Macbeth (2015)

Macbeth

Locandina Macbeth
Macbeth (Macbeth) è un film di genere Drammatico e Storico di durata circa 113 minuti diretto da Justin Kurzel con protagonisti Michael Fassbender, Marion Cotillard, David Thewlis, Jack Reynor, Elizabeth Debicki, Paddy Considine.
Prodotto da See-Saw Films nel 2015 in UK. e Francia. [Uscita Originale il 23/05/2015 (Cannes Film Festival)] esce in Italia Martedì 5 Gennaio 2016 distribuito da Videa-CDE. Al Box Office Macbeth ha incassato circa 1.751.338 euro.

TRAMA

Ellon. Scozia. Macbeth, Barone di Glamis, valoroso e fedele generale dell'esercito del re Duncan di Scozia, ha ucciso il traditore Macdonwald a capo delle forze ribelli in una sanguinosa battaglia. Percorrendo il campo di battaglia insieme al suo compagno Banquo, Macbeth incontra tre donne che gli predicono che lui diverrà signore di Cawdor e re di Scozia, mentre Banquo sarà il capostipite di una dinastia di re. Entrambi gli uomini sono scossi dalle profezie ricevute dalle tre donne, sebbene sul momento non gli diano eccessivamente peso. Angus e Ross, due nobili scozzesi, raggiungono il campo di battaglia per trasmettere a Macbeth i ringraziamenti del Re per il coraggio dimostrato in battaglia e per conferirgli il titolo di Barone di Cawdor: colui che deteneva prima il titolo è stato ucciso per tradimento contro la corona. Quando Macbeth va a rendere omaggio al re Duncan, questi gli dice che ha preso accordi per visitare la sua casa a Inverness e festeggiare insieme la vittoria. A Inverness, Lady Macbeth riceve una lettera dal marito che la informa della profezia. Lady Macbeth non vede il marito da anni a causa della guerra ed è in lutto per la perdita del loro unico figlio. Un'idea si fa strada nella sua mente: escogita un piano per uccidere il re Duncan e assicurare così il trono al marito. Una volta tornato a casa, Macbeth è in un primo momento riluttante, non vuole uccidere Duncan, ma Lady Macbeth riesce a persuaderlo. L'annuncio del re Duncan, che dice che sarà suo figlio Malcolm il successore al trono, spinge ancor più Macbeth ad agire immediatamente. Dopo i festeggiamenti per la vittoria, Duncan si ritira nella sua stanza, non sapendo che Lady Macbeth ha drogato le sue guardie. Mentre tutta Inverness dorme, Macbeth uccide Duncan. Malcolm, il figlio più grande di re Duncan, lo sorprende, ma non ha il coraggio di affrontarlo e fugge da Inverness. Quando la mattina dopo Macduff, conte di Fife, scopre il corpo di Duncan, Macbeth uccide immediatamente le tre guardie simulando un attacco di rabbia, per impedire che queste possano proclamare la propria innocenza. Tutti sospettano che sia Malcolm il cospiratore. La confusione e il dolore causato dalla morte di Duncan giocano a favore di Macbeth, la cui popolarità è in aumento; al punto di essere incoronato re di Scozia. Banquo, però, nutre dei sospetti. Ora Macbeth è a pieno titolo re di Scozia e risieda nella sede reale a Dunsinane, ma è preoccupato per la profezia su Banquo, perciò ordina il suo omicidio e quello del suo giovane figlio Fleance. Mentre Macbeth presiede il banchetto reale, viene informato del fatto che Banquo è stato ucciso ma Fleance è riuscito a fuggire. La notizia lo getta nel terrore, vede il fantasma di Banquo, è furioso. Il resto dei convitati è spaventato dalla sua furia anche perché loro non vedono il fantasma. A Lady Macbeth non resta che interrompere la festa e allontanare Macbeth. Macduff e sua moglie si insospettiscono sempre più per la condotta del nuovo Re. Quella notte, Macbeth sgattaiola furtivamente fuori Dunsinane alla ricerca delle tre donne. Dopo avergli indotto uno stato di torpore, le donne gli dicono che il suo trono è al sicuro fino a quando la foresta di Birnam non raggiungerà Dunsinane, e che lui non morirà per mano di un uomo nato da una donna. Questa previsione apparentemente impossibile rassicura Macbeth che si sente sollevato. Tuttavia, quando viene a sapere che Macduff si è recato in Inghilterra per unirsi a Malcolm, il quale ha organizzato un esercito inglese per rivendicare il suo trono, Macbeth fa uccidere pubblicamente la moglie di Macduff e i loro tre bambini. Oramai incapace di fidarsi di chiunque e considerato sempre più un tiranno, Macbeth inizia a far uccidere chiunque tema possa opporsi al suo regno. Nel frattempo il senso di colpa di Lady Macbeth per l'omicidio di Duncan la porta sempre più alla follia, ella realizza che oramai ha perduto suo marito, proprio come in precedenza aveva perso un figlio. Incapace di sopportare il dolore e di ristabilire un rapporto con l'amato marito, torna a Inverness e muore logorata e ossessionata dalle visioni del suo bambino morto. Rimasto solo in un castello pieno di mercenari, Macbeth apprende che molti dei suoi baroni lo stanno abbandonando per unirsi all'esercito di Malcolm. L'esercito raggiunge la foresta di Birnam e gli dà fuoco. Le foglie e i rami carbonizzati vengono trasportati dai venti invernali fino a raggiungere il castello di Dunsinane. Macbeth realizza che la prima parte della profezia si sta avverando. Imperterrito, indossa la sua armatura e risveglia l'anima di guerriero che è in lui. Esce dal castello per affrontare l'esercito di Malcolm guidato dal vendicativo Macduff. Sicuro della profezia che nessun uomo nato da donna potrà ucciderlo, Macbeth sfida Macduff a combattere. Ciò che Macbeth non sa è che Macduff è nato da parto cesareo e quindi "prematuramente strappato dal grembo di sua madre". Quando apprende questo particolare, Macbeth sa che è finita ma combatte comunque, dimostrando il coraggio che lo aveva sempre contraddistinto. Macduff, guidato dal desiderio di vendetta per la morte della sua famiglia, uccide Macbeth. Malcolm, proclamato re alla morte di Macbeth, entra nel castello; ma questa è una vittoria di cui non lui ha alcun merito. Quando Malcolm entra a Dunsinane reclamando il suo diritto al trono, una piccola figura sguscia fuori dagli alberi e trova il corpo di Macbeth: è Fleance. Chinandosi, afferra la spada di guerra di Macbeth e, guardando le alte mura di pietra del castello, scompare di nuovo nel fumo.

Data di Uscita ITA: Martedì 5 Gennaio 2016
Data di Uscita USA: Venerdì 4 Dicembre 2015
Data di Uscita Originale: 23/05/2015 (Cannes Film Festival)
Genere: Drammatico, Storico
Nazione: UK, Francia, USA - 2015
Formato: Colore
Durata: 113 minuti
Produzione: See-Saw Films
Distribuzione: Videa-CDE
Box Office: Italia: 1.751.338 euro
In HomeVideo: in DVD da Mercoledì 20 Aprile 2016 [scopri DVD e Blu-ray]

Cast e personaggi

Regia: Justin Kurzel
Sceneggiatura: Todd Louiso, Jacob Koskoff, Michael Lesslie
Musiche: Jed Kurzel
Fotografia: Adam Arkapaw
Scenografia: Fiona Crombie
Montaggio: Chris Dickens
Costumi: Jacqueline Durran

Cast Artistico e Ruoli:

Recensioni redazione

Macbeth con Michael FassbenderMacbeth con Michael Fassbender, la recensione

5/10
Erika Pomella
'Macbeth' è un film dalla resa tecnica magnifica, con una concretezza e una fotografia davvero incredibili. Il film di Kurzel, però, è colpevolmente privo d'anima, così ancorato al testo shakespeariano d'origine da impedire al pubblico di entrare nella storia. Magnifici gli attori.

News e Articoli

Macbeth torna al cinema interpretato da Michael FassbenderMacbeth torna al cinema interpretato da Michael Fassbender

Macbeth con Michael Fassbender arriva nei nostri cinema dal 5 gennaio, distribuito da Videa.

Immagini

[Schermo Intero]
Foto dal film
Foto e Immagini Macbeth
Foto dal film
Foto dal film
Teaser Locandina Italiana
Character Poster
Character Poster
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

LA PRODUZIONE

Di tutte le opere classiche di Shakespeare, Macbeth è sicuramente tra le più celebri. In oltre 400 anni dalla sua prima pubblicazione, è una delle tragedie più frequentemente adattata; è stata costantemente riproposta sul palcoscenico oltre che riadattata in versioni cinematografiche e televisive. La tragica storia di un generale scozzese ossessionato dalla sua stessa ambizione e dalla profezia di divenire re di Scozia, ha affascinato attori, registi e il pubblico stesso. Registi del calibro di Orson Welles e Roman Polanski si sono cimentati nel portare sul grande schermo la loro visione di questa famosa tragedia.
I produttori Iain Canning ed Emile Sherman della See-Saw Films hanno ritenuto fosse giunto il momento di proporre un nuovo approccio alla tragedia di Macbeth sfruttando le capacità di una nuova generazione di attori britannici. "Attori come Tom Hiddleston e Jude Law hanno interpretato i protagonisti delle tragedie di Shakespeare", osserva Canning, "è interessante vedere questa nuova ondata di attori reinterpretare queste opere e riscoprirne nuovamente il significato."

Era il momento giusto anche da un punto di vista tematico, considerando l'avidità della società attuale e le sue conseguenze. Jack Reynor, che interpreta Malcolm, fa notare: "L'avidità è un sentimento terribile che corrompe totalmente e può distruggere la vita delle persone. La storia di Macbeth è particolarmente toccante e attuale considerando la situazione economica degli ultimi anni."
I filmmakers hanno ritenuto che la globalizzazione attuale offrisse l'occasione di ampliare il messaggio e la visione della storia nella trasposizione cinematografica e quindi di dare al Macbeth un tocco moderno. «Ciò che ritengo sia molto forte in questo adattamento è il senso di comunità e di un mondo più ampio intorno ai personaggi", Canning osserva. "Abbiamo sviluppato l'idea che Macbeth e Lady Macbeth esistano all'interno di una realtà di cui sono il prodotto stesso; le loro azioni, quindi, non possono prescinderne. Abbiamo analizzato la storia da un punto di vista molto più moderno e cinematografico."
Preservare e rispettare il linguaggio shakespeariano è stato un aspetto fondamentale per la produzione. "Si finirebbe con il creare una rappresentazione completamente diversa e distante se non si rispettano le regole dei versi shakespeariani e la costruzioni del dialogo originale", osserva Canning. "La nostra sfida è stata quella di montare le scene dell'opera originale nel modo giusto, e di scegliere dei professionisti che sapessero far dimenticare al pubblico che stavano ascoltando qualcosa di un classico e non attuale."
"Ci siamo avvicinati all'opera con semplicità", afferma Michael Fassbender, che interpreta Macbeth. "Non abbiamo mai provato ad andare contro il verso o a ignorarlo, ma abbiamo mantenuto le cose semplici e concrete, e l'idea di Justin fin dall'inizio è stata quella di essere molto più intimi con il testo di quanto avessimo visto fare in precedenza, ma rimanendo sempre veri e fedeli ad esso. L'intenzione non deve essere quella di "sabotare" una così straordinaria opera ma di lavorarci e entrarci dentro."

Il regista Justin Kurzel aggiunge: "Portare i versi al cinema è diverso rispetto al teatro in cui hai il pubblico dal vivo. Credo che accada qualcosa quando reciti avendo un altro attore di fronte e senti la telecamera così vicina. Si recita in modo più intimo."
"Abbiamo dovuto lavorare duramente sul testo perché Shakespeare può essere difficile da capire, anche per gli inglesi", osserva l'attrice francese Marion Cotillard, nel ruolo di Lady Macbeth.
"Era un impresa che può mettere paura", ammette Reynor, "ma è una di quelle cose in cui è proprio il fatto che sia difficile a far capire che vale la pena di farlo. È stato incredibile avere l'opportunità di riportare in vita i versi di Shakespeare con un cast di attori che non hanno propriamente una formazione classica e shakespeariana."
I versi sfruttano il linguaggio come manipolazione e in questo Shakespeare è stato sempre un maestro. In Macbeth la manipolazione e l'intrigo sono aspetti fondamentali. "Guardi Michael e Marion o Michael e Paddy e sembra di assistere a una scena di QUEI BRAVI RAGAZZI, in cui i vari personaggi cercano di ingannare e raggirare l'altro in modo abile, intelligente e subdolo", spiega Kurzel. "In Macbeth esiste un sorta di "sottotesto" inespresso davvero interessante; la tensione che si crea è quasi colloquiale e non artificiale."
Mentre gli sceneggiatori hanno lavorato per adattare l'opera di Shakespeare per il grande schermo, il primo pensiero dei produttori è stato rivolto al casting del personaggio di Macbeth, una scelta che sapevano avrebbe costituito la spina dorsale di tutta la produzione.

IL CASTING

"Dopo SHAME, volevamo lavorare nuovamente con Michael Fassbender", osserva Canning. "Mentre lavoravamo all'adattamento, ci siamo resi conto che nessun altro se non lui era in grado di conferire al personaggio lo stile così unico che stavamo cercando."
Da parte sua, Fassbender, uno degli attori più completi e popolari di oggi, ha subito visto il potenziale del progetto: "È scritto in modo straordinario e ti capita una sola volta nella vita di poterlo fare. Così ho cercato di essere il più ben preparato possibile senza tralasciare nessun aspetto."
Fassbender interpreta Macbeth sottolineandone gli aspetti più umani, evitando di calcare quelli eccessivamente teatrali. Canning aggiunge: "È come entrare nella testa di un uomo e vedere pian piano la sua follia rivelarsi e divenire sempre più evidente. Si è impotenti e si può solo seguire lo svolgersi degli eventi. Sebbene le vicende di Macbeth siano ben note, ci sono molte sorprese."
Con Fassbender nel ruolo di Macbeth, l'attenzione dei produttori si è poi rivolta alla scelta di un regista che potesse integrarsi bene con lo stile unico del protagonista e aggiungere nuovi livelli alla tragedia classica. "Il fatto di avere Fassbender nel cast ha giocato un ruolo importante e molti professionisti sono stati interessati ad entrare nel progetto", Canning osserva.
Dopo aver visto SNOWTOWN, del regista Justin Kurzel, i produttori hanno deciso di sottoporgli la sceneggiatura. Il regista australiano ha alle spalle una vasta esperienza teatrale nel suo paese e il suo debutto alla regia ha vinto diversi premi nei festival di tutto il mondo.
Canning aggiunge: "SNOWTOWN racconta di come un omicidio, o una serie di omicidi, possano influenzare una intera comunità e di come quella comunità finisca per essere "governata" da quell'assassino. È una cosa attuale purtroppo nella società contemporanea, così come lo era quando Macbeth commise i suoi crimini".

Il produttore Laura Hastings-Smith aggiunge, riferendosi a SNOWTOWN: "È un regista che ha veramente scandagliato gli strati più nascosti della psicologia di un personaggio".
"Justin ha portato alla luce una combinazione unica del suo background teatrale e dell'attenzione alla verità storica del periodo medievale", nota Canning, "ma ha aggiunto anche quel senso precario e duro della vita di frontiera simile a quella dei western. Si tratta di un paesaggio difficile, in cui le persone cercano di sopravvivere e prosperare, e credo che Macbeth scelga l'atto omicida per migliorare la sua vita in un mondo duro".
Kurzel ha osservato e avvicinato la storia di Macbeth cercando di immaginare cosa significasse vivere a quel tempo e quanto potesse essere dura e persino brutale la sopravvivenza. "Mi ha ricordato la realtà dei western, con paesaggi e atmosfere che percepivo molto più pericolose rispetto ad altri adattamenti del Macbeth".
Ma è stato il concetto di Macbeth come guerriero che ha convinto Kurzel ad entrare nel progetto. "Volevo portare sul grande schermo l'ombra della guerra, mostrare come Macbeth reagisca a quella realtà o ne sia il prodotto, e come essa giochi un ruolo fondamentale nella sua ambizione di diventare re; ho trovato tutto questo molto interessante nei termini di un personaggio che cerca di superare un trauma o un dolore; ho provato una sorta di familiarità, di parentela".
La presenza di Fassbender è stata fondamentale per Kurzel che dice: "Non avrei accettato se non ci fosse stato Michael. L'ho conosciuto dopo il mio primo film e lui è di gran lunga uno dei più grandi attori della sua generazione; volevo disperatamente collaborare con lui".
In realtà, è stato dopo che Fassbender ha visto SNOWTOWN – e prima che l'idea di scegliere Kurzel per dirigere Macbeth fosse oggetto di discussione - che l'attore ha chiesto al suo agente di organizzare un incontro. "Volevo lavorare con lui", osserva Fassbender. "La sensazione di lui come persona e le conversazioni che avevamo avuto mi facevano pensare che avremmo lavorato bene insieme. Da lì in poi il rispetto e l'affetto che ho per lui come persona e per il suo modo di lavorare è costantemente cresciuto." E continua: "La sua visione dell'opera e la precisione nell'ottenere ciò che volevamo in ogni scena, ha portato chiarezza a ogni battuta."
"Guardare Justin dirigere gli attori è stato emozionante", afferma Hastings-Smith. "È come una sorta di masterclass. Quasi istantaneamente gli attori erano sotto la sua guida e in un breve tempo erano disposti a fidarsi della sua visione e a fare tutto ciò che gli veniva richiesto. Hanno viaggiato insieme in luoghi molto oscuri e Justin è molto abile a dirigere un attore."
Concorda Reynor: "Justin promuove un vero senso di cameratismo sul set, e tutti si sentono incoraggiati a fidarsi di lui. È impossibile resistergli e non credo ci sia una sola persona in questo film che non si fidi completamente di lui."
Questo vale particolarmente per Marion Cotillard, che ha accettato di interpretare il ruolo cruciale di Lady Macbeth, nonostante l'inglese non sia la sua lingua madre. "Sapevo che un giorno avrei interpretato Lady Macbeth", spiega Cotillard, sottolineando lo speciale legame che ha con la Scozia e in particolare con questa tragedia. "Ma ho sempre pensato che sarebbe stato in francese e a teatro. Quando mi è stato offerto il ruolo sono rimasta molto sorpresa."
Essendo una delle attrici di maggior talento della sua generazione, Marion Cotillard è stata una scelta quasi scontata per la parte di Lady Macbeth. E sebbene il personaggio sia di origine scozzese, la sua presenza ha aggiunto un ulteriore livello al film. "Ci ha permesso di inserire un personaggio che trasmette un senso di alterità", spiega Canning. "Tra lei e la sua comunità, soprattutto le altre donne, c'è una sorta di separazione, di differenza e questo aggiunge complessità al ruolo di Lady Macbeth. Questo aspetto, unito alla sua incredibile interpretazione, offre un modo del tutto nuovo di vedere Lady Macbeth."
Anche Jack Reynor è d'accordo e aggiunge: "Ha perfettamente senso che lei abbia mantenuto il proprio accento, aggiunge un livello diverso all'intero progetto. Inoltre lei è incredibilmente forte, una grande attrice e ci sono momenti del film in cui è lei a prendere il comando. È stato un onore lavorare con lei."
Kurzel sottolinea quanto Marion Cotillard abbia lavorato sodo per imparare bene la lingua di Shakespeare, nonostante la barriera linguistica. "È stato un impegno notevole soprattutto per chi è straniero", osserva. "Sia io che Michael eravamo entrambi entusiasti che Marion avesse accettato la parte; credo che lei abbia pensato che questa era un'occasione unica e che difficilmente le sarebbe capitata nuovamente, non poteva dire di no."
"Non potevo perdere l'occasione di interpretare questo personaggio in inglese", concorda Marion Cotillard. "Neil Swain ha lavorato con noi sul linguaggio, e lui non è solo un abile dialogue coach, ma soprattutto un esperto di Shakespeare. Siamo andati in profondità nel mondo di Shakespeare, e il nostro lavoro è stato molto più accurato che non trovare semplicemente il giusto accento, ritmo ed energia."
Cotillard dice che recitare con Fassbender è stato facile poiché fin dall'inizio tra i due si è creata una buona sintonia. "A volte incontri qualcuno e ti sembra di conoscerlo da sempre", osserva. "Questa è la sensazione che ho avuto con Michael; è una persona creativa e ricca di inventiva, ma queste sue capacità non sacrificano la semplicità e naturalezza con cui recita. Mi ha sorpreso tutti i giorni."
La stessa capacità di Marion Cotillard di accogliere e affrontare con grande spirito la sfida riflette l'atteggiamento di tutta la produzione e Kurzel ritiene che sia questo ad aver reso così intensa la loro collaborazione. "Avevamo tutti un po' di paura", ammette onestamente, "non solo per Marion che doveva cimentarsi nei versi shakespeariani, ma anche per Michael che interpretava Macbeth e per me che dovevo dirigere il mio secondo lungometraggio dopo aver fatto solo un piccolo film australiano. Avevamo tutti paura, ma penso che questo abbia contribuito a creare una tensione positiva e ci ha spronato a impegnarci per superarla."
"Penso che, alla fine, il pubblico sentirà una forte empatia con Macbeth e Lady Macbeth", osserva Hastings-Smith. "Ovviamente fanno cose terribili, che possono accadere anche alle persone buone, ma penso che in questo film si arrivi a comprendere la tragedia da un punto di vista molto umano."
Una volta selezionati gli attori per i ruoli principali, è stata la volta della scelta degli attori per i personaggi che ruotano intorno a Macbeth. "Volevamo che gli uomini intorno a Macbeth esprimessero anche loro la realtà della guerra", nota Canning parlando dei ruoli di Macduff e Banquo. "Sean Harris e Paddy Considine sono stati incredibili nel trasmettere questo aspetto guerriero, e ritengo che siamo stati in grado di collocare i personaggi di Macduff e Banquo al centro della storia in un modo in cui la dinamica del teatro non permette."
Il Banquo di Paddy Considine è un "ragazzo fortemente leale", dice l'attore. "È  apparentemente incorruttibile e ha un enorme conflitto morale quando scopre le azioni dell'amico. È meno turbato dalle profezie di quanto non lo sia Macbeth, ma è quando inizia a vedere il cambiamento dell'amico che comincia a mettere in discussione le sue motivazioni e i suoi obbiettivi."
Kurzel lo ha incoraggiato a portare al suo personaggio il tipo di lavoro e ricerca che aveva fatto nel film IN AMERICA – IL SOGNO CHE NON C'ERA di Jim Sheridan. "Mi sono divertito a portare quelle qualità al Banquo", osserva Considine. "Speriamo che lasci un segno nel pubblico."
Paddy Considine ha molto apprezzato dover recitare insieme a Lochlann Harris nel ruolo del figlio di Banquo, Fleance. "Lavorare con Lochlann è stato incredibile", dice l'attore. "Justin mi ha mostrato un sacco di provini, e non capivo perché chiedesse il mio parere, ma quando ho visto Lochlann, ho capito che si differenziava da tutti: la sua fisicità, i suoi movimenti, tutto in lui era perfetto. Lochlann ha quella scintilla che si vede nei giovani attori, la stessa che ho vista in Thomas Turgoose in THIS IS ENGLAND."
Jack Reynor interpreta Malcolm. L'attore, che non ha alcun background nel teatro classico, ha detto: "conoscevo Michael già prima di girare il film; ho colto al volo l'opportunità di lavorare con lui. Poi ho saputo che Justin Kurzel, che avevo visto in SNOWTOWN, avrebbe diretto il film. Considero molto interessante il lavoro che ha fatto in SNOWTOWN, è un ritratto incredibilmente forte di quella parte del mondo e di quella società. Ho pensato che avrebbe fatto grandi cose anche in questo film."
A Reynor piace molto l'evoluzione del suo personaggio nel film. "Malcolm è un ragazzo giovane che sta cercando di diventare un uomo e assumersi le sue responsabilità", dice. "È  stato interessante affrontare l'idea che quando suo padre muore, crolla psicologicamente e si rifugia nel fatto di essere un ragazzo e per questo vulnerabile, ma poi trova la forza di rimettersi in piedi e si fortifica per ricoprire il suo ruolo e tener fede ai suoi doveri."
Reynor ha inoltre molto apprezzato la possibilità di lavorare con David Thewlis, che interpreta Duncan e, a tal proposito, ha detto con entusiasmo: "la prima volta che sono stato al cinema ho visto un film con David. È stato magnifico essere sul set con lui. Ha trasmesso l'idea di un re consapevole e un po' titubante, con il quale è naturale entrare in empatia e soffrire per lui. Il suo unico crimine è di non essere forte come suo padre."
Iain Canning aggiunge "Normalmente per il ruolo di Duncan si tende a scegliere un attore molto più vecchio di Macbeth; abbiamo preferito cercarne uno che rappresentasse una sfida sia fisica che mentale per Macbeth. David era la scelta perfetta per Duncan, per la sua capacità di combinare potenza e vulnerabilità e per aver saputo dare profondità ad un personaggio che spesso non viene molto messo in evidenza."

LE LOCATION

Il film è stato girato in 7 settimane, 36 giorni di riprese di cui solo 6 giorni non hanno richiesto riprese in esterni. "Il regista ha voluto girare nel modo più autentico possibile," dice Hastings-Smith in merito alla decisione di lavorare sul posto. "Justin ha voluto creare un mondo veramente credibile e in questa sua logica ha fatto spesso riferimento ai paesaggi duri e desolati dei Western. La durezza del mondo del Macbeth ha reso anche il paesaggio un personaggio reale del film."
Il regista Kurzel ha sottolineato: "È stata una cosa intenzionale girare la maggior parte delle scene in esterni e ha comportato ovviamente molte sfide, ma ha conferito al film il senso di un forte legame con i luoghi, gli ha dato un'impronta molto realistica. L'interpretazione dei personaggi si fonde con il paesaggio creando un legame unico con i versi e la narrazione."
Le riprese hanno dovuto affrontare molte difficoltà soprattutto per il fatto di dover girare durante i mesi invernali. "A un certo punto abbiamo pensato che William Shakespeare in persona stesse giudicando le nostre scelte," scherza Canning. "A volte sembrava favorevole a ciò che stavamo facendo, garantendo un tempo ideale per poter girare le scene, mentre in altre occasioni, come in Gran Bretagna, abbiamo dovuto affrontare condizioni climatiche terribili – forse, semplicemente, ci ha voluto fermare per un po'."

Ma in fondo, secondo Canning, Macbeth è una storia in cui il clima è molto importante. "Le tempeste riflettono molto di ciò che accade e abbiamo voluto sfruttare questo aspetto. Inizialmente avevamo pensato che avremmo sfruttato gli effetti speciali per realizzare alcune scene, ma ci siamo trovati davanti a delle vere occasioni naturali".

Secondo Hastings-Smith, è stato proprio Michael Fassbender a guidare e aiutare tutto il cast e la troupe ad affrontate condizioni così difficili. "È un attore che si impegna moltissimo ed è anche forte fisicamente; la sua concentrazione sul ruolo lo ha reso un leader e un esempio per tutti noi", osserva. "È un po' come se pensassimo: se lo fa Michael, allora possiamo farlo anche noi."

Tutti gli attori hanno affrontato le difficoltà dell'ambiente senza lamentarsi. "Marion ha dovuto fare alcune scene estreme, a piedi nudi sulla grandine. Anche lei è una professionista molto seria. Penso che sia per il fatto di credere veramente nel film e in Justin, che tutti siano riusciti ad affrontare in modo incredibile ogni scena e questo ci ha permesso di ottenere un gran risultato."

Marion Cotillard aggiunge: "Quando sei trasportato e motivato dall'energia di un grande regista e dall'opportunità di raccontare una storia come questa, allora, sì, senti che fa freddo, ed a volte è molto difficile, ma trovi l'energia di farlo perché ne percepisci la magia."

"Ci siamo sentiti tutti molto solidali e uniti", dice Kurzel "quando vedi il tuo scenografo letteralmente volare davanti alla cinepresa perché spinto da una folata di vento o vedi Marion Cotillard scomparire in un buco nella palude mentre cammina, ci si sente tutti molto vicini e guidati da un unico obbiettivo."

Fassbender aggiunger ridendo: "Tutto quello che riuscivi a vedere della troupe erano gli occhi che spuntavano dalle loro attrezzature anti-pioggia - le persone che lavorano da 25 anni in questo settore hanno sperimentato già le peggiori condizioni climatiche e sono quindi ben attrezzate."

Kurzel aggiunge: "Penso che si percepisca la fatica che c'è dietro, e spero che il fatto che il paesaggio giochi un ruolo così fondamentale nella psiche di Macbeth venga colto dal pubblico."

"Justin è un vero artista e credo che, come tale, non possa non essere stato toccato dalla forza degli elementi della Scozia", spiega Cotillard. "C'è qualcosa in quella natura e in quei luoghi, una specie di misticismo. C'è molto di più di ciò che si vede apparentemente. "

Nel film c'è la scena di una battaglia che dura per più di dieci pagine di sceneggiatura. Il cinema ti dà l'occasione di mostrare ciò che è impossibile fare a teatro," dice Canning; "è una battaglia che normalmente viene raccontata da Banquo e non rappresentata; è stato molto importante visualizzare tutti i personaggi sul campo di battaglia e poi seguirli nell'evoluzione delle loro vite per  vedere come quell'esperienza abbia influito su di loro."

Nel girare la scena della battaglia, Kurzel si è concentrato sul punto di vista dei personaggi principali e su quello delle tre streghe che sono un elemento centrale delle prime scene, poiché profetizzano a Macbeth ciò che lo ossessionerà per la resto della storia.

È stata tra le prime scene ad essere girate. Osserva Kurzel: "piuttosto che rappresentare in modo narrativo la battaglia, il focus è sui pensieri di Macbeth, e di come questi lo stiano condizionando."

Per assicurarsi un risultato verosimile e realistico, si è sfruttato un esercito di rievocatori storici di battaglie. Kurzel ha detto: "Questi ragazzi trascorrono i loro fine settimana a fare rievocazioni, quindi la loro dedizione e passione verso ciò che fanno o che, in questo caso, gli è stato richiesto di fare, è stato davvero notevole." Fassbender aggiunge scherzando: "Credo che solo due di loro non siano tornati a girare. Di tutti i guerrieri in campo ne abbiamo persi solo due. Molti di loro sono stati in giro mezzi nudi, ed era un freddo che non so spiegare, visto che era la fine di gennaio; pioggia e temporali erano all'ordine del giorno."

Uno dei temi chiave da esplorare, attraverso la rappresentazione della battaglia delle sue conseguenze, è stato il concetto di stress post-traumatico e di come questo agisca sulla mente di Macbeth.

"Justin ha subito compreso che il personaggio era affetto da PTSD", osserva Fassbender. "Ha allucinazioni e questo conferma la presenza di un certo grado di psicosi. Viene fuori durante la scena del banchetto dove fondamentalmente parla da solo: se qualcuno mi conosce, allora sa che soffro di questi strani attacchi. Nel dire questo si evidenzia che il suo stato psicotico è antecedente e ho pensato che fosse una chiave di lettura interessante per approfondire il personaggio e ciò che accade nella sua mente."

"Solitamente le rappresentazioni di Macbeth mettono in primo piano due personaggi avidi che desiderano di più," osserva Kurzel, "ho pensato quindi che sarebbe stato interessante cambiare la prospettiva e dopo averci pensato a lungo, ho deciso di concentrare il focus su due personaggi che cercano di colmare un vuoto – dovuto ad un dolore o una perdita o di qualunque altra natura sia."

Conferire alla figura di Macbeth il senso del valoroso guerriero che torna distrutto dalla guerra, ha ovviamente influito sul suo rapporto con la moglie. Canning fa notare: "Ci interessava esplorare come Lady Macbeth debba affrontare un marito che, tornato dalla guerra, non è che un ricordo dell'uomo che era partito e che lei amava. Le esperienze vissute sul campo di battaglia l'hanno cambiato. Si aggiunge quindi un ulteriore livello di complessità al loro rapporto. "

Marion Cotillard ha lavorato a stretto contatto con Fassbender per individuare perfettamente la giusta dinamica tra Lady Macbeth e suo marito. "Michael e Marion si impegnano totalmente in ciò che fanno", dice Kurzel. «E hanno fatto uno straordinario e intenso lavoro prima di iniziare le riprese."

IL LOOK – LA SCENOGRAFIA

Per Hastings-Smith, lo stile visivo del film è molto appropriato e perfettamente in linea con il suo intento tematico. "La logica che sottende tutte le scelte estetiche e visive, ha reso possibile fare in modo che guardando il film, ci si senta veramente in quei luoghi e ai quei tempi."

La scenografa Fiona Crombie riferisce che l'indicazione che ha ricevuto da Kurzel è stata quella di creare un mondo "vivo e realistico", in cui anche un pubblico moderno potesse immedesimarsi nonostante l'ambientazione storica. "Non volevamo che sembrasse finto o irreale," dice. "la nostra intenzione principale era fare in modo che tutto potesse essere percepito come vicino all'esperienza umana."

Kurzel ha voluto rispettare l'ambientazione storica e dice: "abbiamo studiato nel dettaglio gli aspetti della Scozia del XI secolo," osserva Crombie, "Abbiamo creato la location di Inverness molto simile, credo, a quello che sarebbe stata allora."

Crombie dice che la sua inclinazione naturale è quella di includere quanti più dettagli possibile: "è così che mi piace lavorare, e penso che aiuti tutti. Collaboro con Justin da molto tempo, e sappiamo come lavorare bene insieme."

Insieme al set decorator Alice Felton, Fiona Crombie non ha trascurato nemmeno il più piccolo dettaglio: "Cosa possiamo aggiungere alla scena per non renderla debole?  Qualunque cosa venga aggiunta, deve trasmettere il senso storico corretto."

Tra le location scelte, la produzione ha girato alla Cattedrale di Ely -  che nel film diventa Dunsinane. "È un luogo indubbiamente molto suggestivo e bello, ma quello che mi piace è che è imperfetto. Le mura non sono simmetriche, i pavimenti sono irregolari, si percepisce che non è tutto armonioso," spiega Crombie.

Il produttore Canning ha sottolineato che a nutrire tutte le scelte del progetto è stata sempre la speranza che, dando al Macbeth toni più viscerali e cupi, una nuova generazione di spettatori avrebbe potuto sentirsi più coinvolta e vicina alla tragica storia raccontata da Shakespeare. A tal proposito ha detto: "La nostra intenzione è far capire che tutto ciò potrebbe accadere anche oggi. Abbiamo voluto trasmettere sensazioni molto realistiche. I personaggi potrebbero essere vivi oggi e compiere le stesse azioni orribili. Ci interessava fare in modo che il pubblico sentisse di assistere a qualcosa di diverso rispetto alle precedenti messe in scena."

"È un'esperienza che terrà incollati alla poltrona. Un cast giovane invoglierà un pubblico giovane e più ampio rispetto a quello che normalmente andrebbe a vedere un film di Shakespeare. "

Hastings-Smith aggiunge: "Il nostro Macbeth non è la tragedia come l'abbiamo conosciuta a teatro o leggendola. È veramente un film per il grande schermo."

Apri Box Commenti