Cattivissimo Me 3 in anteprima a Giffoni

A presentare al Giffoni Film Festival Cattivissimo Me 3 le voci italiane Max Giusti (Gru/Dru), Arisa (Lucy) e Paolo Ruffini (Balthasar Bratt).

di / 17.07.2017
Cattivissimo Me 3 in anteprima a Giffoni

Il 17 luglio 2017 è stato presentato alla 47a edizione del Giffoni Film Festival in anteprima nazionale Cattivissimo Me 3, il nuovo capitolo delle avventure dell'ex cattivo Gru con la sua Lucy e le loro bambine (Margo, Edith e Agnes) oltre ai suoi fedelissimi Minions.

Si tratta di un ritorno per i fan degli omuncoli gialli, amati da grandi e piccini, che già nel 2010 sono giunti alla Cittadella del Cinema con la loro allegria in occasione dell'anteprima nazionale del primo film della saga animata, Cattivissimo Me, per poi tornare a conquistare il Blue Carpet della Cittadella del Cinema nel 2015 per accompagnare il teaser preview dello spin-off Minions.

A presentare al Giffoni Film Festival Cattivissimo Me 3 le voci italiane Max Giusti (Gru/Dru), Arisa (Lucy) e Paolo Ruffini (Balthasar Bratt). Con loro alla scoperta in anteprima cosa ha in serbo questa volta la squadra: Gru e la sua truppa di irresistibili scagnozzi incontreranno un nuovo personaggio, Dru, il fratello gemello che il protagonista ignorava di avere. Tutti insieme dovranno vedersela con un nuovo super cattivo, Balthazar Bratt, un vecchio bambino prodigio ossessionato dal ruolo che interpretava in una serie degli anni '80 e che finirà con l'essere il nemico più formidabile che Gru abbia mai dovuto affrontare fino ad oggi.

Diretto da Pierre Coffin e Kyle Balda, co-diretto da Eric Guillon e scritto da Cinco Paul e Ken Daurio, il film è prodotto dalla Illumination di Chris Meledandri e Janet Healy, mentre la produzione esecutiva è di Chris Renaud.

Dopo l'anteprima a Giffoni il 17 luglio, Cattivissimo Me 3 uscirà nelle sale italiane il 24 agosto 2017 distribuito da Universal Pictures.

"Vorrei una cittadinanza in questo posto. Arrivi e sei accolto magnificamente, trovi dei ragazzi che vogliono parlare di cinema. Qui c'è un estratto del cinema, a volte il settore è fatto di critici noiosi e snob: Giffoni è una spremuta di cinema, come quando dall'estrattore tiri fuori il buono della frutta. Questo Festival è tirare fuori il buono del cinema, il futuro" ha commentato Paolo Ruffini, che nel film presta la sua voce ad una new entry, Balthasar Bratt: "Presto la mia voce a un finto cattivo, un infelice che sfoga con cattiveria assoluta il suo insuccesso. In questi film sono belle anche le guerre, si combattono a colpi di danza e non di armi". 

"Sono al mio terzo Cattivissimo Me, ormai non riesco più a separarmene" ha raccontato ai giurati Max Giusti, "È stato il primo cartone ad aprire nuove strade, i bambini ci vedono un cartone e i grandi un film. Lancia un messaggio di positività e bontà. Cattivissimo Me è stato un lavoro certosino, negli anni è diventata una cosa sempre più grande. Il primo è stata una scommessa, il secondo una promessa e il terzo una conferma che sta avendo un richiamo mediatico stravolgente". 

"Lucy, il personaggio che ho doppiato in due serie è una bellissima amica da incontrare, è cresciuta e mi somiglia molto. Tra noi tante affinità e cose in comune" ha spiegato al pubblico Arisa, secondo cui Cattivissimo Me 3 è un film che "vuole far capire che le cose che sembrano cattive sono quelle che vivono un problema, bisogna avere sempre comprensione perché la negatività è frutto di incomprensione e disagio".

"La diversità in rete non è sempre ben vista, ma si può recuperare. I giovani come voi possono recuperare riempiamo di tante cose belle la realtà virtuale" ha detto Ruffini. Chi vive le difficoltà, chi ha un cromosoma in più, chi ama, chi combatte l'emarginazione non deve essere soggetto di derisione e cattiveria. Siete voi che potete cambiare, che potete dare un senso nuovo alla realtà".

"Ho approcciato a Cattivissimo Me sette anni fa quando stavo per diventare papà e quando ho visto per la prima volta il film ho pianto come un bambino" ha spiegato ancora Giusti, "avere a che fare con il mondo dei bambini è un'opportunità, ti purifica. Viviamo in un mondo fatto di botteghini e funzionalità, nei cartoni invece c'è il sogno"



Apri Box Commenti