Ischia Film Festival 2021

Ischia Film Festival 2021 al via con Oliver Stone, Alexander Sokurov, Allan Starskie tra gli ospiti


La selezione 2021 di film della diciannovesima edizione dell'Ischia Film Festival, in programma dal 26 giugno al 3 luglio, conta 96 titoli tra finzione e documentario, di cui 48 in concorso e 48 fuori concorso. Premio alla carriera ad Oliver Stone.

di / 22.06.2021
Ischia Film Festival 2021

Oliver Stone, Alexander Sokurov, Allan Starskie sono tra gli ospiti confermati della diciannovesima edizione dell'Ischia Film Festival, in programma dal 26 giugno al 3 luglio al Castello Aragonese, in presenza. La selezione 2021 di film conta 96 titoli tra finzione e documentario, di cui 48 in concorso e 48 fuori concorso, provenienti da 42 paesi. Nel rispetto delle norma anticontagio in vigore, quest'anno l'Ischia Film Festival propone ogni sera una doppia proiezione introdotta da incontri con gli autori, in presenza, nelle tre sale all'aperto nel Castello Aragonese: in Piazza d'armi, nella terrazza della casa Del Sole e alla Cattedrale dell'Assunta. 

Film d'apertura sabato 26 giugno è "Quo vadis, Aida?" di Jasmila Žbanić, seguito da "L'ultimo paradiso" di Rocco Ricciardulli con Riccardo Scamarcio. Nella serata inaugurale, al regista, sceneggiatore e attore Alessandro D'Alatri è prevista la consegna del Plinius Award, un premio che negli anni è stato assegnato, tra gli altri, a Ron Howard, Walter Veltroni, Mario Monicelli, Paolo Villaggio e Rocco Papaleo.

Domenica 27 giugno, ospiti Barbara Bouchet, per ricevere l'Ischia Film Award, e Marco Bocci, per introdurre con il regista Toni D'Angelo la proiezione di "Calibro 9". Accompagna invece la proiezione del film "Cosa sarà" il suo regista, Francesco Bruni

Lunedì 28 giugno, ospite lo scenografo Allan Starski, premio Oscar per "Schindler's List", per un incontro con il pubblico e la consegna del premio alla carriera dell'Ischia Film Festival, il Life Achievement Award, prima della proiezione del suo "Oliver Twist".

Martedì 29 giugno, in programma l'anteprima del film "Black Parthenope" di Alessandro Giglio con Giovanni Esposito, Gianluca Di Gennaro e Nicola Nocella, alla presenza di regista e cast. Ospiti della giornata anche Giovanni Amura, Elvis Esposito e Sara Falanga. 

Oliver Stone ha diretto pellicole come "Platoon", "Assassini nati", "Wall Street", "Nato il quattro luglio", "JFK - Un caso ancora aperto" e "Gli intrighi del potere", vincendo tre Oscar e quattro Golden Globe. L'Ischia Film Festival ha deciso di assegnargli quest'anno il Premio alla carriera, con la consegna del riconoscimento in programma mercoledì 30 giugno ad un incontro con il pubblico presso la cattedrale dell'Assunta prima della proiezione del suo film "Ogni maledetta domenica" del 1999 con un cast guidato da Al Pacino. 

Venerdì 2 luglio, serata dedicata ad  Alexander Sokurov, Leone d'oro alla Mostra del Cinema di Venezia con "Faust" nel 2011, con la consegna del Premio alla Carriera IFF 2021 prima della proiezione del suo "Arca russa", un unico piano-sequenza di circa novanta minuti in cui lo sguardo in soggettiva della macchina da presa percorre diverse epoche storiche in un viaggio metafisico e onirico. A seguire "Admiral Tchumakov". 

Sabato 3 luglio, l'Ischia Film Festival 2021 chiude con la cerimonia di premiazione dei titoli vincitori alla Cattedrale dell'Assunta. 

Oltre che in presenza,  l'Ischia Film Festival 2021 è anche online sulla piattaforma digitale ischiafilmfestivalonline.it dove saranno visibili tutte le proiezioni fuori concorso e una selezione dei film in concorso.  

Per i titoli in concorso confermate le sezioni competitive Lungometraggi, Cortometraggi, Location Negata, Scenari Campani. 47 dei film selezionati sono mostrati in anteprima, 41 sono produzioni o coproduzioni italiane mentre 55 provengono dall'estero (con 43 film proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano). 14 le prime visioni assolute, 4 quelle internazionali (tra le quali anche "Echoes of the Empire" del regista americano Robert H. Lieberman, la commedia musicale franco-finlandese Le Café de mes Souvenirs" e "Abu Omar" dell'israeliano Roy Krispel), 4 le europee e 25 le italiane.

Gli incontri con gli autori sono condotti dai critici cinematografici Antonio Capellupo e Giuseppe Borrone con la partecipazione straordinaria di Gianni Canova. 

La giuria è composta da: Karin Hoffinger, responsabile delle relazioni internazionali della Berlinale; Zlatko Vidackovic, direttore artistico del Pola Film Festival,  Emanuela Martini, direttrice del Torino Film Festival (lungometraggi);  Alberto Rizzi, regista e sceneggiatore; Massimo Gaudioso, sceneggiatore, regista e attore;Tommaso Strainati, storico dell'arte (location negata); Alessia Barela, attrice; Antonio Spagnuolo,   Presidente del Festival Internazionale del Cinema Laceno d'Oro;  Emanuele Palamara, produttore e regista (cortometraggi e scenari campani).

Lunedì 27 giugno alle 10 è invece in programma il diciannovesimo Convegno Internazionale sul Cineturismo, che indaga quest'anno "come riformulare le attività ora, dopo che restrizioni e distanziamenti richiesti dalla pandemia hanno aumentato le opportunità digitali ma sfilacciato e modificato il legame con i territori". Previsti gli interventi, tra gli altri, di: Michelangelo Messina - ideatore del neologismo "cineturismo", Michele Lo Foco (membro del Consiglio Superiore della Cinematografia e dell'Audiovisivo del MiC), Maria Elena Rossi (Marketing and Promotion Director ENIT ), Francesco di Cesare (presidente Risposte Turismo), Ivan Antognozzi (direttore Fondazione Marche Cultura ), Cristina Priarone (presidente Italian Film Commission), Giorgio Gosetti (vice presidente AFIC), Anna Olivucci (responsabile Marche Film Commission).