Christian Grey
foto Dakota Johnson
Anastasia Steele
foto Bella Heathcote
Leila Williams
foto Kim Basinger
Elena Lincoln
foto Luke Grimes
Elliot Grey
foto Eric Johnson
Jack Hyde
foto Rita Ora
Mia Grey
foto Dylan Neal
Bob Adams
foto Fay Masterson
Gail Jones
foto Colin Lawrence
Prigioniero
foto Robinne Lee
Ros Bailey
foto Victor Rasuk
José Rodriguez
foto Andrew Airlie
Carrick Grey
foto Gary Hudson
John Lincoln
foto Carmel Amit
Donna che sussurra
foto Marci T. House
Ufficiale forense
foto Lee Majdoub
Cameriere Penthouse
foto Fraser Aitcheson
Nightclub Lunk
foto Brooke Johnston
Gallery Lady
foto Jose James
Vocalist
foto Gerardo Barcala
Ciclista (non accreditato)
foto Brooke Johnston
Whispering Gallery Lady
foto Sean Gislingham
Uomo mascherato al Party (non accreditato)

News e Articoli

Cinquanta Sfumature di Nero Edizione Segreta in DVD, Blu-ray e 4K Ultra HD: pack e contenuti extra

Cinquanta Sfumature di Nero arriva in homevideo in 'Edizione Segreta' con oltre 13 minuti di girato non visto al cinema e tanti contenuti extra.

Box Office Italia: primo Cinquanta sfumature di Nero, secondo Mamma o papa'?

'Cinquanta sfumature di Nero' il film piu' visto nel weekend italiano dal 17 al 19 febbraio 2017, seguito da 'Mamma o papa'?' e 'Ballerina'. Debutta quarto 'Resident Evil 6'.

Box Office USA: Lego Batman Movie ancora primo, The Great Wall debutta terzo

'The Lego Batman Movie' in testa al botteghino USA del 17-19 febbraio 2017, seguito da 'Cinquanta sfumature di Nero' e 'The Great Wall'.

50 Sfumature di Nero: Clip italiane, video Interviste e Poster Personaggi

clip italiane, interviste al cast e poster dei personaggi di Cinquanta sfumature di Nero con Dakota Johnson, Jamie Dornan, Rita Ora, Luke Grimes.

Box Office Italia: primo Cinquanta sfumature di Nero, secondo LEGO Batman Il Film

'Cinquanta sfumature di Nero' il film piu' visto nel weekend italiano dal 10 al 12 febbraio 2017, seguito da 'LEGO Batman Il Film' e 'La La Land'. Debutta ottavo 'Incarnate'.

Box Office USA: Lego Batman Movie primo, Cinquanta sfumature di Nero secondo

'The Lego Batman Movie' in testa al botteghino USA del 10-12 febbraio 2017, seguito da 'Cinquanta sfumature di Nero' e 'John Wick: Chapter 2'.

Cinquanta Sfumature di Nero, Christian e Anastasia tornano al cinema

Amie Dornan e Dakota Johnson riprendono i loro ruoli di Christian Grey e Anastasia Steele in Cinquanta Sfumature di Nero, il secondo capitolo dalla serie che riprende sulla scia degli eventi iniziati nel 2015.

Cinquanta sfumature di nero, Tracklist della Colonna Sonora Ufficiale

Disponibile nei negozi dal 10 febbraio la colonna sonora di Cinquanta sfumature di Nero, il secondo capitolo della trilogia firmata da E. L. James che comprende il singolo I Don't Wanna Live Forever di Zayn e Taylor Swift.

Hugh Dancy in Cinquanta sfumature di nero

Hugh Dancy in in Cinquanta sfumature di nero come Dr. John Flynn, psichiatra che Black comincia a vedere dopo la ricomparsa della sua ex amante.

Eric Johnson rivale di Christian Grey in Cinquanta sfumature di nero

Nel film, Eric Johnson sarà Jack Hyde, il nuovo capo e aspirante corteggiatore di Anastasia Steele, il personaggio di Dakota Johnson.

James Foley dirigera' Cinquanta sfumature di Nero e Rosso back-to-back

Famoso per film come Glengarry Glen Ross e il thriller Perfect Stranger con Halle Berry, James Foley dirigerà il secondo e terzo film di 'Cinquanta sfumature'.

Cinquanta sfumature di Nero: prima immagine ufficiale

Cinquanta sfumature di nero uscirà nei cinema USA il 10 febbraio 2017. Universal ha già rilasciato la prima immagine ufficiale.

Cinquanta sfumature: annunciate le date dei sequel 'Nero' e 'Rosso'

I sequel di Cinquanta sfumature, sfumature di nero e sfumature di rosso, usciranno negli USA a febbraio 2017 e febbraio 2018.

Curiosita'

DAL LIBRO Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature , il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo. 

NOTE DI PRODUZIONE

JAMIE DORNAN e DAKOTA JOHNSON riprendono i loro ruoli di Christian Grey e Anastasia Steele in Cinquanta Sfumature di Nero, il secondo capitolo dalla serie bestseller e fenomeno mondiale, "Cinquanta Sfumature". Sulla scia degli eventi messi in moto nel 2015 dal film che ha incassato più di 560 milioni di dollari in tutto il mondo, questo nuovo episodio vi invita a indossare qualcosa di una tonalità più scura, per il giorno di San Valentino.
Cinquanta Sfumature di Nero, il successivo adattamento per il grande schermo della serie sismica dell' autrice E L JAMES, è esploso sulla scena nel mese di Settembre del 2016, quando il trailer di debutto messo on-line ha ottenuto 114 milioni di visualizzazioni in 24 ore, superando il campione in carica Star Wars: Il Potere della Forza, dando al pubblico un assaggio di cosa aspettarsi quando una favola esce fuori dalle regole.
La storia continua con un Christian Grey ferito, che cerca di persuadere una cauta Ana Steele a tornare nella sua vita…. lei esige un nuovo accordo in cambio di un'altra possibilità. I due iniziano così a ricostruire un rapporto basato sulla fiducia, e a trovare un equilibrio, ma riaffiorano alcune figure misteriose provenienti dal passato di Christian, decise a distruggere le loro speranze di un futuro insieme.
Riprendono i loro ruoli interpretati in Cinquanta Sfumature di Grigio, l'attrice premio Oscar® MARCIA GAY HARDEN (Into the Wild- nelle terre selvagge) nei panni della Dottoressa Grace Trevelyan Grey, la madre di Christian; RITA ORA (Southpaw – L'ultima Sfida) è Mia, la sorellina di Christian; LUKE GRIMES (I Magnifici 7) è Elliot Grey, il fratello di Christian e Mia; VICTOR RASUK (Godzilla) è José Rodriguez, l'amico e confidente di Ana; ELOISE MUMFORD (Senza Uscita), interpreta Kate, la miglior amica di Ana e fidanzata di Elliot; e MAX MARTINI (Training Day di TV) ritrae Taylor, la guardia del corpo di Christian.
Entrano a far parte del cast, la vincitrice del premio Oscar® KIM BASINGER (L.A. Confidential) nel ruolo di Elena Lincoln, una donna misteriosa della gioventù di Christian che non vuole lasciarlo andare, BELLA HEATHCOTE (Orgoglio e pregiudizio e zombie) è Leila Williams, una delle ex sottomesse di Christian, nonché una minaccia terribile per la sua nuova vita con Ana, e ERIC JOHNSON (della serie TV The Knick) nei panni di Jack Hyde, il capo di Ana presso la casa editrice che si rivela essere inaffidabile.
Cinquanta Sfumature di Nero è diretto da JAMES FOLEY (Paura, House of Cards - Gli intrighi del potere), e prodotto ancora una volta da MICHAEL DE LUCA (Captain Phillips – Attacco in mare aperto; The Social Network), DANA BRUNETTI (Captain Phillips – Attacco in mare aperto; The Social Network) e MARCUS VISCIDI (Come ti spaccio la famiglia; Single ma non troppo), al fianco di E L James, l'autrice della serie bestseller. La sceneggiatura è firmata da NIALL LEONARD, tratta dal libro della James. Per questo thriller drammatico, Foley è stato affiancato da una squadra di vecchi e nuovi collaboratori che hanno lavorato dietro le quinte, guidata dal direttore della fotografia JOHN SCHWARTZMAN (Jurassic World, Seabiscuit – Un mito senza tempo), lo scenografo NELSON COATES (Flight; Ricatto d'Amore), il montatore RICHARD FRANCIS-BRUCE (Le ali della libertà; Oblivion), la costumista Shay Cunliffe (The Bourne Ultimatum – Il ritorno dello sciacallo; Qua la Zampa!), il supervisore musicale DANA SANO (Cinquanta Sfumature di Grigio; Come ammazzare il capo…e vivere felici), ed il compositore DANNY ELFMAN (Cinquanta Sfumature di Grigio; La ragazza del treno).

Il Lato Oscuro della Favola: L'Inizio della Produzione

Gli appassionati dei romanzi di EL James e dell'adattamento cinematografico di "Cinquanta sfumature di grigio" hanno esultato di fronte alla notizia che anche gli altri due romanzi della serie avrebbero avuto la versione cinematografica ... anche prima di quanto si aspettassero. Cinquanta Sfumature di Neroe Cinquanta Sfumature di Rosso sono stati girati contemporaneamente, ed usciranno a ridosso di San Valentino, nel 2017 e nel 2018.
Tutti i capitoli della serie approfondiscono il 'tango romantico' di Christian Grey e Anastasia Steele, e seppur collegati, offrono singolarmente un'esperienza unica. Il team ha ritenuto questo concetto di vitale importanza, sia per soddisfare i fan più accaniti, che per attirare una nuova fetta di pubblico verso un intrattenimento che comprende un erotismo entrato ormai a far parte della cultura popolare.
Il produttore Dana Brunetti già da tempo avrebbe voluto esplorare la svolta pericolosa che prende il secondo romanzo di E L James: "Cinquanta sfumature di nero è più di un thriller. E' ricco di suspense, c'è stalking, la caduta di un elicottero ... in aggiunta alla particolare relazione di questa coppia. Improvvisamente, il loro rapporto si confronta con molti ostacoli che appartengono al passato, soprattutto di Christian".
E L James, che si riunisce ai suoi colleghi produttori di Cinquanta Sfumature di Grigio, riflette sulla progressione del titolo: "Per il secondo romanzo, volendo continuare sulla scia di  'Cinquanta sfumature' ho pensato di dover andare oltre la grigia oscurità di Christian: quindi, al 'Nero' ".
Per gli adattamenti, la produzione è andata alla fonte: EL James stessa, e chi ha scritto e ha vissuto i personaggi -e la loro ideatrice – fin dagli inizi, e cioè il marito, lo sceneggiatore Niall Leonard, il cui compito era tradurre questi popolarissimi romanzi ed i loro nuovi e audaci emblemi della sensualità, in due sceneggiature.
Il romanzo, che dalla versione tascabile on-demand è entrato nell'olimpo dei libri più iconici e memorabili degli ultimi decenni, ha ottenuto un successo improvviso ed inaspettato per la loro famiglia quanto per gli editori. "Quando Erika pubblicava una storia, sapevo che era interessante e coinvolgente, e che aveva un gran seguito on-line; ma quando ha fatto irruzione nelle librerie, mi sono stupito della risonanza di questo fenomeno", sostiene Leonard.
E L James travolta dall'ondata di successo ottenuta dai libri e dalla trasposizione cinematografica di Cinquanta sfumature di Grigio, si è preoccupata di garantire l'attinenza degli adattamenti successivi, alle sue scritture. "Per Nero e Rosso", Leonard continua, "ha voluto che i film fossero fatti in fretta, e che dovevano corrispondere ai libri, e ovviamente io sapevo quali erano le parti più significative per Erika e i suoi fan. La mia esperienza come adattatore e sceneggiatore, mi ha aperto le porte di questo progetto, e lo Studio mi ha affidato il compito di tradurre questi romanzi nella lunghezza di un film ... senza perdere le parti salienti a cui i fan avrebbero voluto assistere".
E L James è la prima ad ammettere che si è trattato di una collaborazione inattesa e inusuale, quella con suo marito che scriveva del suo Christian e della sua Ana, e che comunque prima di sottoporre allo Studio un progetto, chiedeva il suo parere. L'autrice aggiunge che: "non lasciava trapelare molte notizie riguardo alla sceneggiatura, ma comunque ci confrontavamo".
Leonard afferma che sapere che la propria coniuge sarà anche la propria editor, è una sensazione curiosa. "Ero piuttosto nervoso. Poi ho sentito la sua risata nella stanza accanto, e ho pensato: 'Ok, sono fuori dai guai; si sta divertendo. Abbiamo passato il primo ostacolo della sua approvazione del mio lavoro. Poi, insieme abbiamo lavorato sulla revisione. Non sono mancate piccole divergenze, ma sempre riferite all'attinenza dello script al libro".
Per sollevarsi la coscienza, lo sceneggiatore prima di iniziare gli adattamenti ha promesso all'autrice del suo materiale originale, che "L'eventuale criticità della situazione, sarebbe dipesa dalle sue scelte", dice Leonard. "Christian Grey non è affatto un personaggio lezioso, bello, generoso: è dominante, pericoloso e una vera e propria sfida. La sua voglia di essere salvato da Ana è un inganno, e l'unica persona responsabile è Erika. Lei conosce ogni passo; è la stella polare. Se si segue la sua guida, nulla può andare storto".
La litania di motivazioni che stanno dietro le riprese quasi contemporanee di entrambi i capitoli, erano chiare a tutti i soggetti coinvolti. Trattandosi di storie consecutive, i personaggi e gli ambienti sono comuni in entrambi, con attori, produzione, set e location pronti per le riprese. Economicamente, aveva senso massimizzare gli sforzi e i tempi. Viscidi afferma: "C'erano anche dei motivi più importanti di quelli economici: per gli attori e il regista James Foley, avere sott'occhio entrambe le sceneggiature voleva dire capire dove i loro personaggi e le storie iniziano e dove finiscono, rendendo il processo più fluido durante tutte le riprese".
Quando ha preso la decisione di sedersi sulla sedia del regista di entrambi i film, Foley è entrato di fatto nella ristrettissima lista di registi che hanno massimizzato i tempi e gli sforzi per le riprese di progetti consecutivi. Brunetti riguardo alla scelta del direttore afferma: "Il dilemma della scelta, era se individuare un regista solo per Nero, oppure per Nero e Rosso allo stesso tempo. James, avendo diretto la maggior parte della prima stagionedi House of Cards – Gli Intrighi del Potere era il nostro perfetto regista / showrunner".
Brunetti ha apprezzato il suo lavoro per Netflix, così come molti dei lungometraggi di Foley; e Americani in particolare, è uno dei suoi preferiti. "Ho spinto per la scelta di James, non solo per la sua esperienza nel dirigere due episodi per volta, ma anche per la sua conoscenza dei libri e l'intuizione di come sarebbe dovuto essere di conseguenza il film".
Viscidi era d'accordo con la decisione dei colleghi produttori De Luca, E L James e Brunetti: "Era la persona di cui avevamo bisogno, che potesse dirigere gli attori con determinazione e sicurezza. Durante il nostro primo incontro, Foley ha suggerito l'espansione del film: si, l'idea del primo capitolo era buona, era sexy e provocante, ma questa volta voleva che i personaggi facessero più parte del mondo reale. Voleva inoltre che interagissero maggiormente con la città di Seattle".
Foley parla del suo interesse ad aderire al franchise: " 'Cinquanta sfumature' ha sfidato un genere: è ricco di elementi, dramma, romanticismo, fantasia, tutti mescolati assieme; una combinazione particolare, frizzante direi".
Non estraneo all'adattamento di lavori applauditi, il regista è rimasto affascinato dai  protagonisti del lavoro di E L James, affermando che: "Sono da sempre interessato ai drammi psicologici complicati. I tre libri mi sono sembrati un master nel genere – particolarmente la figura di Christian, ma anche quella di Ana. Era interessante il percorso che hanno intrapreso, e come hanno interagito finendo per cambiare ciascuno di loro, anche in maniera drastica, nel corso dei tre libri. L'evoluzione di ognuno di loro era la cosa più importante per me".
Il rapporto tra regista e autrice / produttrice è stato armonioso fin da subito. "Erika ha chiaramente espresso la sua visione della storia, dei personaggi e dello sviluppo della trama dei due film", osserva Viscidi. "James ha colto le informazioni, e le ha messe in atto seguendo la sua logica. E' stato un grande rapporto di lavoro, e Erika si è subito fidata di lui".
Foley sostiene che uno degli elementi vincenti del suo lavoro con E L James, anzi, uno degli elementi chiave di qualsiasi produzione di successo, è: "Essere complici durante tutto il processo, scendere a compromessi senza compromettere il film. Noi abbiamo ottenuto la migliore combinazione del nostro talento. Sono stato molto rispettoso dei libri: hanno una sorta di magia che ha stregato tantissime persone, e che ho cercato di trasferire sullo schermo. Inoltre la presenza di Erika era vitale: è stata molto solidale e rispettosa".

Niente Regole, Niente Punizioni: Il Ritorno della Strana Coppia

Cinquanta Sfumature di grigio ha fatto conoscere al pubblico cinematografico l'imprenditore miliardario Christian Grey e la curiosa studentessa Anastasia Steele; i prossimi due episodi sfideranno le aspettative del pubblico sull'evoluzione della coppia, dopo che si erano lasciati alla fine del primo film. Viscidi spiega che mentre il primo capitolo è stato una presa di coscienza, i successivi vanno a scavare in profondità ciò che motiva i personaggi e il loro mondo: "Il personaggio di Dakota in Nero deve valutare cosa la attrae di Christian, al di là dell'aspetto fisico. In realtà, essendo lei ora a voler dar sfogo alle proprie fantasie sessuali nella Stanza Rossa con Christian, deve capire cos'è che la spinge a desiderare ciò che lui le aveva proposto".
Dornan e la Johnson erano pronti per affrontare le nuove sfide dei set di Nero e Rosso, e come i produttori, Dornan era entusiasta della scelta di Foley. Riferiscono gli attori: "E' difficile saltare su una macchina in movimento, cercare di onorare ciò che è stato fatto, prendere il timone e apporre il proprio timbro".
Dornan ha apprezzato la franchezza del suo direttore. "La prima volta che ho incontrato Foley su Skype, ha chiaramente espresso le sue volontà: raggiungere gli aspetti fondamentali dei personaggi, portarli alla ribalta e non soffermarsi solo sull'aspetto erotico, come si potrebbe pensare. Voleva mettere in evidenza i personaggi: ed è una bella sfida interpretare un personaggio descritto nei libri come 'impenetrabile'. Ma Foley voleva far emergere Christian come uomo, e scoprire le sue verità nascoste".
Lo stesso vale per la Johnson, che per prepararsi al meglio, prima della produzione si è letta nuovamente entrambi i romanzi, trovando che "Nero approfondisce le personalità dei due protagonisti: il loro percorso è tumultuoso e contorto, non sono persone semplici, sono oscure. Ed in aggiunta, emergono le difficoltà della loro relazione", rivela l'attrice.
Per la Johnson, la possibilità di riprendersi il suo ruolo, le ha suscitato entusiasmo e trepidazione, perché: "Non sono mai stata su un progetto così a lungo, e non ho mai fatto così tanto parte di un progetto. E' un onore per me poter raccontare la storia di questa ragazza. Questa esperienza è stata profonda, a volte ardua, oscura e difficile, ma al contempo mi ha regalato momenti di gioia, divertimento e amore. E' stata onnicomprensiva. Mi ha fatto crescere come persona, e nonostante le difficoltà che posso aver incontrato durante le riprese, non tornerei mai indietro, e non cambierei una virgola di questa esperienza".
La presenza dell'autrice della serie sul set, è stata di grande aiuto per orientare il cast tra le varie riprese dei due film. la Johnson ammette di non aver partecipato ad una produzione per così tanto tempo, quindi spiega che E L James "ha fatto un lavoro incredibile, nel tracciare l'evoluzione di Anastasia nei libri, e sul set quindi mi ha facilitato il lavoro ricordandomi sempre a che punto ero, e soprattutto quale dei due film stavamo girando".
La Johnson inoltre riconosce l'importanza dell'unica persona sulla Terra che conosceva il difficile percorso che doveva intraprendere. "Jamie è una persona di cui mi fido ciecamente. E' un uomo meraviglioso, divertente e di talento, ed abbiamo costruito la nostra amicizia sulla fiducia e sulla sincerità: mi proteggeva e mi rassicurava quando mi sentivo a disagio. Abbiamo imparato a conoscerci a fondo", aggiunge l'attrice.
Anche Dornan dal canto suo, restituisce i complimenti, spiegando che il loro è un legame che durerà per tutta la vita: "Siamo spontanei e naturali l'uno con l'altro, ormai, avendo condiviso tutte le pressioni e le aspettative del primo film. Solo noi sappiamo cosa stesse provando l'altro; in questo percorso lei era l'unica persona di cui avevo bisogno, come lei di me. Ci sono stati giorni difficili, dove ci veniva richiesto moltissimo soprattutto a lei, fisicamente, che solitamente era più spogliata di me. Era importante quindi che avessimo accanto la persona che capiva il nostro stato d'animo, e che ha condiviso tutto fin dal primo giorno".
E' stato divertente per i due interpreti, andare oltre le aspettative che gli altri avevano sulla serie. Riguardo l'evoluzione della trama di Nero, Dornan afferma: "erano in molti a credere che questi libri si basano puramente sul sesso, soffermandosi solo sul messaggio trasmesso dal primo. Pur riconoscendo che il sesso è una parte importante, Nero segue una pista completamente diversa. Nei due film successivi si approfondiscono tutti quegli altri aspetti che non abbiamo avuto il tempo di realizzare nel primo. A noi attori è stato chiesto di più, ed è stato divertente".
Christian confida ad Ana i traumi della sua infanzia, che giustificano la complessità delle sue relazioni con le persone, la sua chiusura verso gli altri, e la sua incapacità di vivere un rapporto "normale", anche quando vorrebbe. Eppure, si impegna a cambiare per amore di Ana. Vorrebbe essere l'uomo che lei desidera, cosa difficilissima per lui, a causa degli orrori che ha dovuto sopportare nella sua infanzia. Per questo E L James introduce l'oscuro personaggio di Elena.
Il più grande segreto di Christian, riguardo al suo bisogno di dominare e controllare le sue partner, nasce dalle cicatrici psicologiche che porta dentro: "Inizialmente può sembrare un sadico", spiega Dornan. "C'è una scena nella Sala Rossa, dove dice che purtroppo forse è incapace di ammetterlo, ma implicitamente penso che stia riconoscendo che c'è qualcosa di sbagliato in lui, e che è andato oltre i limiti. Essere un dominatore è una cosa, ma essere un sadico è qualcosa che Ana non accetta. Ora, deve cercare di capire chi è realmente per poter cambiare".
L'uomo al timone della produzione, ha gradito esser circondato sul set da attori così profondamente uniti sia dentro che fuori le scene. "Sono il regista più fortunato della Terra", afferma Foley, "perché dal primo all'ultimo giorno di riprese a Parigi, Jamie e Dakota non hanno mai avuto un attrito. Questo è insolito per una coppia di attori che appaiono quasi in ogni scena insieme, in tutto il film. Ci sono sempre momenti in cui magari uno dei due è di cattivo umore o non condivide un'azione dell'altro. Invece qui non c'era niente di tutto ciò: zero. Hanno avuto un rapporto confidenziale e divertente, e hanno riso costantemente".

Il Cast Intorno a Christian e Ana:I Ritorni e le Nuove Entrate

Una delle figure principali di Cinquanta Sfumature di grigio è quella di una donna che effettivamente non appare, ma che ha sicuramente condizionato le scelte di vita di Christian. Ana ironicamente l'ha ribattezzata Mrs Robinson - in riferimento al personaggio di Anne Bancroft nel classico Il Laureato, che seduce un uomo molto più giovane, interpretato da Dustin Hoffman – ed è un'amica ambigua della madre di Christian, che ha un rapporto con Christian appena quindicenne.
Il personaggio - Elena Lincoln - è parte integrante della storia di Nero, e chi meglio poteva interpretare una donna enigmatica, se non un'attrice premio Oscar® il cui C.V. vanta di un' impresa cinematografica che mostra il lato oscuro di una storia d'amore, nel memorabile 9 settimane e mezzo?.
Viscidi racconta il processo del coinvolgimento di questa brillante attrice: "Kim si è presentata con le idee molto chiare, e ne ha parlato con Foley. Il pubblico si sorprenderà della sua interpretazione e della tensione che suscita il suo personaggio. Non si capisce mai dove vuole arrivare con Christian".
Lo sceneggiatore Leonard si è molto divertito a descrivere il personaggio di Elena, perché: "E' una donna molto sicura di sé: è, sexy, ha esperienza, è intelligente e di successo – tutte caratteristiche che Ana sente di non avere, per questo rappresenta una minaccia. La scelta di Kim Basinger per la parte, è un sogno, perché è sofisticata ed elegante", afferma lo scrittore.
Foley riguardo l'esperienza della squadra con l'interprete, dice: "Kim, una persona deliziosa, era incuriosita da questo personaggio, ed era ansiosa di iniziare. Lavorare insieme a lei è stato bello, perché ha mostrato umiltà ed era sempre pronta a rivedere la sua performance. Sul set ha apportato il glamour di Hollywood a Seattle, e avere nel film una star e un'icona come lei, aggiunge credibilità".
Parte dei problemi di Ana con Elena, possono tuttavia risiedere nell' incomprensione del bisogno che Christian ha di lei, almeno, in un primo momento. Christian è, per sua natura, un solitario, e non frequenta regolarmente una cerchia di amici, e si fida solo di chi conosce e gli dà ascolto. Elena rientra in quella categoria: lei e Christian, infatti hanno fatto affari insieme e  possiedono un lussuoso salone di bellezza, l'Esclava. L'errore nasce quando Christian continua a fidarsi dell'amicizia di Elena, malgrado la sua relazione con Ana. E il perché sia un errore, lo sa solo lei.
Oltre al travaglio e la sofferenza psicologica, il passato di Christian è piena di fantasmi. Leonard afferma: "Leila è il fantasma del possibile futuro con Ana, e se non riesce a 'salvare' Christian e lo perde, sarà una donna distrutta e senza futuro. Il sogno di Leila è riallacciare con Christian, ma si rende conto che tutto ciò che pensava di sapere di lui, non vale più, perchè Ana ha cambiato le regole. Quindi Ana rappresenta l'ostacolo alla realizzazione dei suoi sogni".
"Leila non rappresenta e mai rappresenterà quel che Ana è per Christian", riassume E L James, perché "Ora il genere di persona di cui ha bisogno non è Leila, ma Ana".
Per il ruolo di questo personaggio straordinariamente complesso, è stata scelta l'attrice australiana Bella Heathcote, che in maniera schietta, riguardo la decisione di accettare la parte, afferma: "Volevo far parte di questo fenomeno a tutti i costi; mi ha molto affascinata malgrado non sia tagliata per questo tipo di ruolo. Il personaggio mi ha incuriosita, e l'ho ritenuta una sfida, ed un divertimento. Mi piace l'aspetto thriller della storia, perché Leila è una minaccia molto pericolosa per Ana".
L'attrice ammette di aver sentito una certa pressione nell' incarnare un personaggio di fronte alla sua creatrice, ma questa preoccupazione è presto svanita perché: "La presenza di Erika sul set è stata importante e divertente. Non abbiamo parlato per personaggio prima delle riprese, ma sapevo che se avessi avuto delle difficoltà o se mi fossi discostata dalla sua visione, era lì. Dopo una delle mie prime scene, mi ha incoraggiato con delle belle parole. Così ho pensato, 'Ok, sono sulla strada giusta!' ", afferma l'attrice.
Prima che Christian torni a far parte della sua vita, il cammino di Ana si incrocia con una persona che, forse a prima vista, potrebbe sembrare un'alternativa a Mr. Grey. Quest'uomo è il suo capo, l'editore Jack Hyde. Leonard spiega il ruolo di Jack: "Hyde è un uomo bello, intelligente e il suo lavoro è il sogno di Ana: sembra così avere i giusti presupposti. Durante la fase di sviluppo del film si è anche pensato ad un triangolo amoroso tra i tre, che in effetti esiste, ma solo nella testa di Jack. Pensa di essere un pretendente, cosa che invece non è mai stato ".
La produzione ha optato per Eric Johnson per questo ruolo centrale, un attore noto per il suo ritratto del Dr. Everett Gallinger in The Knick. Riguardo all'attore canadese e il suo personaggio, E L James riferisce: "Jack Hyde è l'inizio della tempesta, e averlo nel cast è stata una vera benedizione: è splendido, alto e bello, è molto bravo e divertente, perfetto nel ruolo, e ha un lato inquietante che interpreta perfettamente".
Dornan, in modo scherzoso afferma: "Jack Hyde è complicato, perché il personaggio deve essere affascinante, disponibile e attraente, ma che nasconde un lato di sé capace di fare dei danni: Eric, come persona, è bellissimo e non ci si aspetterebbe da lui un comportamento pericoloso. Ma, ovviamente, lo fa molto bene. E' un po' troppo alto per i miei gusti, e questo è tutto ciò che ho da dire su di lui".
Anche Dakota Johnson dice la sua su Hyde: "Una delle trappole in cui si può incappare quando si interpreta un cattivo, è dimenticarsi che è pur sempre un essere umano, e che in fondo potrebbe dire o fare cose che divergono dalla sua moralità. E' divertente esplorare queste possibilità, e mi crea più empatia verso le persone che fanno scelte sbagliate nella loro vita, di solito a causa delle circostanze che li circondano. Tutti possiamo capire moralmente le persone, ma a volte è dura umanizzare chi sta facendo delle cose orribili".
Durante un incontro, Foley e la Johnson hanno capito di aver avuto lo stesso ordine di idee riguardo l'approccio di Hyde col denaro. "Entrambi abbiamo pensato che Hyde fosse un manipolatore, una persona che vuole il controllo su chi lo circonda; e quando non lo ottiene  reagisce violentemente o fa dispetti come un bambino petulante", racconta la Johnson.
Nero presenta anche il ritorno di alcune importanti figure femminili della vita sia di Ana che di Christian: Marcia Gay Harden, è la madre di Christian, Rita Ora la sorella, ed Eloise Mumford è la migliore amica di Ana.
La Harden descrive il ritorno al suo ruolo, come una scelta di far parte non solo di questi film ma di far parte di un vero e proprio evento. E infatti afferma: "Non si tratta di un film indipendente, ma in un certo senso, è una grossa impresa. Nel primo film, il mio lavoro è stato quello di introdurre questa bella ed elegante signora, totalmente ignara del lato oscuro del figlio. Ora, può finalmente aprire gli occhi, e persino accettare Ana nella loro vita". La Harden è la prima ad ammettere il piacere che le ha procurato il far parte di questo fenomeno. "Adoro il fatto che i social media hanno iniziato subito a chiamarmi 'Mamma Grey' ".
Rita Ora, ha invece molto apprezzato le similitudini tra la sua vita reale e il suo ruolo. L'attrice sostiene: "Sono molto simile a Mia: è schietta, come me. Mette i suoi parenti in una posizione difficile, tanto che Christian spesso la deve riprendere. Mia vuole sempre farla franca, e la cosa fantastica è che questa volta ha un look differente (come d'altronde tutte le ragazze della sua età), che si avvicina molto ai miei gusti".
La Mumford invece sostiene di esser stata piacevolmente colpita della visibilità che le ha procurato il primo film, quando afferma: "Molta gente per strada mi fermava chiedendomi 'Hey, non ci siamo già conosciuti? E da lì capivo che avevano visto il primo film, e che mi consideravano quasi un'amica, abbinandomi a Dakota. Questo lo considero un gran complimento, perché Kate è davvero una buona amica per Ana".
Anche se Christian non è circondato da una cerchia di amici come Ana, intorno a lui ruotano due personaggi chiave, uno dei quali è il suo fidato braccio destro, guardia del corpo nonché autista, Taylor, interpretato ancora una volta da Max Martini.
Mentre il cast dei protagonisti ha ovviamente rispecchiato il dettame del materiale di base, i realizzatori hanno aperto le porte ad una gamma di personaggi a testimonianza dell'espansione delle storie.
I produttori erano certi che l'ampliamento del cast e della storia, avrebbe coinvolto un'altra grande fetta di pubblico, sia maschile che femminile. "I romanzi sono conosciuti da molti, ma non da tutti", osserva Viscidi. "Abbiamo voluto offrire più azione, pericolo, dramma e storia sperando di attirare altra gente. Nero è un film su una coppia che sta iniziando una relazione, e nel mentre si presentano degli ostacoli che appartengono sia al passato che al presente; quindi ha una propria trama: non bisogna aver necessariamente visto il primo per capire Nero".
Per la Harden, questo sviluppo è stato possibile anche grazie alla scelta azzeccata dei protagonisti. E afferma: "La genialità di Dakota, è quella di sembrare la ragazza della porta accanto: è bella, colpisce, è unica, giusto? E quindi, in un secondo, è la ragazza della porta accanto che entra a far parte di un mondo di fantasia. E, beh, anche Jamie sembra il ragazzo della porta accanto, no? E' un bel tipo, ed è perfetto nel suo mondo. Ma, se si mettono assieme, le donne potrebbero pensare 'Ehi, potrebbe capitare anche a me' ".

Intessere una Storia Nera: La Progettazione di Ambienti Sontuosi

Una buona dose di fantasia del mondo di Cinquanta Sfumature prende forma dall'immaginazione, pur non irrealistica, delle squadre di artigiani cinematografici dei reparti chiave guidati da: il direttore della fotografia John Schwartzman, lo scenografo Nelson Coates, la costumista Shay Cunliffe, la set decorator CAROLYN "CAL" LOUCKS e il property master DAVID DOWLING, solo per citarne alcuni. Tutti insieme avevano il compito di trasformare le parole del libro in realtà cinematografica.
E L James era entusiasta della squadra capitanata da Foley, e ha apprezzato il fatto che per le scenografie si sia attenuto fedelmente ai romanzi. L'autrice riflette: "Durante un incontro con James, ci ha tenuto a dirmi che comunque si sarebbe riferito ai libri: e ovviamente per me è stato un piacere vederlo lavorare. Ha messo insieme questa squadra straordinaria, lasciando anche spazio alle loro idee, ma si è davvero molto concentrato sulle location del film, e il mondo che hanno creato è meraviglioso".
L'autrice / produttrice ha avuto un ruolo cruciale sul set, che la stessa ha molto apprezzato, perché ha avuto la libertà di autorizzare o addirittura cambiare alcuni oggetti di scena, più consoni alla sua visione, quasi in maniera istantanea. Per me è stata una fase illuminante di un processo affascinante ... oltre all'enorme privilegio di essere presente sul set".
Sempre nell'ambito dell'ampliamento della visione del film, Viscidi ha proposto John Schwartzman, il direttore della fotografia di Armageddon – Giudizio finale, Pearl Harbor e The Rock, ma che nel suo CV annovera anche un piccolo film con Naomi Watts chiamato Book of Henry, oltre a Saving Mr. Banks. Aveva esperienza con i grandi film.
Anche gli ambienti sono stati ampliati per contenere le grandi storie di Nero e Rosso. Per cominciare, Nero è ambientato in inverno inoltrato e prosegue fino a inizio primavera. Le tonalità dei colori di quel periodo dell'anno, si prestano ad una storia più cupa, che evoca i pericoli più nascosti sotto un cielo grigio, e un abbigliamento a strati, adatto alla stagione.
Anche l'attico di Christian ha subìto dei piccoli cambiamenti. Lo scopo era quello di affinare un mondo su misura per un miliardario di 29 anni, con l'aggiunta di qualche tocco di mascolinità nel design, nella texture e con una scala colori più scura – nuovi mobili, opere d'arte e arredi morbidi. Anche la scala del soggiorno è stata modificata: lo scopo non era tanto quello di cambiare gli spazi, rendendoli difficili da riconoscere, ma semplicemente di adattarli. Spiega Viscidi: "Si ha sempre la sensazione di stare nello stesso appartamento".
Il crescente mistero e l'esplorazione che emergono nel secondo e nel terzo romanzo di E L James vengono rappresentati sul grande schermo, e agli spettatori sarà consentito l'accesso a spazi mai visti prima all'interno della fortezza personale di Christian, che mostrano altri aspetti dell'uomo. Sono state quindi realizzate delle nuove stanze delle torture, uno studio, una biblioteca e una sala biliardo, una cantina di vini e una palestra ... e per un tocco erotico, un cavallo con maniglie in pelle vintage.
Coates spiega la logica: "Una delle cose che noterete in Nero e Rosso è l'aggiunta di nuove texture, colori più scuri e l'ostentazione della ricchezza con degli splendidi mobili italiani Minotti, diverse opere d'arte collegate a Christian, alcune delle quali provenienti dal Pacifico del nord-ovest e dalla costa occidentale.
"Ho voluto arricchire il salone principale dell' attico piazzando dietro le scale una cantina di vini", continua. "Da lì si poteva accedere a degli ambienti che non c'erano nel primo film: una sala da biliardo, una biblioteca e lo studio privato di Christian. La biblioteca è uno spazio grande che coinvolge anche Ana, perché entrambi amano la lettura e offrono un contesto per approfondire il loro legame".
Loucks e il suo dipartimento, hanno riempito la biblioteca con testi che mostravano gli interessi letterari di Christian, tra cui un tomo di 372 pagine che racchiude delle foto dal 1900 ad oggi, e dei saggi di un inventore di giocattoli per adulti e un performer artist.
Ogni pezzo segue ulteriormente una logica del design. La Loucks afferma: "Ogni oggetto ha tattilità e consistenza, e quando dico che è lussuoso, è anche molto sensuale. Il materiale mostra i lati più oscuri del personaggio, come il suo apprezzamento per le forme femminili. E' un uomo che ama le donne, e questo è evidente in ogni suo oggetto. "Un esempio è la scacchiera di Christian, opera dell'artista Kelly Wearstler, del valore di 17.000 dollari, dove le classiche pedine sono state sostituite da piccole sculture corporee, tra cui labbra, mani, gambe e busti.
Molti di questi cambiamenti erano visibili, e comprendevano opere d'arte di nomi come America Martin e Edvard Munch, e i realizzatori supponevano che Grey avesse una collezione privata e ruotasse i pezzi regolarmente. Un altro elemento che entra a far parte dell'attico di Christian, è un televisore a schermo piatto, motorizzato, che scende dal soffitto davanti al camino –e una volta terminata la visione, con un telecomando, si ritrae nel suo spazio nascosto. Inoltre, per permettere agli operatori di far posto alle telecamere, alcuni pavimenti sono stati realizzati in vetro laminato rimovibile.
Aggiunge mascolinità un tavolo da biliardo, un pezzo speciale commemorativo di Brunswick Centennial del dopoguerra (un altro elemento pensato e cercato dalla Loucks). Tra gli altri pezzi di edizioni limitate per collezionisti, ci sono oggetti d'ispirazione Art Deco (con accenni alle automobili del Golden Age), dalle linee angolari di metallo lucido.
Per evocare l'ambiente di un focoso miliardario, la Loucks ha creato artigianalmente i punti luce: "ho realizzato su misura l'illuminazione nella biblioteca sopra il tavolo da biliardo, con l'aiuto di un valido set dresser, così come un lampadario del soggiorno dell'attico sopra la sala da pranzo utilizzando dei pezzi su misura, e stiamo parlando di wok presi a Chinatown convertiti in splendide plafoniere".
Alcune delle meravigliose creazioni della Loucks sono state progettate da Coates, in particolare, l'orologio che pende sopra il camino nella biblioteca di Christian, realizzato in teak e alluminio. Altri oggetti sono i disegni di bambini di Loucks, e le panche personalizzate in vinile nella libreria, rivestite di un tessuto vinilico strutturato, chiamato Kravet.
Lei ammette altresì di aver noleggiato alcuni pezzi "incredibilmente costosi", tra cui opere d'arte e tappeti, i cui fornitori hanno negoziato i prezzi, pur di collocare i loro prodotti sullo schermo nel sontuoso mondo di Christian Grey. Tra realizzazione artigianale, affitti, prestiti o acquisto di arredi di lusso, la Loucks e il suo team si sono procurati degli oggetti importati dall' Italia, Paesi Bassi, Nepal, Nuova Zelanda, Spagna e Taiwan, e dal Canada e Stati Uniti.
Per Dornan, è stato un piacere vivere un po' nel lusso. E dice: "Questa volta, il mondo di Christian è più caldo, più accessibile e facilmente riconoscibile, ma sempre con un'atmosfera grandiosa, ma calda come una casa. Se avessi ingenti somme di denaro, vorrei una stanza piscina in casa! Una stanza intima, dove si può gustare un single malt e fumare un sigaro, oppure sedersi su una poltrona e leggere un libro".
Christian non è l'unico ad avere degli ambienti nuovi. Coates spiega: "La zona spogliatoio di Ana, è un boudoir, come hanno in tanti, pieno di capi che sembra indossi regolarmente, le cui dimensioni sono quelle del mio soggiorno".
La sala è un segno evidente della progressione del personaggio di Ana. Di primo acchito sembra ci siano abiti scelti da Christian per le sue relazioni precedenti, ma in seguito appaiono degli abiti ed accessori che appartengono ad Ana – dalla biancheria intima ai cappelli ed occhiali da sole. Per questo, Coates ha lavorato con la costumista Cunliffe e la Loucks. Appaiono inoltre delle valige di Rimowa, rivelando la condivisa passione per i viaggi della coppia, mentre un altro elemento, è un paravento fabbricato in policarbonato chiamato Lexan, con impiallacciature in vinile su un telaio in alluminio.
Dagli spettacoli al privato ... dal cortile del palazzo della famiglia Grey, allo spazio segreto e intimo di Christian della Stanza Rossa, proprio come con gli altri suoi spazi, lo scopo era quello di ampliare il regno del suo sanctum.
Per E L James la relazione tra Ana e Christian è di fatto simile a tante altre, quando dice: "I giovani innamorati sperimentano, in genere, da quello che mi ricordo. Per me, il bello è vedere crescere il personaggio di Ana, perché all'inizio era una timida laureata. In Nero, si osserva viversi l'esperienza con Christian, e inizia davvero a guardarsi dentro".
"C'è uno scambio di autorità tra queste due persone", aggiunge la Johnson. "Nel primo film, Anastasia è piuttosto innocente e casta. Attraverso l'esplorazione del suo amore per quest'uomo e di sé stessa, anche lei diventa una figura dominante sul posto di lavoro, e prende confidenza con la sua sessualità, scoprendo una forza interiore tanto estrema quanto potente".
Un luogo dove Ana comincia ad esercitare il suo controllo è, infatti, La Stanza Rossa. Dornan afferma: "Nella Stanza Rossa, ci sono meno obblighi; è Ana che chiede di essere portata lì, cosa che, ovviamente, non accade nel primo film. Così ora, non è lei che deve sottostare alle sue condizioni".

Tutto Si Riaccende: Costumi e Preparazione

Per il pubblico, forse l'esempio più evidente della narrazione visiva sono i costumi. Viscidi illustra: "Per Christian, la Shay con i suoi disegni ha voluto mostrare la sua crescita, pur sempre con abiti alla moda. Con Ana, evidenzia la transizione dal primo film - quando era una ragazza appena uscita dal college, e commessa in un negozio di ferramenta - a Nero, dove ora è impiegata presso una casa editrice con l'intento di far carriera. Ora, inoltre si sente più a suo agio, soprattutto per quanto riguarda i suoi bisogni e desideri sentimentali".
Anche Ana è d'accordo con il suo produttore, e la Johnson aggiunge: "Ora che lavora come assistente di un editore, si chiede quale dovrebbe essere l'abbigliamento più adatto. Jeans e camicia, o è troppo casual? Deve indossare un vestito tutti i giorni? Avevamo molti vestiti a disposizione, ma abbiamo scelto di essere realistici, mostrando la trasformazione del suo stile e la scoperta del suo corpo. In definitiva l'abbigliamento di Ana dipende molto dal punto della storia in cui si trova".
Dall'incontro di Dakota con Cunliffe, è emerso che l'abbigliamento di Ana dovesse essere progressivamente sempre più sensuale; "Molti costumi indossati all'inizio di una scena, finivano poi per assumere un aspetto più sexy nella scena successiva, quindi i vestiti dovevano essere adatti sia per l'ambiente di lavoro che per un incontro serale, quando anche un maglione o una camicia, se sbottonati assumevano un aspetto seducente", afferma la costumista.
Nell'armadio di Ana spiccano anche capi di lusso di firme come Dolce & Gabbana, Dior Paris, Zac Posen, Pucci, Armani, Diane von Furstenberg, Phillip Lim, Allsaints, Isabel Marant Etoile, Vince, Carolina Herrera, Boss, Fendi, BCBGMAXAZRIA, Teri Jon, Missoni Italia, Valentino, Michael Kors e Richard Tyler ....
Anche Dornan era entusiasta dell'evoluzione dell'aspetto del suo personaggio, e afferma: "Nel tempo libero, il suo abbigliamento era più casual, ovviamente con felpe costose, ma che indossano i ragazzi tutti i giorni, per un aspetto più umano e normale, non alienante, a differenza di quanto fatto nel primo film. Fortunatamente, Foley, Shay ed io eravamo d'accordo".
Per la Cunliffe, infatti, il messaggio che doveva arrivare era far apparire Christian come i giovani della sua età piuttosto che un uomo d'affari, se non in alcune circostanze lavorative. L'idea comune della scelta di capi "più strutturali e giovanili", ha influenzato anche la sua ormai famosa collezione di cravatte, adattate ad un'immagine più giovanile.
Ma qualsiasi miliardario ventenne, degno di questo nome, si sente a proprio agio nel quotidiano con un paio di jeans. L'armadio di Christian include dei denim modello 'skinny' di Burberry, Acne Studios, Rag & Bone e altri marchi famosi. La Cunliffe dice: "Non voleva avere uno stile datato, ma abbiamo scelto gli abiti più adatti al suo bel fisico, con capi semplici ma seri ed eleganti".
I piccoli cambiamenti, non hanno coinvolto solo l'attico e il suo guardaroba, ma anche Christian stesso. Dornan si è accordato inizialmente col regista, affermando che: "Era necessario che aumentassi la muscolatura e prendessi peso; quindi  ho iniziato ad andare in palestra molto più di quanto avessi fatto, e sono ingrassato. Allo stesso tempo però, doveva trasparire sullo schermo che da piccolo il mio personaggio ha vissuto delle esperienze terribili e qualche scazzottata, come suggerito da Foley".
La Cunliffe era felicissima di eseguire gli ordini. "Dovevamo mostrare tutta la sua forma fisica; ed avendo continuato ad allenarsi durante le riprese, ho dovuto modificare le sua magliette, essendo aumentate di volume le spalle".
Sia Dornan che la Johnson durante la produzione hanno curato il loro aspetto fisico, avendo a disposizione una roulotte adibita a palestra, e un nutrizionista. "Abbiamo fatto qualsiasi cosa per alleggerire i giorni estenuanti di riprese, e mantenerli sani durante la produzione", dice Brunetti.
Per l'abbigliamento del personaggio di Jack Hyde, i realizzatori inizialmente hanno optato per un aspetto elegante e sofisticato, essendo un potenziale concorrente di Christian, ma a poco a poco, la Cunliffe voleva far sembrare che i suoi abiti fossero stati scelti con troppa auto-consapevolezza, tipo 'azzeccato, ma non del tutto'. E spiega: "Il suo look apparentemente può piacere  ... poi magari si osservano i particolari e si nota che la cravatta che indossa è orribile!".
A proposito di quella cravatta, Eric Johnson racconta: "Era bellissima, ma non a detta di tutti: ad alcuni piaceva, ad altri faceva vomitare. Così abbiamo deciso, 'Questo è l'impatto perfetto che deve dare Jack Hyde!' Tutto il personaggio si riassume in quel punto. Abbina le cose, ma non perfettamente. All'apparenza dà una sensazione di benessere, ma dentro ... non tanto".
Chi invece dà la sensazione di noncuranza del suo aspetto, è Leila, che indossa lo stesso look in ogni scena. L'obiettivo della Cunliffe era quello di creare "una persona ombrosa". Si ipotizzava che era essenzialmente concentrata su Ana, e la sua situazione era talmente disperata che aveva vissuto per mesi in strada. La Heathcote rivela: "Sembra che indossi un pigiama o roba del genere. Ha l'aspetto di una squilibrata, che non si cura da chissà quanto tempo. E' tesa, stanca, vuota e esaurita".

Giochi per Privilegiati: Le Riprese del Ballo in Maschera

Forse la sequenza più impegnativa per le squadre della progettazione, è stata il ballo in maschera, organizzata dalla famiglia Grey per una raccolta fondi per la loro associazione 'Affrontiamolo Insieme', a sostegno dei figli di genitori tossicodipendenti.
E L James quando ha scritto l'evento, basandosi sulle proprie esperienze avendo organizzato due balli in maschera, aveva una visione leggermente diversa da quella che si è venuta a creare. E dice: "Avevo una visione sobria dell'evento; poi Nelson Coates ha proposto uno stile Veneziano, con tanto di gondole, e l'ho trovato incredibile!' Il risultato è stato straordinario, a cominciare dalla location  sontuosa e sensuale, arricchita dai costumi di Shay. Era favoloso: il tipo di evento a cui si sogna di partecipare!' ".
Mentre l'aspetto potrebbe differire dalla descrizione del romanzo, i registi hanno continuato ad attenersi al romanzo di Cinquanta sfumature di nero, utilizzando lo stesso menù, il vino, e gli oggetti dell'asta.
Coates si è ispirato al Carnevale di Venezia e ai suoi ornamenti: "L'interno di vecchi palazzi vengono allestiti con degli incredibili ed eleganti centrotavola, mobili ed oggetti. Ho portato il fascino di Venezia a Seattle - abbiamo anche rapidamente riprodotto alcuni scorci di Piazza San Marco e delle gondole, i colori e l'atmosfera della città".
Il ballo si tiene in un padiglione dietro il palazzo della famiglia Grey, ricreato all'interno di uno spazio molto accogliente (all'interno del Centro Congressi di Vancouver, lungo il litorale, che ha ospitato l'evento, più tutti i macchinari per le riprese), trasformato al suo interno con la creazione di un bellissimo pavimento antico della cattedrale veneziana, mentre l'aggiunta di particolari dettagli ha permesso di mimetizzare le telecamere, l' illuminazione, ed altro.
Sono state quindi acquistate centinaia di maschere da alcuni artigiani di Venezia, dato che la maschera è diventato sinonimo di Cinquanta sfumature di nero (il simbolo sulla copertina del romanzo), nonché l'oggetto più adatto per i personaggi che popolano il film Nero.
Leonard afferma: "Per tutta la storia, non solo al gala - ognuno indossa una maschera. Christian indossa la maschera del freddo e calcolatore uomo d'affari, mentre all'interno porta delle ferite dall'infanzia. Jack indossa la maschera dell'uomo amabile ed affabile, quando, di fatto, è tutt'altro. E Ana indossa la maschera da ingenua e innocente, mentre ha dei desideri nascosti che nel corso della storia si rivelano".
La gioia degli attori nel dover indossare degli abiti elegantissimi, era incontenibile. La Harden esclama, "Decolleté! Il mio abito si può definire con una sola parola: scollatura. Non riuscivo a guardare l'immagine senza pensare, 'Oh mio Dio! C'è un volto da qualche parte?' E' fenomenale". Il disegno della Cunliffe è stato realizzato dallo stilista JOHN HAYLES della Universal (le cui creazioni sono apparse in alcuni film, e sul tappeto rosso degli Oscar®), in broccato, spedito da New York a Los Angeles – la prima prova vestito della Harden è stata  mostrata via skype ai realizzatori a Vancouver.
L'abito creato per Ana è della stilista francese MONIQUE LHUILLIER in collaborazione con la Cunliffe, che racconta: "Monique crea degli abiti in raso da favola, ispirati agli anni '30. Questo, in particolare, ha il fascino della vecchia Hollywood, ed Ana doveva apparire come una splendida sirena nella sua semplicità, nel bel mezzo di una scena sontuosa, spiccando tra la gente".
Sempre ispirandosi ai musical degli anni '30, la Cunliffe le ha aggiunto una cappa di piume, non troppo pesante, "come una nuvoletta che l'accompagnava; un'idea venuta all'ultimo minuto, che ha richiesto un enorme sforzo, dato che ogni piuma del mantello doveva essere cucita a mano. Ana lo indossa mentre entra al ballo, e se lo toglie quando sta a tavola, per poi rimetterlo in una scena molto intensa".
La squadra ha avuto l'arduo compito di reclutare 250 comparse, inizialmente vestite con abiti d'epoca affittati a Roma da Tirelli, e da Malibar a Toronto; ma l'immagine della festa era troppo simile ad un'opera teatrale del 18° secolo, quindi per ricreare "un vero e proprio ballo in maschera", si è scelto di mescolare dei costumi con abbigliamento formale da festa, e capi sportivi degli anni '80 ( "molto più esagerati rispetto ai nostri gusti attuali", commenta la costumista).
I protagonisti maschili aggiungono austerità vestiti con completi da sera firmati (ad esempio per Dornan Burberry, Andrew Airlie,  Zegna). E tutti sono mascherati, naturalmente.

Attraverso a un Vetro più Oscuro: Le Riprese della Storia

"Nero è stato per certi versi, scoraggiante in un primo momento, perché in origine questo progetto era una cosa, poi ha preso una forma diversa", rivela la Johnson. "Il burattinaio è diverso, e le persone coinvolte sono moltissime. All'inizio ho creduto che fosse allarmante, ma in definitiva è stato meraviglioso. Foley è un grande regista, e ha talmente tanta fiducia nei membri del cast, che ha lasciato una certa libertà, e questo è molto bello. Sa quello che vuole, e come ottenerlo; ma innanzi tutto è una bella persona da avere attorno, e se sul set c'era un'atmosfera meravigliosa, è grazie a lui".
Ma per Dornan, c'è stato inizialmente un problema con il regista. "Jamie Foley, il regista. Potevamo confonderci con lo stesso nome, giusto? Così mi è venuto in mente l'idea di chiamarlo 'Foley'. Il nostro primo aiuto regista Paul Barry ha detto 'Sì, certo al cento per cento, non preoccuparti. Faremo così: lo chiameremo 'Foley'. Solo tu verrai chiamato 'Jamie'. Senza problemi'. Non sono passati neanche 10 minuti, così come per tutto il tempo delle riprese, che quando sentivo chiamare 'Jamie,' io mi giravo. Sai cosa? Non cercavano mai me", dice l'attore ridendo.
Il caso ha voluto che ci fosse anche un' altra James ... la stessa E L James, conosciuta da tutti semplicemente come Erika, la cui presenza quotidiana sul set è stata inestimabile, essendo la fonte inesauribile di tutti i dettagli di Cinquanta sfumature. Brunetti ammette: "Ha trascorso più tempo lei sul set, di Mike e me che siamo i produttori, e per di più, lei è la fonte. Ha guardato ogni fotogramma delle riprese, si è messa a disposizione per eventuali domande, ed è intervenuta laddove necessario. In passato ho lavorato su altri adattamenti di libri, ma quando l'autore è in un altro stato, o in un altro paese, non è la stessa cosa di quando è presente sul set".
Con il suo cappellino ben in testa con la scritta "autore", E L James ribadisce: "Tutti i libri di 'Cinquanta sfumature' sono dei romanzi rosa, punto – e quindi dovrebbero essere, e si spera siano, dei film romantici. In questo, si scopre di più, si va più in profondità, con accenni del passato di Christian che mettono in pericolo la stabilità della sua relazione. Questo è uno dei motivi per cui è più scuro, Nero".
"Christian nasconde un sacco di strani segreti", suppone la Johnson. "Per far sì che la loro storia funzioni, Ana gli ha dato un ultimatum: nessun segreto. Voleva, doveva sapere, ma di fronte ad alcune verità, si sente ferita. Ma continua ad amarlo, consapevole degli sforzi che lui sta facendo per lei".
La parola comune a tutti, "profondità", vale anche per il distaccato e intrigante Mr Grey, i cui primi danni familiari vengono descritti in Nero. L'autrice aggiunge: "E' difficile, complicato, psicologicamente danneggiato per mano di un genitore o una persona cara. Ma il capo di un'unità traumatica di un ospedale americano, mi ha spiegato che con la storia di Christian, ero riuscita in modo credibile a mostrare tutti i disordini psicologici che presenta una persona che aveva subito un trauma da piccolo, e poi da adolescente, con l'incontro con Elena. Ho avuto l'onore, e la consapevolezza di portare questo esempio nei film".
Per la trasposizione cinematografica dei due romanzi Nero e Rosso la produzione ha impiegato 103 giorni di riprese (il doppio, in media, di un film ad alto budget) . Questa maratona delle riprese non doveva essere sottovalutata. Marcus Viscidi commenta: "Consci del calendario, non abbiamo mai esagerato nelle riprese quotidiane; non dovevamo sottoporre gli attori a troppe ore lavorative, mettendo a rischio la loro sopravvivenza all'esperienza, e la qualità delle loro interpretazioni".
Dal suo punto di vista la Johnson afferma: "La cosa bella è stata conoscere meglio gli altri membri del cast, cosa che sicuramente ci ha avvantaggiato nel ritratto dei nostri personaggi".
Le riprese principali si sono suddivise tra i due titoli, in 42 giorni per Nero, e 44 per Rosso, mentre 17 sono i giorni in cui sono state girate delle scene di entrambi i film. Le riprese quindi non hanno seguito un ordine cronologico, (anche se si è tentato ove possibile di girare in sequenza), al fine di massimizzare i tempi, le risorse e le finanze ... con una sola eccezione. Le scene più accese tra Ana e Christian, la maggior parte delle quali avvengono nella Stanza Rossa, sono state registrate alla fine degli orari di riprese (una pratica già messa in atto durante Cinquanta sfumature di grigio).
Essendo il capo, Foley non solo coordinava le centinaia di collaboratori che lavorano per realizzare i film, ma in scala più ridotta, doveva anche aiutare gli artisti a tenere il punto della storia dei loro personaggi, per avere il giusto atteggiamento mentale richiesto in ogni scena.
Brunetti approfondisce l'argomento dicendo: "Avevo in testa una confusione totale: un giorno si giravano le scene di Rosso, e poi il giorno successivo, o, in alcuni casi, nel corso della stessa giornata, c'erano delle scene di Nero. C'era un andirivieni di attori coinvolti in un set, che magari erano chiamati a registrare il seguito di ciò che nella storia accadeva settimane prima. Per me è difficile parlarne anche adesso, perché nella mia testa mi viene il dubbio se un fatto appartiene a Rosso o a Nero. James, invece avendo fatto pratica in House of CardsGli Intrighi del Potere è riuscito a seguire tutto magistralmente".
La Harden riflettendo su uno dei compiti più delicati di Foley, dice: "James ed io abbiamo parlato del fatto che ci sono un migliaio di scelte emotive in cui possono identificarsi molti spettatori: ma qui parliamo di un mondo di fantasia, quindi bisognava trovare il giusto equilibrio tra fantasia e realtà, e capire cosa fare esattamente. Cosa è eccessivo? Cosa non è sufficiente? Qual è il giusto equilibrio qui? Qual è la strada più giusta da percorrere? ".
La produzione è ritornata a Vancouver, per ritrovare le location legate ai personaggi nel primo film, e inoltre la natura mutevole del clima ... viene considerata un vantaggio. Viscidi commenta: "Il tempo rispecchia il temperamento, a dir poco, e in realtà per noi aveva un senso. Ad esempio, abbiamo potuto filmare l'oscurità degli uffici della SIP quando il tempo era nuvoloso e piovoso, il che ha dato suspense alla storia. Più tardi, quando è uscito il sole, abbiamo girato dei pezzi di Rosso, in piena estate, dando un tono completamente diverso. Certo, a volte ci sono stati dei problemi nella tabella di marcia, ma nel complesso, è stato molto efficace ed è stata la decisione giusta".
Le riprese sono iniziate il 16 febbraio del 2016, al terzo piano di un piccolo edificio uso ufficio per riprodurre le stanze della SIP. Successivamente, le riprese si sono svolte in un ospedale psichiatrico operativo, dove le squadre hanno ricreato il pronto soccorso in cui Christian, a 4 anni, incontra per la prima volta la madre adottiva, la Dottoressa Grace Trevelyan Grey. Un boschetto di alberi invece è stato utilizzato dallo scenografo Coates e dal fotografo dell'unità DOANE GREGORY per scattare le fotografie di Dakota, che sono poi state riutilizzate nella mostra di José.
Il quartiere vivace dello shopping e della vita notturna di Gastown, ha rappresentato gli esterni degli uffici della SIP, così il luogo di ristoro degli impiegati della SIP, e il Lori's Bar.  In seguito, la produzione è tornata a Powell Street che il pubblico conosce come l'appartamento di Anastasia (già in Cinquanta Sfumature di grigio).
Nel corso delle riprese, la produzione è tornata a girare le scene dell'attico di Christian al Motion Picture Park vicino a Burnaby, ed ai North Shore Studios. In quest'ultimo, in tre teatri di posa sono stati allestiti la camera da letto, il bagno, il ripostiglio, la palestra, la biblioteca, lo studio, la cucina, il soggiorno, la cantina dei vini, la sala da pranzo e la cabina armadio / spogliatoio di Ana, mentre la Stanza Rossa è stata allestita al CMPP.
Il momento della mostra nella galleria d'arte, dove Christian si avvicina ad Ana dopo la loro rottura alla fine del primo film, è stato ricreato allo Yaletown Roundhouse, un centro artistico ricreativo di valenza architettonica e storica di Vancouver. Il Roundhouse era originariamente composto da un gruppo di edifici, costruiti per conservare e riparare le locomotive a vapore dell'epoca, e risale al 1888. Con l'avvento dei motori diesel, le strutture sono state progressivamente abbandonate. Prima restaurata e rinnovata nel 1986 in occasione dell'Esposizione Mondiale, la proprietà che ha subìto un cambio di destinazione d'uso, è stata consegnata al Vancouver Board of Parks and Recreation nel marzo del 1997. In aggiunta alle gigantografie degli scatti "candid" di Ana (trasformate in stampe di alluminio, per un effetto più luminoso), sono stati esposti alcuni scatti del portafoglio personale di Gregory, come fossero opere di José.
Per avere una reazione ad effetto sorpresa di Dakota di fronte alle sue foto: "Abbiamo fatto di tutto per impedirle di vedere queste immagini fino alla sera in cui abbiamo girato la scena", ricorda Gregory.
Dopo più riprese presso i teatri di posa, la produzione ha utilizzato un salone di lusso nella via modaiola di South Granville - originariamente progettata dal famoso architetto di Vancouver, Arthur Erickson – per l' Esclava, il salone in comproprietà di Christian ed Elena. Il vociferare di questa location dove sono state girate le prime scene con Kim Basinger, ha costretto la produzione a prendere degli ulteriori accorgimenti. Viscidi rivela: "Con Kim, siamo stati particolarmente attenti a non mostrarla al pubblico durante gli spostamenti dalla roulotte, per non rivelare che faceva parte del film; volevamo aspettare l'uscita delle immagini che la ritraevano nella parte di Elena".
Ma questo non è bastato, col progredire delle riprese, a placare la presenza delle flotte di immancabili fan di Cinquanta Sfumature / E L James, sui luoghi delle scene, soprattutto a Vancuver.
La produzione, successivamente si è impegnata nelle riprese consecutive della festa di compleanno in famiglia di Christian, e delle prime scene sfarzose del gala mascherato. Gli  interni e gli esterni della tenuta dei Grey sono stati nuovamente rappresentati dalle case storiche signorili note come Casa Mia e Rio Vista, le stesse già visitate in Cinquanta sfumature di grigio.
E' durante la sequenza della festa di compleanno, che Ana reagisce violentemente alla presenza di Elena Lincoln, una scena che ha richiesto una particolare preparazione sia per la Johnson che per uno dei produttori. Viscidi racconta: "Lanciare un drink in faccia a qualcuno, e farlo in modo sicuro, non è una cosa facile. Abbiamo iniziato a fare pratica utilizzando un bicchiere vuoto pieno d'acqua – anche se avrei preferito ci fosse stata della vodka. E' stata questa la preparazione, prima di versarlo in faccia a Kim per le riprese".
Si sono susseguite, poi, le prime scene del gala di beneficenza, che sulla carta si svolge in un tendone dietro la proprietà dei Grey. Brunetti spiega: "Ci faceva piacere tornare ai luoghi di origine in cui abbiamo girato precedentemente, che era una cosa fantastica, ad eccezione del ballo in maschera, in quanto Casa Mia non disponeva di un ampio cortile che potesse ospitare l'evento. Inoltre, volevamo essere sicuri che la casa e il ballo fossero collegati tra loro. Così, abbiamo ripreso la facciata del palazzo - con il cameriere, le auto in arrivo e gli ospiti che gironzolavano, e gli interni della casa. Poi, attraverso un'uscita sul retro, in una zona dove abbiamo creato l'ingresso del ballo in maschera, ci abbiamo posizionato i mangiatori di fuoco, i giocolieri e i cerimonieri in maschera lungo la passerella che porta al tendone, per accogliere gli ospiti. Le riprese sono proseguite al Convention Centre, circa un mese più tardi, sul set completo".
Nel corso della riprese di Nero e Rosso, il direttore della fotografia John Schwartzman e il regista Foley hanno consapevolmente adottato uno stile di illuminazione a sostegno dei movimenti della telecamera che fluttuava intorno gli attori. "Il movimento della telecamera stessa aggiunge suspense e drammaticità, oltre che una sorta di pericolo che possono incutere questi personaggi", descrive Brunetti.
Le riprese sono continuate a bordo di uno yacht di lusso della lunghezza di 38 metri, Kaori, che ha riprodotto il vascello di Christian, Grace. Costruito nel 1992 e completamente ristrutturato nel 2006, con gli esterni della C.W. Paine Yacht Design, Inc. e gli interni di Jane Plachter, il ​​'Grace' diventa l'unico luogo sicuro per scampare alla minaccia Leila. Attraccato al Vancouver Rowing Club lo yacht poteva contenere un massimo di 30 membri della troupe a bordo per girare le scene della navigazione a vela, con 6 barche di supporto al seguito per tutto il tempo. Le scene più romantiche della coppia sotto il ponte del 'Grace' sono state girate in un teatro di posa riservatissimo allestito ai CMPP.
Le riprese dell'avventura di Christian al comando dell'elicottero della Grey Enterprises - in realtà un Airbus H130, del valore di oltre 3 milioni di dollari – si sono svolte in un secondo momento, con ROBINNE LEE a bordo come COORos Bailey, in rotta per un meeting verso Portland. In questo caso sono stati utilizzati sia il green screen che l'ambiente (purtroppo, all'esterno con un tempo di 84ºF, in un campo vicino i teatri di posa di Burnaby - fortunatamente E L James ha organizzato un carretto di gelati per aiutare il cast e la troupe a superare il caldo).
Il caldo ha effettivamente beneficiato pochi giorni dopo, per le immagini di Mumford e Grimes, alias una vacanza ai Caraibi di Kate e Elliot, catturate tramite un iPhone ... in una spiaggia di fortuna in un campo adiacente al Boundary Bay Airport, con palme, sabbia e amaca, arricchendo le giornate assolate con un tocco tropicale.
Terminate finalmente le riprese del ballo in maschera all'interno del centro congressi,  Nelson Coates ricorda: "Abbiamo girato i pezzi del build-up circa un mese prima, e poi abbiamo realizzato l'evento completo e rivisto i risultati di ciò che abbiamo pensato e pianificato per circa 6 mesi. Si spera sempre che il proprio lavoro abbia aiutato ad alzare il livello delle prestazioni; ho anche ricevuto i complimenti dei macchinisti e dei tecnici. La notte prima delle riprese, eravamo fuori dalla tenda: Foley mi ha chiamato all'interno per dirmi: 'Non so ... tra poco inizia tutto',  e scoppia a ridere. Poi ha aggiunto: 'E' tutto così bello, sorprendente: è meraviglioso!'. E' stato davvero gratificante".
Per aggiungere ulteriore lusso e magia all'evento, la produzione ha reclutato il cantante José James e la sua banda, per occuparsi dell'intrattenimento del gala. Viscidi riferisce: "E' un perfetto crooner, ed interpreta alla grande la versione di Frank Sinatra dello standard di Cole Porter, 'I've Got You Under My Skin'. Il giorno antecedente l'inizio delle riprese, abbiamo realizzato una pre-registrazione ... a Los Angeles presso Capitol Records, dove Frank nei primi anni '50 ha iniziato la registrazione degli strepitosi arrangiamenti di Nelson Riddle, tra cui 'I've Got You Under My Skin'. Quindi, non solo José è stato spiazzato da ciò, ma siamo anche stati in grado di recuperare il microfono originale con cui Sinatra ha cantato la canzone. José quasi non riusciva a cantare, era esterrefatto. Ma è andato tutto bene, e dopo un viaggio rapido in aereo, la sera successiva era pronto a cantare su questo incredibile set".
Dopo 98 giorni di riprese, la produzione è terminata a Vancouver Lunedì 4 luglio del 2016.

Fantasmi del passato che tornano a tormentare, incidenti in elicottero, esplorazione sessuale, vendetta, stile di vita di un miliardario, Thomas Hardy, sadismo, cicatrici di abbandono, atti di carità, maschere veneziane, giocattoli per adulti ... senza dubbio la quantità inebriante di soggetti e oggetti che EL James ha inserito nella sua trilogia campione di vendite, ha contribuito ad alimentare il desiderio globale di seguire la storia di Christian Grey e Anastasia Steele.
Ma non importa il livello di stravaganza o profondità di depravazione che entra nella loro storia: tutto si riduce a una cosa. Dakota Johnson conclude: "Sì, ci sono componenti della sensualità e della sessualità, ma è soprattutto una storia d'amore tra due persone complicate, intelligenti e poliedriche. I diversi aspetti della loro personalità e della vita, le diversità familiari, o di lavoro, o le preferenze sessuali ... tutte queste cose nella storia girano intorno al fatto che sono solo follemente, profondamente, ferocemente innamorati l'uno dell'altra".

Apri Box Commenti
Torna su