Locandina Moda Mia

Moda Mia (2016)

Moda Mia

Locandina Moda Mia
Moda Mia (Moda Mia) è un film di genere Drammatico di durata circa 80 minuti diretto da Marco Pollini con protagonisti Pino Ammendola, Francesco Desogus, Davide Garau, Gianpaolo Loddo, Valentina Sulas, Margherita Margarita, Melissa Satta, Cesare Corda, Mariandrea Cesari, Marco Poli.
Prodotto nel 2016 in Italia esce in Italia Giovedì 23 Marzo 2017

TRAMA E SCHEDA TECNICA

Giovannino, ragazzino sardo di 16 anni ha un sogno: lavorare nel mondo della moda. Frequenta un istituto tecnico artistico in Sardegna. Giovannino è figlio di un pastore, Antonio e di Alice, madre e moglie ormai demotivata che decide di lasciare la casa dopo i continui tradimenti del marito. E' giugno e la scuola sta finendo. Giovannino deve occuparsi della casa e della sorellina di 8 anni Stella. Suo padre lo costringe a seguire le pecore e il terreno, trattandolo con disprezzo, ma quando il ragazzo, durante una sfilata di moda amatoriale, vince un premio con vestiti realizzati con stoffe di scarto, capisce che ha l'abilità per continuare su quella strada. Giovannino a quel punto si impegnerà e farà di tutto per lasciare il padre ed aiutare la sorella e la madre, inseguendo il sogno di arrivare un giorno a Milano. 


Data di Uscita ITA: Giovedì 23 Marzo 2017
Genere: Drammatico
Nazione: Italia - 2016
Formato: Colore
Durata: 80 minuti

Cast e personaggi

Regia: Marco Pollini
Sceneggiatura: Marco Pollini
Fotografia: Alessandro Zonin
Scenografia: Gianluca Nieddu
Cast Artistico e Ruoli:
foto Davide Garau
Domenico
foto Valentina Sulas
Mestra Anna
foto Melissa Satta
Top Model
foto Cesare Corda
side Scuola
foto Marco Poli
Marco Il Milanese
foto Maria Cara Speranza
Assistente sociale

News e Articoli

Due trailer per Moda mia di Marco Pollini al cinema da marzo

Al centro della storia c'è un ragazzino di 16 anni che sogna di lavorare nel mondo della moda.

Curiosita'

MODA MIA - La tracking list della Colonna Sonora

Attimi Fragili - Kristian Sensini Piano Suite - Murru Agora - Emanuele Chiesa Special Fashion - Emanuele Chiesa No potho reposare - Sardinia’s Everyday - Fatblock Battiti del Cuore nel mare - Valerio Mauro Let Loose - Mesta feat . Fatman Scoop Sons of the war - Franco Bignotto Fischi di sfida - Vinicio Bianchini Nothing to loose - Waira

I PERSONAGGI

Giovannino
Giovane adolescente con la passione della moda, figlio di un pastore duro e rozzo e di una donna ormai disillusa dalla vita che abbandona il marito e i due figli. Giovannino dovrà crescere in fretta occupandosi delle faccende domestiche e della sorella, ma continuando a perseguire senza indugi il suo sogno: pur provando un certo affetto, disprezza  quel suo vecchio e depravato padre padrone e con orgoglio lo abbandonerà alla propria sorte consapevole dell'impossibilità di trovare un punto di incontro. Giovannino non si perde d'animo e confezionando abiti febbrilmente, arriva a sbalordire non solo la scuola e il suo paese, ma anche gli occhi di colui che gli farà intravedere il suo futuro, quel Milanese facoltoso che diventerà in un certo senso suo mentore e ispiratore.

Antonio
Uomo tutto d'un pezzo, pastore fiero della propria terra e legato alle sue tradizioni. Ama i suoi animali con i quali riesce ad avere un legame molto più intenso rispetto agli esseri umani e alla sua stessa famiglia. Divenuto padre troppo anziano, egli è incapace di gestire la sua infedeltà e l'abbandono da parte della moglie non fa altro che scatenare l'aspetto più torbido e selvaggio della sua personalità. Nella sua disturbata bestialità non può tollerare che il figlio dedichi attenzioni ad un mondo di frivolezza e a causa del quale finisce per etichettare il figlio come un effeminato, uno "senza attributi", arrivando alla più totale negazione di quello che Antonio stesso rappresenta. Qualche barlume di umanità si intravede quando si abbandona sconsolato e depresso dopo le sbornie più pesanti maledicendo la sua sorte e quando si lascia andare a gesti di affetto verso i suoi adorati animali, che sembrano capirlo più degli esseri umani.

Insegnante Anna
Donna appassionata e fiera del suo ruolo d'insegnate, non è solita a confidenze con gli alunni ma Giovannino la intenerisce per via del suo talento e della sua passione: vede nel ragazzo una promessa e lo sprona, lo sostiene pur essendo al corrente della difficile situazione familiare in cui si trova. Anna farà di tutto per portare Giovanni alla ribalta facendolo partecipare alla sfilata che lo proietterà verso il suo futuro, con tutto il sostegno e l'affetto che la lega al piccolo artista.

Stella
Sorellina amatissima da Giovannino, che vuole proteggerla dalla brutta situazione familiare che li coinvolge entrambi. Spesso smarrita e capricciosa, nutre un profondo affetto nei confronti del fratello che si prodiga nel preservarla dalle scene pietose a cui il padre si abbandona. Stella è, assieme alla moda, la priorità del piccolo Giovanni.

Domenico
Ragazzo misterioso e occasionalmente un po' ambiguo: comparirà più volte per salvare in extremis le sorti di Giovannino, prima sfilando con i suoi costumi e poi spronandolo a partecipare alla sfilata del paese. Giovannino è irritato e affascinato dalla presenza di questo ragazzo, evidentemente effeminato, ma convinto del suo talento e che si presenta a lui quasi come un angelo custode.

Alice
Mamma di Giovanni e Stella. Donna stanca e invecchiata prematuramente, non è più in grado di sostenere una vita con un uomo che la tradisce e la umilia in continuazione. Si lascia andare e al culmine della disperazione abbandona la casa e la famiglia, suscitando l'ira di Antonio e alimentandone ancor più la predisposizione all'auto distruzione. Solo Giovannino la metterà di fronte alle proprie responsabilità e con un copioso aiuto in denaro le offrirà la possibilità di cambiare la propria vita.

Il Milanese
Turista per caso, assisterà alla sfilata nel paese rimanendo sbalordito dal talento di Giovannino. Dopo aver acquistato una borsa confezionata da Giovanni, lo spronerà ad iscriversi ad una prestigiosa scuola di moda di Milano. L'uomo rappresenta la realizzabilità del sogno di Giovannino.

La Modella – Melissa Satta
Meravigliosa visione che rappresenta l'immaginario di Giovannino. Il Padre tenterà di boicottarla gettandola in mare, ma lei ne uscirà come una splendida sirena.

NOTE DI REGIA

Quando ho scritto la sceneggiatura di questo film, durante un' estate in Sardegna, il fine primo era di trasmettere sia la bellezza e la cultura Sarda, sia la passione di un semplice ragazzo della provincia per un mondo apparentemente lontano da sé, il mondo della MODA appunto.
Mostrare le bellezze delle sue creazioni innovative che nascono da materiali di riciclo,  trasformati in "moda da indossare", mi ha indotto a mettere in risalto, da un lato il suo carattere in un certo senso dimesso nel rapportarsi con il padre e forte nell'inseguire i suoi sogni, dall'altro la delicata situazione familiare e la sua vicenda umana.
MODA MIA ha goduto di una particolare intensità ed urgenza creativa ed è stato scritto prodotto e girato in 4 mesi.
La figura del padre, che potrebbe sembrare anacronistica, rivela tratti particolari che connotano un individuo rozzo ma nello stesso tempo fiero, nato in ambiente duro e ostile, privato dell'affetto e di una minima forma di educazione fin da piccolo, vittima di forti passioni che sfociano in vizi ma con il desiderio profondo, anche se grettamente espresso, di tramandare la tradizione familiare. Forse Antonio è l'antieroe per antonomasia, forte nel perseguire ciò che egli è in realtà, senza filtri o maschere e proprio per questa sua natura l'ideale contrapposizione a Giovanni, al suo mondo e ai suoi sogni.
Il film trova come sfondo i paesaggi naturali, quasi allo stato brado, i pascoli, le pecore le tradizioni e il folklore di gente all'apparenza semplice ma in realtà molto ambiziosa. E sicuramente occhi tanto abituati alla bellezza non potevano non tramutarsi in talento, desiderio di emergere e quasi bramosia di creare e vestire bellezza generando quel potente contrasto  tra le sfavillanti passerelle di moda e le spiagge incontaminate del mare sardo.
Un progetto ambizioso forse, ma perseguito con tenacia e passione, lavoro e dedizione   supportato da una troupe entusiasta in ogni momento e... tutta Sarda.
Sono grato anche alla popolare showgirl Melissa Satta, autoctona doc, così innamorata della propria terra da voler legare il suo nome ad un progetto che non ne esalta solo la bellezza dei luoghi ma la determinazione e il coraggio delle persone.
Le persone che fanno la differenza e che con l'entusiasmo possono dare contorno ai sogni. Una storia ricca di contrasti, contraddizioni, una storia di bellezza e crudeltà, una storia vera, un personale omaggio e ricordo a quella splendida estate in Sardegna.

Commenti

Apri Box Commenti
Torna su