Still Alice (2014)

Still Alice
Locandina Still Alice
Still Alice è un film del 2014 prodotto in USA, di genere Drammatico diretto da Richard Glatzer, Wash Westmoreland. Il film dura circa 97 minuti. Il cast include Julianne Moore, Alec Baldwin, Kristen Stewart. In Italia, esce al cinema Giovedì 22 Gennaio 2015 distirbuito da Good Films. Disponibile in homevideo in DVD da Giovedì 4 Giugno 2015. Al Box Office italiano ha incassato circa 105.103 euro.

Alice Howland è una donna piena di vita ed interessi, insegnante di linguistica alla Columbia University di New York. Moglie e madre, vive tranquillamente la sua esistenza quando un ostacolo inaspettato interrompe la sua serenità: dopo una serie di episodi allarmanti, le viene diagnosticata una forma rara e precoce di Alzheimer.

TRAMA

A cinquant'anni, Alice Howland ha tutto: una cattedra in linguistica presso la Columbia University, un marito amorevole, e tre figli stupendi. La sua vita si divide tra la famiglia e il lavoro, e lei ne è felicissima. Ma quando Alice si reca a Los Angeles per tenere una lezione presso l'Università UCLA, qualcosa di inaspettato le accade. A metà di una frase dimentica un termine importante e resta ad aspettare imbarazzata di trovare un sinonimo. E' una cosa piuttosto insolita per un professore del suo calibro. Dopo aver trascorso del tempo assieme alla figlia Lydia, che nonostante la riluttanza della madre, aspira a diventare un'attrice, Alice fa ritorno a New York. Lì, le capita un secondo episodio inquietante. Mentre fa il suo solito jogging attorno al campus, Alice perde del tutto conoscenza. Decide di tenere la cosa nascosta alla famiglia, e inizia a vedere un neurologo che le prescrive una serie di test. Lei è convinta di avere un tumore al cervello, mentre il dottore avanza un'ipotesi ancor più devastante: Alzheimer precoce. A questo punto, Alice si arrende e si confida col marito, John. La reazione iniziale di John è di scetticismo. Quando accompagna Alice alla sua successiva visita dal dottore, suggerisce l'idea di fare un test genetico, e il dottore concorda. Sfortunatamente, i testi di Alice risultano positivi al gene presenilin-1, indicatore dell'Alzheimer precoce ereditario — una rara forma della malattia, che ha il 50% delle possibilità di essere trasmesso anche nei suoi figli. Durante una riunione famigliare, Alice da la notizia. I figli rimangono sconvolti e fanno fatica a elaborare la cosa. Nel corso delle settimane successive, Alice deve affrontare le conseguenze che la sua malattia ha sul suo matrimonio, sulla sua famiglia e il suo lavoro. Fingendo di essere stata mandata da un parente, Alice va a visitare una vicina casa di cura per malati di Alzheimer. Posta di fronte a un destino che non riesce ad accettare, prende una drastica decisione che influenzerà radicalmente il suo futuro, nel momento in cui raggiungerà l'incapacità totale. Ma l'estate trascorsa al mare porta un senso di rinnovamento, ed Alice combatte contro il suo destino per cercare di proteggere la sua vita, i suoi affetti, e se stessa. 

Info Tecniche e Distribuzione

Uscita al Cinema in Italia: Giovedì 22 Gennaio 2015
Uscita in Italia: 22/01/2015
Data di Uscita USA: Venerdì 16 Gennaio 2015
Prima Uscita: 16/01/2015 (USA)
Genere: Drammatico
Nazione: USA - 2014
Formato: Colore
Durata: 97 minuti
Produzione: BSM Studio, Backup Media, Big Indie Pictures, Killer Films
Distribuzione: Good Films
Budget: 5.000.000 dollari (stimato)
Box Office: USA: 17.871.000 dollari | Italia: 105.103 euro
Classificazioni per età: ITA: 7+
In HomeVideo: in DVD da Giovedì 4 Giugno 2015 [scopri DVD e Blu-ray]

Cast e personaggi

Regia: Richard Glatzer, Wash Westmoreland

Cast Artistico e Ruoli:

Immagini

[Schermo Intero]

STILL ALICE IL ROMANZO

• STILL ALICE (pubblicato in Italia col titolo 'Perdersi') è stato scritto dall'autrice esordiente Lisa Genova e pubblicato da Simon e Schuster nel 2009
• STILL ALICE ha esordito al 5° posto della classifica dei bestseller del New York Times, dove è rimasto per 40 settimane
• Sono state stampate oltre 1.800.000 copie
• Il tascabile è arrivato alla sua 41esima edizione
• Still Alice è stato tradotto in 25 lingue
• Still Alice ha ottenuto molti premi letterari prestigiosi, tra cui:
-Il #6 Top Book Group Favorite del 2009, conferito da Reading Group Choices
-Il Target Book Club Pick del 2009
-Il Barnes & Noble Discover Pick del 2009
-L'Indie Next Pick del 2009

NOTE DEL REGISTA - Wash Westmoreland

Richard ed io ricevemmo una telefonata nel dicembre del 2011, dal duo di produttori, Lex Lutzus e James Brown, che ci chiesero di dare un'occhiata a un romanzo. Fu una di quelle opportunità del tutto inaspettate per le quali i film maker letteralmente 'vivono', ma quando venimmo a sapere del tema del libro rimanemmo interdetti. La trama del libro – una donna brillante a cui viene diagnosticata una forma di Alzheimer precoce – suggeriva un film sulla malattia, la disperazione e la morte. Era un tema a noi troppo familiare. Difatti, all'inizio di quello stesso anno, Richard si era fatto visitare da un neurologo a Los Angeles, in seguito ad alcune difficoltà che aveva sviluppato nel parlare. Il dottore gli aveva visto nella bocca, e aveva notato un inarcamento della lingua, e aveva predetto, "Credo sia SLA." Abbiamo trascorso parecchio tempo nei mesi successivi a cercare di gestire le ripercussioni di questa cosa, sia da un punto di vista medico che emozionale. Leggendo i primi capitoli del libro, trovavamo delle similarità che ci erano familiari in maniera inquietante: il neurologo dal quale si reca Alice inizialmente le rivolge le stesse domande che Richard si era sentito chiedere all'inizio dei suoi esami; e il crescente senso di terrore che accompagnò la diagnosi, la sensazione di avere le ali tarpate, nel momento in cui la vita aveva acquisito la sua totale pienezza. Avevamo davvero voglia di affrontare un film del genere in quel momento? Alzheimer e SLA ovviamente sono malattie molto diverse tra loro. Più avanti, quando incontrammo Elizabeth Gelfand Stearns, socia della produttrice Maria Shriver, ci disse molto chiaramente: "Sono due malattie quasi opposte – l'Alzheimer attacca la cognizione, e inizialmente lascia intatto il corpo, mentre la SLA lascia intatto l'intelletto, mentre il corpo..." ma lasciò la frase a metà, per non creare imbarazzo. Le malattie certamente hanno delle similarità: sono entrambe terminali, incurabili, e hanno l'effetto di isolare il paziente dal mondo esterno. Ma la cosa più atroce è che entrambe cancellano il senso dell'identità, perciò è essenziale cercare di aggrapparsi a se stessi. Fummo letteralmente risucchiati dal libro. E' una storia molto appassionate, resa emozionalmente accessibile dallo stile onesto e diretto di Lisa Genova. Continuando a leggere, capimmo che il film tratto da quel libro avrebbe dovuto mantenere lo stesso tono diretto e franco. Nel romanzo viene descritto l'impatto che la perdita della memoria ha sulla vita professionale di Alice, sul suo quotidiano e sulla sua vita sociale….e poi ci sono le dinamiche famigliari... "Hai mai visto Tokyo Story?" Richard lo cercò sul suo iPad, il giorno della nostra prima riunione con Kristen Stewart. "No," disse, "ma lo vedrò." Questo capolavoro di Ozu del 1953 era uno dei nostri preferiti. Lo avevo visto la prima volta quando ero studente all'Università di Fukuoka in Giappone, e Richard lo aveva citato nel suo primo film, Grief nel 1993. Il film offre un'analisi del comportamento delle famiglie poste di fronte alla malattia o alla vecchiaia. Ci innamorammo della protagonista. C'è qualcosa che ispira moltissimo in Alice — nella sua tenacia, nella sua forza di volontà, nel modo in cui non si arrende. Qualsiasi conseguenza della malattia, l'avrebbe affrontata nella maniera più pratica. Non so esattamente in quale capitolo accade, ma la Alice del libro inizia ad abbandonare i suoi capelli neri ricci che via via si trasformano in un rosso fiammante. "Chi pensi possa interpretarla?" Chiesi a Richard. "Julianne Moore," disse. Più ci riflettevamo, più era perfetta. Julianne non solo era in grado di conferire l'intelligenza scintillante di questa professoressa di linguistica, ma possedeva anche la vulnerabilità e la semplicità che caratterizzano il personaggio successivamente nella storia. Sarebbe stata capace di esprimere il lento deterioramento del personaggio. Molto semplicemente: è una delle migliori attrici del mondo. L'avevamo incontrata qualche anno prima per un altro progetto, avevamo cercato di convincerla a prendervi parte e avevamo atteso per settimane che accettasse. Questa volta era diverso. Le mandammo un messaggio e lei lesse il libro ancor prima che la sceneggiatura le arrivasse. Circa un giorno dopo, eravamo su Skype. Disse subito, "Ci sto." Mentre leggevamo gli ultimi capitoli della sceneggiatura, iniziammo a concepire il look del film. Tutto ruotava attorno alla soggettività dell'esperienza di Alice— al fatto che il pubblico avrebbe dovuto comprendere il suo punto di vista ancor meglio rispetto agli altri personaggi del film. Questo avrebbe richiesto una mdp e un montaggio molto personali— che avrebbero dovuto seguire da vicino il suo stato d'animo. Abbiamo avuto la fortuna di lavorare assieme a due francesi per questo progetto: il famoso direttore della fotografia, Denis Lenoir; e Nicolas Chaudeurge, il montatore di Fish Tank, uno dei nostri film più recenti. Loro condividevano con noi questa visione del film. Allo stesso modo, le scenografie, i costumi, le acconciature e il trucco dovevano essere indissolubilmente legati al preciso stato psicologico in cui si trovava Alice nella sua battaglia contro la malattia. Sotto la guida della Killer Films, delle inarrestabili Pamela Koffler e Christine Vachon, e con il finanziamento di Marie Savare de Laitre della BSM, la produzione iniziò a muoversi: la pre-produzione coincise con il più rigido inverno newyorkese degli ultimi 20 anni. Arrivai sul posto per sovraintendere questa fase, mentre Richard rimase nella assolata Los Angeles. Quando partii, aveva appena riconsegnato la sua patente di guida, e arrivò, una settimana prima della pre-produzione con braccia e gambe che già non si muovevano quasi più. Non riusciva più a mangiare e a vestirsi da solo, riusciva giusto a muovere il dito. Ma nonostante tutto, venne sul set ogni giorno per dirigere il film, a dispetto di tutte le enormi difficoltà fisiche. Questa cosa ha avuto una grande influenza sul set, perché era proprio di questo che il film parlava. Tutti sentivano che stava accadendo qualcosa di speciale, e così le lunghe ore di lavoro non sembravano poi così tanto lunghe. La fine della storia è potente e inattesa. Lo stesso Richard ne rimase molto sorpreso. Psicologicamente era distrutto. Rispetto a lui ero qualche capitolo indietro, ma mi è bastato guardarlo negli occhi per capire: "Immagino che faremo il film," Dissi.

BAFTA 2015

Golden Globe 2015

Oscar 2015

Festival del Cinema di Roma 2014

  • [Sezione] Selezione ufficiale - Gala

HomeVideo (beta)


Still Alice disponibile in DVD da Giovedì 4 Giugno 2015
22/01/2015.

STREAMING VOD, SVOD E TVOD:
Puoi cercare "Still Alice" nelle principali piattaforme di VOD: [Apri Box]
DVD E BLU-RAY FISICI:
"Still Alice" disponibile su supporto fisico da Giovedì 4 Giugno 2015, puoi aprire i risultati di una ricerca su Amazon.it: [APRI RISULTATI].
Apri Box Commenti