Locandina Ex Libris: New York Public Library

Ex Libris: New York Public Library (2017)

Ex Libris: New York Public Library

Locandina Ex Libris: New York Public Library
Ex Libris: New York Public Library (Ex Libris: New York Public Library) è un film di genere Documentario di durata circa 197 minuti diretto da Frederick Wiseman.
Prodotto nel 2017 in USA esce in Italia Lunedì 23 Aprile 2018 distribuito da I Wonder Pictures.

TRAMA E SCHEDA TECNICA

Il film di Frederick Wiseman, EX LIBRIS – The New York Public Library, va dietro le quinte di una delle più grandi istituzioni del sapere del mondo. Il film presenta la biblioteca come un luogo di accoglienza, scambio culturale e apprendimento per diciotto milioni di utenti e trentadue milioni di visitatori online all'anno. Ci sono novantadue succursali della biblioteca disseminate tra Manhattan, il Bronx e Staten Island. La NYPL vuole essere una risorsa per tutti i residenti di questa città sfaccettata e cosmopolita. È accessibile, aperta a tutti ed esemplifica la convinzione americana, profondamente radicata, del diritto degli individui a conoscere ed essere informati. La biblioteca è una delle istituzioni più democratiche d'America: tutte le razze, classi sociali ed etnie sono benvenute e partecipano attivamente alla vita e al funzionamento della biblioteca. La quale ha l'obiettivo di stimolare l'apprendimento, far progredire la conoscenza e rafforzare le comunità.


Data di Uscita ITA: Lunedì 23 Aprile 2018
Genere: Documentario
Nazione: USA - 2017
Formato: Colore
Durata: 197 minuti
Distribuzione: I Wonder Pictures

Cast e personaggi

Regia: Frederick Wiseman

Recensioni redazione

9/10
Ex Libris - The New York Public Library, la recensione

Ex Libris - The New York Public Library è un eccellente documentario che riesce ad intrattenere e coinvolgere lo spettatore, permettendogli di dare uno sguardo ravvicinato ed esclusivo ad uno degli edifici più belli e famosi al mondo.

News e Articoli

Ex Libris: la Biblioteca Pubblica di New York nel docufilm di Frederick Wiseman

Il film presenta la biblioteca come un luogo di accoglienza, scambio culturale e apprendimento per diciotto milioni di utenti e trentadue milioni di visitatori online all'anno.

Venezia 74, Film e Ospiti di Venerdi 8 settembre 2017

A Venezia 74 il giorno di Napadid Shodan (Sparizione), Ha Edut (La Testimonianza), Krieg, Hannah, Jusqu'à La Garde.

Venezia 74, Film e Ospiti di lunedi 4 settembre 2017

A Venezia 74 il giorno di Caniba di Verena Paravel, Lucien Castaing-Taylor, Marvin di Anne Fontaine, Ha Ben Dod (Il Cugino) di Tzahi Grad, Ex Libris. The New York Public Library di Frederick Wiseman, Una Famiglia di Sebastiano Riso, Three Billboards Outside Ebbing, Missouri di Martin Mcdonagh. Tra le proiezioni speciali, Michael Jackson's Thriller 3d di John Landis.

Curiosita'

COMMENTO DEL REGISTA

Le biblioteche pubbliche in America sono cambiate da quando ero giovane. Ricordo che andavo in biblioteca a prendere i libri. Ora le biblioteche offrono molto di più. Durante le riprese del film sono rimasto colpito nello scoprire la grande varietà di servizi, opportunità ed esperienze che le biblioteche forniscono a chiunque vi acceda. Le biblioteche odierne sono diventate dei centri comunitari con corsi dopo scuola per i bambini e corsi di formazione per gli adulti in lingue, cittadinanza, economia e informatica. A prescindere dall'attuale contesto politico americano, la biblioteca rimane un ideale di inclusione, democrazia e libertà d'espressione.

INTERVISTA A FREDERICK WISEMAN

È noto a tutti il suo lavoro sulle Istituzioni Americane, per il quale è stato premiato con un Oscar Onorario quest'anno. Che cosa ha suscitato il suo interesse per la New York Public Library?

Ho sempre amato e frequentato le biblioteche pubbliche per tutto quello che si può imparare, scoprire e per le sorprese e gli stimoli che regalano. Non conoscevo, prima di dirigere il film, lo spessore,  i propositi e la portata della New York Public Library nella sede principale e nelle sue 92 succursali e l'ampio raggio di servizi che propone a tutte le classi sociali, le razze ed etnie. Sono stato attratto anche dall'immensità degli archivi e  delle  collezioni,   dalla  diversità  dei  programmi   e  dal  coinvolgimento   reale  ed entusiasta del personale nell'offrire assistenza per l'educazione, il sapere, le lingue e l'economia, giusto per citare alcune categorie, a tutti coloro che cercavano aiuto.

Una delle persone che appare nel film afferma che le biblioteche siano le "colonne portanti della democrazia". Non è un po' eccessivo?

No, non penso proprio. Prima di iniziare il film non conoscevo la portata delle attività delle biblioteche. Avendo trascorso 12 settimane in quella biblioteca, penso sia una descrizione giusta e appropriata.

La New York Public Library non è solo un luogo dove si va per cercare libri o consultare gli archivi ma è un'istituzione fondamentale per i residenti e gli abitanti della città, in particolar modo all'interno dei quartieri poveri e di immigrati in cui la biblioteca è più che  un  luogo  passivo  dove  prendere  libri  in  prestito.  Le  succursali  sono  diventate comunità e centri culturali dove si svolgono un'ampia varietà di attività educative per adulti e bambini. Il personale  della biblioteca  lavora per aiutare gli altri: organizzano corsi di lingua e computer, seminari di letteratura e storia o corsi su come fondare un business così come corsi dopo scuola per bambini e adolescenti per integrare il programma scolastico. Ci sono letteralmente centinaia di programmi educativi per persone  di tutte le età e classi sociali. Il film presenta  l'ampia  varietà  di opportunità offerte dalla biblioteca. La New York Public Library incarna completamente l'idea democratica di essere disponibili nei confronti del prossimo. Tutte le classi sociali, razze ed etnie sono connesse alla biblioteca. Per me la New York Public Library è l'immagine della democrazia  in azione. E rappresenta  il meglio dell'America.  Per queste  ragioni dire  che  le  biblioteche  siano  le  "colonne  portanti"  della  democrazia  non  risulta eccessivo.

Il suo film rivela che sia l'universale accesso alla cultura sia l'educazione  pubblica e civica siano un progetto moderno…

La  New  York  Public  Library  è  connessa  a  quasi  tutti  gli  aspetti  della  cultura  ed educazione nella città di New York – educazione ai bambini e agli adulti, ricerca, borse di studio, arte, danza, teatro, film, relazioni tra etnie, disabilità fisiche ed immigrazione, per nominare alcune delle principali categorie. La biblioteca è la più democratica tra le istituzioni in quanto è coinvolta in quasi tutti gli avvenimenti  di un certo rilievo che

avvengono a New York. La biblioteca rappresenta tutto ciò che Trump odia – diversità, eguaglianza dei diritti, dell'educazione e del pensiero. Ho cominciato le riprese nell'autunno del 2015, senza avere in testa Trump. Ho pensato semplicemente fosse un buon soggetto. Per ragioni estranee alla scelta originaria del soggetto, quando Trump è stato eletto il film è diventato politico.

Possiamo affidarci all'intelligenza della New York Public Library per contrastare la maleducazione  di Trump? I milioni di volumi e i trilioni di parole contenute nella New York Public Library possono controbattere i tweet presidenziali in 140 caratteri?

La New York Public Library sta già fronteggiando Trump, solo attraverso la sua esistenza e il proseguimento delle normali attività quotidiane. La New York Public Library è di gran lunga più rappresentativa dell'America rispetto a quanto lo sia Trump, un individuo il cui vocabolario,  pensiero  e narcisismo  corrispondono  a quelli  di un  bambino  di cinque anni. La NYPL rappresenta la grande tradizione democratica americana che Trump vorrebbe  distruggere.  Questo  spirito  democratico,  che  risiede  nella  NYPL  come  in qualsiasi altro luogo, è la colonna vertebrale dell'America. Trump non rappresenta l'America pur essendo il suo Presidente.

La New York Public Library sarà "confortata" dai suoi pensieri così espliciti su Trump e sulla biblioteca?

La  NYPL  non  si  preoccuperà  di  censurare  in  alcun  modo.  Le  collezioni  incarnano centinaia  di  opinioni  contrastanti  e  contraddittorie,  alcune  delle  quali  sono sicuramente offensive per un gruppo o per un altro. Questa è una delle grandi risorse della biblioteca.

Le biblioteche possono avere un aspetto austero, nonostante questo il suo film mostra molti momenti sereni.

Si, c'è qualcosa di allegro e l'umore alto è contagioso. Lo staff al NYPL è creativo e generoso. La NYPL non offre una soluzione per tutto ciò che in America non funziona, ma è magnifico che esista una tale istituzione. L'attuale presidente della biblioteca ha stabilito come obiettivo non solo quello di proseguire il lavoro tradizionale, ma anche di aiutare immigrati e poveri. Come molti Americani proviene da una famiglia di immigrati e conosce l'importanza di offrire una grande varietà di programmi educativi e culturali in quartieri  poveri  e di immigrati.  In un  periodo  in cui  gli Stati  Uniti  hanno  eletto  un governo molto Darwiniano, penso che potrebbe essere utile mostrare al pubblico delle persone che lavorano aiutando gli altri con un atteggiamento così appassionato.

In tutti i suoi film mostra luoghi ed istituzioni rivelando sia quanto funzionino  bene sia quanto non funzionino. Nel caso della New York Public Library, abbiamo l'impressione che tutto funzioni. Perché questa scelta?

Non valuto se tutto funzioni. Sono un regista, non un consulente gestionale. Alcuni dei miei film sono in parte critici nei confronti delle istituzioni che sono il soggetto del film. In ogni film penso sia importante  mostrare sia persone che lavorano bene e forniscono servizi utili agli altri, sia atteggiamenti  maligni, crudeli ed insensibili. In ogni caso il film

presenta ciò che penso e spero che non rappresenti mai una posizione ideologica pre- concepita. C'è quasi sempre una combinazione dell'educato, del crudele, del caritatevole e del banale.

Perchè Ex Libris dura tre ore e diciassette minuti e non sei ore o due ore e venti minuti? Dal momento che il film procede in successioni separate di sequenze che si sviluppano alla propria velocità, senza alcuna interferenza, non sarebbe possibile aggiungerne o rimuoverne una?

I  miei  film  hanno  una  durata  che  io  reputo  sia  necessaria  per  il  soggetto.  Provo maggiore responsabilità nei confronti delle persone che mi hanno dato il permesso di riprenderle rispetto alle esigenze di un canale televisivo. La versione finale del film deve essere una chiara rappresentazione  dell'esperienza  che ho vissuto trascorrendo  dalle sei alle dodici settimane in un luogo e solo successivamente  uno studio dei tempi del film, durante l'anno in cui lo si monta. Alcuni soggetti sono molto più complessi di altri e cerco di non semplificare il film con l'unico scopo di incontrare i bisogni dell'industria televisiva.

Che cosa intende con "giusta" lunghezza?

La durata che io penso sia adatta alla storia che voglio raccontare.  Non decido la struttura in anticipo, né la collocazione delle diverse parti. La struttura e il punto di vista emerge nel corso del montaggio. A rischio di sembrare pretenzioso, tutto ciò che posso fare è cercare di definire ciò che penso e seguire il mio unico giudizio.

A che punto valuta che il lavoro di montaggio sia terminato?

Il film è completo quando penso di aver fatto il meglio che potevo con il materiale che ho tra le mani. Devo essere in grado di spiegare a me stesso perché ho selezionato ciascuna  inquadratura  e la  sua  funzionalità  all'interno  della  narrazione  drammatica che sto cercando di costruire.

Monta ancora in analogico?

No, sono passato al digitale, purtroppo. Il primo film che ho montato in digitale fu La Danse – Le ballet de l'Opéra de Paris, nel 2009. Ma il film fu girato in pellicola. Da allora tutti i miei film sono stati girati e montati in digitale.

Questo ha cambiato la sua modalità di montaggio?

No, penso che gran parte di ciò che si dice sulle differenze tra montaggio analogico e digitale sia una cavolata. Non è la macchina che influenza le scelte! Ci metto esattamente lo stesso tempo a montare un film in digitale come in analogico. Il lavoro è fatto dal cervello, non dalla macchina.

Il sistema digitale Avid segue il modello della macchina  per il montaggio  Steenbeck che ho usato per anni. L'unico aspetto più veloce è la possibilità di recuperare un'inquadratura   specifica.  Ma  questa  non  è  necessariamente   una  buona  cosa. Quando la bobina era sul muro dovevo alzarmi, prenderla e inserirla nella Steenbeck

per cercare l'inquadratura. Quello non era tempo perso. Cercando un'inquadratura o una sequenza avevo la possibilità di rivedere ciò che era stato girato prima e dopo.

In Ex Libris non segue nessun personaggio più di un altro, una storia più di un'altra, nemmeno il presidente della New York Public Library, che ha una grande personalità, funge da filo conduttore del film. Questa scelta è stata fatta in quanto unica via per approfondire tutti gli aspetti di un'istituzione o di un'entità collettiva?

Se avessi girato il film seguendo il presidente della NYPL non sarebbe stato un film sulla biblioteca. Il soggetto del film sarebbe diventato lui. Non sto dicendo che non si può fare un film interessante se ci si focalizza su di lui. Questo non è il film che io ho deciso di fare. I miei film sono dei mosaici, il risultato di centinaia di scelte progettate per dare un'impressione delle attività quotidiane della biblioteca. Questo è il soggetto del film. Il risultato finale è "impressionistico", mai definitivo o esauriente.

Lei è sia il regista che il tecnico del suono per i suoi film. È quello che sente a guidare ciò che vede?

No, dipende. Varia in base alla sequenza. A volte le immagini guidano le parole e altre volte non sono le parole a guidare l'immagine. Nel film At Berkeley ci sono vari incontri e sequenze  in cui la parola  guida  l'immagine,  ma può succedere  anche  l'opposto come in La Danse – Le ballet de l'Opéra de Paris.

Perchè ha scelto questo titolo, Ex Libris – The New York Public Library - che designa l'iscrizione  all'interno  di un libro prima  del nome  del proprietario  e che a volte  è in forma di immagine o di stemma?

In parte si riferisce a un episodio privato divertente. Mio suocero, nella sua biblioteca, aggiunse un ex libris con il suo nome su tutti i libri che aveva preso in prestito. Ma, più di ogni  cosa,  ciò  che  volevo  indicare  è che  questo  film  non  rispecchia  tutto  ciò  che accade  all'interno  della  New  York  Public  Library.  Ho  scelto  i  titoli  dei  miei  film  At Berkeley e In Jackson Heights per le stesse ragioni, per suggerire che il film non aspira a mostrare  tutto ciò che succede  all'interno  di quelle istituzioni. Piuttosto  che scegliere From the Library come titolo, ho usato l'espressione  latina per suggerire la medesima idea.

Come specifica una persona che appare nel suo film, la New York Public Library, nonostante il suo nome, non è solo un'istituzione pubblica ma una collaborazione tra pubblico e privato dal momento che metà del suo budget viene da fondi e donazioni private.   In   Francia   i  partenariati   pubblici-privati   sono   serviti   per   prima   cosa   a statalizzare le perdite e privatizzare i profitti e raramente sono stati la scelta migliore per il bene pubblico. Come mai nel caso della New York Library questa partnership sembra funzionare?

Probabilmente   per  la  diversità   della  storia  dei  due  Paesi,  in  Francia   il  governo centralizzato destina l'1% del budget nazionale per la cultura. Il budget di 250 milioni di dollari della sovvenzione per le arti (che negli Stati Uniti è destinato a tutti i finanziamenti per l'arte) è probabilmente solo una piccola percentuale di quello che la città di Parigi

riceve ogni anno dal governo francese. Per la diversità delle leggi fiscali in ogni Stato, le fondazioni Americane rimpiazzano il governo facendo grandi assegnazioni ad attività culturali.   Andrew   Carnegie,   alla   fine   del  XIX  secolo,   fondò   biblioteche   in  tutta l'America.  Nonostante   fosse  un  risoluto  uomo  d'affari,  non  dimenticò  che  fu  un immigrato scozzese e volle dare una parte della sua fortuna al Paese che lo rese un uomo ricco. Bill Gates e Warren Buffet stanno seguendo lo stesso esempio, oggi. Le fondazioni private danno un importante contributo alla cultura americana e all'educazione.

Le biblioteche come la New York Public Library avranno un futuro dal momento che l'immensa biblioteca digitale è diventata accessibile da qualsiasi computer connesso a Internet?

Sebbene  siano in procinto  di digitalizzare  ed inserire  on line sempre  maggiori  sezioni della loro gigantesca proprietà, non penso che le biblioteche saranno meno importanti nel  futuro.  La  New  York  Public  Library  pubblicizza  una  varietà  di  importanti  attività culturali ed educative tali che continuerà ad essere un luogo dove le persone vorranno andare per imparare, condividere idee, informarsi e sviluppare le loro capacità. Questi bisogni incrementeranno e non ridurranno l'importanza della NYPL così come di tutte le altre biblioteche.

Commenti

Apri Box Commenti
Torna su