A Tramway in Jerusalem (2018)

A Tramway in Jerusalem
Locandina A Tramway in Jerusalem
A Tramway in Jerusalem (A Tramway in Jerusalem) è un film prodotto nel 2018 in Israele e Francia, diretto da Amos Gitai. Dura circa 94 minuti. Il cast include Yael Abecassis, Mathieu Amalric, Lamis Ammar, Pippo Delbono, Hana Laslo, Liron Levo.

TRAMA

A Tramway in Jerusalem è una sitcom che mescola storie e situazioni umane nel contesto della società israelo-palestinese del 2018. A Gerusalemme, il tram collega diversi quartieri, da est a ovest, registrandone varietà e differenze. Il film raccoglie un mosaico di esseri umani di questa città che è anche il centro spirituale delle tre grandi religioni monoteiste, ebraismo, cristianesimo e islam. Osserviamo la vita quotidiana di questo paesaggio umano, una serie di incontri che avvengono sulla linea rossa della tramvia, dai quartieri palestinesi di Shuafat e Beit Hanina di Gerusalemme est fino a Mount Herzl a Gerusalemme ovest. Questa commedia a tema ispeziona con humor situazioni brevi e momenti della vita quotidiana di alcuni passeggeri. Per noi – il cineasta, il visitatore durante il viaggio – la realtà umana di Gerusalemme è una giustapposizione di frammenti di vita, di conflitti e di riconciliazione che nel film si rendono visibili. Come se volessimo proiettare la vita quotidiana e la sua inerzia contro la demagogia che mira a distillare l'odio. Speriamo per il meglio. 

Info Tecniche e Distribuzione

Nazione: Israele, Francia - 2018
Formato: Colore
Durata: 94 minuti

Immagini

[Schermo Intero]
Foto dal film
Foto e Immagini A Tramway in Jerusalem
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

COMMENTO DEL REGISTA

Il film è una metafora ottimista e ironica della città divisa di Gerusalemme in cui noi, israeliani, palestinesi e altri, cerchiamo di simulare la vita nel microcosmo della "scatola di sardine" di un tram, negli utopistici giorni futuri. Dopo i giorni attuali di conflitto e violenza, come potrà ognuno accettare l'esistenza dell'altro, le sue differenze e le dispute, SENZA UCCIDERE?

Apri Box Commenti