Diversity Media Awards 2018: Vincitori e Nomination

Premiati i personaggi e i migliori contenuti media che nel 2017 hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche LGBTI tra cui Il padre d'Italia, Amore pensaci tu, Sense8, X Factor, Amati per come sei, Tredici, Loretta Grace.
Diversity Media Awards 2018: Vincitori e Nomination

Proclamati il 23 maggio a Milano, al Teatro Vetra, i vincitori della Terza edizione dei Diversity Media Awards 2018, il riconoscimento assegnato a personaggi e media che rappresentano in modo valorizzante le tematiche LGBTI, con la cerimonia trasmessa in diretta a Rete Unificata (TruLive). Il 23 maggio 2018 a partire dalle ore 20.30 broadcaster, media, influencer, aziende, istituzioni e singole persone insieme hanno trasmesso in diretta streaming l'evento, uno spettacolo contro ogni forma di discriminazione che nelle passate edizioni ha visto la partecipazione di personaggi quali Laura Pausini, J-Ax, Whoopy Goldberg, Roberto Saviano, Xavier Zanetti, Roberto Mancini, Paola Turci e tanti altri.

 Diversity Media Awards 2018
Diversity Media Awards 2018

A condurre l'edizione 2018 Fabio Canino – anche direttore artistico dello show - e Diana Del Bufalo con Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh, come inviato speciale. Tra i protagonisti di questa edizione Paola Cortellesi, Ubaldo Pantani, Michela Murgia, Roberto Vecchioni, Andrea Delogu, Salvatore Esposito, Brunori Sas, Ghemon, Stella Jean, una rappresentanza della nazionale femminile di calcio, Annagaia Marchioro, Iconize, Loretta Grace, Martina Dell'Ombra, Gnambox, Shanti Lives, Cleo Toms, Pepitosa, The Jackal.

Quella di quest'anno è la terza edizione dei DMA, il riconoscimento che valuta e promuove i prodotti mediali (tv, radio, cinema, stampa, web) e i personaggi che valorizzano una rappresentazione inclusiva di persone e tematiche LGBTI.  È promosso da Diversity, l'associazione - fondata e presieduta da Francesca Vecchioni - che realizza progetti e ricerche dedicati all'inclusione sui temi della discriminazione di genere, età, orientamento sessuale, disabilità, religione, condizioni socio-economiche ed etnia unendo istituzioni, atenei e osservatori media. Tante le istituzioni, le aziende e i partner che in questi anni hanno scelto di essere a fianco di Diversity. Dai patrocini di Commissione europea, Ambasciata del Canada, Comitato interministeriale per i diritti umani, Comune di Milano, alla collaborazione con l'Osservatorio di Pavia, Focus Management e gli atenei italiani.

Diversity Media Awards 2018, Vincitori e Nomination

Fino al 20 maggio è stato possibile votare online sul sito della manifestazione e scegliere i vincitori dei Diversity Media Awards 2018, il riconoscimento europeo che premia i personaggi e i migliori contenuti media (tv, radio, web, cinema, pubblicità, stampa, tg) che nel 2017 hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche LGBTI. L'iniziativa prevede che sia proprio il pubblico a decidere il vincitore nelle 8 categorie in programma: Miglior Film, Miglior Serie TV Italiana, Miglior Serie TV Straniera, Miglior Programma Tv, Miglior Programma Radio, Miglior Pubblicità, Influencer dell'Anno, Personaggio dell'Anno.

A seguire tutte le categorie, i nominati e i vincitori per i Diversity Media Awards 2018:

Miglior FILM
Vince:             
• Il padre d'Italia (Bianca Film, Rai Cinema)

Le altre nomination:
• Chi salverà le rose? (Corallo Film)
• La parrucchiera (Skydancers, Mad Entertainment, Rai Cinema)
• Nove lune e mezza (Neo Art, Paco Cinematografica)

Migliore SERIE TV ITALIANA
Vince:
• Amore pensaci tu (Publispei, RTI – Canale 5)

Le altre nomination:
• Gomorra (Sky, Cattleya, Fandango, LA7, Beta Film – Sky Atlantic, Sky Cinema 1)
• I bastardi di Pizzofalcone (Clemart, Rai Fiction – Rai Uno)
• Suburra: La Serie (Cattleya, Rai Fiction – Netflix)

Migliore SERIE TV STRANIERA
Vince
• Sense8 (Anarchos Productions, Javelin Productions, Studio JMS, Motion Picture Capital, Georgeville Television – Netflix)

Le altre nomination:
• Billions (Best Available! TBTF Productions Inc. – Sky Atlantic)
• Grace and Frankie (Okay Goodnight, Skydance Productions – Netflix)
• One Mississippi (Zero Dollars and Zero, Sense Productions, Good Egg Productions, Inc., Pig Newton, Inc., 3 Arts Entertainment, FX, Amazon Studios – Amazon Prime Video)
• Narcos (Gaumont – Netflix)
• Star Trek: Discovery (CBS Television Studios – Netflix)

Miglior PROGRAMMA TV
Vince:
• X Factor (FremantleMedia Italia – Sky 1)

Le altre nomination:
• Adesso sì (Stand By Me – Rai 2)
• Cose da non chiedere (Toro Media, Discovery Italia – Real Time)
• Parla con lei (FremantleMedia – FoxLife [canale 114 di Sky])
• Rivoluzione Gender (National Geographic [canale 403 di Sky])
• Stato civile (PanamaFilm – Rai 3)

Miglior PUBBLICITÀ
Vince:
• Amati per come sei (Coconuda)

Le altre nomination:
• A modo nostro l'amore (Brosway)
• Fuori luogo (Gibbo&Lori – Idealista)
• Pool Boy (Santo – Coca-Cola)
• #PowertoKisses (Red Team – Vodafone)

Miglior PROGRAMMA RADIO
Vince:
• m2o Radio @ Gay Village

Le altre nomination:
• Fahrenheit – Radio Tre
• Il Geco e la Farfalla – Radio Capital
• Miracolo Italiano – Radio Due
• Pinocchio – Radio Deejay

PERSONAGGIO DELL'ANNO
Vince:
• Roberto Saviano

Le altre nomination:
• Alberto Angela
• Salvatore Esposito
• Michela Murgia
• Virginia Raffaele

INFLUENCER
Vince:
• Loretta Grace

Le altre nomination:
• Gnambox
• Iconize
• Martina Dell'Ombra
• Shanti Lives
• Willwoosh

PREMIO MEDIA YOUNG
Le altre nomination:
• Tredici (July Moon Productions, Kicked to the Curb Productions, Anonymous Content, Paramount Television – Netflix)

Le altre nomination:
• BoJack Horseman (The Tornante Company, ShadowMachine Films – Netflix)
• Crazy Ex-Girlfriend (LeanMachine, webbterfuge, Warner Bros. Television, CBS Television Studios – Netflix)
• Master of None (Alan Yang Pictures, Oh Brudder Productions, 3 Arts Entertainment, Fremulon, Universal Television – Netflix)
• Supergirl (Berlanti Productions, DC Entertainment, Warner Bros. Television – Italia 1)



Apri Box Commenti