Mandibules - Due Uomini e Una Mosca (2020)

Mandibules

Locandina Mandibules - Due Uomini e Una Mosca
Mandibules - Due Uomini e Una Mosca (Mandibules) è un film del 2020 prodotto in Francia e Belgio, di genere Drammatico diretto da Quentin Dupieux. Dura circa 77 minuti. Il cast include David Marsais, Grégoire Ludig, Adèle Exarchopoulos, India Hair, Roméo Elvis, Coralie Russier, Bruno Lochet. In Italia, esce al cinema il 17 Giugno 2021 distribuito da I Wonder Pictures.

Quando Jean-Gab e Manu, due amici un po' sempliciotti, trovano una mosca gigantesca intrappolata nel bagagliaio di un'auto, decidono di addestrarla per farci un sacco di soldi.

TRAMA

La storia segue le vicende di due amici squattrinati: Jean-Gab e Manu, due scemi (e più scemi), partiti in missione per conto di un misterioso cliente: devono consegnare una valigetta in cambio di cinquecento euro. Nel rubare una vecchia auto per il viaggio, trovano nel cofano una mosca gigante. Decidono di addestrarla al furto, con il sogno di diventare ricchi. Lungo la strada si imbatteranno in una serie di avventure tragicomiche sullo sfondo di un'estate in una Costa Azzurra che somiglia alla California. Solo la stravagante Agnès (Adèle Exarchopoulos) si accorgerà del loro segreto. Dupieux regala all'attrice un inedito e riuscitissimo ruolo comico.

Info Tecniche e Distribuzione

Uscita al Cinema in Italia: Giovedì 17 Giugno 2021
Uscita in Italia: 17 Giugno 2021 al Cinema
Genere: Drammatico
Nazione: Francia, Belgio - 2020
Formato: Colore
Durata: 77 minuti
Produzione: Chi-Fou-Mi Productions, Memento Films Production (co-produzione), C8 Films (co-produzione), Artemis Productions (co-produzione), Voo Et Be Tv (co-produzione), Shelter Prod (co-produzione), CANAL + (partecipazione), OCS (partecipazione), C8 (partecipazione), Tax Shelter (supporto), Gouvernement Federal De Belgique (supporto)
Distribuzione: I Wonder Pictures
Note:
Presentato Fuori Concorso alla 77a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

Cast e personaggi

Regia: Quentin Dupieux
Sceneggiatura: Quentin Dupieux
Musiche: Metronomy
Fotografia: Quentin Dupieux
Scenografia: Joan Le Boru
Montaggio: Quentin Dupieux
Costumi: Isabelle Pannetier
Effetti Visivi (VFX): CLSFX Atelier 69, Machine Molle

Cast Artistico e Ruoli:



Produttori:
Hugo Sélignac (Produttore), Vincent Mazel (Produttore), Alexandre Mallet-Guy (Coproduttore), Patrick Quinet (Coproduttore (Belgio))

Altro cast:
Suono: Guillaume Le Braz, Alexis Place, Gadou Naudin, Niels Barletta, Cyril Holtz.

Immagini

[Schermo Intero]

NOTE DI REGIA

Finito di montare Deerskin, mi sono reso conto che tutti i miei film sono commedie segnate dalla morte. I miei lavori saranno sempre permeati dalle stesse ossessioni. La stessa " firma", lo stesso humour. Sin dall'inizio, sentivo che stavo scavando un solco interamente mio: realtà deformate, rapporti umani infinitamente contorti, ritratti surrealisti della società, fantasie profonde e infantili... Con Mandibules, che si inserisce perfettamente in questo solco, abbandono per sempre la morte per concentrarmi sulla vita. Mandibules è soprattutto una commedia sincera e genuina sull'amicizia. Grazie alla presenza di una mosca gigantesca nel cuore della storia, è anche un film fantastico.

A PROPOSITO DELLA MOSCA

"L'Atelier 69, con cui collaboro spesso, ha sviluppato il design per questo insetto. Ci sono voluti diversi calchi per trovare la versione che si vede nel film ed un sacco di lavori di scultura per rispettare le sue proporzioni. Questa scultura è in fin dei conti un burattino con un burattinaio (David Chapman) che la muoveva con le mani all'interno. Quindi, nella maggior parte delle riprese del film, abbiamo animato digitalmente le zampe della mosca. È un mix di modi molto vecchi, alla "Dark Crystal", mescolato con il 3D più tecnologico di oggi. Nulla contro il 3D, ma trovo questa miscela molto più interessante. Non volevo che diventassimo tutti digitali. Per gli attori è molto complicato recitare davanti a un "cuscino" verde e pensare che verrà fatto tutto il lavoro più tardi al computer ... Lo trovo molto pericoloso e, soprattutto, poco interessante. Ho voluto far interagire gli attori con una mosca che era fisicamente sul set, anche se a volte non aveva le gambe …"

TRE DOMANDE A… DAVID MARSAIS e GRÉGOIRE LUDIG

Chi sono i vostri personaggi, Jean-Gab e Manu?
Grégoire Ludig: Interpretiamo due amici che trovano un'enorme mosca nel bagagliaio di un'auto. Non sappiamo molto di loro, tranne che sono un po' deficienti. Quando gli viene dato un compito, i due amici collaborano sempre per svolgerlo e per trovare soluzioni. E così decidono di intraprendere l'avventura di addestrare questa mosca per guadagnare un po' di soldi. Mandibules è un film di primissimo livello.
David Marsais: Sono un po' come Asterix e Obelix. Solitamente, come attore, mi pongo molte domande sul personaggio che interpreterò. Capita di pensare: perché dovrebbe fare questo o quello? Ciò che è interessante quando giri con Quentin Dupieux è che ha un universo così assurdo che devi arrenderti completamente senza fare troppe domande. E questo è sorprendentemente piacevole.

La vostra carriera si è evoluta rispetto agli albori di Palmashow?
Grégoire Ludig: Leggendo la sceneggiatura, non sapevamo quanta stupidità avremmo dovuto metterci nei nostri personaggi. All'inizio abbiamo fatto troppo, c'è stata una fase poco guardabile ... Poi ci siamo aggiustati, grazie a Quentin. Abbiamo trovato il registro un po' "semplice" e allo stesso tempo molto interessante. Sono due ragazzi che si dicono: "Nella vita niente è davvero troppo serio". Chiunque scopra una mosca gigante nel bagagliaio di un'auto sarebbe scappato o avrebbe chiesto aiuto ... Per i nostri personaggi, è solo una grande mosca.
David Marsais: Quentin aveva visto uno sketch che abbiamo fatto, in cui abbiamo interpretato personaggi molto simili a Jean-Gab e Manu. Ma uno sketch dura 3 minuti e si tende a fare quasi una caricatura di un personaggio e ad ingrandirne i lineamenti, perché avviene in poco tempo e lo spettatore deve capirne velocemente tutte le sfumature. Invece nel film c'è una forma di realismo, quindi Quentin ci ha chiesto di fare un passo indietro. Dovevi rendere i personaggi non troppo fastidiosi. Il risultato è davvero un incrocio tra Quentin Dupieux e Palmashow.

Come è stato il vostro lavoro riguardo la mosca?
David Marsais: Il burattinaio volante, David Chapman, è stato eccellente. Per un attore, non è molto interessante recitare su uno sfondo verde. È stato molto più bello lavorare con un vero burattinaio e con una mosca che era fisicamente sul set ...
Grégoire Ludig: La cosa difficile era rimanere seri durante le riprese delle scene con Adèle Exarchopoulos. Nella scena in cui siamo tutti al tavolo, siamo stati persino sgridati da Quentin, cosa rara ... Non riuscivamo a mantenere la concentrazione e stavamo rovinando tutte le scene di Adele… E non era una cosa carina.
David Marsais: I nostri personaggi sono un po' come noi. Ci ritroviamo nella storia di amicizia che il film racconta. Quando falliscono, si dicono che va tutto bene e si alzano. In questo sono molto simili a noi. Abbiamo subito alcune battute d'arresto nella nostra carriera e ci siamo sempre detti che ci abbiamo riso su.

TRE DOMANDE A… ADÈLE EXARCHOPOULOS

Il ruolo non ha niente a che vedere con i personaggi che ti hanno reso famosa. Sei rimasta sorpresa dal fatto che Quentin Dupieux ti abbia fatto questa offerta?
Non era affatto una proposta ... ma un casting che mi ha spaventato moltissimo. È stato il produttore Hugo Sélignac a parlarmene. Ho letto la sceneggiatura prima del casting e l'ho adorata. Il film è composto come se fosse musica e ogni personaggio ha davvero un proprio DNA. C'è molta assurdità e, allo stesso tempo, profondità. Questo è ciò che amo del cinema di Quentin: ha molta fantasia e qualcosa di infantile senza essere infantile, senza mai mancare di standard elevati. Allo stesso tempo, elimina molto rapidamente la pesantezza psicologica che potrebbe non essere necessaria. Mi ha solo detto che avremmo dovuto trovare insieme la chiave del personaggio, dato che ha un problema di linguaggio e urla da quando ha avuto un incidente. Ha le sue sciocchezze, la sua follia, perché è frustrata dal fatto che nessuno la stia ascoltando.

È stato un ruolo che era meglio lasciare fuori dalla psicologia?
Ad ogni modo, è così che mi sono avvicinata a lei, anche se questo non significa che mi manchi. Il mio personaggio è come se venisse attraversato da tante emozioni ogni secondo, che non sa necessariamente come domarle. Si può credere che Quentin faccia mancare la profondità ai suoi personaggi, mentre mi sono subito detta, senza intellettualizzare troppo, che il mio personaggio è colui che detiene la verità. Incarna un fenomeno molto comune di questi tempi: spesso diamo la parola alle persone sbagliate o a chi conosce meno l'argomento …

L'universo di Quentin Dupieux è assurdo?
Sì, c'è un'assurdità in ciò che fa. Ma ancora una volta trovo che non manchi di profondità, anche sociale. Gioca con le sfumature e con diversi materie. Ci fa credere in tutto il suo film che questo sia semplicemente assurdo, ma allo stesso tempo, alla fine, siamo commossi dal fatto che questi due ragazzi si siano affezionati a una mosca. In definitiva, è un film sull'amicizia. David e Gregoire sono "Scemo più Scemo", più reali e sinceri. È un film che non cerca di valorizzare la sua profondità e non ne fa un soggetto. Non c'è finzione nei film di Quentin. Peggio: a volte non dà per scontato che il suo film sia più profondo di quanto sembri …


extra dal pressbook del film

HomeVideo (beta)


STREAMING VOD E TVOD:
Puoi cercare "Mandibules - Due Uomini e Una Mosca" sui cataloghi delle principali piattaforme di VOD e TVOD: [Apri Box Ricerca]
DVD E BLU-RAY FISICI:
Non abbiamo informazioni specifiche, ma se stai cercando DVD o Blu-Ray di "Mandibules - Due Uomini e Una Mosca" puoi effettuare direttamente una [RICERCA su Amazon.it] del titolo specifico o correlati. Nota: Sarai rimandato su Amazon.it, ricorda di verificare cast e lingua per evitare prodotti con titolo simile.
Apri Box Commenti