La stoffa dei sogni (2015)

La stoffa dei sogni

Locandina La stoffa dei sogni
La stoffa dei sogni (La stoffa dei sogni) di durata circa 103 minuti diretto da Gianfranco Cabiddu con protagonisti Sergio Rubini, Ennio Fantastichini, Teresa Saponangelo, Renato Carpentieri, Francesco Di Leva, Ciro Petrone.
Prodotto nel 2015 in Italia. esce in Italia Giovedì 1 Dicembre 2016 distribuito da Microcinema.

TRAMA

Come in una stoffa, s'intrecciano le trame e i fili dei destini. Camorristi in fuga e attori in cerca di riconoscimento si ritrovano dopo un naufragio su un'isola-carcere e si mescolano. Sotto lo sguardo indagatore del Direttore del carcere che ha imposto ai naufraghi la messa in scena de " La tempesta" convinto di smascherare i camorristi/naufraghi; all'amore tra l'inquieta figlia del Direttore e il figlio del boss, alla figura dolorosa di Calibano unico abitante superstite di un'isola "occupata" dal carcere, per assonanze e similitudini con il testo shakespeariano, procede la vicenda umana dei personaggi, nella sottile linea che divide il vero dal verosimile nel palcoscenico della vita. Il teatro diventerà la zona franca in cui ciascuno potrà ritrovare se non il proprio ruolo sociale, la propria umanità. Qualcuno anche l'amore. Shakespeare e Eduardo De Filippo si fondono in una commedia picaresca piena di colpi di scena. 

Data di Uscita ITA: Giovedì 1 Dicembre 2016
Nazione: Italia - 2015
Formato: Colore
Durata: 103 minuti
Distribuzione: Microcinema

Cast e personaggi

Regia: Gianfranco Cabiddu
Sceneggiatura: Ugo Chiti, Salvatore De Mola, Gianfranco Cabiddu
Musiche: Franco Piersanti
Fotografia: Vincenzo Carpineta
Scenografia: Livia Borgognoni
Montaggio: Alessio Doglione

Cast Artistico e Ruoli:
foto Sergio RubiniSergio Rubini
Campese, il capocomico
foto Ennio FantastichiniEnnio Fantastichini
De Caro, il direttore del carcere
foto Teresa SaponangeloTeresa Saponangelo
Maria, la moglie di Campese
foto Renato CarpentieriRenato Carpentieri
Don Vincenzo
foto Ciro PetroneCiro Petrone
Saverio
foto Alba Gaïa Bellugi (Alba Gaïa Kraghede Bellugi)Alba Gaïa Bellugi (Alba Gaïa Kraghede Bellugi)
Miranda, la figlia del direttore
foto Jacopo CullinJacopo Cullin
Tenente Franci

News e Articoli

Globi d'Oro 2017Globi d'Oro 2017, i Vincitori. La Stoffa dei Sogni miglior film, a Dario Argento Premio alla Carriera

L' Associazione della Stampa Estera ha annunciato il Globo d'Oro alla Carriera al regista Dario Argento e il Gran Premio della Stampa Estera a Restaurare il cielo di Tommaso Santi.

La stoffa dei sogni di Gianfranco CabidduLa stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu al cinema da dicembre: Trailer e due Clip dal film

Il 1 dicembre arriva sul grande schermo La stoffa dei sogni, di Gianfranco Cabiddu, omaggio cinematografico a William Shakespeare ed Eduardo De Filippo.

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina internazionale
Foto e Immagini La stoffa dei sogni
Locandina internazionale
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

Note di regia

"Il mio intento è di trarre un film da La tempesta nella concezione teatrale della traduzione in napoletano di Eduardo De Filippo, usando come "punto di partenza" la sua Arte della Commedia: l'esigenza del teatro in una qualsiasi società, il rapporto realtà/finzione, la diversità, l'incomprensione, la vendetta e la grazia. Tutto questo a me, sardo e isolano, che ho avuto la fortuna di incontrare e lavorare per Eduardo, sembra più vicino: perfettamente consapevole che questo progetto di film mi renderà la vita difficile, il che - direbbe Eduardo - è uno degli scopi dell'esistenza." - Gianfranco Cabiddu

Il film è ambientato nel primo dopoguerra in Sardegna, sull'isola dell'Asinara, disseminata di fortini carcere e colonia penale sino al 1820, dove assistiamo alla bellezza della natura aspra e incontaminata, isola da cui la sua popolazione era stata completamente evacuata. In questo contesto si inserisce il personaggio di Calibano, nel film interpretato dall'attore sardo Fiorenzo Mattu, che esprime poeticamente la condizione di "selvaggio" emblema dell'isolano colonizzato, che mantiene il legame autentico con la propria lingua e la meravigliosa natura che lo circonda e con cui sola comunica. 

Apri Box Commenti