Oltre la notte, la recensione

Diane Kruger ci dona una delle sue migliori interpretazioni in questo film drammatico candidato all'Oscar come Miglior Film straniero.

Katja è una giovane donna sposata con un ex spacciatore di origine turca che, con la nascita del figlio Rocco, decide di cambiare la sua vita e quella di suo marito al meglio, lontano dai problemi con la legge. Una sera, dopo aver passato il pomeriggio con la sorella incinta, Katja guida verso l’ufficio dove lavora il marito per portarlo a casa insieme a suo figlio. Quella che si trova davanti è la scena di un duplice omicidio. Sconforto, ira e incredulità sono solo alcuni dei primi sentimenti che attraversano Katja che deve affrontare la scomparsa repentina di suo marito e di suo figlio. Dopo una breve indagine si scopre che gli assassini della famiglia di Katja fanno parte di un gruppo neonazista che ha affari anche con altre personalità europee appartenenti allo stesso filo politico. 

Il film, scritto e diretto da Fatih Akin, è composto da tre atti, tre situazioni nelle quali Katja deve affrontare l’omicidio della sua famiglia. Nella prima parte, La famiglia, Katja scopre con disperazione la strage che l’ha colpita e cerca di andare avanti con la sua vita affianco alla sorella e alla sua famiglia pur con qualche problematica. Katja è divorata dall’angoscia e per questo si lascia andare, non vedendo alcuna via di fuga all’atrocità del destino che le va incontro. L’elemento che collega la prima con la seconda parte, La giustizia, è l’arresto di due ragazzi appartenenti ad un gruppo neonazista tedesco. Qui sarà l’avvocato di Katja ad aiutarla a fare giustizia. La terza ed ultima parte, Il mare, è ambientata in Grecia dove, una volta per tutte, Katja ritroverà se stessa e deciderà cosa fare della propria esistenza senza i suoi due grandi amori. Ogni atto è preceduto da una breve scena girata amatorialmente e che vede come protagonista la famiglia al completo. Vediamo il matrimonio di Katja e di suo marito svoltosi nel carcere in cui quest’ultimo era recluso, una scena di quotidianità dove Katja aggiusta la macchinetta telecomandata del figlio e poi una scena delle vacanze al mare.

Foto, immagini, locandine Oltre la notte

Oltre la notte è un film che scava dentro le emozioni e le divora grazie soprattutto all’eccellente interpretazione di Diane Kruger che ci regala una delle migliori performance della sua carriera. Grazie a questo ruolo la Kruger ha vinto la Palma d’oro come Miglior Attrice a Cannes nel 2017. La grande pecca di questo film è, paradossalmente, Diane Kruger. Infatti, la sua bravura pone in ombra tutti gli altri elementi del film tra cui proprio la regia che risulta senza personalità.

Oltre la notte assume un ruolo fondamentale nel periodo contemporaneo soprattutto alla luce dei recenti fatti avvenuti sia nel nostro Paese sia nel resto del mondo. Infatti è lo stesso regista che, alla fine del film, sottolinea quanto siano stati numerosi gli omicidi a sfondo razziale operati dai gruppi neonazisti in Germania tra il 2000 e il 2007. Il film è stato selezionato e ha ottenuto il riconoscimento ai 75esimi Golden Globes nella categoria di Miglior Film Straniero e ha vinto, sempre nella stessa categoria, ai Critics Choice Awards. Inoltre è in competizione per l'Oscar al Miglior Film straniero le cui premiazioni avverranno questa domanica notte. 

Oltre la notte uscirà nelle sale italiane il 15 Marzo. 

Valutazione di Erica Nobis: 7 su 10
Correlati:
Oltre la notte
Apri Box Commenti
Torna su