The Disaster Artist (2017)

The Disaster Artist

Locandina The Disaster Artist
The Disaster Artist (The Disaster Artist) è un film di genere Biografia e Commedia di durata circa 103 minuti diretto da James Franco con protagonisti Dave Franco, James Franco, Seth Rogen, Ari Graynor, Alison Brie, Jacki Weaver.
Prodotto da Good Universe nel 2017 in USA [Uscita Originale il 08/12/2017 (USA)]

TRAMA

In The Disaster Artist, il regista James Franco trasforma la tragicomica storia vera dell'aspirante regista, e famoso outsider di Hollywood, Tommy Wiseau – artista la cui passione era genuina tanto quanto discutibili erano i suoi metodi – nella celebrazione dell'amicizia, dell'espressione artistica e dell'inseguimento dei sogni contro ogni pronostico. Basato sul best seller di Greg Sestero, che rivelava ogni cosa sulla realizzazione del "disastroso" classico di culto di Tommy, The Room ("Il Più Grande Peggior Film Mai Realizzato"), The Disaster Artist è un ironico e gradito avvertimento che ci ricorda come ci sia più di un modo per diventare una leggenda, e che non ci sono limiti a quello che si può ottenere anche quando non si ha assolutamente idea di cosa si stia facendo. 

Data di Uscita ITA: Solo Home Video
Data di Uscita USA: Venerdì 8 Dicembre 2017
Data di Uscita Originale: 08/12/2017 (USA)
Genere: Biografia, Commedia, Drammatico
Nazione: USA - 2017
Formato: Colore
Durata: 103 minuti
Produzione: Good Universe, New Line Cinema, Point Grey Pictures, RabbitBandini Productions, Ramona Films, RatPac-Dune Entertainment
Box Office: USA: 19.467.278 dollari | Italia: 76.315 euro
Soggetto:
Basato sul romanzo 'The Disaster Artist: My Life Inside the Room, The Greatest Bad Movie Ever Made' di Greg Sestero e Tom Bissell.
In HomeVideo: in Digitale da Giovedì 7 Giugno 2018

Cast e personaggi

Regia: James Franco
Sceneggiatura: Scott Neustadter, Michael H. Weber
Musiche: Dave Porter
Fotografia: Brandon Trost
Scenografia: Chris L. Spellman
Montaggio: Stacey Schroeder
Costumi: Brenda Abbandandolo

Cast Artistico e Ruoli:
foto Dave FrancoDave Franco
Greg / 'Mark'
foto James FrancoJames Franco
Tommy / 'Johnny'
foto Ari GraynorAri Graynor
Juliette / 'Lisa'
foto Jacki WeaverJacki Weaver
Carolyn / 'Claudette'
foto Zac EfronZac Efron
Dan / 'Chris-R'
foto Josh HutchersonJosh Hutcherson
Philip / 'Denny'
foto June Diane RaphaelJune Diane Raphael
Robyn / 'Michelle'

Recensioni redazione

The Disaster ArtistThe Disaster Artist, recensione del film

7/10
Matilde Capozio
James Franco ci porta dietro le quinte di quello che è definito 'uno dei peggiori film di tutti i tempi' con un racconto ironico sul mondo di Hollywood, interpretato da un grande cast.

News e Articoli

The Disaster ArtistThe Disaster Artist di James Franco al cinema

La tragicomica storia vera dell'aspirante regista, e famoso outsider di Hollywood, Tommy Wiseau in una celebrazione dell'amicizia, dell'espressione artistica e dell'inseguimento dei sogni contro ogni pronostico.

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina italiana
Foto e Immagini The Disaster Artist
Locandina italiana

LA PRODUZIONE

Nel 2003, uno sconosciuto regista indipendente si è lanciato da solo nel mondo del cinema, con uno dei peggiori film mai realizzati - The Room, un melodramma romantico e torrido incentrato su un triangolo amoroso che finisce in tragedia, scritto, diretto e prodotto da Tommy Wiseau. Questa figura enigmatica dai capelli tinti di nero, che parla con uno spiccato accento straniero, diventò famoso a Hollywood dopo aver installato un enorme poster su Highland Avenue, promuovendo il suo progetto bizzarro e vanitoso costato 6 milioni di dollari. Il poster mostrava il primo piano di Wiseau in atteggiamento da duro, con gli occhi mezzi chiusi e una frase ad effetto errata che citava, "un dramma degno di Tennessee Williams".

Presentato in anteprima in due schermi della California del Sud e scomparso brutalmente, dopo aver incassato la misera cifra di 1.800 dollari in due settimane di programmazione, The Room è tornato a nuova vita negli anni seguenti, protagonista di proiezioni di mezzanotte grazie al passaparola. Nel corso del tempo, Wiseau si è prestato al ruolo del perfetto sconosciuto diventato famoso per caso nel mondo di Hollywood, per aver inseguito il suo sogno da ottenere ad ogni costo.

Arriviamo così al 2013, anno in cui Greg Sestero, uno dei protagonisti di The Room, pubblica The Disaster Artist, un racconto del giovane attore sul suo trasferimento a Los Angeles e la realizzazione di The Room dopo aver conosciuto Wiseau in una scuola di recitazione di San Francisco, oltre che del loro legame che si fondava sul reciproco amore per James Dean. Prima della pubblicazione da parte di Simon & Schuster, la brutta copia del libro (scritto a quattro mani con Tom Bissell) finì nelle mani dello sceneggiatore/regista/produttore James Franco, che si trovava a Vancouver per le riprese di The Interview assieme al suo coprotagonista dei tempi di Freaks & Geeks, Seth Rogen. Franco non aveva mai visto The Room, ma si innamorò immediatamente del divertente ed affascinante racconto di Sestero, sulla realizzazione accidentale del film - e di come ha trovato l'amicizia nel mezzo di un disastro.

"Tommy ha fatto il suo film con l'intenzione di realizzare un dramma ma la gente ne rideva", dice Franco. "Il libro di Greg parlava di Hollywood, ma era anche la storia di questi spostati coinvolti nella produzione di The Room. Ho visto The Disaster Artist come un racconto sull'industria vista dal suo interno, raccontata dagli occhi di alcuni outsider, un po' come successe in Ed Wood, un film che ho amato molto". Franco è stato solleticato dall'idea di un'amicizia ambientata dietro le quinte di un film disgraziato che, contro ogni previsione, ha finito per deliziare le platee di tutto il mondo. Ha opzionato il libro e, come tributo a Wiseau, ha deciso di dirigere, produrre e recitare nell'adattamento del film. Nel ruolo di Wiseau - contrapposto al suo fratello minore Dave, con due improbabili amici alla ricerca della gloria creativa in modo inaspettato quanto vincente.

Dietro The Room

Nella sua trasformazione da film da mezzanotte a fenomeno culturale, The Room diventò un'ironica storia di successo come mai prima nella storia di Hollywood. Il film è un fenomeno di enormi proporzioni che attira chiunque, dai ragazzi del college a cabarettisti agli sceneggiatori. Il pubblico fa la fila agli spettacoli di mezzanotte in tutto il paese, attrezzati di oggetti di scena - tra cui cucchiai di plastica e palloni da football - che vengono scagliati da una parte all'altra dei cinema mentre vengono recitati commenti sui bizzarri dialoghi del film, sulla recitazione e sulle pieghe della trama. Nel 2008, Entertainment Weekly si è interessato al fenomeno con un'enorme inchiesta, a documentare il pazzesco culto del film, che era iniziato con un misterioso poster fino a diventare una sensazione globale.

Nel 2003, lo sceneggiatore Scott Neustadter, giunto da poco a Los Angeles sperando di costruirsi una reputazione a Hollywood, vide il famoso poster del film di Wiseau mentre guidava in giro per la città, restandone immediatamente colpito. "Era solo la faccia di un tipo che guardava verso il basso e un numero di telefono", dice Neustadter. "Pensavo si trattasse di un ristorante oppure un nightclub - era impossibile capirne il significato. Non l'ho saputo fino a quando ho chiesto a qualcuno cosa fosse, e ho capito che era un film che veniva messo in cartellone periodicamente. Tempo dopo ho sentito che era solo un film inguardabile, eppure c'erano persone che ne parlavano. Quanto poteva essere brutto?"

Le origini ignote di Wiseau e il suo background, divennero oggetto di discussione e gossip, mentre la sua leggenda cresceva e il suo famoso disastro acquisì popolarità. Diceva di venire da New Orleans, ma senz'altro proveniva dall'Europa dell'Est - un produttore paragonò il suo accento inclassificabile come un mix tra l'umano e l'Ewok. Autofinanziò i 6 milioni di dollari di budget di The Room grazie al suo patrimonio personale, presumibilmente costituito da negozi e case situate nell'area di San Francisco. In definitiva, Wiseau mantenne in bella vista il suo famoso poster per i cinque anni che seguirono la tiepida iniziale uscita del film, sborsando 5.000 dollari al mese per far entrare il film nel cuore e nella mente dei guidatori di auto e moto di Los Angeles. Dopo aver infranto ogni regola di Hollywood, Wiseau divenne di fatto un elemento dell'industria dello spettacolo.

Quindici anni dopo la maldestra premiere, The Room è ancora oggi oggetto di discussione, di cui si ride ma che è anche amato - perfino nell'establishment di Hollywood, che emarginò Wiseau per lunghi anni. "Di solito non si finanzia il proprio film, invece Tommy lo ha fatto per The Room, il che sembra pazzesco", dice il produttore di The Disaster Artist, Evan Goldberg della Point Grey Pictures, socio in affari di Seth Rogen. "Acquistò di persona le attrezzature e scrisse la sceneggiatura, fece tutte quelle cose che sarebbe bene non fare quando stai per realizzare un progetto cinematografico originale. Eppure funzionò!"

Lo sceneggiatore Michael H. Weber - che ha adattato The Disaster Artist assieme al suo socio di scrittura Scott Neustadter - vede nella fallimentare farsa di Wiseau e nelle sue origini misteriose, una storia di ispirazione e speranza, frutto della mente di un appassionato. "Non conosciamo tutti i dettagli del passato di Tommy, ma dopo qualche difficoltà è riuscito a realizzare un film che viene ancora visto e fa discutere tantissime persone di tutto il mondo", dice Weber. "Molte persone gli hanno chiuso la porta in faccia prima che questo succedesse, ma lui ha insistito ed è comunque riuscito nel suo intento, e per me questo è stato fonte di ispirazione".

Rogen, che è uno dei protagonisti del film, oltre ad esserne il produttore, era un fan di The Room di vecchia data, e interpreta il supervisore alla sceneggiatura Sandy Schklair, l'unica persona ragionevole su un set di folli. Rogen paragona il progetto di Wiseau all'atto estremo di espressione fuori dagli schemi: "The Room è strano e pazzo e sembra non avere senso, spesso incomprensibile, grazie alla mancanza di logica e motivi su quanto succede al suo interno. Ma più scopriamo il passato e l'amicizia tra Tommy e Greg, più ci si appassiona alla loro storia. Tommy ha fallito completamente in un senso, ma è anche riuscito in qualcosa grazie al modo con cui si è espresso con The Room".

La Storia di Sestero

Sestero ha sceneggiato The Disaster Artist, dopo che The Room aveva trovato sorprendentemente una sua seconda vita, come film di culto negli spettacoli notturni. Il memoriale spiega i giorni all'inizio della sua amicizia con Wiseau, quando entrambi erano aspiranti attori e vivevano a San Francisco. Sestero aveva 19 anni quando conobbe Wiseau durante una lezione di recitazione, diventando partner di scena dopo che Wiseau interpretò in modo strampalato, uno dei famosi monologhi di Marlon Brando in Un tram chiamato desiderio. "C'era qualcosa in lui che non mi faceva staccare gli occhi di dosso - ogni cosa che fece in quella lezione fu tecnicamente sbagliata" dice Sestero. "La sua recitazione fu una catastrofe, ma c'era comunque qualcosa di artisticamente valido".
Fuori dalla classe vide un lato di Wiseau che era gioioso, motivante e divertente, incoraggiando i suoi amici creativi a dare il massimo, di provarci comunque, anche contro ogni possibilità. "Non era uno che si drogava, era combattivo e di ispirazione e mi fece sentire come i miei genitori non avevano mai fatto, che al contrario volevano che la smettessi con le mie velleità artistiche e mettere su famiglia", dice Sestero. "Nel momento che ho visto Tommy recitare quel monologo in classe, ho capito che lui era una persona con cui potevo fare amicizia".

Una sera, per un capriccio, guidarono per tre ore fino al luogo dell'incidente in cui perse la vita James Dean, nella California Centrale. Entrambi sognavano di diventare attori, la visione del mondo di Tommy - fare qualunque cosa per l'arte - fu d'ispirazione per l'adolescente Sestero, che era ancora alla ricerca di sé stesso. La loro amicizia si rafforzò quando Wiseau offrì al giovanotto una stanza in affitto nel condominio in cui abitava, a West Hollywood, dopo che Sestero alla fine si decise a trasferirsi a Los Angeles e dare il via alla sua carriera di attore, verso al fine degli anni '90. In seguito, Wiseau propose a Sestero il ruolo di protagonista nel suo progetto di lunga gestazione, The Room.

"Forse Greg è stata la prima persona nella vita di Tommy che è riuscito a vedere oltre le sue apparenze bizzarre e lo ha trattato come un essere umano", dice Dave Franco. " Era un vero amico per Tommy, che di contro valutava le sue opinioni, lo incoraggiava e lo spronava nel suo percorso. Inconsciamente, probabilmente Greg sapeva che Tommy si era inventato parecchie cose sul suo passato, ma a lui non importava granché, perché per lui Tommy era veramente un grande amico".

Come raccontato in The Disaster Artist, la produzione durata otto mesi di The Room, fu un disastro di proporzioni epiche. Storia di un bancario di San Francisco di nome Johnny (Wiseau) che rimane invischiato in un triangolo amoroso tra sua moglie Lisa (Juliette Danielle) e il suo migliore amico Mark (Sestero), il film è un'accozzaglia di dialoghi terribili, recitazione improponibile e narrativa senza senso. Wiseau, che per capriccio sostituiva continuamente gli attori, stupì il cast e la troupe girando simultaneamente sia su pellicola che in digitale, spendendo migliaia di dollari per l'acquisto di attrezzature che la maggior parte dei registi alle prime armi di solito noleggiava. Ad un certo punto, la sua troupe della produzione era composta da oltre 400 persone - un numero enorme di persone per un progetto così piccolo, indipendente e autofinanziato.

Wiseau si ritagliò per sé il ruolo del protagonista Johnny, utilizzando il ruvido ed affannato metodo di recitazione messo in mostra durante le lezioni a San Francisco assieme a Sestero. Fece sua la frase immortale di James Dean, "Mi avete rotto i timpani!" dal film Gioventù bruciata, utilizzandola nella più famosa e ridicolizzata scena di The Room. Diretto da lui stesso, la performance di Wiseau è diversa da ogni altra vista sui film, una cosa che colpì molto James Franco quando finalmente riuscì a vedere il film anni dopo la sua uscita in sala. "Si affanna per essere una cosa e allo stesso tempo combatte tutte le altre cose che ostacolano la sua riuscita, e questo lo si percepisce durante la sua performance", dice Franco. "Per il suo ruolo di Johnny ha creato uno sforzo quasi Dostoyevskiano. Con The Room ha cercato veramente di esprimere qualcosa - i suoi sentimenti, le sue esperienze di vita, il dolore per essere stato respinto dal mondo".

Entriamo in The Room

Franco ricorda di aver notato il poster di Wiseau, durante i suoi primi anni di attore a Los Angeles e pensò che la pubblicità somigliasse allo stile impudente di auto promozione tipico dell'icona di Hollywood, Angelyne. Ma fu solo quando lesse The Disaster Artist nel 2014, che Franco si mise alla ricerca di un cinema che proiettasse il famoso film. Dopo averlo visto, ne divenne immediatamente un iniziato, riconoscendo elementi di Sunset Boulevard, Boogie Nights e Il Talento di Mr. Ripley nell'improbabile ascesa alla fama di Tommy Wiseau. Riconobbe anche un tocco surreale e moderno del Sogno Americano. "Questo ragazzo arriva qui e si mette in testa di diventare una stella del cinema e, contro ogni probabilità, trova la sua visione, lo dirige e la gente finisce anche per amarlo", dice Franco. "Non nel modo che lui pensava, certamente, ma Tommy questo non lo sa. Ho capito che c'era anche un altro lato della storia - la prospettiva di Greg - che rende il film The Disaster Artist ancora più interessante".

A quel tempi, Franco stava cercando un punto di svolta nella sua carriera, che avvenne verso la fine del secolo scorso con Freaks & Geeks e il ruolo da protagonista nei panni di James Dean nel celebre film per la TV di Mark Rydell, incentrato sull'attore icona. Muovendosi con disinvoltura dalla recitazione alla sceneggiatura, alla regia e alla produzione, Franco aveva esaurito le forze all'inseguimento del successo nel cinema, per poi ritrovare nuova energia con le commedie, The Pineapple Express e This Is the End, molto apprezzate dal pubblico. Ha immaginato The Disaster Artist allo stesso modo come fatto per quei successi - una commedia divertente e di ampio respiro, progettata per arrivare ad una platea vasta. "Il libro di Greg mi ha aperto gli occhi proprio come successo a Tommy dopo che The Room trovò una nuova vita", dice Franco. "Bisogna accettare la percezione che la gente vuole avere di te pur rimanendo sempre sé stessi. Quello che mi è piaciuto di più dopo aver letto The Disaster Artist, è il fatto che cattura veramente i desideri di Tommy, il suo sogno di fare carriera a Hollywood. E questi sono davvero i sogni delle persone creative - creare qualcosa che raggiunga tantissima gente, trovare una comunità di persone con i quali poterci relazionare attraverso il nostro lavoro".

Franco era nel pieno delle riprese di The Interview a Vancouver, quando ha avuto modo di parlare al telefono con Wiseau e Sestero nel bel mezzo della notte, dopo che aveva opzionato il libro di Sestero. "Non sapevo quanto Tommy potesse essere un maniaco del controllo, o quanto era cambiato dai tempi di The Room", dice Franco. "Una delle prime domande che mi ha fatto Tommy è stata, 'Chi interpreterà me?' Ho risposto che non lo sapevo e lui ha suggerito Johnny Depp - una delle stelle più grandi del mondo, naturalmente".

Fu Sestero a suggerire che Franco potesse interpretare Wiseau in The Disaster Artist. "Seguivo James da quando fece il film su James Dean", dice Sestero. "Ha interpretato il migliore Dean che abbia mai visto - e ho sempre pensato che nella nostra storia ci fosse un qualcosa relativo allo spirito di Dean, come ad esempio la frase 'Mi hai rotto i timpani!', che è sempre stata motivo di ispirazione per la nostra amicizia". Tempo dopo, Sestero confidò a Franco che Wiseau gli aveva detto che le uniche persone che voleva lo rappresentassero sul grande schermo, erano Depp o Franco stesso.

Mentre le riprese di The Interview andavano avanti, Franco consigliò di leggere The Disaster Artist al suo coprotagonista, Seth Rogen, credendo che quel progetto fosse giusto per la compagnia di Rogen, la Point Grey Pictures, che era forte del successo delle commedie 50/50, This Is the End e Neighbors. "La compagnia di produzione di Seth faceva le cose con intelligenza, ma erano ancora troppo legati al sistema dei grandi studi", dice Franco. "Avrebbero potuto realizzare questi film e avere voce in capitolo. Stavano facendo esattamente i film seguendo i loro dettami".

Franco voleva anche prendersi una pausa dalla regia di film indipendenti di prestigio, come As I Lay Dying, il suo adattamento del classico di William Faulkner, e Child of God, basato su uno dei primi romanzi di Cormac McCarthy - lavori ammirevoli ma che non giovavano alla sua carriera di regista nei confronti del grande pubblico. "Sono molto più vicino a Tommy Wiseau in questa storia di quanto riesca ad ammettere", dice Franco. "Child of God non è stato proprio un grande successo di botteghino".

La Sceneggiatura

Con la Point Grey, Good Universe e Ramona Films impegnati nella produzione, Franco ha contattato Scott Neustadter e Michael H. Weber, che diedero inizio alle loro carriere con la contagiosa commedia romantica, (500) giorni insieme poi seguita da film di circuiti maggiori apprezzati anche dalla critica come, Colpa delle stelle e The Spectacular Now. Franco ha visto nella loro amicizia qualcosa che gli ricordava il legame creativo unico tra Sestero e Wiseau. "Mi sembravano la loro versione di Greg e Tommy, nel senso della loro amicizia collaborativa", dice Franco. "Scott e Michael scrivono sceneggiature molto valide sulle relazioni, anche se in realtà non avevano mai scritto prima un film simile".

Gli sceneggiatori, che hanno dato inizio alle rispettive carriere dopo aver lavorato ad un progetto comune, hanno guardato a The Disaster Artist come alla storia di un'amicizia fra due persone che condividono lo stesso sogno. "Non è un film che parla dei film, quanto una storia di sognatori e di persone che vogliono realizzare qualcosa a tutti i costi, ma che non ne hanno i mezzi o le potenzialità", dice Neustadter. "Ci sentiamo molto vicini a quel racconto". Weber aggiunge: "Greg e Tommy si danno ciò che serve l'un l'altro per andare avanti e realizzare il loro sogno. Uno ha fiducia nel mondo, ma non l'abilità necessaria per farlo mentre l'altro sta più sul pezzo, anche se non ha voce in capitolo sul lavoro interiore di creatività. Non ha fiducia nè volontà di inseguire il suo sogno fin quando conosce quest'altra persona, Tommy Wiseau".

Ciò che gli sceneggiatori sono riusciti a evidenziare bene in The Disaster Artist , è la fretta spasmodica e lo spirito divertito che spesso viene a galla quando i due si trovano sulla stessa lunghezza d'onda, sia come amici, amanti o soci creativi. Nel ricreare lo stesso spirito chiassoso e gioioso della loro commedia d'esordio, (500) giorni insieme - nella quale il compassato impiegato Joseph Gordon-Levitt torna allegramente alla vita dopo essersi innamorato della sua collega, Zooey Deschanel - Neustadter e Weber si ritrovano alle prese con la magia cinematografica del potere delle relazioni. "Inseguire il nostro sogno, a volte ci rende solitari e Greg e Tommy arrivano a credere in loro stessi proprio quando nessun altro riesce a fare altrettanto", dice Neustadter. "Ci siamo passati entrambi. Anche noi eravamo convinti di poter riuscire a scrivere mentre le persone ci dicevano,'Dai, ragazzi. Quando la smetterete di sognare?' Ci siamo rivisti in quei personaggi in modo molto forte".

L'Assemblaggio del Cast

Una volta completata la sceneggiatura, Franco si è assegnato il ruolo di Wiseau e subito dopo ha scritturato suo fratello, Dave Franco, in quello di Greg Sestero, nonostante i due fratelli non siano mai apparsi prima nello stesso film. Avevano recitato insieme in una serie di cortometraggi di Funny or Die, e insieme hanno dato vita ad una compagnia di produzione cinematografica, ma il minore dei Franco ha fatto il suo percorso nell'intrattenimento non intenzionato a condividere la notorietà con suo fratello maggiore.

James spiega, "In passato ho provato a scritturare mio fratello per grossi progetti, ma lui ha sempre rifiutato perché non voleva vivere nella mia ombra - ha sviluppato la sua identità che è differente dalla mia. Quando stavamo lavorando ai video di Funny or Die - parodie di lezioni di recitazione nel quale io interpretavo me stesso in maniera esagerata e lui era un mio studente - ho capito che le nostre dinamiche insieme erano perfette per la relazione al centro di The Disaster Artist". Dave aggiunge: "Ovviamente conosco mio fratello da sempre, e abbiamo una dinamica particolare in termini di supporto che è parallela a quella tra Tommy e Greg, nel senso che uno invoglia l'altro a seguirlo nei suoi inizi, aiutandolo a rafforzare la sua carriera, proprio come mio fratello ha fatto con me quando mi sono trasferito a Los Angeles".

Dave stava girando un altro film a Boston quando suo fratello gli offrì la parte di Greg Sestero, invitandolo a guardare subito The Room durante una pausa delle riprese. "Il mio primo pensiero è stato capire come diavolo siano riusciti a fare quello che hanno fatto, e perché questo film si sia rivelato un successo", dice Franco. "Ma dopo averci riflettuto, tutto ha avuto un senso - il film si potrebbe collocare al di sopra degli Sharknados del mondo, perché a Tommy non è mai passato per la testa che stava facendo un brutto film. Le intenzioni dietro a The Room erano così pure nella testa di Tommy, che pensava avrebbe vinto l'Oscar con la sua recitazione"

Il cast stellare del film vede anche la presenza del collaboratore di lungo corso di Franco, Seth Rogen, interprete del tormentato supervisore alla sceneggiatura Sandy Schklair - l'unico membro sul set di Wiseau in possesso di una reale esperienza nella cinematografia. Alison Brie si è unita al cast per il ruolo di Amber, la ragazza che mette a repentaglio l'amicizia tra Sestero e Wiseau, la quale esige che il giovane attore lasci il condominio di Hollywood in cui vive Wiseau. L'attrice è venuta a sapere di The Room per la prima volta quando stava lavorando in Community" per la NBC, scoprendo che l'operatore di ripresa della fortunata sitcom, Todd Barron, era il direttore della fotografia del famoso film di debutto di Wiseau. Il suo interesse venne sollecitato, ascoltò quindi The Disaster Artist su nastro assieme a quello che ora è suo marito, Dave Franco durante un viaggio in macchina prima di guardare il film su DVD. Per la Brie, il punto più alto di The Disaster Artist è stato guardare i membri del cast principale come Ari Graynor, Paul Scheer e Jacki Weaver trasformarsi alla perfezione nei membri del cast originale. "Il mio giorno preferito è stato quando abbiamo girato nel cinema dove si è svolta la premiere di The Room", dice la Brie. "Era spassoso guardare i nostri attori, che improvvisavano le reazioni dei loro personaggi nel guardare il film, specialmente quando c'è stata quell'interminabile scena di sesso. Sembravano proprio le persone che avevano partecipato al film originale".

Ari Graynor ha ottenuto la parte di Juliette Danielle, l'attrice che interpreta la connivente e manipolatrice antagonista Lisa - oggetto di passione sfrenata tra gli aficionados di The Room, che non mancano di scagliare invettive ai personaggi durante le proiezioni notturne. Prima dell'inizio delle riprese, la Graynor ha guardato il film decine di volte per trovare ispirazione e scoprire perché quel film - e Tommy Wiseau - è piaciuto tanto alle platee. "Quando l'ho visto la prima volta, ne sono rimasta sorpresa - ma che diavolo aveva in testa Tommy per fare una cosa del genere?" dice la Graynor. "Solo dopo averlo visto altre volte, Tommy mi è diventato simpatico e anche tenero per i suo esercizio. Più mi avvicinavo a The Room, e a Tommy Wiseau, più mi veniva da pensare, forse questo film non è poi così brutto! Ho iniziato a provare tenerezza per Tommy, per quello che prova ad esprimere e per il suo modo di vedere il mondo".

Jacki Weaver ha da poco completato le riprese di Zeroville per James Franco ed è stata immediatamente scritturata per il ruolo di Carolyn Minnott, la madre malata di cancro di Lisa, un altro personaggio preferito dai fan. A differenza di molti spettatori e fan di The Room, la Weaver ammette di non essere stata impressionata dalla visione originale di Wiseau. "Vedendolo non ho ricavato nessuna impressione favorevole - al contrario, l'ho trovata un'esperienza abbastanza desolante", dice la Weaver. "Ma devo ammettere che è una storia affascinante. Ho detto a mio marito, 'Stiamo per guardare il film più brutto mai prodotto.' E mio marito disse, 'No, no, no, ho visto tanti film in vita mia e molti erano veramente brutti, questo non può essere il film peggiore di tutti'. Dopo 99 minuti della nostra vita che non riavremo mai indietro, lui disse 'Tesoro, credo che tu abbia ragione, questo è il peggior film mai visto'". Ad ogni modo, la Weaver si è divertita a ricreare il leggendario strafalcione con Franco alla guida. "Era bellissimo guardare James dirigere e allo stesso tempo interpretare Tommy Wiseau", dice. "Lui è un giovane molto intelligente, con uno spiccato sense of humor. Spero che non smetta mai di essere così divertente e pazzerello".

Diventare Wiseau

Per il prolifico James Franco, imbarcarsi in un progetto nel quale deve interpretare una figura realmente esistita e allo stesso tempo dirigere la simulazione di un film che ha reso famoso Wiseau, ha richiesto una trasformazione specifica. Non è raro che l'attore si cali nei personaggi che interpreta , che si tratti di James Dean, Aron Ralston - l'escursionista ferito del film candidato all'Oscar® 127 ore - o il gangster rapper Alien in Spring Breakers - Una vacanza da sballo. Come quei personaggi indelebili, Franco aggiunge la stessa ossessiva e profonda qualità al suo Wiseau. "Nella vita reale, James è involontariamente un bel ragazzo, perciò stona quando deve assumere un aspetto strano", dice il produttore Evan Goldberg. "Nella vita reale non assomiglia affatto a Tommy Wiseau".

La prima difficoltà affrontata nella trasformazione di Franco in Wiseau, è stata risolta dall'abilità della parrucchiera e truccatrice che collabora di frequente con Franco, Nana Fischer e dall'esperto in protesi Andrew Clement (Deadpool, Guardiani della Galassia). Fischer, Clement e i loro team, hanno dovuto trovare il modo per rendere il volto sottile di Franco più ampio e iconico, come quello apparso sul famoso poster in cui era ritratto Wiseau, con i suoi tratti pronunciati come la mascella rigida, le palpebre semichiuse e minacciosi capelli neri. "Abbiamo pensato a diverse soluzioni per rendere le mascelle di James più pronunciate e più squadrate, come quelle di Tommy", dice Fischer. "tra gli altri effetti, abbiamo usato guance finte, un falso mento, un naso falso e, naturalmente, falsi capelli per ottenere lo spettacolare risultato di colore di Tommy".

Clement ha preso un calco di Franco ed ha scolpito un nuovo mento, naso e sopracciglia, per replicare le caratteristiche facciali prominenti di Wiseau. Sulla faccia di Franco sono state applicate sei protesi in totale, durante tutte le riprese che lo vedevano interpretare Wiseau. Dato che le protesi sono pezzi individuali che richiedono incollaggi e allacci, e con l'applicazione del makeup per replicare il colore della pelle, Franco è stato obbligato ad indossare quelle appendici per tutto il giorno, sia quando recitava che quando dirigeva, passando almeno un'ora all'inizio della giornata per metterle e un'ora per toglierle, alla fine della giornata. A completare l'effetto, all'attore sono state applicate lenti a contatto azzurre, per tutte e sedici le ore di lavorazione richieste ogni giorno.
"Stare sul è set stato divertente perché James parlava come Tommy tutto il giorno, anche quando non gli era richiesto dal copione", dice Rogen. "Non ci dovevamo rivolgere a lui come

Tommy sul set, ma quando dovevamo parlargli di qualcosa come James Franco - come problemi logistici che capitano quando si sta girando un film - lui rispondeva con la voce e l'accento di Tommy. Spesso non capivamo neanche in quale realtà stesse vivendo in quel momento - ma a James non sembrava affatto strano".

Replicare la Visione

Per ricreare le scene chiave e i motivi di The Room nella sua nuova incarnazione in The Disaster Artist, Franco si è affidato alla troupe e al suo scenografo, Chris Spellman, che ha replicato gli scarni set improvvisati da Wiseau per le sue riprese; al direttore della fotografia Brandon Trost, che ha copiato l'illuminazione amatoriale e i movimenti di macchina, che hanno contribuito a definire The Room come uno dei peggiori film di tutti i tempi; e alla costumista Brenda Abbandandolo, che ha ricreato l'aspetto di cast e troupe del classico di culto, riflettendo il periodo dell'epoca in cui vivevano e in cui hanno realizzato il film.

Alcune scene dal film originale, sono state ricreate ripresa per ripresa mentre gli attori tentavano di catturare quei momenti, in modo preciso così come quando The Room venne girato a Los Angeles nel 2002. "È stato un esercizio meticoloso di cinematografia, ma ci siamo concentrati su qualcosa che era stato fatto veramente molto male la prima volta", dice Franco. Trost aggiunge: "È come guardare un treno deragliare al rallentatore, nessuno sapeva cosa avrebbe fatto Tommy, quindi abbiamo voluto replicare questo stato con i movimenti di macchina in The Disaster Artist".

Trost e gli operatori di ripresa - due dei quali avevano lavorato con Wiseau in The Room - hanno usato un approccio del tipo 'tu-sei-lì' per ricreare le sequenze dietro le quinte del film originale, imitando lo stile di ripresa degli autori belga Jean-Pierre e Luc Dardenne, attraverso l'uso di camere a spalla manovrate dalla troupe che seguivano le persone in giro per il set. Trost ha optato per la massima esattezza, studiando The Room ripresa per ripresa e fotogramma per fotogramma, individuando quanti più possibili sbalzi di macchina, focus errati o brutte ombre sui volti dei personaggi. "Diventa dura girare qualcosa di intenzionalmente sbagliato", Trost. "Credo che questo sia il motivo per cui The Room sia diventato un successo - perché le intenzioni erano serie. Wiseau lo ha fatto pensando che sarebbe diventato il nuovo Quarto potere".

The Disaster Artist è stato girato a breve distanza da dove venne girato The Room a Los Angeles, usando un magazzino per le prove macchina, che ha sostituito la location originale di Wiseau, poiché sembrava abbastanza angusto, consentendo alla troupe di riprendere la claustrofobia dentro e fuori la scena che è diventato un marchio di fabbrica del suo predecessore del 2003. Spellman, come Wiseau, ha usato lo stesso magazzino per tutti i nuovi set del film, trasformando lo spazio grezzo per un vicolo, una stanza da letto e un salotto nei vari stadi della produzione e il famigerato tetto a green-screen della produzione originale, costruito in un parcheggio nei paraggi usando tecniche improvvisate e a basso budget, impiegate da Wiseau per i notturni di San Francisco che in entrambi i film ricordano gli scadenti film per la TV tipici degli anni '80. "La nostra difficoltà maggiore era di rimanere fedeli al sentimento del film originale", dice Spellman. "In sostanza abbiamo girato sul set di The Room, tra cui la troupe che girava su quei set (gli attori) e poi la troupe odierna di The Disaster Artist, che lavorava sul set principale del film. Abbiamo dovuto trovare lo spazio appropriato così che tutti quelli coinvolti - attori o chi per loro - potessero riuscire a replicare autenticamente la visione di Tommy".

La costumista Abbandandolo ha studiato la moda in voga tra gli anni 1998 e 2003 - l'esatto periodo in cui Greg conobbe Wiseau e della anteprima di The Room - per ricreare i vari look associati al film e alla sua epoca. Ha scavato a fondo negli anni '80, in particolare studiando il pirata punk-rocker Adam Ant, per avere un'idea dello stile anacronistico e sgangherato di Tommy Wiseau, fondendo colori neri e vestiti in disordine con l'atteggiamento da metallaro della Sunset Strip. "Lui è come un rocker anni '80 a cui va tutto storto", dice la Abbandandolo. "È come se Tommy avesse comprato i suoi vestiti da Goodwill, ma ancora non abbia trovato il suo stile".

Sestero, dall'altro lato, era la personificazione del teenager americano, indossava pantaloni cargo e la canottiera quando incontrò per la prima volta Wiseau a San Francisco, quando aveva 19 anni. "Il contrasto tra loro era come il giorno e la notte", dice la Abbandandolo. "Greg era un bravo ragazzo di buona famiglia, che probabilmente guardava Point Break - Punto di rottura e ascoltava la Dave Matthews Band, mentre Tommy stava leggendo Tennessee Williams e lavorava sulla sua sensazione da rocker fallito. Quando li si vede insieme, ci si domanda come abbiano fatto a diventare amici".

La costumista ha dovuto anche ricreare il look degli attori impiegati in The Room, tra cui la preferita dai fan Juliette Danielle, interpretata in The Disaster Artist dall'attrice brillante Ari Graynor. "Volevo che Ari sembrasse come la classica ragazza anni '90, nonostante quello sia stato uno dei periodi più infelici per la moda", dice la Abbandandolo.

L'Eredità di The Room

Circa venti anni dopo la deludente anteprima al Laemmle Fairfax di Los Angeles, The Room continua a deliziare le platee di tutto il mondo alle proiezioni notturne nei cinema del Nord America, oltre che in luoghi distanti come la Scandinavia, il Regno Unito e la Nuova Zelanda. Persone di ogni ceto sociale continuano ad affollarsi in gruppi, per vivere l'esperienza fornita dalla visione sballata di Wiseau, tra cui anche alcuni membri della comunità di Hollywood, come Zach Braff, J.J. Abrams, Jonah Hill, Will Arnett e Kristen Bell (Veronica Mars), che si sono accaparrati una copia del film già dai primi tempi, iniziando ad organizzare feste con visione per i propri amici.

Forse per caso o per volontà, Tommy Wiseau ha conquistato tutti con la sua visione creativa contro ogni più rosea aspettativa, creando un film che durerà nel tempo, il cui spirito chiassoso e audace è stato ripreso amorevolmente in The Disaster Artist , meticolosamente fino al suo più piccolo dettaglio. Forse grazie a tutti i suoi passi falsi, The Room è riuscito a riunire migliaia di persone - la sua popolarità sembra non avere mai fine. "la gente viene ancora alle proiezioni notturne e lancia cucchiai sullo schermo, urlando per l'intera lunghezza del film", dice Sestero. "Tommy ha dato vista ad un capolavoro che è sopravvissuto alle prove del tempo. Lui voleva essere accettato dalla Hollywood che conta - come può non essere eccitato da tutto questo?" Conclude Franco: "Per questo film, essere visto in città diverse del mondo, vuol dire essere qualcosa di più movie che un semplice film epicamente brutto, del quale è divertente riderne assieme a degli amici. The Room è unico perché Tommy Wiseau ha dato l'anima per questo progetto. The Room ha ciò che altri film brutti non hanno, la passione pura".

Apri Box Commenti Movietele Comments