Venezia 74

Venezia 74, ospiti e programma di venerdi 1 settembre 2017


In concorso Undir Trénu (Sotto L'albero) di Hafsteinn Gunnar Sigurosson, Especes Menacees di Gilles Bourdos, West Of Sunshine di Jason Raftopoulos; Casa D'altri di Gianni Amelio in Proiezioni Speciali.

di / 01.09.2017
Venezia 74

Tra i film da segnalare a Venezia 74 proposti nella giornata di Venerdi 1 settembre 2017: per la sezione Orizzonti in Concorso Undir Trénu (Sotto L'albero) di Hafsteinn Gunnar Sigurðsson, Invisible di Pablo Giorgelli, Espèces Menacées di Gilles Bourdos, West Of Sunshine di Jason Raftopoulos; per la sezione Venezia 74 Lean On Pete di Andrew Haigh, The Insult di Ziad Doueiri, Human Flow di Ai Weiwei. Inoltre, Casa D'altri di Gianni Amelio viene presentato Fuori Concorso in Proiezioni Speciali.

LEAN ON PETE - Lean On Pete segue le vicende di Charley Thompson, quindicenne che sogna una casa, del cibo nel piatto e una scuola da non dover cambiare in continuazione. Ma è difficile trovare un po' di stabilità, se si è figli di un padre single che si arrangia con lavori precari nei magazzini lungo il Pacifico nordoccidentale. Con la speranza di iniziare una nuova vita, i due si trasferiscono a Portland, in Oregon, dove Charley trova un lavoro per l'estate presso un malconcio addestratore di cavalli e diventa amico di un vecchio cavallo, chiamato Lean on Pete.

THE INSULT - Nell'odierna Beirut, un insulto spinto agli estremi porta in tribunale Toni, un libanese cristiano, e Yasser, un profugo palestinese. Tra ferite nascoste e rivelazioni traumatiche, il circo mediatico che accompagna il caso porrà il Libano di fronte a una serie di disordini sociali che obbligheranno Toni e Yasser a riconsiderare la loro vita e i loro pregiudizi.

INVISIBLE - Ely è una ragazza di diciassette anni. Dopo la scuola, lavora per alcune ore in un negozio di animali. Quando scopre di essere incinta, il suo mondo interiore esplode. Nonostante cerchi di continuare la vita di sempre, come se non fosse cambiato nulla, è spaventata e angosciata, e sa che qualsiasi cosa decida di fare, non potrà più tornare indietro. 

HUMAN FLOW - Più di 65 milioni di persone nel mondo sono state obbligate ad abbandonare le loro case per fuggire da carestie, cambiamenti climatici e guerre, causando il più grande spostamento umano dalla seconda guerra mondiale. Human Flow, epico viaggio cinematografico intrapreso da Ai Weiwei, artista di fama mondiale, offre a questa migrazione umana di massa una potente espressione visuale.

UNDIR TRÉNU (SOTTO L'ALBERO) - Agnes caccia di casa Atli e non vuole che lui veda più la loro figlia Ása. L'uomo si trasferisce dai genitori, coinvolti in un'amara disputa riguardante il loro grande e magnifico albero, che fa ombra al giardino dei vicini. Mentre Atli lotta per ottenere il diritto di vedere la figlia, la lite con i vicini si intensifica: la proprietà subisce danni, animali scompaiono nel nulla, vengono installate telecamere di sicurezza e gira voce che il vicino sia stato visto con una motosega in mano.

THIS IS CONGO - Come è possibile che alcuni Paesi sembrino essere perennemente invischiati in cicli di guerre, instabilità politica e crisi economiche? La Repubblica Democratica del Congo è così. Paese dell'Africa centrale ricco di giacimenti minerari, negli ultimi due decenni il Congo ha visto morire più di cinque milioni di persone a causa delle guerre, l'avvicendarsi dei suoi molteplici regimi e l'impoverimento globale del suo popolo. Tuttavia, sebbene il conflitto sia il più sanguinoso del mondo dai tempi della Seconda guerra mondiale, l'Occidente è nel complesso all'oscuro degli attori coinvolti o degli interessi in gioco. Per la prima volta, This Is Congo scatta un'istantanea globale e priva di filtri del conflitto più lungo mai visto nel nostro tempo e di coloro che stanno sopravvivendo al suo interno.

CASA D'ALTRI - Siamo entrati in "casa d'altri" col timore di disturbare. Non volevamo invadere un territorio ferito con l'occhio della curiosità fine a se stessa. I cittadini di Amatrice, i pochi rimasti, ci hanno aperto la porta, ci hanno accolto senza lacrime, ci hanno offerto ospitalità e affetto. A un anno di distanza dal terremoto, il dolore si sta acquietando, si pensa a ricostruire. Le macerie però non sono state rimosse, ci vuole tempo, dicono. E il futuro, forse, è ancora lontano.

OUR SOULS AT NIGHT - Addie Moore ha una singolare proposta da fare a Louis Waters. Sono entrambi oltre l'età della pensione e vedovi da qualche tempo. Entrambi vivono in una tranquilla città del Colorado dove la cosa migliore è che tutti conoscono tutti. E la cosa peggiore è che tutti conoscono tutti. Anche se sono vicini di casa da molto tempo, la loro conoscenza è poco più che casuale, finché un giorno Addie propone a Louis di dormire insieme, solo per farsi compagnia, per avere qualcuno con cui parlare al buio, per sentire la presenza di un'altra anima accanto a sé, per favorire il sonno.

ARRIVI E PARTENZE DEL 1 SETTEMBRE. A Venezia per la presentazione del film Our Souls at Night arrivano gli attori Robert Redford (Leone d'oro alla carriera 2017), Jane Fonda (Leone d'oro alla carriera 2017) e il regista Ritesh Batra; per presentare il film Human Flow arriva il regista Ai Weiwei; per Brawl in Cell Block 99 arriva l'attore Vince Vaughn; per The Leisure Seeker arriva l'attore Donald Sutherland; per Three Billboards Outside Ebbing, Missouri l'attrice Frances McDormand; per Lean on Pete il regista Andrew Haigh; per Ryuichi Sakamoto: Coda il compositore Ryuichi Sakamoto; per Suburra – La Serie l'attrice Claudia Gerini; per DIVA! l'attrice Isabella Ferrari; per Foxtrot il regista Samuel Maoz e gli attori Lior Ashkenazi e Sarah Adler; per La mélodie il regista Rachid Hami e l'attore Kad Merad; per This is Congo il regista Daniel McCabe; per West of Sunshine il regista Jason Raftopoulos; per Ha Ben Dod (The Cousin) l'attrice Osnat Fishman; per Bloodless il regista Gina Kim; per Shi meng lao ren (The Dream Collector) il regista Mi Li; per Les Baliseurs du Désert / Elhaimoune il regista Nacer Khemir; per Jia zai lanre si (The Deserted) l'attore Lee Kang-sheng; per Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso la regista Esmeralda Calabria e l'attrice Piera Degli Espositi.

PROGRAMMA VENEZIA 74 VENERDI 1 SETTEMBRE 2017

09:00
WILLIAM FRIEDKIN - THE DEVIL AND FATHER AMORTH
Fuori Concorso - Non fiction

13:15
HAFSTEINN GUNNAR SIGURÐSSON - UNDIR TRÉNU (SOTTO L'ALBERO)
Orizzonti – Concorso

14:00
PABLO GIORGELLI - INVISIBLE
Orizzonti – Concorso

14:30
DANIEL MCCABE - THIS IS CONGO
Fuori Concorso - Non fiction

14:30
GIANNI AMELIO - CASA D'ALTRI
Fuori Concorso - Proiezioni Speciali

14:30
JEAN-LUC GODARD - DEUX OU TROIS CHOSES QUE JE SAIS D'ELLE (DUE O TRE COSE CHE SO DI LEI)
Venezia Classici

15:15
GILLES BOURDOS - ESPÈCES MENACÉES
Orizzonti – Concorso

16:30
ELEM KLIMOV - IDI I SMOTRI (VA' E VEDI)
Venezia Classici

16:45
ANDREW HAIGH - LEAN ON PETE
Venezia 74

17:00
MAZEN KHALED - MARTYR
Biennale College - Cinema

17:15
JASON RAFTOPOULOS - WEST OF SUNSHINE
Orizzonti – Concorso

17:30
ZIAD DOUEIRI - THE INSULT
Venezia 74

19:15
AI WEIWEI - HUMAN FLOW
Venezia 74

20:00
ALENA LODKINA - STRANGE COLOURS
Biennale College - Cinema

20:00
AI WEIWEI - HUMAN FLOW
Venezia 74

21:00
BRUNO OLIVIERO - NATO A CASAL DI PRINCIPE
Cinema nel Giardino

22:15
RITESH BATRA - OUR SOULS AT NIGHT
Fuori Concorso - Fiction

22:30
ANDREW HAIGH - LEAN ON PETE
Venezia 74