The Post (2018)

The Post

Locandina The PostThe Post (The Post) è un film di genere Drammatico e Storico diretto da Steven Spielberg con protagonisti Tom Hanks, Meryl Streep, Christopher Innvar.
Prodotto da Amblin Entertainment nel 2018 in USA [Uscita Originale il 22/12/2017 (USA, uscita limitata)] esce in Italia Giovedì 1 Febbraio 2018 distribuito da 01 Distribution.

TRAMA E SCHEDA TECNICA

1971: Katharine Graham (Streep) è la prima donna alla guida del The Washington Post in una società dove il potere è di norma maschile, Ben Bradlee (Hanks) è lo scostante e testardo direttore del suo giornale. Nonostante Kay e Ben siano molto diversi, l'indagine che intraprendono e il loro coraggio provocheranno la prima grande scossa nella storia dell'informazione con una fuga di notizie senza precedenti, svelando al mondo intero la massiccia copertura di segreti governativi riguardanti la Guerra in Vietnam durata per decenni. La lotta contro le istituzioni per garantire la libertà di informazione e di stampa è il cuore del film, dove la scelta morale, l'etica professionale e il rischio di perdere tutto si alternano in un potente thriller politico. I due metteranno a rischio la loro carriera e la loro stessa libertà nell'intento di portare pubblicamente alla luce ciò che quattro Presidenti hanno nascosto e insabbiato per anni. 

Data di Uscita ITA: Giovedì 1 Febbraio 2018
Data di Uscita USA: Venerdì 12 Gennaio 2018
Data di Uscita Originale: 22/12/2017 (USA, uscita limitata)
Genere: Drammatico, Storico, Thriller
Nazione: USA - 2018
Formato: Colore
Durata: N.d.
Produzione: Amblin Entertainment, DreamWorks, Pascal Pictures, Star Thrower Entertainment
Distribuzione: 01 Distribution
Budget: 50.000.000 dollari (stimato)
Box Office: USA: 76.574.372 dollari | Italia: 5.408.110 euro -> Storico incassi

Cast e personaggi

Regia: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Liz Hannah
Cast e Ruoli:
foto Tom Hanks
Ben Bradlee
foto Meryl Streep
Kay Graham
foto Christopher Innvar
James Greenfield

Recensioni redazione

7/10
The Post, la recensione

The post è un buon film che racconta una storia interessante ma lo fa in modo fin troppo classico, senza sorprendere molto.

News e Articoli

Box Office Italia: The Post primo, Maze Runner La rivelazione secondo

'The Post' il film piu' visto nel weekend dal 2 al 4 febbraio 2018, seguito da 'Maze Runner: La rivelazione' e 'Sono tornato'. Debutta tredicesimo 'Slumber: Il demone del sonno'.

The Post, Meryl Streep e Tom Hanks al cinema diretti da Steven Spielberg

I due protagonisti metteranno a rischio la loro carriera e la loro stessa libertà per portare alla luce ciò che quattro Presidenti hanno nascosto e insabbiato per anni.

Spielberg Mania su Sky Cinema

Sky Cinema dedica una settimana di programmazione al regista e premio Oscar Steven Spielberg, con alcuni dei film da lui diretti, in occasione dell'uscita nelle sale di The Post.

Movie Mag intervista Steven Spielberg, Meryl Streep e Tom Hanks

Steven Spielberg faccia a faccia con Federico Pontiggia confessa di guardare molte serie Tv, ma nulla per il regista sostituirà mai il cinema.

Box Office USA: The Post e The Commuter debuttano dietro a Jumanji Welcome to the Jungle

'Jumanji: Welcome to the Jungle' primo al botteghino USA del 12-14 Gennaio 2018, seguito da 'The Post' e 'The Commuter'.

Golden Globes 2018: tutti i Vincitori

Big Little Lies la serie piu' premiata, Tre manifesti a Ebbing, Missouri il film piu' premiato ai Golden Globes 2018. Migliori attrici Elisabeth Moss, Rachel Brosnahan, Nicole Kidman, Frances McDormand, Saoirse Ronan; migliori attori Sterling K. Brown, Aziz Ansari, Ewan McGregor, Alexander Skarsgard, Gary Oldman, James Franco.

Curiosita'

IL PRIMO EMENDAMENTO ALLA COSTITUZIONE:

Il Congresso non promulgherà leggi per il riconoscimento ufficiale di una religione, o che ne proibiscano la libera professione; o che limitino la libertà di parola, o di stampa; o il diritto delle persone di riunirsi pacificamente in assemblea e di fare petizioni al governo per la riparazione dei torti

LA SUPREMA CORTE: IL NEW YORK TIMES CONTRO
GLI STATI UNITI 403 U.S. 713
ESTRATTO DALLA SENTENZA DEL GIUDICE HUGO BLACK:

"Nel primo emendamento i Padri Fondatori hanno garantito alla libertà di stampa la protezione che deve avere per svolgere il suo ruolo essenziale nella nostra democrazia. La stampa doveva essere al servizio dei governati, non dei governatori. Il potere del Governo di censurare la stampa venne abolito affinché la stampa potesse essere sempre libera di censurare il Governo. La stampa era protetta in modo che potesse scoprire i segreti del Governo e informare la gente. Solo una stampa libera e senza costrizioni può effettivamente rivelare gli  inganni del Governo.
E fondamentale tra le responsabilità di una stampa libera è il dovere di impedire a qualsiasi parte del Governo di ingannare il popolo e mandarlo in terre lontane a morire di febbri straniere e di proiettili  stranieri.
Dal mio punto di vista, lungi dal meritare la condanna per la loro coraggiosa inchiesta, il New York Times, il Washington Post e gli altri giornali dovrebbero essere lodati per aver servito lo scopo che i Padri Fondatori indicarono così chiaramente.
Nel rivelare le manovre del Governo che hanno portato alla guerra in Vietnam, i giornali nobilmente hanno fatto esattamente quello che i Fondatori speravano e confidavano facessero".

Apri Box Commenti