La fratellanza (2017)

Shot Caller

Locandina La fratellanzaLa fratellanza (Shot Caller) è un film di genere Crimine e Drammatico di durata circa 121 minuti diretto da Ric Roman Waugh con protagonisti Jon Bernthal, Nikolaj Coster-Waldau, Lake Bell, Omari Hardwick, Jeffrey Donovan, Emory Cohen, Benjamin Bratt, Jessy Schram, Michael Landes, Holt McCallany.
Prodotto da Bold Films nel 2017 in USA esce in Italia Giovedì 7 Settembre 2017 distribuito da Notorious Pictures.

Trama e Scheda Tecnica

Nel crime thriller La fratellanza del regista e sceneggiatore Ric Roman Waugh (Snitch – L'infiltrato), Nikolaj Coster-Waldau (Il trono di spade) interpreta Jacob Harlon, un affermato uomo d'affari di Pasadena sposato con Kate (Lake Bell), con la quale porta avanti una vita perfetta con una famiglia perfetta. Tutto questo finisce in una notte quando, ubriaco al volante, Jacob causa un incidente mortale nel quale perde la vita il suo migliore amico Tom (Max Greenfield). Accusato di omicidio stradale colposo, Jacob è condannato a scontare due anni in prigione circondato da veri criminali. Pur di sopravvivere all'interno della gerarchia della prigione, in cui una mossa sbagliata può significare la fine dei giochi, Jacob è costretto a fare delle scelte. Indosserà così la maschera di "Money" e farà la sua ascesa all'interno della gang della Fratellanza Ariana, nella quale la sua morale sarà messa a dura prova. Dopo il suo rilascio, Jacob/Money torna per le strade di Los Angeles come un uomo cambiato e inizia una mortale partita a scacchi con l'agente Kutcher (Omari Hardwick) e lo sceriffo di LA County Sanchez (Benjamin Bratt) mentre la sua gang lo obbliga a organizzare uno scambio illegale di armi da fuoco minacciando la sua famiglia. 


Data di Uscita ITA: Giovedì 7 Settembre 2017
Genere: Crimine, Drammatico, Thriller
Nazione: USA - 2017
Formato: Colore
Durata: 121 minuti
Produzione: Bold Films, DirecTV, Participant Media, Relativity Media
Distribuzione: Notorious Pictures
Box Office: Italia: 1.877.635 euro -> Storico incassi

Recensioni redazione

7/10
La Fratellanza, recensione del film

Nikolaj-Coster Waldau (Jamie Lannister in Game of Thrones) ci regala un altro personaggio ambiguo e controverso in un thriller carcerario, tra violenza e riflessione.

News e Articoli

La fratellanza di Ric Roman Waugh al cinema

Il film racconta la storia di un uomo d'affari che per sopravvivere alla vita dietro le sbarre diventa membro di una gang.

Curiosita'

I PERSONAGGI

Nikolaj Coster-Waldau  ( Jacob/MoneY)
"Nel momento in cui lo conosciamo la sua vita sta andando alla grande – dice Nikolaj Coster-Waldau a proposito di Jacob/Money, l'uomo d'affari divenuto membro della Fratellanza Ariana da lui interpretato – è ambizioso, si prende cura della famiglia, sta realizzando grandi cose nella sua vita. Poi però è costretto a lasciare tutto questo perché accusato di omicidio colposo e finisce in una prigione popolata da veri criminali. Assiste a quello che succede ai più deboli. Deve riuscire a uscirne indenne e per questo fa una scelta. Dice 'ok, mi devo mettere a lavoro per questa gang quanto basta per sopravvivere alla prigione.' Ma una volta che hai stretto la mano al diavolo, lui non la lascia più andare la presa."

Lake Bell (Kate)
"È una madre dedita, moglie di un brav'uomo, insegue i suoi sogni e obiettivi finché non accade l'evento che sconvolgerà il suo universo e manderà il marito in prigione. Il mio personaggio è sempre alle prese con una miriade di emozioni – rabbia, delusione, tradimento – che la attraversano durante questo precario momento della loro relazione. Quello che succede in un istante può distruggere il resto della tua vita, e personalmente penso che questo sia qualcosa sul quale vale veramente la pena riflettere."

Jon Bernthal (Frank Costello / Shotgun)

Jon Bernthal interpreta il ruolo dell'impulsivo Frank Costello: "è un ragazzo cresciuto nella South Bay. Penso che sia finito in mezzo alla gang PEN1 in età giovane. Era un surfista, un tipo come ce ne sono tanti in California. Uno che vuole essere il capo di se stesso. È un po' troppo incostante, un po' troppo chiassoso, casinaro, e tutto questo a causa della sua dipendenza dalle droghe o perché, semplicemente, è fatto così. Ma io vedo Frank come un criminale nato. Penso che mentire sia il suo primo istinto, come lo è manipolare, diventare violento. Ma ha anche un gran cuore: ha desideri, bisogni e progetti come chiunque altro. È presente per le persone che ama, per aiutarle con i soldi quando serve, per proteggerle; ha una relazione speciale con sua madre. Lotta per la sua razza e alla fine della fiera sono questi qui gli uomini spaventati che si trovano in situazioni davvero pericolose e cercano di sentirsi protetti, salvi e sicuri."

Jeffrey Donovan (Bottles)
Jeffrey Donovan è Bottles, il più intellettuale dei leader della PEN1 all'interno della prigione: "è il leader della Fratellanza Ariana. Si auto-proclama "la punta della lancia". Bottles è una persona che ha molto potere all'interno di un ambiente estremamente violento… è più un pensatore che un picchiatore, ma la sua ascesa è avvenuta attraverso la violenza. Un signore con il quale ho parlato mentre facevo ricerche per il mio personaggio mi ha detto che prima di diventare un leader ha dovuto accoltellare 7 persone. Devi essere qualcuno di cui si deve avere paura. Dopo che sei arrivato a un certo livello inizi a dare ordini, come  un colonnello che dice ai suoi soldati 'portate qui quel tizio e uccidetelo'. La stessa cosa succede in prigione. Il mio personaggio non uccide più nessuno, dice semplicemente a qualcuno 'infilati nel sedere questo coltello, esci nel cortile e uccidi quel tizio lì'. Minaccia le persone con frasi tipo 'se non fai questo, ho cinque persone proprio qui che vengono e ti ammazzano seduta stante'. È una realtà cruda, brutale."

NOTE DI REGIA

Per riuscire a comprendere meglio la realtà della prigione e delle gang che sono a capo di queste istituzioni, ho lavorato, sotto copertura, come agente volontario in California. Quella che è iniziata come una semplice ricerca è diventata un'odissea di due anni in cui ho avuto accesso in maniera sempre più profonda a quel mondo violento. Nessuno sapeva che io fossi un regista. Mi vedevano solo come un poliziotto alle prime armi, non mi hanno risparmiato nulla. Quello che ho imparato subito è che le guardie possono anche controllare i cancelli e le porte ma, dentro le prigioni, comandano le gang. E comandano anche nelle strade, direttamente dalle prigioni. La Fratellanza è uno sguardo autentico sulle nostre gang e i nostri poliziotti, i quali controllano questi gruppi all'interno delle mura e gli danno la caccia sulle strade. Ric Roman Waugh (Regista/sceneggiatore/produttore)