The Vatican Tapes (2015)

The Vatican Tapes

Locandina The Vatican Tapes
The Vatican Tapes (The Vatican Tapes) è un film di genere Horror e Thriller di durata circa 91 minuti diretto da Mark Neveldine con protagonisti Michael Peña, Dougray Scott, Kathleen Robertson, Alison Lohman, Djimon Hounsou, Olivia Taylor Dudley.
Prodotto da Lionsgate nel 2015 in USA. [Uscita Originale il 24/07/2015 (USA)] esce in Italia Giovedì 7 Gennaio 2016 distribuito da Koch Media. Al Box Office The Vatican Tapes ha incassato circa 368.373 euro.

TRAMA

Il film narra la lotta suprema tra il bene e il male, tra Dio e Satana. Angela Holmes è una donna di 27 anni che conduce una vita normale finché la sua presenza inizia ad avere effetti devastanti su chiunque le sia vicino, provocando gravi incidenti e morte. La donna viene esaminata e si sospetta sia posseduta dal diavolo. Quando però il Vaticano è chiamato a compiere l'esorcismo, la possessione si rivela essere dovuta alla presenza di un'antica forza satanica più potente di quanto si fosse mai immaginato. Spetta a padre Lozano combattere contro questa forza satanica per salvare non solo l'anima di Angela, ma anche il mondo come lo conosciamo.

Data di Uscita ITA: Giovedì 7 Gennaio 2016
Data di Uscita USA: Venerdì 24 Luglio 2015
Data di Uscita Originale: 24/07/2015 (USA)
Genere: Horror, Thriller
Nazione: USA - 2015
Formato: Colore
Durata: 91 minuti
Produzione: Lionsgate, Lakeshore Entertainment, Pantelion Films
Distribuzione: Koch Media
Box Office: Italia: 368.373 euro

Prossimi passaggi in TV:
Giovedì 20 Agosto ore 10:45 su Sky Cinema Suspense

Cast e personaggi

Regia: Mark Neveldine
Sceneggiatura: Michael C. Martin, Christopher Borrelli
Musiche: Joseph Bishara
Fotografia: Gerardo Mateo Madrazo
Scenografia: Jerry Fleming
Montaggio: Eric Potter
Costumi: Lindsay McKay

Cast Artistico e Ruoli:
foto Michael PeñaMichael Peña
Padre Lozano
foto Dougray ScottDougray Scott
Roger Holmes
foto Kathleen RobertsonKathleen Robertson
Dr. Richards
foto Alison LohmanAlison Lohman
Paziente psichiatrico
foto Djimon HounsouDjimon Hounsou
Vicar Imani
foto Michael ParéMichael Paré
Det. Harris

Recensioni redazione

The Vatican TapesThe Vatican Tapes, Recensione

5/10
Matilde Capozio
Un horror sovrannaturale non memorabile, che senza grandi spaventi non aggiunge nulla di nuovo alla categoria

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina internazionale
Foto e Immagini The Vatican Tapes
Locandina internazionale
Locandina Italiana

PRETI, DEMONI E UNA DONNA DALLA VITA NORMALE

Per garantire la credibilità della storia narrata da The Vatican Tapes, la produzione aveva bisogno di una protagonista femminile dall'apparenza normale che fosse però capace di interpretare la complessità emotiva della possessione demoniaca di Angela. La scelta è caduta su Olivia Taylor Dudley che aveva già lavorato nel film horror Chernobyl Diaries - La mutazione di Oren Peli e in altri film quali L'arte di vincere e Il dittatore. "Angela è contemporaneamente il personaggio cattivo e la vittima; è la vera protagonista del film, cuore e anima della storia. Il casting per selezionare l'attrice più adatta è stato dunque molto lungo" racconta Gary Lucchesi. "Siamo rimasti molto colpiti dalla capacità di Olivia di bilanciare vulnerabilità e resistenza."

"Ho letto la sceneggiatura e ho avuto un incubo quella notte, cosa che non mi succede mai" ricorda l'attrice. "Ho letto la sceneggiatura una sera e la mattina seguente ho chiamato i miei agenti dicendo loro che dovevo lavorare in quel film. Mi aveva profondamente colpita." All'inizio del film il personaggio di Angela conduce una vita sana e regolare, ma con il progredire della storia sprofonda in uno stato di possessione demoniaca. Per l'attrice è stata una sfida emotiva e fisica. "Ci sono voluti sei giorni per girare la scena dell'esorcismo che occupava ventidue pagine della sceneggiatura. E' stato molto difficile, soprattutto quando ero incatenata al muro e gridavo. Alla fine ero esausta" spiega Olivia Taylor Dudley. La discesa di Angela negli inferi è contrastata da diverse figure della Chiesa, prima tra tutte quella di padre Lozano, un ex soldato ora prete che si trova profondamente coinvolto nella storia di Angela e nella lotta del bene contro il male. Il ruolo di padre Lozano è interpretato da Michael Peña che ha già lavorato nel film Crash– Contatto fisico di Paul Haggis vincitore dell'Oscar, nel film Million Dollar Baby di Clint Eastwood vincitore del premio Oscar e nel recente film candidato all'Oscar American Hustle – L'apparenza inganna. "La sceneggiatura mi è piaciuta fin dall'inizio perché non era scritta come per un tipico film horror" afferma Peña. "In questo thriller ci sono sequenze di azioni ed elementi unici che sono giustificati dalla trama." Padre Lozano non solo tenta di salvare Angela ma diventa anche il confidente di suo padre, Roger Holmes. Tenente colonnello dell'esercito americano, Roger è un uomo estremamente forte la cui unica debolezza è l'amore che prova per la figlia. Padre nella vita reale, Dougray Scott è stato scelto per impersonare Roger, il padre di Angela. "Ho ricevuto la sceneggiatura del film che appartiene a un genere che non mi è molto familiare. La sceneggiatura però mi è piaciuta molto, l'ho trovata molto avvincente e incredibilmente ben scritta. In particolare, mi sono piaciuti i rapporti che i personaggi hanno tra loro." Quando la possessione demoniaca di Angela raggiunge l'apice, la notizia della sua condizione raggiunge i funzionari della Chiesa Cattolica, compreso il vicario Imani. Il ruolo del vicario del Vaticano è interpretato da Djimon Hounsou, attore candidato all'Oscar per la sua interpretazione in Blood Diamond – Diamanti di sangue e per il ruolo interpretato nel film In America – Il sogno che non c'era. Hounsou ha dato una forte presenza al personaggio del vicario Imani che era ben radicata nella sua percezione del ruolo. L'attore spiega infatti: "Il vicario Imani è il nuovo soldato di Dio del XXI secolo che si batte per rivoluzionare la pratica dell'esorcismo. È l'umile soldato di Dio che cerca di proteggerci da tutte le astuzie di Satana." Nelle scene centrali dell'esorcismo arriva in soccorso di padre Lozano e Roger Holmes il cardinale Bruun, il quale lascia il Vaticano per raggiungere la casa di Angela dopo aver visionato i nastri che documentano la possessione della donna.

Nella fase iniziale della possessione di Angela, quando il suo comportamento è disturbato in maniera incomprensibile, la donna è affidata a un istituto sotto la guida della psicologa Richards. Il ruolo della psicologa dalla personalità complessa è interpretato da Kathleen Robertson che di recente ha recitato come protagonista nel film di genere drammatico e politico Boss di Gus Van Sant vincitore del Golden Globe e che sta attualmente recitando come protagonista nella serie drammatica della TNT Murder in the First. "Ciò che più mi ha attratto di questa donna è che pur possedendo tutte le risposte e conoscendo le regole della vita, è in grado di aiutare chiunque tranne se stessa" spiega la Robertson.

L'AMBIENTAZIONE DI THE VATICAN TAPES

La storia di The Vatican Tapes è ambientata principalmente nella Los Angeles di oggi, con l'eccezione di alcune scene girate all'interno e nei pressi del Vaticano. La regia ha sfruttato al meglio le riprese girate a Los Angeles per una storia che è ambientata nella stessa città utilizzando location mirate, una troupe per le riprese a Roma e il sistema VFX per creare le scene nella Città del Vaticano. È stato tuttavia necessario girare fuori Los Angeles, per cui è stata inviata una piccola troupe a Roma.

VFX CONTRO SFX

Per bilanciare gli effetti visivi con gli effetti realizzati fisicamente nel film, la produzione si è rivolta al supervisore per gli effetti visivi James McQuaide, famoso per aver collaborato ai film Underworld oltre ad altri film realizzati con il sistema VFX. "Grazie a James, gli effetti visivi completano ciò che è già presente nel film e si mantengono appena percepibili" dichiara Neveldine. "Non vogliamo che qualcosa risulti soprannaturale, ci limitiamo a mettere gli effetti leggermente in rilievo." Neveldine aggiunge: "Con gli effetti realizzati fisicamente, avremmo avuto bisogno di una ginnasta per compiere ciò che il personaggio di Angela fa nel film: le abbiamo dato solo un piccolo aiuto. Abbiamo realizzato alcune strutture che sono state poi cancellate grazie agli effetti visivi." Wright spiega perché la combinazione di effetti visivi e di effetti realizzati fisicamente è così importante nella cinematografia contemporanea. "Il progresso nella realizzazione degli effetti visivi è tale che è molto più facile, e se vogliamo più economico, creare qualcosa utilizzando gli effetti visivi piuttosto che realizzarlo nella pratica." Neveldine ricorda il desiderio dei cineasti di inserire un elemento naturale sia nella storia che nella realizzazione. "Ciò che accade in questo film potrebbe accadere a chiunque di noi."

Apri Box Commenti