Locandina Nemesi

Nemesi (2016)

The Assignment

Locandina Nemesi
Nemesi (The Assignment) è un film di genere Azione e Crimine di durata circa 95 minuti diretto da Walter Hill con protagonisti Michelle Rodriguez, Sigourney Weaver, Tony Shalhoub, Caitlin Gerard, Anthony LaPaglia, Terry Chen, Ken Kirzinger, Paul McGillion, Adrian Hough, Paul Lazenby.
Prodotto da SBS Films nel 2016 in Francia e Canada [Uscita Originale il 11/09/2016 (Toronto International Film Festival)] esce in Italia Giovedì 19 Ottobre 2017 distribuito da Notorious Pictures.

TRAMA E SCHEDA TECNICA

Nell'audace e strabiliante revenge thriller del grande Walter Hill (I GUERRIERI DELLA NOTTE e 48 ORE) Michelle Rodriguez è un sicario spregevole che viene sottoposto a un intervento chirurgico di riassegnazione di genere, da uomo a donna, per mano di un chirurgo che vuole solo regolare i conti (Sigourney Weaver). Una dichiarazione famosa di Walter Hill è: "Tutti i film che ho fatto sono stati dei western". L'uomo che ha diretto I GUERRIERI DELLA NOTTE e I CAVALIERI DALLE LUNGHE OMBRE, che ha scritto GETAWAY! di Sam Peckinpah, che ha segnato Michael Mann, John Woo e Quentin Tarantino, ha appena cambiato copione. Rimuovete i diversi nuclei narrativi, i cast diversificati, i badget fluttuanti dei film di Hill negli ultimi 40 anni, e quello che è sempre stato il suo fulcro di interesse: l'onore di un uomo in un posto violento. Questa volta no. Questa volta Hill è interessato alla figura di un uomo che vive nel corpo di una donna. Si resta a bocca aperta quando si comprende l'audacia scioccante della premessa di NEMESI. Il medico (Sigourney Weaver) è una brillante chirurga estetica, diventata pazza, che compare per la prima volta con addosso una camicia di forza in una stanza per gli interrogatori. Calma, e non priva orgoglio, racconta al suo psichiatra (Tony Shalhoub) come sia arrivata lì. Un sicario spregevole chiamato Frank Kitchen ha ucciso suo fratello, così lei si è vendicata. Lo ha catturato e gli ha praticato un intervento di riassegnazione di genere. Ora Frank (Michelle Rodriguez) è costretto ad affrontare il mondo nel corpo di una donna. Confuso, incazzato, più macho di prima, cerca vendetta. Girato con uno stile apparentemente privo di sforzi e ricorrendo a una tecnica di framing propria del graphic novel, NEMESI si allinea al suo genere di origine. Frank conosce il suo modo di vendicarsi in una sparatoria, e Hill si diverte nella precisione soddisfacente delle sue esecuzioni. Eppure, nelle idee e nei discorsi del medico sull'identità, e nell'evoluzione post-intervento di Frank, Hill affronta la dualità di genere su cui si basa molto "cinema di genere". Quando la trama spinge Frank verso l'inevitabile resa dei conti con la sua "nemesi e creatrice", diventa sempre più chiaro che questo è un film di Walter Hill per i nostri tempi. E che è un western probabilmente. 


Data di Uscita ITA: Giovedì 19 Ottobre 2017
Data di Uscita USA: Giovedì 2 Marzo 2017
Data di Uscita Originale: 11/09/2016 (Toronto International Film Festival)
In HomeVideo: in DVD da Giovedì 8 Marzo 2018 [scopri DVD e Blu-ray]
Genere: Azione, Crimine, Thriller
Nazione: Francia, Canada, USA - 2016
Formato: Colore
Durata: 95 minuti
Produzione: SBS Films
Distribuzione: Notorious Pictures
Box Office: Italia: 141.322 euro -> Storico incassi

Cast e personaggi

Regia: Walter Hill
Sceneggiatura: Walter Hill, Denis Hamill
Musiche: Giorgio Moroder, Raney Shockne
Fotografia: James Liston
Scenografia: Renee Read
Cast Artistico e Ruoli:
foto Michelle Rodriguez
Frank Kitchen / Tomboy
foto Sigourney Weaver
Dr. Rachel Jane
foto Tony Shalhoub
Dr. Ralph Galen
foto Anthony LaPaglia
Honest John Hartunian
foto Terry Chen
Dr. Lin
foto Ken Kirzinger
Nurse Albert Becker
foto Paul McGillion
Paul Wincott
foto Adrian Hough
Sebastian
foto Paul Lazenby
Bodyguard
foto Zak Santiago
Edward Gonzalez
foto Lia Lam
Donna asiatica
foto Alex Zahara
Vladimir Gorski
foto Lauro Chartrand
Cugino a Vegas
foto Hugo Ateo
Guzman
foto Chad Riley
Merchado
foto Sergio Osuna
Uomo messicano

News e Articoli

Nemesi, il thriller di Walter Hill al cinema

Sigourney Weaver co-protagonista al fianco di Michelle Rodriguez di un thriller dalla trama intricata dove l'unica ragione possibile è l'istinto di vendetta.

Curiosita'

DOMANDA E RISPOSTA CON WALTER HILL

Questo non è uno dei tuoi sforzi da Studio di Hollywood.
Fare un film indipendente con un budget ridotto non mi è del tutto nuovo, ma credo che questo fosse l'approccio giusto per una storia che nessuno studio avrebbe, e ha, fatto.

Come nasce il progetto? Come è stato possibile utilizzarlo?
Verso la fine degli anni Settanta, Denis Hamill ha scritto una prima bozza intitolata TOMBOY che il mio agente mi ha inviato. Mi è piaciuta.

Perché?
Perché era audace.

Cosa è successo nei trentacinque anni successivi?
Niente per molto tempo, ma non riuscivo a togliermi quell'idea dalla testa.
Verso il 1990 ho chiamato Denis, ho firmato un accordo di opzione per il materiale, ho collaborato alla scrittura di una sceneggiatura che non mi piaceva e poi ho abbandonato il progetto.

Poi, cosa è successo?
Assolutamente nulla per altri 10 anni. Poi, un giorno ho trovato la sceneggiatura originale di Denis nel mio appartamento, l'ho letta e ho chiamato Denis per capire se i diritti fossero ancora disponibili. Ho fatto un nuovo accordo di opzione e ho iniziato a lavorarci. Due settimane dopo avevo una bozza. Alla fine quella sceneggiatura è diventata la graphic novel e il film. Mi sono molto divertito a scrivere i personaggi di Frank Kitchen e della dott.sa Rachel Jane. Tipologie umane e stili di dialogo in grande contrasto - una trama volutamente minima e riduttiva.

Secondo te di cosa tratta il film?
Vendetta. E presenta la vendetta in un modo differente dal solito stereotipo, comunica che per molti la vendetta può essere molto appagante.

Non è un film sulla situazione dei transgender?
É importante ai fini narrativi, ma non è quello il vero fulcro tematico. Come dicevo, è un film sulla vendetta, è un dark fantasy che non ha una connessione reale con la situazione che vivono i transgender.

Come sai, il film è stato attaccato, persino prima che fosse fatto, da quelli che ritenevano che la tematica della riassegnazione di genere non fosse appropriata per un "film di genere".
Sì.... non ho replicato allora. Ho deciso che la mia risposta sarebbe stata il film finito. Tanto per la cronaca, in NEMESI non c'è nulla che contraddica, metta in discussione o ridicolizzi l'attuale teoria del gender.

Perché non hai scelto un attore transgender per Frank Kitchen?
Se ne è discusso, però così il progetto non sarebbe stato finanziato. Anche se con un budget ridotto avevamo bisogno di qualche nome conosciuto.

Perché non hai scelto un uomo per il ruolo di Frank Kitchen?
Anche di questo si è parlato. Perché ritenevo che così fosse una sfida più grande per l'attore recitare la parte. Inoltre con un'attrice, NEMESI non diventa un film sul trucco.

Michelle Rodriguez è perfetta per il suo personaggio.
Un tesoro. Non riesco a pensare a nessun altro che potesse interpretarlo ugualmente o meglio di lei. Inoltre, serviva un attore coraggioso per recitare questo ruolo. E Michelle è molto coraggiosa.

Le hai dato da girare molte scene in spagnolo. Erano scritte così nella sceneggiatura?
No. Le abbiamo cambiate quando le abbiamo girate. Volevo che il personaggio si spingesse oltre. Inoltre questo rivela quanto sono misteriose le origini di Frank e che il nome Frank Kitchen è soltanto un alias.

In questo film Sigourney Weaver è molto diversa.
Lei ha attinto molto per questo personaggio dalle sue altre interpretazioni, ovviamente. Ha una personalità teatrale ben distinta.

Deve essere cattiva, pazza o entrambe le cose?
Entrambe. E il mix è spinto al massimo. Penso che sia eccezionale in questo ruolo. Non l'abbiamo mai vista in una simile prova di bravura, portata a termine meravigliosamente. Veramente una grande interpretazione

L'hai aiutata con l'approccio al personaggio?
No. L'ho scelta e incoraggiata, poi sono rimasto in disparte. Tony Shalhoub l'ha aiutata restando allo stesso alto livello di recitazione, l'effetto inevitabile è stato quello di tenerla in riga. Oltre alla scena della deposizione, quasi tutte le scene in istituto sono a due voci, come le loro due parti. Tony ha dato moltissimo per il film.

Qualcuno teme che il film mostri il Cattivo come una donna transgender, è vero o falso?
False tutte e due le cose. Frank Kitchen non è il Cattivo.  E non diventa una donna transgender. Resta ciò che è nella sua testa, un maschio eterosessuale. L'intervento ai genitali e la femminilizzazione non sono la stessa cosa di essere transgender. È necessaria una predisposizione mentale per desiderare la procedura.

Altri disapprovano che l'intervento di cambio di sesso venga usato come punizione. Qual è il tuo commento?
La dottoressa Jane lo impone a Frank, in parte, come una punizione e, in parte, come l'occasione per dargli una nuova prospettiva di vita, un'ultima chance per redimersi.
L'operazione è imposta a Frank anche come test dell'aspetto più elementare della teoria del gender: tu sei ciò che sei nella tua mente. Come dice la dottoressa Jane, il suo esperimento è contemporaneamente un successo e un fallimento. La teoria del gender si rivela corretta, ma secondo i termini del dottore, Frank non diventa un essere umano migliore. Torna a sparare.

La sequenza dell'intervento è girata come un film horror.
Esattamente. Ed è girata dal punto di vista implicito di Frank. L'attività chirurgica nel film non è né una sfida né un supporto all'ideologia transgender. Probabilmente può essere descritta meglio come una moderna scienza medica impazzita.

Perché l'uso ripetitivo di tavole di fumetti?
Suggerisce la mancanza evidente della realtà quotidiana nello storytelling.  Volevo la libertà dei fumetti e della graphic novel.

NEMESI è un graphic novel, vero? Pubblicato in Francia?
Con il titolo Corps Et Âme. E' uscito a Parigi, nell'aprile di quest'anno. E' la mia seconda fatica in questa disciplina. Balles Perdues, una gangster story ambientata negli anni Trenta è uscito, invece, lo scorso anno.

Ti piace scrivere graphic novel?
Moltissimo. É come correre le ripetute di scatti quando sei abituato a una breve corsetta. Al momento sto collaborando a un altro lavoro con lo stesso adattatore (Matz) e lo stesso artista (Jef). Una storia sci-fi.

Alcuni dicono che la premessa di NEMESI è sconvolgente e turpe...
Colpevole.

Immotivatamente predatorio.
Avrei potuto essere molto più esplicito, ma ho voluto mantenere tutto dolce e semplice. E volevo che il personaggio di Frank Kitchen migliorasse durante il suo percorso... Volevo iniziare con il personaggio più misero e amorale del mondo delle professioni criminali per guidarlo poi verso un luogo di redenzione. Ma una redenzione in cui lui resta nel personaggio. Frank rimane essenzialmente ciò che è, ma migliora....

 Lui deve risultare adeguato?
Quando si sopravvive in condizioni avverse si è quasi sempre adeguati. Frank fuori dal nulla, si sveglia in uno stato alterato. Il suo carceriere gli fa la paternale in una frase derisoria registrata. La sua seconda incursione all'esterno nel mondo, oltre alla topaia in cui vive, è una violenza sessuale.

Non così velocemente. E' una violenza che restituisce brutalmente quando resta coinvolto in un piccolo furto.  
Vero. È un ragazzo di strada. Vive in un mondo Darwiniano/paranoide. Ricorda, la mia intenzione era che lui restasse nel personaggio.
Frank Kitchen non sarà mai un santo. É semplice confondere personalità e atteggiamento con il vero comportamento. Il vecchio Frank Kitchen avrebbe ucciso Johnnie dopo aver scoperto il tradimento.

Il personaggio di Frank non ha altro da dirci?
Certo. Nel graphic novel successivo diventerà una specie di giustiziere che combatte contro gli sfruttatori di donne.

E nel film?
Non lo so. È complicato. La ricezione del pubblico, i finanziamenti, la disponibilità del cast, il budget, bisogna avere tutte queste cose nell'ordine giusto. Il mondo della graphic novel è molto più semplice.

Penso che, per certi aspetti, il film NEMESI sia un saggio travestito da fumetto.
(risate) Lo dici tu, non io.

Apri Box Commenti
Torna su