image Hellboy
Locandina Hellboy (2019)

Hellboy (2019)

Hellboy

Hellboy (Hellboy) è un film di genere Azione e Avventura di durata circa 120 minuti diretto da Neil Marshall con protagonisti David Harbour, Milla Jovovich, Ian McShane, Sasha Lane, Penelope Mitchell, Daniel Dae Kim.
Prodotto nel 2019 in USA [Uscita Originale il 12/04/2019 (USA)] esce in Italia Giovedì 11 Aprile 2019 distribuito da M2 Pictures.

TRAMA

Hellboy è un semi-demone che protegge la Terra dalle creature sovrannaturali che la minacciano. Evocato sul nostro pianeta nel 1944 dal malvagio stregone russo Grigorij Efimovič Rasputin per conto dei nazisti, Hellboy viene salvato dagli Alleati e affidato al Professor Trevor Bruttenholm, che lo cresce come se fosse suo figlio. Una volta adulto, Hellboy inizia a dare la caccia a lupi mannari, vampiri e creature mitologiche di ogni tipo, diventando uno dei migliori detective del BPRD (Bureau of Paranormal Research and Defense). In questa nuova avventura, che si prospetta essere molto fedele ai fumetti, come ha dichiarato lo stesso Mignola, qui anche sceneggiatore, l'eroe demoniaco sarà impegnato in una missione a Londra per fronteggiare l'antico spirito di una strega malvagia, tornato sulla Terra dal mondo dei morti. Eroe fuori dal comune, burbero, ma dal gran cuore nonostante le sue origini demoniache, Hellboy torna in azione per impedire che un oscuro destino si abbatta sull'umanità, affiancato da alcuni emblematici protagonisti del fumetto mai visti fin ora sul grande schermo.

Data di Uscita ITA: Giovedì 11 Aprile 2019
Data di Uscita USA: 12/04/2019
Data di Uscita Originale: 12/04/2019 (USA)
Genere: Azione, Avventura, Fantasy
Nazione: USA - 2019
Formato: Colore
Durata: 120 minuti
Distribuzione: M2 Pictures
Budget: 50.000.000 dollari (stimato)
Box Office: USA: 21.533.833 dollari | Italia: 1.383.078 euro -> Storico incassi
Soggetto:
Hellboy, l'eroe della saga di fumetti cult creata da Mike Mignola, torna al cinema in questo reboot diretto da Neil Marshall, un riavvio della serie cinematografica iniziata da Gulliermo Del Toro con i film Hellboy ed Hellboy: The Golden Army.
In HomeVideo: in Digitale da Giovedì 1 Agosto 2019 e in DVD da Giovedì 19 Settembre 2019 [scopri DVD e Blu-ray]
SAGA

Cast e personaggi

Regia: Neil Marshall
Sceneggiatura: Andrew Cosby

Cast Artistico e Ruoli:
foto Milla JovovichMilla Jovovich
Nimue / la Regina di Sangue
foto Ian McShaneIan McShane
Professor Broom
foto Sasha LaneSasha Lane
Alice Monaghan
foto Daniel Dae KimDaniel Dae Kim
Ben Daimio


Produttori:
Mike Mignola (Produttore esecutivo), Lawrence Gordon (Produttore), Lloyd Levin (Produttore)

Recensioni redazione

HellboyHellboy (2019), la recensione

5/10
Erica Nobis
Anche se visivamente convincente, il reboot di Hellboy diretto da Neil Marshall non risulta efficace come i due capitoli girati dal collega Guillermo Del Toro. Una sceneggiatura caotica e alcuni personaggi deboli sono solo alcuni degli elementi che affossano un film che avrebbe potuto avere grandi potenzialità.

News e Articoli

Rakuten TV, uscite di Agosto 2019Rakuten TV, uscite di Agosto 2019

Da Avengers: Endgame a Pokemon: Detective Pikachu, da John Wick 3: Parabellum a I fratelli Sisters, da Tutte Le Mie Notti a Non sono un assassino: ecco i film disponibili su Rakuten TV da Agosto 2019.

Hellboy, Dredd - Il giudice dell'apocalisse, Attenti a quelle due, Ted Bundy - Fascino criminaleIn Home Video Hellboy, Ted Bundy - Fascino criminale, Dredd - Il giudice dell'apocalisse, Attenti a quelle due

In homevideo arrivano Hellboy, Dredd - Il giudice dell'apocalisse, Attenti a quelle due, Ted Bundy - Fascino criminale. E molto altro.

Hellboy torna al cinema con Neil MarshallHellboy, il reboot di Neil Marshall in DVD, Blu-ray e 4K UHD da Agosto

In questa nuova avventura, l'eroe demoniaco sarà impegnato in una missione a Londra per fronteggiare l'antico spirito di una strega malvagia tornato sulla Terra dal mondo dei morti.

AfterBox Office Italia: After primo, poi Dumbo e Shazam, Hellboy debutta quarto

After il film piu' visto nel weekend dal 12 al 14 aprile 2019, seguito da Dumbo e Shazam!.

Shazam!Box Office USA: Shazam! primo, Hellboy terzo, After nono

'Shazam!' primo al botteghino USA del 12-14 aprile 2019, seguito da 'Little (La piccola boss)' e 'Hellboy'. Debutta al nono posto 'After'.

Hellboy Day, 25 anni dal primo fumetto di Mike Mignola con il Demone RossoHellboy Day, 25 anni dal primo fumetto di Mike Mignola con il Demone Rosso

Aspettando l'uscita del nuovo film, appuntamento nei foyer dei migliori cinema italiani per celebrare i primi 25 anni di Hellboy con fumetti in edizione speciale e cosplayer in tema.

Immagini

[Schermo Intero]
Teaser Poster internazionale
Foto e Immagini Hellboy
Teaser Poster internazionale
Teaser Poster Italiano
Poster Italiano
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film
Foto dal film

Curiosita'

LA PRODUZIONE

Dopo quindici anni dal primo lungometraggio tratto da Hellboy, il celebre fumetto di Mike Mignola, i produttori Lawrence Gordon e Lloyd Levin sentivano che era giunto il momento di reinventare la serie. Il panorama dell'horror-action-fantasy si era trasformato radicalmente, e gli ultimi film ad alto budget ispirati ai fumetti dimostravano che gli spettatori erano pronti ad accogliere figure di supereroi imperfetti (e di antieroi) e storie più audaci adatte a un pubblico adulto. "Attraverso quei successi abbiamo capito che c'era l'opportunità di spingere il film in una direzione più matura e che potevamo renderlo più esplicito, più viscerale, più emozionante e, sul piano dei contenuti, più adatto a un pubblico adulto. Dopotutto sono gli stessi fumetti di Hellboy a suggerire questa direzione e noi volevamo fare qualcosa di un po' più fedele al lavoro di Mike".

Arrivati al momento di scegliere la trama, i registi si sono trovati di fronte all'imbarazzo della scelta. La serie Hellboy, pubblicata per oltre 20 anni, vanta il numero più alto di uscite rispetto a tutte le serie di fumetti attualmente pubblicati. Alla fine i produttori hanno optato per Hellboy, Volume 9: La Caccia selvaggia, un'antologia del 2010 che include i numeri 37 e 44 della serie, usata come filo conduttore della storia. Oltre a essere un'entusiasmante storia d'azione, La Caccia selvaggia rivela la drammatica storia dell'origine di Hellboy. Nel film si ritrovano altri fumetti di Mignola, tra cui un'indimenticabile scena ispirata a Hellboy in Messico, oltre a ad alcuni materiali scritti appositamente per il film.

La sceneggiatura è frutto di una stretta collaborazione tra Mignola e Andrew Cosby. Mignola è stato coinvolto in tutte le fasi del lavoro e ha letto tutte le bozze successive per verificare che lo sceneggiatore rimanesse fedele al personaggio. "Per noi era importante attenerci alle radici e alle origini di Hellboy e lo era anche per i fan", afferma il produttore Les Weldon. "Nessuno vuole un altro Hellboy, vogliono quello di Mike Mignola. Sembrava quasi che stessimo lavorando a un film biografico o storico. Il materiale di partenza è l'elemento chiave. Potevamo contare sulla presenza di Mike, e penso che questo abbia dato i suoi frutti".

Il coinvolgimento di Mignola è stato particolarmente importante perché, sebbene molte scene e gran parte dei dialoghi siano tratti direttamente dal fumetto, Hellboy è un mix di varie storie della serie più che il semplice adattamento di uno dei fumetti. "Ho fatto Hellboy per 23 anni", dice l'autore. "C'è così tanto materiale che praticamente io sono l'unico che sa far combaciare tutti i pezzi. Così, quando lo sceneggiatore mi diceva: 'Ecco una storia, qui ci sono alcuni pezzi, mettiamoli insieme', il mio compito era dire, a seconda dei casi: 'Qui bisogna unire i pezzi diversamente', oppure 'Qui abbiamo bisogno di un filo che lo colleghi a questo' o' Invece di questo pezzo, mettiamoci quest'altro'. Alla fine ci sono serviti i pezzi di molte storie e abbiamo lavorato per adattarli in modo che il tutto funzionasse senza intoppi".

Il film amplia inoltre la sfera del lavoro di Mignola e trasferisce il mondo di Hellboy nel XXI secolo, come sottolinea Levin: "Nelle storie di Mike c'è un forte senso del passato. Anche quando sono ambientate ai giorni nostri, c'è un'atmosfera di tempi lontani, di un'epoca passata. Con Mike abbiamo discusso su come dare al film immagini e ambientazioni contemporanee che lo radicassero nel presente. Quindi insieme alle foreste e ad altri contesti in cui sono ambientate originariamente le storie del fumetto, la nostra storia si svolge in una Londra contemporanea".

Un tocco di oscurità
Per ambientare Hellboy ai giorni nostri e dare al film un tocco che virasse più sull'horror, i produttori volevano un regista che avesse alle spalle il giusto mix di generi e l'esperienza per supervisionare un film ricco di personaggi, di intrecci di trame e grandi scene d'azione. Neil Marshall li aveva colpiti per l'ampiezza e la profondità del suo lavoro e per l'incredibile abilità rivelata negli episodi delle serie "Il Trono di Spade", "Westworld" e nel suo film The Descent - Discesa nelle tenebre, definito da Levin uno dei migliori film horror del nostro secolo. "Volevamo un regista che fosse in grado di gestire l'horror, l'azione, ma anche il personaggio e, in particolare, il suo humour nero", spiega Levin. "Volevamo ambientare questo film interamente nel nostro mondo più che in un mondo di fantasia. E il lavoro di Neil rifletteva il nostro intento". Mignola, che ha seguito il progetto fin dall'inizio, racconta: "Quando è stato fatto il nome di Neil, abbiamo pensato subito che fosse la persona giusta per dare a Hellboy un tocco più terreno e una sfumatura più oscura. Ero molto emozionato". Marshall confessa di aver esitato quando è stato contattato la prima volta per dirigere il nuovo film di Hellboy.

"La mia prima risposta è stata: 'È il terreno di qualcun altro, non me la sento di fare un'invasione di campo'. Quando poi però ho capito che i produttori volevano creare una nuova versione della serie ho risposto: 'Ottimo, facciamolo'". Il regista racconta di come sentisse il peso della responsabilità nei confronti dei fan nonché di Mignola e dei produttori: "Larry e Lloyd ci stavano lavorando da tempo. Ci siamo chiesti come fare per reinventare il film senza farlo discostare dal materiale di partenza e come mantenere una continuità rispetto a questo. Intravedevo il grande potenziale di una rielaborazione più cupa e anche Mike e tutti gli altri erano d'accordo su questo concetto, quindi abbiamo deciso di provare ad andare in questa direzione".

Per Marshall questo significava andare a fondo nell'introspezione dei personaggi e delle loro storie. "Quello di Hellboy è un grande viaggio emotivo, un viaggio di scoperta, e inoltre dovevamo rendere tutto più tetro, più sanguinoso e violento. Ma non volevamo metterci dentro cose che non appartenevano al fumetto, così, ogni volta che eravamo in dubbio, ritornavamo sempre alla fonte".

Alla ricerca di Hellboy

Quando è arrivato il momento di scegliere un attore che avesse la profondità, l'umorismo e la fisicità per interpretare il grande protagonista del film, David Harbour è stato scelto all'unanimità. Marshall era un suo fan già prima che interpretasse il capo della polizia Jim Hopper nella celebre serie "Stranger Things" di Netflix. "Per anni ha dato vita a performance straordinarie", dice il regista. "E poi è alto due metri, ha una voce straordinaria e uno sguardo che ti cattura subito. È una forza della natura e questo si sente attraverso il personaggio. Così, una volta che è stato preso in considerazione il suo nome non è stato considerato nessun altro, era lui quello giusto".

Mignola ricorda che un giorno, prima che fosse scelto il cast, stava guardando con sua moglie "Stranger Things". "La prima volta che David Harbour è apparso sullo schermo, Christine ha detto: 'Lui sarebbe perfetto per fare Hellboy'. Non l'avevo detto a nessuno, ma dopo due settimane Lloyd Levin mi ha chiamato e mi ha detto: 'Cosa ne pensi di David Harbour per il ruolo di Hellboy?'. Insomma, David è letteralmente l'unico nome che sia uscito fuori per questo film."

L'attore era sul set della seconda stagione di "Stranger Things" quando ha ricevuto la chiamata dei suoi agenti che gli proponevano il ruolo. "Non era ancora una cosa definita", ricorda Harbour. "Non c'era ancora una produzione, c'erano solo Lloyd Levin, Larry Gordon, Neil Marshall e una sceneggiatura, ma sembravano molto interessati a me. Io ero molto lusingato ma gli ho detto che mi inquietava il fatto che avessero pensato a me per interpretare quel demone infuriato!", dice ridendo Harbour. "Era molto più tetro e più inquietante rispetto ai film tratti dai fumetti, ma lo sentivo nelle mie corde".

Sebbene fosse interessato al ruolo, Harbour era agitato all'idea di misurarsi con un reboot. "Odio questo termine perché ho visto un milione di interpretazioni di Amleto e mi piace sempre il modo in cui viene interpretato questo personaggio", spiega. "Ognuno tira fuori qualcosa di unico. Non volevo mettermi in competizione col lavoro fatto da altri sullo stesso personaggio. Doveva essere qualcosa di completamente diverso. E doveva essere qualcosa in cui poter eccellere come attore, qualcosa di completamente diverso da quello che aveva fatto Ron Perlman. Ma l'idea di dare nuova linfa al progetto con una reinterpretazione del personaggio mi ha convinto definitivamente".

Harbour è stato colpito in particolare dal fatto che nella sceneggiatura Hellboy fosse ritratto come un eroe imperfetto e segnato da un profondo conflitto. "Non mi interessa interpretare il supereroe che fa sempre la cosa giusta", dice. "Mi piacciono i personaggi che non sempre sono mossi da cose buone, ma che potrebbero comunque arrivare a buoni risultati. Ero attratto da questo personaggio intrappolato tra due mondi".

Per l'attore era interessante il fatto che Hellboy fosse un reietto. "È un mostro, uno strambo", dice. "Si prendono gioco di lui, è umiliato dagli esseri umani e questo mi dava la possibilità di un'immedesimazione, perché anch'io a volte mi sento così e anzi penso che per certi versi la maggior parte di noi si senta così; in questo mondo nessuno è "normale". E questo è uno dei motivi per cui Hellboy piace a me e ai suoi fan".

Per Levin il fatto di aver scelto Harbour si è rivelato una decisione chiave sul piano creativo, perché l'attore ha colto perfettamente il lavoro che i registi stavano facendo su Hellboy e l'ha portata al livello successivo. "Durante il processo di sviluppo, abbiamo cercato di rendere Hellboy più accessibile, più radicato, più emotivo ed empatico, e di mantenere il suo caratteristico humour inglese", dice Levin. "Ma tutto questo mi è apparso definitivamente chiaro solo quando David è entrato nel ruolo. Queste idee sono andate ben oltre quello che avevamo immaginato all'inizio perché lui è un attore che interiorizza a un livello molto profondo la storia e il personaggio".

La Regina di Sangue
L'Hellboy interpretato da Harbour è mezzo uomo e mezzo demone, alto e imponente, con la pelle rossa, le corna mozzate e la coda. Bisognava quindi trovare un'attrice fuori dal comune che potesse incarnare la sua potente nemesi: Nimue, la Regina di Sangue. "Per tener testa a un personaggio del genere ci voleva un'interprete brillante come Milla Jovovich", dice Marshall. "Milla è totalmente presente a se stessa. Si sente in ogni parola che dice, in ogni pausa che fa, in ogni suo sguardo. È incredibile, è divertente lavorare con lei ed è capace di realizzare performance di grande forza".
L'attrice ucraina, protagonista del celebre Resident Evil, racconta di essere stata subito incuriosita dalla situazione critica in cui si trova il suo personaggio. "All'inizio ero dalla sua parte e di quello che lei difendeva, ma lei viene subito sfidata e ingannata. I suoi obbiettivi sono giusti, ma viene sconfitta. Questo mi affascinava e volevo sapere come si evolveva la sua storia".

Per prepararsi al ruolo, Jovovich ha cominciato a comprare edizioni rilegate di diverse collezioni. "Guardavo le illustrazioni, erano fenomenali", dice. "In queste storie c'era un cuore, un'anima e ho capito che avremmo potuto realizzare qualcosa di grandioso".
Per Hellboy, Nimue è più di una strega con poteri soprannaturali, perché scopre che un profondo legame col suo passato. "È un'avversaria impegnativa per lui, perché gli pone la questione sul chi sia lui veramente, sul perché si trovi lì e su che cosa potrebbe diventare", osserva Levin. "Rispetto alla comprensione della sua identità, è come se lei gli fosse seduta su una spalla e il Professor Broom sull'altra."
Nimue sfrutta questo tipo di rapporto, facendo leva sui dubbi e le insicurezze di Hellboy, per corromperlo e tentare di portarlo dalla sua parte", dice Jovovich. "Lei gli dice: 'Sei uno di noi'. Non capisce perché lui provi a vivere come un essere umano e perché voglia farsi accettare da quelle persone che lo odiano e lo temono. Lei gli dice: 'Nel mio mondo potresti essere un eroe'. Vuole che la forza di lui giochi a favore del suo regno e che questo diventi il loro regno".
Harbour apprezzava la professionalità di Jovovich e la sua grande conoscenza del regno della fantasia. "Mi è piaciuto molto lavorare con Milla", dice. "Comprende ogni aspetto di questa forma d'arte e sa come ottenere il meglio dal lavoro. Va oltre la semplice recitazione e pensa sempre a una visione più ampia. È una persona dolce e gentile. Ha lasciato che rimanessi nella mia intensità, nella mia stranezza ed è stata sempre delicata rispetto a questo. È stata un'esperienza meravigliosa".

Un padre diverso
Per il ruolo del padre adottivo di Hellboy, l'erudito e pungente professor Trevor Bruttenholm, detto "Broom", è stato scelto l'acclamato attore britannico Ian McShane. Noto per la sua interpretazione di Al Swearengen, il proprietario di una sala da ballo nella serie "Deadwood" di HBO (che gli è valsa un Golden Globe), McShane è apparso in centinaia di film ed episodi televisivi nell'arco della sua carriera cinquantennale.

"Grazie a Ian McShane siamo riusciti, con l'aiuto di Mike Mignola, ad approcciare il Professor Broom con un livello maggiore di complessità rispetto al fumetto", dice Levin. "Ian ha una presenza incredibile: è forte ed energico, acuto e divertente, e sa bene cosa funziona per lui. Tra lui e David è nata una grande chimica, il che ha dato grandi risultati in termini di creatività".
McShane ha apprezzato nella sceneggiatura la complessità e la profondità che emergevano nella descrizione dello stretto e complesso rapporto tra Hellboy e suo padre. "È come se fossero loro due contro il mondo", osserva l'attore. "Quello che c'è fra loro è fuori da un convenzionale rapporto padre-figlio: Hellboy non è cresciuto giocando a Monopoli con suo padre, ma questo invece gli ha insegnato a fare cose come combattere un mostro a cinque occhi".
"Broom ha cercato di preparare suo figlio per l'inevitabile giorno in cui rimarrà da solo", dice McShane. "Lo ha protetto, ma quando arriverà il momento Hellboy dovrà essere pronto a tutti gli effetti per affrontare il mondo degli uomini e i suoi mostri umani".
McShane era più che pronto a tuffarsi nelle scene d'azione del film e ha ignorato qualsiasi suggerimento potesse lasciare il suo personaggio a guardare in disparte. L'attore ha dato al personaggio la sua impronta, ma ha anche voluto onorare il suo predecessore, il defunto amico e stimato collega John Hurt, interpretando il ruolo come un piccolo omaggio in sua memoria. Dice inoltre di aver apprezzato gli elementi fantastici del film, in cui coesistono uomini e demoni. "Alla fine è divertente recitare davanti a un tipo rosso con le corna e alto due metri… David è un bravo attore, e per caso è anche un tipo di due metri con le corna rosse, ma è tutto perfettamente plausibile…".

Un uomo d'azione
Il film, ammette Levin, si discosta leggermente dal materiale di partenza per via della presenza di Ben Daimio, il capitano del B.P.R.D. (Bureau of Paranormal Research and Defense). "Nella versione di Mignola, Daimio e Hellboy non si trovano mai nella stessa pagina, ma ci sembrava naturale inserirlo nella storia perché è un personaggio fantastico ed è in qualche modo uno specchio per Hellboy".
Daimio, il taciturno ex soldato diventato poi agente del B.P.R.D, è per molti aspetti l'esatto contrario di Hellboy. "In Daimio c'è un qualcosa di misterioso", dice Levin. "C'è anche una storia sconosciuta che lo lega a Hellboy. Questi due personaggi diventano complementari, e questo dà al film una struttura interessante".
Il ruolo è interpretato da Daniel Dae Kim, che ha recitato per otto anni nella celebre serie "Hawaii Five-O" della CBS e sette anni in "Lost" della ABC. Dopo aver letto la sceneggiatura, Kim ha sentito Marshall via Skype. "Abbiamo parlato del personaggio, di quello che Neil aveva in mente e di come voleva girare. In fin dei conti queste sono le cose più importanti. Penso che Neil conoscesse il mio lavoro e io conoscevo il suo, quindi era solo questione di capire se eravamo sulla stessa lunghezza d'onda, e lo siamo stati".
Kim è stato scelto pochi giorni prima dell'inizio delle riprese ed è arrivato sul set in Bulgaria dopo un viaggio di 30 ore, poco prima di girare la sua prima scena. "È stato tutto molto veloce", racconta. "È stato difficile, ma anche corroborante. Io e David veniamo entrambi da New York, siamo attori teatrali, e ci assomigliamo perché siamo entrambi curiosi e generosi. Sembrava tutto molto naturale, cosa che non è scontata in queste situazioni". L'attore descrive la dinamica tra Daimio e Hellboy: "Sono compagni di squadra, ma non condividono sempre la stessa prospettiva", spiega. "Quindi i due hanno bisogno di un po'di tempo per arrivare a un rapporto di collaborazione". Sebbene Kim sia piuttosto diverso dal personaggio che interpreta, l'attore dice di ammirare molte delle sue qualità. "Mi piace il fatto che Daimio sia un uomo d'azione. Ha una formazione militare e più che pensare agli ostacoli pensa agli obiettivi. È stato segnato dall'incidente col giaguaro che gli ha cambiato per sempre la vita. Molti se ne stanno a rimuginare e a volte capita anche a me; per Daimio invece bisogna mettere da parte problemi e questioni e rimanere concentrati sull'obbiettivo. Il che non mi pare affatto male". L'attore è rimasto sorpreso quando gli è stato chiesto di scavare nella vecchia cassetta di strumenti della scuola di recitazione per rispolverare il suo miglior accento britannico. "La maggior parte del film è ambientata a Londra e Broom è inglese", spiega. "A scuola ero entusiasta all'idea di apprendere la pronuncia standard ma, in quanto attore asiatico-americano, mi chiedevo se mi sarebbe mai capitato di poter usare l'accento britannico. E invece poi è arrivato Hellboy".
Per Kim, nato in Corea del Sud e cresciuto negli Stati Uniti, è un onore poter interpretare sul grande schermo uno dei primi eroi asiatici dei fumetti. "Per me è molto importante perché sono cresciuto senza troppi riferimenti asiatici-americani al cinema o in televisione. Molti eroi dei fumetti sono stati creati negli anni Cinquanta, un'epoca in cui la diversità non era così importante. La domanda che mi pongo è quando avremo più attori di colore a interpretare gli eroi dei fumetti?".

L'intermediaria
Nella sua lotta contro Nimue, Hellboy viene aiutato dalla sua giovane amica Alice Monaghan, a cui ha salvato la vita quando era piccola. Il ruolo è interpretato da Sasha Lane, attrice emergente che ha affascinato i filmmaker per la sua esplosiva interpretazione in American Honey, vincitore del premio della giuria al Festival di Cannes.
"Durante il provino Sasha è stata molto convincente", dice Levin. "Aveva carattere, cuore, personalità ed era molto disponibile. Volevamo che Alice fosse qualcosa in più rispetto al personaggio del fumetto, che si sentisse la sua voce. Sasha ha davvero portato il personaggio a un altro livello, siamo stati molto fortunati ad averla nel cast".
La forza di questo personaggio è stata uno dei fattori determinanti che ha convinto Lane ad accettare il ruolo.
"Quello che mi ha davvero colpito di Alice è che non è certo una damigella in difficoltà", dice Lane. "È al contrario molto indipendente. Trasmette vibrazioni positive anche se ne ha passate tante". Lane è stata affascinata inoltre dall'evoluzione del personaggio di Hellboy. "Mi piace l'idea che arrivi per Hellboy il momento in cui deve affrontare se stesso. In qualche modo lo giudichiamo per quello che vediamo di lui, ma spesso non riusciamo a vedere fino in fondo tutto quello che ha dentro, tutto quello che succede. Quello è il suo momento". Il rapporto tra Alice e Hellboy è parte integrante della storia, osserva l'attrice. "Non è un rapporto romantico, ma di certo è una specie di legame fra anime gemelle. A causa di quello che sono e di come si sentono diversi dagli altri potrebbero prendere la strada più facile – quella verso l'oscurità – invece, piuttosto che cedere, continuano uniti a combattere una lotta difficile".

Un mondo da costruire
Per la progettazione dello stile, i fumetti di Mignola si sono rivelati una preziosa guida illustrata sull'universo di Hellboy. "Mike è un incredibile costruttore di mondi", dice Levin. "Il film è una grande opportunità per trasferire le sue idee sullo schermo. Quindi abbiamo fatto riferimento fino in fondo a quello che c'era nelle sue storie. Ci sono anche altri influssi, ma il grosso è stato preso dai suoi fumetti. "Per realizzare la trasformazione di Harbour in Hellboy, i filmmaker hanno arruolato Joel Harlow, makeup designer premiato all'Oscar e all'Emmy. Durante la pre-produzione, Harlow ha lavorato con un team di esperti per creare il personaggio centimetro dopo centimetro, dalle cime segate delle sue corna alla punta della coda, usando come riferimento i disegni di Mignola.
"La struttura del volto di Hellboy è stata ripresa dalle illustrazioni di Mike", dice Harlow. "Siamo partiti dalla mascella, la fronte e i lineamenti duri. Ma, dal progetto alla realizzazione, volevamo passare dal mondo del fumetto a quello della realtà. Il risultato è probabilmente più spaventoso, perché non c'è più il personaggio dei fumetti tutto rosso come un camion dei pompieri. Ha peli sul petto e sulle braccia, sulla schiena, sulla coda e sulle cicatrici, doveva avere un corpo da lottatore di arti marziali miste. Volevamo che la sua mano destra del destino fosse diversa da qualsiasi versione vista prima. E in questo film vediamo anche i suoi zoccoli. Per tutto il tempo Mike ci ha dato indicazioni su ogni dettaglio del design del personaggio".
Harlow è stato anche incaricato di creare l'immagine di tutti i personaggi non umani del film, tra cui la regina Nimue e la sua creatura Gruagach, le streghe, i giganti e tutti gli esseri notturni e tutta la popolazione infernale che minaccia di invadere la Terra di oggi. Allo stesso tempo, Harlow e il suo reparto hanno lavorato alla progettazione ed esecuzione di una lunga serie di figure meno demoniache, dalla faccia sfregiata di Ben Daimio al volto di Merlino. Lo studio Morphology FX di Harlow, a Los Angeles, contava uno staff di 35 persone addette alla creazione di personaggi speciali, di cui sette presenti sul set per continuare a progettare e supervisionare l'esecuzione.
Ogni giorno Harlow e un suo assistente lavoravano all'immagine di Harbour in due fasi: prima una maschera integrale e poi la tuta. "Quando arrivavo al trucco dovevo presentarmi ben rasato e indossare l'apposita canotta", racconta l'attore. "Mi mettevano una crema sul viso, una cuffia per l'effetto calvo, e poi applicavano le orecchie. Poi mi mettevo le cuffie e rimanevo sdraiato ad ascoltare musica". Nell'oretta che seguiva venivano realizzati i vari strati: la calotta cranica con dei magneti per fissare le corna, un'ulteriore maschera di silicone per il viso, le cicatrici e il trucco sulla mano sinistra (l'unico pezzo di pelle che viene mostrato).

Dopo la preparazione della testa, un assistente gli infilava la tuta. Per consentire la sostituzione del pelo e le piccole riparazioni ne sono state realizzate sei da alternare, in modo che in ogni momento ce ne fosse una pronta per le riprese. "Era la parte più strana del procedimento", afferma Harbour. "Le mie braccia erano coperte di gel lubrificante e mi infilavano questa tuta che si chiudeva sulla parte posteriore". Successivamente si è passati all'applicazione della Mano destra del destino, della coda e poi si sono aggiunti i basettoni, il pizzetto e la parrucca. Si sono incollate le corna ed è stato aggiunto un po' di sangue. Infine, dopo l'applicazione delle lenti a contatto, ogni 20 minuti negli occhi di Harbor sono state spruzzate delle speciali gocce, per un massimo di quattro ore, per prevenire abrasioni della cornea e il contatto col colore.
Il procedimento completo per le applicazioni durava circa due ore, con un'altra mezz'ora a fine giornata per rimuovere il tutto tranne la tintura della mano sinistra, che è rimasta rossa per l'intera durata delle riprese. Questo ha evitato a Harlow e al suo team di dover ritingere la mano ogni giorno, considerato che si trattava di oltre 60 giorni di produzione. "Finalmente ho smesso di camminare con la mano rossa", dice ridendo Harbour. "Mi sentivo David Bowie o qualcuno che avesse fatto un incidente".
Marshall racconta di aver visto raramente Harbour senza trucco durante le riprese. "Vedevo Hellboy camminare sul set: viveva e respirava il personaggio e lo abbandonava solo alla fine della giornata", dice il regista. "In quei rari momenti in cui vedevo David senza trucco, mi sembrava di non vederlo da secoli, poi pensavo 'Ah già, è stato sul set tutto il giorno!'. Era diventato il personaggio, ed era quello che girava per il set".

Una lotta furiosa
Per Harbour, il lavoro fatto su Hellboy con gli stunt è stato il più intenso della sua carriera. Dopo aver terminato la seconda stagione di "Stranger Things", l'attore ha intrapreso un programma intensivo di formazione di 10 settimane per prepararsi fisicamente. "Non potevo dimagrire troppo", dice. "Dovevo continuare a mangiare molto perché le protesi erano state già adattate alla mia corporatura. Ma sono diventato più forte, agile ed energico. Quando è arrivato il momento ho pensato: 'Cavolo, questo va ben oltre quello che immaginavo di dover fare!'".
Markos Rounthwaite, esperto stunt coordinator che ha all'attivo film come Mission: Impossible - Protocollo fantasma e Zombieland: Double Tap, ha ideato una serie di intricate scene di combattimento, talvolta sanguinose, tra Hellboy e le scorbutiche creature soprannaturali. "I combattimenti sono pazzeschi!", dice Harbor. "Ti sembra di uccidere davvero le creature, i giganti e i mostri. Le teste vengono tagliate via, sei immerso nel loro sangue e a livello emotivo riesci a sentire come potrebbe essere strappare la vita a un altro essere. Tutto questo porta al fatto che Hellboy è un killer, una vera arma vivente".
Hellboy non sa mai chi o cosa incontrerà, cerca di essere preparato a tutto. Ma a volte le cose non vanno come previsto e lui può solo improvvisare, spiega Harbour. "Ho parlato molto con Mike di quello che doveva indossare nella cintura. Per Mike Hellboy, essendo un detective paranormale, deve combattere tutti i tipi di creature, vampiri, streghe. Così si porta dietro cose come aglio e proiettili d'argento. Ma in un certo senso, non sa davvero cosa potrebbe servirgli, perché gli potrebbe capitare di lanciare un po' d'aglio su qualcuno e realizzare che non serve a niente. Lui sa solo che dovrà stendere qualcuno e sceglie quello che può funzionare in quel momento".
Per Harbour è stata particolarmente dura l'epica lotta di Hellboy contro i giganti, una delle scene più elaborate e ricche d'azione del film. "Avevo le protesi e questa tuta gigante e dovevo rotolare a terra, far cadere qualcuno da cavallo, dare pugni", ricorda. "Sotto la maschera grondavo di sudore, mi arrivava aria solo sugli occhi, sotto la fronte, fuori dalle corna e attraverso il naso. Con tutto quel sudore la mia faccia era diventata appiccicosa. Avevo così caldo che dovevano mettermi in una tenda con l'aria condizionata e aprirmi la parte posteriore della tuta. Mi sedevo lì ad ansimare come un cane, cercando di far entrare aria fredda. Poi chiudevamo la cerniera e riprendevamo da capo".

Colori da fumetto
Per la produzione di Hellboy sono state impiegate circa 1.200 persone, fra membri del cast e della troupe. Tre unità hanno girato nelle location nel Regno Unito e in Bulgaria, e a Sofia in più di 20 set negli studios Nu Boyana. Questo studio enorme, di ultima generazione, presenta molte aree adiacenti che si prestano all'ambientazione di location come il Messico e il Regno Unito, e 10 teatri di posa completamente attrezzati.
Lo scenografo Paul Kirby e il direttore della fotografia Lorenzo Senatore hanno lavorato con Marshall per mettere a punto la palette cromatica dei fumetti di Hellboy. "Il materiale originale di Mike Mignola è stato realizzato con colori eccezionali", afferma Kirby. "Quando Hellboy appare nell'inquadratura è l'unico rosso usato. Quando non è inquadrato, c'è qualcos'altro di rosso, il fuoco, il costume della Regina di Sangue. Tutto il resto dei colori sono colori terziari attenuati. Ed è quello che abbiamo provato a realizzare nel lavoro sulle scenografie".
L'approccio complessivo di Kirby ruotava attorno alla creazione di scenografie per lo più realistiche che producessero un contrasto netto con gli elementi e i personaggi soprannaturali del film. "Penso che quando la fantasia viene radicata in un contesto più reale provoca un certo senso di estraneità", spiega. "È come se vedessi un gigante o un mostro in casa tua. È il rapporto con qualcosa che è fuori posto che lo fa sembrare strano e spaventoso".
A questo proposito Kirby parla del viaggio di Hellboy nelle profondità dell'Osiris Club, dove viene istruito in merito alla missione della caccia ai giganti. "Si parte da una casa di campagna inglese", racconta lo scenografo. "Si vedono esposte armature, fucili, moschetti, spade. Più ci si addentra, più l'atmosfera diventa strana. Ci sono oggetti occulti in giro e più in là, delle teste come trofei di caccia. Abbiamo realizzato dei mix di forme umane e animali, tra cui un teschio con le zampe di ragno. Praticamente su una scala da 1 a 10 il livello di stranezza è 12…".
In alcuni casi, per trasporre le illustrazioni del fumetto nel linguaggio cinematografico, e passare quindi dal 2D al 3D, è stato necessario apportare alcune modifiche. Un esempio è la fantasiosa abitazione della Baba Jaga, la strega ispirata alla tradizione slava che appare in tutta la serie dei fumetti, di solito per schernire o torturare Hellboy. "Nella leggenda, così come nelle illustrazioni di Mike, è una casetta che cammina su delle zampe di gallina", dice Kirby. "Ma quello che va bene sulla pagina di un fumetto non sempre funziona sullo schermo di un film. La cosa più importante per Mike era che avesse le caratteristiche del TARDIS, la macchina del tempo di "Doctor Who", che è più grande all'interno che all'esterno. La casa però si doveva spostare nella foresta, verso Hellboy, e volevamo che si sviluppasse in verticale per poterla vedere arrivare. Quindi, mentre la casa si muove, abbiamo immaginato una struttura che finisce a torre e poi, quando si ferma e si stabilizza, diventa la porta nella tana della Baba Jaga".
Fra tutti gli elaborati scenari del film, Kirby afferma di essere molto orgoglioso dell'ambientazione realizzata per la scena tra Hellboy e Nimue, a Pendle Hill, il sito più famoso dell'Inghilterra dove, nel XVII secolo, si tenevano i processi alle streghe. "Ci sono scene che il pubblico può intuire siano state girate su un set, ma nella scena in cui Hellboy si trova sulla collina con la Regina di Sangue, niente fa pensare che il paesaggio sia stato ricreato", dice. "A volte si lavora sulla scenografia pur sapendo che il pubblico non la vedrà e che guarderà quel paesaggio come se fosse naturale. Eppure a volte è necessario che la progettazione resti invisibile. Non vuoi che lo spettatore lo metta in discussione chiedendosi se quell'albero o quel sasso siano veri o se sia un set ricostruito. Vuoi solo che apprezzi la storia".
Weldon esprime grande entusiasmo per gli straordinari effetti visivi creati da Marshall, Kirby e Senatore, con la preziosa collaborazione di centinaia di professionisti della produzione locale. "In questo film abbiamo avuto una delle migliori troupe del mondo", dice il produttore. "In Bulgaria abbiamo avuto tecnici e artisti incredibili che sono stati in grado di costruire questo intricato mondo di fantasia. Si tratta di un lavoro realizzato strato su strato, dal punto di vista visivo e artistico. Ricordo di aver visto sul monitor una scena nella tomba di Re Artù. Sullo schermo sembrava che il fotogramma del fumetto fosse diventato interamente reale. È stato un grande lavoro di squadra che ha dato risultati sorprendenti".

I costumi
Durante la pre-produzione, le prime conversazioni tra Marshall e la costumista Stephanie Collie erano incentrate naturalmente sulla ricerca dei costumi del protagonista. "A Neil è piaciuta molto la mia proposta di richiamare nel cappotto di Hellboy lo stile dei vecchi pistoleri di Hollywood", ricorda Collie. "Per Hellboy ho pensato a un soprabito di un tessuto che fluisse insieme ai suoi movimenti. David è un omone e con la tuta è ancora più imponente. Era complicato creare qualcosa che si adattasse a quelle fattezze, quindi abbiamo avuto bisogno di molti accessori per ottenere la giusta silhouette". Per rimanere fedele alle illustrazioni di Mignola, Collie ha incluso un filo pieghevole nel bavero e nel risvolto del cappotto per dargli la giusta linea. "Nel fumetto, un sacco di volte il cappotto è sgualcito e il collo è un po' asimmetrico", dice. Collie ha tratto ispirazione dal fatto che l'azione si svolge in diverse epoche, come il VI secolo, gli anni Quaranta e i giorni nostri. "Per noi che lavoriamo sui costumi è importante che l'abito riesca a comunicare una serie di elementi, come il personaggio, l'epoca, la storia", dice. "La cosa che mi colpisce dei fumetti è che c'è una dimensione vaga, senza tempo. E una raffigurazione troppo realistica di abiti moderni rischia di invecchiare presto".

Per il costume di Nimue, Collie ha incontrato Jovovich a Los Angeles. "Abbiamo provato diverse cose per catturare l'essenza del personaggio, qualcosa che potesse cambiare di pari passo con la sua evoluzione, il suo stato d'animo e i luoghi che attraversa nel suo percorso", spiega Collie. "Quando appare per la prima volta nel film in un certo senso è innocente, sono le circostanze e il tradimento che la trasformano in quello che poi diventa. L'abito quindi è molto semplice ed è realizzato con metri e metri di seta tinta con un effetto ombra, con un orlo scuro che nella parte superiore sfuma quasi in un color carne. L'effetto è quasi invisibile, ed è quello che volevamo. "Milla ha anche una meravigliosa parrucca con cui, insieme alle scarpe che non si vedono, dà l'impressione di fluttuare. Con le macchine del vento e il suo movimento, sembra che stia levitando. Abbiamo deciso di farle tenere quel costume durante tutto il suo viaggio".
Jovovich è entusiasta del look del suo personaggio. "Adoro il costume ideato da Stephanie, e Paul Pattison ha realizzato un trucco e un'acconciatura incredibili. La parrucca sembra un po' il tratto distintivo di Nimue. Io e Paul eravamo d'accordo sul fatto che dovesse sembrare quasi un fantasma e avere un aspetto etereo, brillante e quindi praticamente mi spruzzavano d'argento. Quando ritorno, sono passati 1500 anni, quindi sono una specie di mostro zombie decrepito e con quel look sembro proprio qualcosa di ammuffito nella spazzatura. Ma quando conquisto il mio potere, la mia bellezza inizia a riapparire".
Per Collie il primo costume che un attore prova è di solito quello che sceglie alla fine. In genere, però, vengono provati anche altri abiti per rafforzare la prima scelta. "Per il personaggio di Daniel ho trovato un bellissimo paio di stivali grigi e dei jeans con strati sovrapposti, una camicia e una giacca impermeabile. Li ha provati e ha detto immediatamente, 'Sì, è perfetto così'. E più o meno la stessa cosa è successa con il costume anni Quaranta di Ian, che ha detto sì al primo colpo. Con Daniel abbiamo provato altre cose, mentre Ian invece, quando gli abbiamo proposto altri outfit, ha detto: 'Non c'è bisogno di altro, va tutto bene'. Così, ho fatto solo una foto per mostrare i vari look e fortunatamente sono stati tutti d'accordo".
Per l'outfit del Professor Broom, McShane ha chiesto al suo sarto di fiducia di Soho di realizzare un completo tre pezzi in velluto a coste. "È davvero fantastico", dice Collie. "Essendo un uomo nato nel 1900 che smette di invecchiare negli anni Quaranta, non c'era motivo che diventasse improvvisamente moderno: poteva continuare a indossare un abito col taglio e lo stile anni Quaranta. L'abbiamo poi abbinato a diverse camicie senza collo".

Macchine da guerra
Sotto la direzione di Kirby, Dirk Buchmann del reparto artistico ha supervisionato la realizzazione delle armi e di altri attrezzi da utilizzare sullo schermo. In totale, Buchmann e il suo team di 20 artisti hanno creato circa 600 oggetti di scena. Per la grande pistola di Hellboy sono stati sviluppati una serie di modelli 3D, e alla fine ne è stato scelto uno ispirato a un revolver austriaco di 140 anni fa, a partire dal quale l'armiere ha poi creato una versione in acciaio completamente funzionante. L'arma finale pesava circa tre chili e sparava veri proiettili calibro 38. L'arma da fuoco di Daimio invece è una versione sovradimensionata di una Colt Derringer di 150 anni fa. La cintura di Hellboy, con gli aggeggi letali (fra cui un rosario) per uccidere le creature ultraterrene, è stata realizzata giocando su diversi concept. Buchmann ha inoltre supervisionato la creazione degli zaini dell'Osiris Club per la caccia ai giganti, generatori portatili che, attraverso le lance, inviano scosse elettriche ai corpi delle loro prede. La spada Excalibur è una replica quasi esatta di quella disegnata da Mignola, spiega Buchmann. "Ci sono alcuni ritocchi, ma è praticamente uscita fuori dai fumetto".

Trascendere il destino (possibilmente senza coda)
Hellboy riesce a suscitare una vasta gamma di emozioni nei membri del cast e della troupe, per la sua ricca mitologia, l'avvincente trama e le sue straordinarie immagini. L'attore Daniel Dae Kim è colpito dal modo in cui il film esplora il concetto di destino e di redenzione. "Cos'è il paradiso e cos'è l'inferno? Per cosa si dovrebbe essere puniti e cosa si può fare per trascendere il proprio destino?", si chiede. "Per me queste sono questioni molto interessanti, e sono le domande che si pongono sia Hellboy che il mio personaggio. Ma penso anche che, con il clima culturale che ci circonda, Hellboy potrebbe essere anche una piccola fuga d'evasione, e questo è un elemento più che positivo".
Mignola è sorpreso dalla longevità del suo personaggio ed esprime la sua gratitudine ai fan per l'interesse che continuano a dimostrare per le avventure di Hellboy. "Sono incredibilmente fortunato, perché il mio non è un supereroe tradizionale, ma un ragazzo rosso con una coda da demonio", dice. "Vederlo accolto in modo così entusiastico, come lo è stato per circa 25 anni, è una grande emozione".
Levin, che col suo partner Lawrence Gordon ha supervisionato tutte le fasi del processo con cui Hellboy si è materializzato sullo schermo, è entusiasta che questa nuova incarnazione di Hellboy lo riveli sotto una luce nuova. "E questo è in gran parte dovuto all'interpretazione di David Harbour", dice. "È un personaggio molto più empatico di quanto si possa immaginare". Marshall concorda: "David ha interpretato in modo eccezionale il materiale originario. Spero che il pubblico senta di aver visto un film originale di Hellboy".
Quanto a Harbour, vorrebbe solo aggiungere che avere una coda non è poi questa gran cosa. "La coda è una grande rottura di scatole", dice. "Una volta sul set avevo fatto una scena incredibile, con combattimenti e acrobazie, e dopo che sono crollato gli operatori hanno detto: 'Uhm, c'è un problema con la tua coda ...' Praticamente io devo gestire la mano, la tuta e tutto il resto e il problema è la mia coda? Forse molti vorrebbero provare ad avere una coda, ma lo sconsiglio vivamente: la coda è solo una gran rottura!".

Apri Box Commenti