Mia e il leone bianco (2018)

Mia et le lion blanc

Locandina Mia e il leone bianco
Mia e il leone bianco (Mia et le lion blanc) è un film di genere Drammatico di durata circa 98 minuti diretto da Gilles de Maistre con protagonisti Daniah De Villiers, Mélanie Laurent, Langley Kirkwood, Ryan Mac Lennan, Lionel Newton, Lillian Dube.
Prodotto da Galatée Films nel 2018 in Francia esce in Italia Giovedì 17 Gennaio 2019 distribuito da Eagle Pictures.

TRAMA

Costretta a trasferirsi dall'Inghilterra al Sudafrica per seguire il lavoro del padre John, zoologo, Mia è una bambina insofferente e ribelle. Qualcosa però cambia quando, durante il primo Natale trascorso lontana da Londra, nell'allevamento di John nasce Charlie, un raro esemplare di leone bianco. Tra Mia e Charlie nasce subito un'amicizia fortissima che causa non poche preoccupazioni ai genitori della ragazza, convinti che il leone, una volta adulto, non saprà controllare i propri istinti predatori. Le cose si complicano ulteriormente quando Mia, insieme a suo fratello Mick, scopre un segreto sull'allevamento che i due bambini non avrebbero mai potuto immaginare. 

Data di Uscita ITA: Giovedì 17 Gennaio 2019
Genere: Drammatico
Nazione: Francia - 2018
Formato: Colore
Durata: 98 minuti
Produzione: Galatée Films, Outside Films, Film Afrika Worldwide, M6 Films, StudioCanal
Distribuzione: Eagle Pictures
Box Office: USA: 238.903 dollari | Italia: 5.617.459 euro
Note:
Presentato nella selezione ufficiale della Festa del Cinema di Roma 2018.

Guarda Mia e il leone bianco su Amazon Video

Cast e personaggi

Regia: Gilles de Maistre
Sceneggiatura: William Davies, Prune de Maistre
Musiche: Armand Amar
Fotografia: Julien Rey

Cast Artistico e Ruoli:

News e Articoli

Mia e il leone biancoBox Office Italia: Mia e il leone bianco primo, Glass secondo

Mia e il leone bianco il film piu' visto nel weekend dal 18 al 20 gennaio 2019, seguito da Glass e Non ci resta che il crimine. Debutta quinto L'Agenzia dei Bugiardi.

Roma 2018Roma 2018, 21 ottobre: Barry Jenkins, Se la strada potesse parlare, Beautiful Boy, Kursk, The Little Drummer Girl

La Selezione Ufficiale ospita If Beale Street Could Talk: alla Festa torna Barry Jenkins; in programma Kursk di Thomas Vinterberg, i primi due episodi di The Little Drummer Girl, serie firmata da Park Chan-wook, gli omaggi a Vittorio Gassman e Carlo Vanzina, l'Incontro Ravvicinato con Pierre Bismuth.

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina internazionale
Foto e Immagini Mia e il leone bianco
Locandina internazionale
Locandina italiana
Foto dal film (Copyright Kevin Richardson - Galatee Films-Outside Films)
Foto dal film (Copyright Coert Wiechers - Galatee Films-Outside Films)
Foto dal film (copyright Coert Wiechers - Galatee Films-Outside Films)

CHI E' KEVIN RICHARDSON
Zoologo esperto di leoni Kevin Richardson è un ambientalista e cineasta di fama mondiale, riconosciuto anche come "L'uomo che sussurrava ai leoni". La sua missione è quella di evidenziare le condizioni del predatore più iconico dell'Africa, il leone, attraverso il suo lavoro nei media e al fianco di altri attivisti, ricercatori e scienziati.

INTERVISTA a KEVIN RICHARDSON
Zoologo esperto di leoni

Come sei arrivato a lavorare al progetto?
Ho incontrato Gilles de Maistre per la prima volta nel 2012. All'epoca ero in procinto di spostare il mio rifugio per leoni e voleva filmarmi durante il mio lavoro. Poiché ciò non era possibile, mi ha chiesto se avevo altre idee. Abbiamo deciso di sviluppare una storia di fantasia, un dramma familiare che parlasse a tutti e che tutti avrebbero voluto vedere anche per divertirsi, non solo per saperne di più sul messaggio che sta alla base della storia.
Abbiamo quindi iniziato a pensare a come strutturare il film e abbiamo deciso che sarebbe stato bello intrecciare l'idea del tradimento all'interno del racconto: la storia di un padre che tradisce la fiducia della propria figlia in relazione al suo leone. Ma filmare una relazione tra un bambino e un leone era impossibile. L'unico modo era lavorare con il leone da cucciolo facendogli "adottare" il bambino come se fosse suo. All'improvviso, le idee più folli sembravano trasformarsi in realtà. Un giorno Gilles mi chiamò da Parigi e disse: "Sta succedendo - stiamo facendo il film!". Da quel momento in poi, è stato tutto un po' confuso.
Questo tipo di storia di fantasia è molto più complicata da creare rispetto a un documentario, specialmente se si decide di rimanere il più fedeli possibile al rapporto tra leone e bambino, come abbiamo fatto noi. L'amicizia doveva essere reale affinché il pubblico si sentisse emotivamente coinvolto e provasse tutta la forza del tradimento. Quindi era cruciale che la nostra bambina fosse in grado di costruire un legame con il leone fin dalla più tenera età. Ho preso in considerazione l'idea di usare mio figlio nel film, ma era troppo giovane. Quindi dovevamo trovare qualcuno abbastanza pazzo da affidarci il suo bambino per un periodo di tre anni, qualcuno che era aperto all'idea di far crescere il proprio figlio accanto ai leoni. E quella era la vera sfida: non si trattava di trovare i figli giusti, quella parte non ci preoccupava. Si trattava di trovare i genitori giusti.

Come hai allenato Daniah e Ryan?
È stato davvero intenso! Tre anni di lavoro, con tre sessioni full-immersion ogni settimana, ogni sessione durava da due a tre ore. Inizialmente mi sono immerso totalmente in questo progetto perché avevo bisogno di impostare il lavoro di base. Sono stato quindi in grado di consegnare poi le cose a una squadra che si occupava di eseguire una o due sessioni delle tre settimanali. Quando il leone raggiunse un certo stadio, ho dovuto lavorare di nuovo a tempo pieno sul progetto, perché c'erano delle svolte cruciali che dovevano essere affrontate, tra cui alcune cose che dovevo insegnare ai bambini sui leoni e su come fosse necessario comportarsi con loro. Anche per me è stata una sfida. So come comportarmi con un leone, ma avevo bisogno di trasmettere questa conoscenza ai bambini tenendo conto che erano solo bambini che non avevano l'esperienza che abbiamo noi adulti. Dovevo imparare a capire quando intervenire e quando lasciargli risolvere i problemi da soli. Si trattava di trovare il giusto equilibrio. Nel corso degli anni, i bambini sono diventati mini versioni di me nel loro modo di lavorare, sebbene ognuno avesse la propria personalità. E i leoni possono percepirlo. Non sono stupidi. I leoni capiscono anche quali sono le tue intenzioni e non c'è modo di ingannarli in tal senso.

Parlaci del tuo rapporto con Gilles de Maistre…
Ci siamo trovati fin da subito, dal momento in cui ha iniziato a lavorare sul suo documentario su di me, "L'uomo che sussurrava ai leoni". Abbiamo lo stesso modo di vedere il mondo. Questo film non sarebbe stato possibile senza che Gilles fosse stato alla guida. Si adatta facilmente a tutto ed è un grande ascoltatore.

Come è stato lavorare con gli animali?
Fin dall'inizio, ho avvertito Gilles che la mia priorità numero uno sarebbe stata sempre il loro benessere. E così i programmi di produzione erano tutti incentrati su quello. Gli animali sono stati trattati come membri del cast, forse anche meglio! Tenevo d'occhio il loro benessere, ma mi sentivo davvero supportato dai team di produzione, che fosse STUDIOCANAL, Galatée Films o Outside Films. Ho avuto altre esperienze di ripresa in cui non è andata così, esperienze in cui gli animali sono obbligati a "portare a termine il lavoro" e, se non ci riescono, aumentano le tensioni. Abbiamo avuto fino a tre giorni per girare alcune scene. In generale, abbiamo sempre avuto bisogno di un giorno, ma quando le cose non funzionavano, ci sono voluti due o tre giorni per fare tutto bene. Ho detto a Gilles che, poiché l'autenticità era l'obiettivo, il progetto poteva richiedere molto tempo per essere completato. Se avessimo voluto concludere le cose in 12 settimane, avremmo avuto bisogno di molti effetti speciali. Non saremmo stati in grado di catturare l'intimità tra la ragazza e il suo leone. In "Mia e il Leone Bianco", quello che vedi sullo schermo è ciò che è realmente accaduto: un leone e una bambina che hanno forgiato un legame incredibile.

Hai mai preso in considerazione l'utilizzo di diversi leoni con età diverse?
All'inizio era un'idea: potevamo insegnare a Daniah a lavorare con un cucciolo, e poi con un leone di sei mesi, con un leone di un anno e infine con un leone di tre anni. Ero contrario a questa idea, perché il leone di tre anni sarebbe stato un estraneo. Se vuoi fare un film su una relazione stretta tra una ragazza e un leone, la relazione deve esistere veramente. Inoltre, non mi piaceva l'idea di avere cuccioli di leone a cui avrei poi dovuto trovare una sistemazione. Si era capito che i leoni da utilizzare nel film sarebbero rimasti di nostra responsabilità fino alla fine dei loro giorni. Questi animali sarebbero diventati nostri e noi li avremmo aiutati.

Durante i tre anni di riprese, hai mai provato paura o avuto dubbi?
Ho una vena avventurosa e mi piace scuotere le cose. Alcune persone si chiedevano se fossi andato un po' oltre. Hanno condiviso i loro pensieri con Gilles e le famiglie: "Come puoi mettere questi ragazzi in questa posizione?". Non capivano cosa stessimo facendo e perché. L'unico modo per capirlo era venire in Africa, vederlo con i propri occhi e essere coinvolti nelle riprese. C'erano così tante emozioni, così tante connessioni e diverse personalità, che sembrava un'enorme famiglia.

Sicurezza e incolumità dovevano essere difficili ...
Ho lavorato con leoni per l'industria cinematografica per quasi 20 anni e alcuni set sono stati il caos puro. Quando gli animali selvatici si trovavano sul set o nelle vicinanze, mi occupavo personalmente del debriefing in materia di sicurezza e protezione, dicevo alle persone dove potevano andare, cosa potevano fare e come agire in caso di problemi. L'obiettivo era impedire che si verificasse qualsiasi tipo di incidente, assicurandomi che le persone fossero sempre consapevoli che non bisognava mai abbassare la guardia e di non considerare mai i leoni come cani da compagnia. Non devi mai e poi mai dimenticare che questi sono animali selvaggi e che devono essere rispettati in quanto tali.

Qual è stata la tua più grande sorpresa?
Ci sono state molte sorprese e Thor, il leone, è stato l'artefice di molte di loro. Scherzo spesso con Gilles che Thor è il vero dio nordico reincarnato. Si adatta al suo nome, questo è sicuro. E i bambini, Daniah e Ryan, erano altrettanto sorprendenti. A prescindere da cosa gli capitasse, quei ragazzi erano solidi come la roccia. Hanno ascoltato, hanno capito e fatto ciò che ho detto loro di fare. Hanno perseverato. Sono pieno di ammirazione per loro. Conosco così tante persone che avrebbero gettato la spugna al minimo accenno di difficoltà. Ma questi bambini hanno detto: "Kevin, vogliamo continuare".

CURIOSITÀ DI PRODUZIONE
Il film è stato girato durante un periodo di tre anni: un arco di tempo abbastanza lungo da permettere di notare la vera crescita di Mia e del leone bianco. Un branco di 6 leoni è cresciuto insieme durante la produzione del film, tra cui Thor – che impersona il protagonista Charlie - un altro leone maschio e 4 leonesse. Kevin Richardson, zoologo esperto di leoni noto anche come "L'uomo che sussurrava ai leoni", ha supervisionato l'intero processo di produzione e tutte le interazioni tra i leoni e i bambini, assicurandosi che entrambe le parti fossero trattate con rispetto e in totale sicurezza. Dopo la produzione, i 6 leoni sono rimasti insieme e vivono oggi nella riserva di Kevin Richardson grazie a un fondo creato dal team di produzione. Solo tre persone potevano interagire con i leoni - Daniah, Ryan e Kevin Richardson - per garantire un ambiente di lavoro sicuro sia per gli attori sia per gli animali.

Apri Box Commenti Movietele Comments