image Quo vadis, Aida?

Quo vadis, Aida? (2020)

Quo vadis, Aida?

Locandina Quo vadis, Aida?
Quo vadis, Aida? (Quo vadis, Aida?) è un film di genere Drammatico di durata circa 104 minuti diretto da Jasmila Zbanic con protagonisti Jasna Djuricic, Izudin Bajrovic, Boris Isakovic, Johan Heldenbergh, Raymond Thiry, Boris Ler, Dino Bajrović, Emir Hadzihafizbegovic.
Prodotto da Deblokada nel 2020 in Bosnia ed Erzegovina. e Austria.

TRAMA

Bosnia, luglio 1995. Aida è un'interprete che lavora alle Nazioni Unite nella cittadina di Srebrenica. Quando l'esercito serbo occupa la città, la sua famiglia è tra le migliaia di cittadini che cercano rifugio nell'accampamento delle Nazioni Unite. Come persona informata sulle trattative, Aida ha accesso a informazioni cruciali per le quali è richiesto il suo ruolo di interprete. Cosa si profila all'orizzonte per la sua famiglia e la sua gente? La salvezza o la morte? Quali passi dovrà intraprendere? 

Genere: Drammatico
Nazione: Bosnia ed Erzegovina, Austria, Romania, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Francia, Norvegia, Turchia - 2020
Formato: Colore
Durata: 104 minuti
Produzione: Deblokada, coop99 filmproduktion, Digital Cube, N279 Entertainment, Razor Film, Extreme Emotions, Indie Prod, Tordenfilm, ZDF Arte, ORF, BHRT
Note:
Presentato in Concorso alla 77a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

News e Articoli

Quo vadis, Aida?Quo vadis, Aida? arriva in Italia grazie a Academy Two e Lucky Red

Il film ricostruisce i tragici eventi di Srebrenica del 1995, in cui oltre 8000 bosniaci musulmani furono trucidati dalle truppe serbe del generale Mladic.

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina internazionale
Foto e Immagini Quo vadis, Aida?
Locandina internazionale
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

NOTE DI REGIA

Questo film parla di una donna alle prese con un gioco di guerra tra uomini. Parla di coraggio, amore e resilienza – e anche di quanto può accadere se non riusciamo a reagire tempestivamente ai primi segnali di pericolo. Sono una sopravvissuta della guerra in Bosnia. Un giorno hai tutto, il giorno dopo la maggior parte delle cose che conoscevi non esiste più. Solo perché riteniamo che alcune cose siano inimmaginabili, non significa che non possano accadere. 

Apri Box Commenti