Come un delfino

Come un delfino: anticipazioni quarta ultima puntata


Anticipazioni quarta ed ultima puntata di Come un delfino - La serie con Raoul Bova su Canale 5 mercoledì 5 giugno 2013.

di / 04.06.2013
Come un delfino

Mercoledì 5 giugno 2013 va in onda su Canale 5 il quarto ed ultimo appuntamento con Come un delfino - La serie dove sono passati pochi mesi da quando il campione Alessandro Dominici e i Ragazzi del Sole, da lui allenati, hanno trionfato nella staffetta degli Assoluti di nuoto conquistando la medaglia d'oro. Alessandro Dominici (Raoul Bova) e i Ragazzi del Sole, ossia Nasca (Jacopo Cavallaro), Andrea (Gianluca Di Gennaro), Rocco (Gianluca Petrazzi), Nico (Tommaso Ramenghi), Nazi (Damiano Russo), Bibbi (Andrea Troina) vincitori nella vita e nello sport sono giovani allo sbando e con precedenti penali, ma che hanno potuto realizzare il loro sogno: ristrutturare una piscina sequestrata alla malavita  per allenarsi.

Nella terza puntata andata in onda la scorsa settimana, Alessandro è sempre più nel mirino della malavita e viene arrestato con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti: il problema della mafia si fa sempre più pressante. Mentre Anna conduce un'indagine personale al fine di scagionare il nuotatore, Ugo manovra nell'ombra contro l'amico. Intanto gli Scalese cercano di corrompere nuovamente Nico affinché non testimoni contro Ciro.

In questa quarta puntata, Alessandro viene condannato a tre anni per detenzione di sostanze illecite con la sospensione condizionale della pena, ma assolto dall'accusa di spaccio e lesioni. Il vecchio allenatore di Alessandro, Tadini, propone a Dominici e ai ragazzi di partecipare al Campionato a Squadre con il suo club: si alleneranno in segreto a Malta. I nostri quindi partono alla volta dell'isola. Anna a Roma, indagando su Maffei, il medico dell'antidoping, scopre che è colluso con gli Scalese.

Rocco, intanto, risvegliatosi dal coma, racconta ad Anna e a Giulia che Enrico gli forniva integratori di dubbia provenienza. Alessandro rientra a Roma ma, a causa della squalifica, non potendo seguire i ragazzi a bordo piscina come allenatore ufficiale incarica, tra la perplessità generale, il fido Spartaco.

Inizia il Campionato a Squadre. Alessandro con uno stratagemma trasmette a Spartaco le mosse da suggerire ai suoi. Dopo un'accesa competizione, ha la meglio la squadra Taurus. Inaspettatamente, il ragazzo denuncia se stesso ed Enrico agli arbitri: l'allenatore gli ha propinato una sostanza dopante.

Nel frattempo, Maffei confessa di aver manomesso i risultati delle analisi di Dominici. I ragazzi in casa famiglia festeggiano. Grazie a Bibbi, che rivela di aver visto Enrico manomettere l'armadietto di Alessandro, Dominici viene riabilitato come uomo e nuotatore.

Nel frattempo, Ciro viene ucciso in carcere da uno degli uomini di suo padre Totuccio, che promette vendetta e Anna viene così rapita da Sergio. Il primo giorno dei Mondiali, Ugo confessa ad Alessandro tutte le sue malefatte. Il giorno della gara decisiva, Alessandro, nonostante la grave ferita, si qualifica primo. Assieme ai suoi ragazzi ha dimostrato, ancora una volta, che uniti si vince.