Hansel e Gretel: quando le favole crescono... e si vendicano

Note di produzione di Hansel e Gretel: Cacciatori di streghe: il regista Tommy Wirkola e gli altri membri del cast ci presentano Hansel e Gretel: Cacciatori di streghe.
Hansel e Gretel: quando le favole crescono... e si vendicano

Azione frenetica, divertimento, brividi sinistri, modernità e scaltrezza trasformano una favola leggendaria nella vivace avventura action-horror Hansel & Gretel: Cacciatori di streghe.  La storia comincia 15 anni dopo che i fratelli Hansel (Jeremy Renner) e Gretel (Gemma Arterton) sono riusciti a escogitare un piano per fuggire da una strega cattura-bambini che ha cambiato le loro vite per sempre…. lasciando loro il gusto del sangue. Ora sono dei cacciatori di taglie cresciuti, fieri, formidabilmente capaci e dediti al 100 per cento a cacciare e fare fuori le streghe di ogni scura foresta - decisi a punirle. Ma quando si avvicina la famigerata 'Luna di Sangue' e i bambini innocenti di una cittadina nel bosco si trovano a vivere un incubo, Hansel & Gretel incontrano un male che va oltre ogni strega che loro abbiano mai inseguito - un male che potrebbe conoscere il segreto del loro spaventoso passato.

Paramount Pictures e Metro-Goldwyn-Mayer Pictures presentano una produzione Gary Sanchez con Jeremy Renner, Gemma Arterton, Famke Janssen e Peter Stormare, Hansel & Gretel: Cacciatori di streghe.  Il film è scritto e diretto da Tommy Wirkola.  I produttori sono Will Ferrell, Adam McKay, Kevin Messick e Beau Flynn e i produttori esecutivi sono Denis L. Stewart, Chris Henchy e Tripp Vinson.  Da vita all'ipnotizzante mondo visivo di Hansel & Gretel una squadra che comprende: il direttore della fotografia Michael Bonvillain (Cloverfield), lo scenografo Stephen Scott (Hellboy, Hellboy 2), il montatore Jim Page (Disturbia), la costumista Marlene Stewart (Real Steel, Tropic Thunder); la musica è di Atli Örvasson, l'executive music producer è Hans Zimmer e il supervisore agli effetti speciali Jon Farhat (Codice Genesi, Wanted - Scegli il tuo destino). 

Quando le favole crescono... e si vendicano

I bambini di tutto il mondo hanno sentito brividi di paura ascoltando la famosissima favola di Hansel e Gretel, il fratello e la sorella perduti nel bosco e poi imprigionati da una strega dal cuore di ghiaccio che cucina e mangia bambini. Alla fine della storia, i due scappano dalle grinfie cannibali della strega … ma cosa succede dopo? Questo è quello che Hansel & Gretel - Cacciatori di streghe dello sceneggiatore/regista Tommy Wirkola si arrischia a immaginare, affrontando la questione in tutto il suo potenziale pauroso, divertente e pieno di suspense. Diventati adulti, i due fratelli emergono come i più letali cacciatori di streghe che abbiano mai perlustrato i boschi, è così che il film trasforma una vecchia fiaba in un'epica moderna di azione e avventura senza regole.

Wirkola, diventato famoso nella sua nativa Norvegia per la strabiliante commedia di zombie Dead Snow, desiderava da una vita rivisitare la favola che tanto lo aveva mortificato da piccolo. Non è mai riuscito a liberarsi dall'impatto, né dalla persistente immagine di streghe affamate, odiose, spaventose che aspettavano solo esseri umani innocenti. Un giorno ha cominciato a immaginare uno scenario tipo "che fine hanno fatto?" per i più famosi fratello e sorella di tutta Fabilandia. E gli è venuta in mente un'idea di Hansel e Gretel - entrambi cresciuti e irriverentemente temprati per combattere- come vigilanti del genere soprannaturale. 

"La storia di Hansel & Gretel fa parte di me da quando ero piccolo," spiega Wirkola. "Ho un ricordo molto vivido di come era triste e raccapricciante la loro storia e mi domandavo cosa sarebbe successo ai due fratelli quando sarebbero cresciuti. Avevano questo passato terribile e un intenso odio verso le streghe. Mentre ci pensavo, è diventato chiaro per me che i due erano sicuramente destinati a diventare dei grandi cacciatori di streghe."  

Immediatamente, Wirkola ha previsto lo sviluppo di un'esperienza visivamente molto forte, piena di umorismo e di azione per il pubblico del 21mo secolo cresciuto con questa favola. Quando ha cominciato a scrivere, ha deciso che sarebbe rimasto fedele allo spirito della leggenda folcloristica tedesca - pubblicata per la prima volta nel 1812 dai famosi collezionisti di fiabe, i fratelli Grimm - ma che poi non avrebbe posto limiti alla sua immaginazione.

"Volevo l'atmosfera e l'energia della favola originale ma volevo anche condirla con tutte le cose che amo di più nei film - commedia, horror e azione," riassume il regista.  "Nella favola originale c'è sempre stata un'aura raccapricciante, io l'ho portata in prima linea e ho contemporaneamente inserito l'umorismo. La storia parla sempre di questo legame davvero forte tra fratello e sorella - il modo in cui Hansel e Gretel vengono spinti a restare uniti, a qualsiasi costo, mentre combattono contro il male.

Quando Wirkola ha raccontato l'idea ai produttori Will Ferrell, Adam McKay, Kevin Messick e Chris Henchy, questi ne sono subito rimasti affascinati. "Il suo racconto era esattamente quello che ti immagineresti dal titolo," ricorda Messick.  "Hansel e Gretel sono diventati grandi con una enorme rabbia verso le streghe. E sono cacciatori di taglie. Per cui se una città ha un'epidemia di streghe e i bambini scompaiono, si chiamano Hansel & Gretel." .

Amante di un cinema visivamente forte e coraggiosamente giocoso, Wirkola ha cominciato anche a creare la sua visione originale del mondo di Hansel e Gretel ragazzi - un mondo che ha ancora quell'aspetto e quell'atmosfera senza tempo di una fiaba medievale ma fusi con l'azione coraggiosa e spietata che il pubblico contemporaneo desidera. "Volevamo che sembrasse che tutto sarebbe potuto accadere 300 anni fa ma, allo stesso tempo, dare una svolta moderna all'azione, ai personaggi e alle armi," spiega Wirkola.  "E' stato un modo divertente di rendere un mondo classico moderno e nuovo. Abbiamo preso cose che si sono viste in tutti i tipi di favole e abbiamo dato un tocco nuovo a ognuna di esse."

Messick osserva:  "Quello che è fantastico dello stile del film è che non pensi di essere, per esempio, nella Francia del 1850 o del 1730. Pensi di essere completamente immerso in un universo da favola.". E questo era esattamente quello che voleva Wirkola:  un universo fiabesco che ha preso la forma di qualcosa di così 'fast and furious' da catturare il pubblico cinematografico del 21mo secolo.



Apri Box Commenti