Zoolander 2 (2016)

Zoolander 2

Locandina Zoolander 2
Zoolander 2 (Zoolander 2) è un film di genere Commedia di durata circa 102 minuti diretto da Ben Stiller con protagonisti Ben Stiller, Owen Wilson, Olivia Munn, Penélope Cruz, Will Ferrell, Kristen Wiig.
Prodotto da Red Hour Films nel 2016 in USA. [Uscita Originale il 12/02/2016 (USA)] esce in Italia Giovedì 11 Febbraio 2016 distribuito da Universal Pictures. Al Box Office Zoolander 2 ha incassato circa 2.157.622 euro. Negli Stati Uniti, Zoolander 2 ha incassato circa 27.390.469 dollari.

TRAMA

Blue Steel. Le Tigre. Magnum ... sono sufficientemente potenti da fermare una stella da lancio cinese e sventare i piani di conquista del mondo di un genio del male. Esiste solo un modello. E solo lui è in grado di evocare tanta bellezza e potenza con una espressione... Derek Zoolander. L'ultima volta che abbiamo visto i modelli Derek (Ben Stiller) e Hansel (Owen Wilson), si stavano godendo le meraviglie del "Centro Derek Zoolander per i Bambini Che Non Sanno Leggere Bene e Che Vogliono Imparare A Fare Anche Tante Altre Cose Buone", mentre Mugatu (Will Ferrell) era finito dietro le sbarre. Una catastrofe imprevista però colpisce il Centro e costringe i due a ritirarsi, e vivere fuori dal sistema. Quindici anni più tardi Derek e Hansel sono ancora oppressi dalla vergogna ed isolati, conducendo vite separate al di fuori dal resto del mondo. Quando entrambi ricevono un invito speciale per partecipare ad un grande evento internazionale di moda nell'antica e misteriosa città di Roma, non resistono al fascino di ritrovare il successo di un tempo e rendere il loro viaggio un ritorno alla civiltà. Al loro arrivo, Derek e Hansel incontrano gli stilisti bizzarri ed eccentrici che sono dietro al nuovo impero dell'alta moda. I due si rendono conto immediatamente che il mondo della moda dei loro anni d'oro è cambiato drasticamente, e vengono maldestramente e letteralmente ributtati sotto i riflettori. Mentre lottano per trovare il loro posto in questo nuovo e strano mondo del blogging, vlogging, e moda anti-moda, vengono reclutati per tentare di fermare un complotto mortale che, altrimenti, avrebbe distrutto per sempre le speranze di far tornare l'alta moda al suo venerabile e glorioso status. Solo Derek e Hansel hanno il potere di SALVARE LA MODA. 

Data di Uscita ITA: Giovedì 11 Febbraio 2016
Data di Uscita USA: Venerdì 12 Febbraio 2016
Data di Uscita Originale: 12/02/2016 (USA)
Genere: Commedia
Nazione: USA - 2016
Formato: Colore
Durata: 102 minuti
Produzione: Red Hour Films
Distribuzione: Universal Pictures
Box Office: USA: 27.390.469 dollari | Italia: 2.157.622 euro
In HomeVideo: in DVD da Mercoledì 15 Giugno 2016 [scopri DVD e Blu-ray]

Recensioni redazione

Zoolander 2Zoolander 2, la recensione

7/10
Erika Pomella
'Zoolander 2' è un film che diverte e che offre un taglio cinico e scanzonato sul vuoto che permea, oggi, la vita delle persone. Peccato che, di tanto in tanto, Ben Stiller spinga troppo sull'acceleratore della parodia, finendo a muoversi in una farsa che non sempre appare riuscita.

News e Articoli

Zoolander 2Zoolander 2 in DVD e Blu-ray dal 15 giugno

Ingaggiati per una missione top-secret, Derek e Hansel affrontano il loro ritorno nel mondo dell'alta moda: Zoolander 2 in DVD e Blu-ray dal 15 giugno.

Perfetti sconosciutiBox Office: Perfetti sconosciuti primo, debutta terzo Zoolander 2

'Perfetti sconosciuti' vince il weekend italiano del 12-14 febbraio 2016, seguito da 'The Hateful Eight' e 'Zoolander 2'.

Immagini

[Schermo Intero]
Locandina Italiana
Foto e Immagini Zoolander 2
Locandina Italiana
Locandina Italiana
Character Poster
Character Poster
Character Poster
Character Poster
Character Poster
Foto dal film

IL FILM: IL RITORNO DELLA BLUE STEEL

La sua inconfondibile espressione ha catturato i cuori del mondo della moda e del pubblico, ed è diventata una parte del lessico culturale. Un hashtag prima dell'esistenza degli hashtag.
Nata dalle menti dei fautori di sketch comedy Drake Sather e Ben Stiller, l'idea iniziale è nata in occasione di uno sketch per i VH1 Fashion Award del 1996. Ambientata dietro le quinte di un servizio fotografico, la gag metteva in risalto l'eccentricità dei protagonisti facenti parte del mondo della moda.
"Drake mi propose il ruolo del modello. Ho pensato che fosse ridicolo, ed è esattamente questo il motivo per cui ho accettato", ricorda Stiller.
"Drake ama il mondo della moda ed ha un'impavida mente comica. Abbiamo finito per fare lo sketck per due anni consecutivi", ed è stato talmente ben accolto da suggerirne un eventuale lungometraggio.
La strada del ritorno sul grande schermo di Derek e Hansel è stata lunga e complessa, durata 15 anni e che conta diverse incarnazioni.
"La realizzazione del film ha necessitato di molto tempo", spiega lo scrittore / regista / interprete Ben Stiller. "Probabilmente avremmo dovuto fare il suo sequel l'anno successivo l'uscita del film, ma in realtà nessuno è venuto a vederlo al cinema, perciò in fondo non c'era motivo di farne un altro", ha detto Stiller ridendo.
Uscito nel settembre del 2001 - un periodo difficile a causa degli eventi dell'11 settembre- il film originale non ha sbancato i botteghini. Tuttavia, con l'uscita del DVD si è schierato un esercito di nuovi fan, e gradualmente è diventato un cult. "Era considerato un film superato, underground, un po' come un disco in vinile!. E' stato il pubblico a rivendicarne la scoperta e la proprietà", dice Justin Theroux, che è apparso nel film e ha partecipato alla scrittura del sequel.
I personaggi e gli slogan assurdi del film hanno catturato il pubblico e sono entrati a far parte della cultura popolare. Con la nascita dei social media e delle molteplici piattaforme, questi slogan sono diventati hashtag, e le battute sono state condivise in tutto il mondo. "Mi sono reso conto che nel corso degli anni è impressionante quanto seguito abbia avuto: ovunque io andassi, Europa,  Messico o Sud America, la gente si avvicinava chiedendomi di assumere la posa Blue Steel - che tra l'altro non è nemmeno del mio personaggio", ride Owen Wilson. "Le commedie non sempre  traducono un passaggio culturale, ma i personaggi di Derek e Hansel hanno un livello di ridicolaggine che penso la gente apprezzi", aggiunge.
Le prospettive per un sequel sono state messe in moto nel corso di 15 anni, durante i quali Stiller ha lavorato con molti scrittori comici famosi, tra i quali il suo collaboratore John Hamburg, lo sceneggiatore / regista Nicholas Stoller, ed il collaboratore di Stiller di Tropic Thunder, Justin Theroux. "Poco dopo mi sono convinto che non era possibile. Ma in qualche modo, ad un certo punto tutte le idee hanno preso forma ed è stato inevitabile iniziare a realizzarlo", ricorda Stiller.
Il lungo periodo di ideazione del follow up di Zoolander, ha dato a Stiller ed al suo team creativo l'opportunità di sviluppare la storia dei personaggi in modo da onorare lo spirito del primo capitolo che il pubblico ha tanto apprezzato. Stiller riferisce: "Miravamo a fare un film all'altezza del primo, per non tradire le aspettative della gente a cui è piaciuto molto. Sono stato onorato del grande seguito che ha avuto il film, e non volevo deludere i fan".

DEREK, HANSEL E MUGATU SONO ANCORA IN VOGA:
IL RITORNO DELLA 'TRIPLETTA'

Malgrado le tante incarnazioni durante tutto il processo di sviluppo, il ritorno del trio Derek, Hansel e Mugatu era incontrastabile, costante, e centrale per la storia. Quando si opera in un mondo così scandaloso come quello dei modelli nel settore della moda, la forza dei personaggi è ciò che essenzialmente motiva il film, e Stiller sapeva che il ritorno dei tre era fondamentale. "Alla fine le persone si connettono ai personaggi. Amare Zoolander, per me significa amore verso Derek, Hansel e Mugatu perché sono loro il fulcro della storia", osserva Stiller.
Per Stiller, tornare a rivestire i panni (costosi) di Derek è stata una sfida dopo una pausa così lunga. "Derek è un personaggio unico. La sua genuinità ed il suo egocentrismo nasce dalla sua ingenuità e dalla sua innocenza. Ho rivisto il primo film per assicurarmi di farlo bene, e dopo un paio di settimane ho acquisito più naturalezza, ed è diventato divertente".
Nella prestigiosa classifica delle icone nella cultura popolare, l'Hansel di Owen Wilson è un personaggio che incarna perfettamente il fascino della rock star bohémien che cattura le masse. "Ho avuto la fortuna di interpretare dei grandi personaggi nel corso degli anni, e il fatto che Hansel sia riconosciuto per nome come Madonna e Sting fa capire quanto sia rimasto impresso nelle menti", osserva Wilson.
"Owen è una presenza comica unica, ed io sono un suo grande fan", dice Stiller, suo collaboratore di lunga data. "Ha una grande sensibilità, e quando si lascia andare all'improvvisazione si sente a suo agio, ed il risultato è straordinario. Inoltre, dato che il suo personaggio ha un aspetto incredibilmente bello... è stato divertente osservarlo mentre ricordava come interpretare Hansel. La prima settimana era impegnato in una scena in cui guardava verso il deserto e spontaneamente ha ammiccato con le labbra strette alla Hansel, ormai lo faceva senza pensarci".
Talmente iconico da essere identificato solo dalla silhouette, Jacobim Mugatu si annovera tra i cattivi più venerati ed oltraggiosi della storia del cinema. Con una predilezione per gli abiti scandalosi, i cani di taglia piccola, il lancio del latte dalla tazza, e la capacità di individuare chi è veramente in voga in un dato momento, Mugatu è un personaggio davvero unico, diverso da qualsiasi altro. Considerato una new entry nel film originale, il comico Will Ferrell ha sposato l'opportunità di creare da zero un personaggio così assurdo. "Tutti questi personaggi del mondo della moda sono così divertenti perché è un terreno fertile", dice Ferrell. "Ritrarre Mugatu è stato importante per me, perché per la prima volta ho avuto la possibilità di fare un grande personaggio che avuto  molto riscontro con le persone".
Stiller aggiunge: "Will probabilmente è la persona più divertente di oggi: fa ridere appena arriva. Per quanto folle siano la sua comicità ed i personaggi che ritrae, è una persona normale, quella più comune che si possa incontrare. A volte si arriva a credere che interpreta un ruolo quando è se stesso, come il ritratto di un comune Will Ferrell".
Per Ferrell, indossare nuovamente quell'infame parrucca è stata un'esperienza interessante, dopo quasi 15 anni. "In un primo momento era strano tornare nel personaggio e nei suoi abiti, ma poi è diventato strano che non fosse più strano", dice ridendo. "Avevo dimenticato quanto fosse impegnativo Mugatu. Non è mai rilassato, urla sempre alla ricerca della perfezione, ma questa tipologia di personaggi in fondo sono i più divertenti da interpretare".
In prima fila dietro ai monitor, Stiller ha vertiginosamente assistito al ritorno in vita di Mugatu: "Non abbiamo più lavorato insieme dopo il primo film, quindi è stato davvero divertente vederlo tornare nel personaggio. Il primo giorno appare con Todd (interpretato da Nathan Lee Graham) ed è stato come se il tempo non fosse passato. Avrei potuto osservarlo per ore: sono scoppiato a ridere fin dalla prima ripresa".

I PERSONAGGI DI SUPPORTO:
IL CAST AL COMPLETO TRA NUOVI E VECCHI MEMBRI (CHE PERO' HANNO ANCORA UN BELL'ASPETTO)

Quando il pubblico ha salutato il mondo di Zoolander, Derek e Hansel erano in pieno festeggiamento per la recente apertura del "Centro Derek Zoolander per bambini che non sanno leggere bene e che vogliono imparare a fare anche altre cose", e Mugatu era finito dietro le sbarre. Da quel momento però, in seguito ad un evento terribile Derek e Hansel vivono ai margini della società, lontani dai tappeti rossi, dai flash dei paparazzi, e dalla passerella. Dopo aver perso tutto, Derek giura di voler vivere in solitudine come un paguro, e Hansel, che è sfregiato permanentemente sul viso, indossa una maschera e vive in una capanna di fango nel deserto. Dopo anni di isolamento, entrambi ricevono di punto in bianco un invito a partecipare ad un grande evento di moda promosso da Alexanya Atoz (Kristen Wiig), la più potente magnate fashion del mondo, che siede sul trono dell'impero della moda. Incapaci di resistere al fascino di ritornare al loro antico splendore, i due accettano e si dirigono verso Roma.
All'arrivo, Derek e Hansel si rendono conto immediatamente che il mondo che conoscevano una volta non esiste più: espressioni ammiccanti e passerelle appartengono al passato. L'industria è ora governata dalla generazione Y e dalle celebrità di Internet che vloggano, condividono i loro tweet, e ironicamente sono contro la moda. Derek e Hansel non sono al passo con i tempi del mondo dei social media e della tecnologia della realtà post-Steve Jobs, come indicato da alcuni oggetti di scena utilizzati. "Nel primo film è stato ridicolizzato il telefonino di Derek, che ovviamente ora è all'opposto delle dimensioni di quelli attuali", ride Stiller. "Il mondo è cambiato a causa dei social media e il fatto che tutti siano incollati allo schermo è difficile da ignorare", spiega il regista.
"La nuove tendenze della moda che scorgono sembrano ispirarsi ad un 'cavernicolo scongelato' tanto sono radicalmente cambiate. E' di moda l'anti-moda, e viene premiato il minimo sforzo, quindi tutto ciò che per loro contava non esiste più", spiega il produttore e lo scenografo Jeff Mann.
Non molto tempo dopo il loro arrivo a Roma, Derek e Hansel vengono avvicinati da Valentina Valencia, una bella agente speciale della Global Fashion Division dell'Interpol che li recluta per aiutarla a risolvere un'indagine riguardo l'assassinio di un elenco allarmante di pop star. Tutti gli omicidi hanno in comune una caratteristica lampante che potrebbe sciogliere il caso - un selfie al momento della morte con l'espressione... BLUE STEEL. Convinta che c'è solo una persona che può interpretare quello sguardo, Valentina ed il suo assistente si mettono alla ricerca di Derek perché si infiltri nel mondo dell'alta moda per risolvere il caso.
"Valentina è meravigliosa, una sexy agente di polizia Latina sempre vestita alla moda, che trasuda la sua sessualità, ma solo per affari. E' determinata a scoprire il  killer di queste pop star", spiega Stiller.
Durante tutto il processo di scrittura, Stiller aveva una sola attrice in mente per il ruolo dell'investigatrice intelligente e super-sexy: l'incomparabile Penélope Cruz. "Fin dall'inizio era sempre Penélope. Mentre scrivevamo, mi piaceva immaginarla nelle sue battute con il suo accento. E' stata una delle prime persone che ho chiamato, e lei ha accettato subito. Ero molto felice, perché non avrei immaginato altra scelta".
"Ho ricevuto una telefonata da Ben, e quando mi ha parlato di Zoolander gli ho chiesto se parlasse seriamente, perché ho molto apprezzato il primo film", ricorda la Cruz. "Ero davvero entusiasta che volesse coinvolgermi nel progetto".
La Cruz è rimasta attratta della sorprendente complessità di Valentina. "Mi piace questo personaggio perché ha molte sfaccettature. E' intelligente ed efficiente, ma anche un po' folle. Fin dall'inizio ho dovuto trovare esattamente quelle caratteristiche che l'avrebbero messa in sintonia con Derek", ricorda la Cruz.
Nonostante l'assurdità di alcuni scenari e circostanze, Penélope si è avvicinata al personaggio con estrema concentrazione ed il giusto peso, per essere complementare al pari della natura leggera ed ottusa di Derek. "Penelope ha preso molto sul serio e veramente a cuore il background e le radici del suo personaggio. Si chiedeva costantemente quale sarebbe stato l'atteggiamento di Valentina in una data scena, e come avrebbe potuto relazionarsi al meglio con Derek. Mi è piaciuto tantissimo tutto ciò, perché in un film assurdo, più l'attore si prende sul serio e più il pubblico lo reputa reale", commenta Stiller.
Il mondo scandaloso di Zoolander ha creato dei personaggi iconici che il pubblico ha tanto amato per le loro eccentricità; più sono assurdi e scandalosi e meglio è. Stiller e la sua squadra hanno fatto di tutto per onorare lo spirito e l'entusiasmo dei personaggi originali, creandone al contempo di nuovi ma con delle caratteristiche simili ai predecessori. "Come nel primo film, abbiamo voluto cogliere tutte le opportunità e ci siamo impegnati al massimo per ironizzare su questa realtà. Abbiamo deciso di creare dei nuovi personaggi che sarebbero potuti esistere in questo mondo, cercando di trovare il giusto equilibrio tra il vecchio e il nuovo", spiega Stiller.
Con Mugatu dietro le sbarre, il mondo della moda è rimasto senza un leader; una nazione di modaioli lasciati liberi (gasp!) di decidere da soli le nuove tendenze. Per fortuna, questo vuoto è stato riempito in proporzioni epiche dalla nuova regina della moda, l'incomparabile Alexanya Atoz. Un magnate della moda tanto amata e venerata che sembra fluttuare piuttosto che camminare (in fondo, camminare è da tutti), Alexanya detta le linee guida della moda: le tendenze da seguire, i modelli da indossare, e gli standard di bellezza. Quando Derek e Hansel vengono personalmente invitati da Alexanya a sfilare nell'evento del suo protetto Don Atari, sono consapevoli dell'importanza del gesto, e si preparano per un ritorno trionfale sulla scena.
Oltre alla stravaganza degli abiti che porta, Alexanya Atoz è un pilastro dell'evoluzione artistica: non si limita ad indossare abiti, ma cura ogni particolare del suo aspetto e coglie ogni occasione per fare un lancio pubblicitario. Sempre alla ricerca della bellezza eterna, fa di tutto per arrestare il processo di invecchiamento ed il risultato è un volto gonfio, siringato, tirato, abbronzato che incita la società alla giovinezza e la chirurgia estetica. "Alexanya è un disastro della chirurgia plastica alla ricerca della giovinezza e della bellezza, talmente iniettata di Botox che riesce a malapena a parlare", dice Justin Theroux.
Per il ruolo è stata scelta la famosa attrice e membro del Saturday Night Live Kristen Wiig, che ha utilizzato le eccentricità fisiche di Alexanya per definire il personaggio. "Non avevo interpretato niente di simile prima d'ora, una regina del male dei surrogati. Nello script è descritta fisicamente come chi è ricorsa troppe volte alla chirurgia plastica da non riuscire a parlare. I suoi dialoghi sono stati scritti foneticamente, sembravano scritti in russo, così ci è venuta l'idea che a lei non importasse pronunciare correttamente le parole".
Per il  look ostentato di Alexanya, il famoso make-up artist Mark Coulier ed il suo team hanno creato un aspetto unico con l'applicazione di ampie protesi che ha richiesto tempi lunghissimi, e che unito alle sue parrucche stravaganti, ciocche di capelli, ed il complesso guardaroba, è stato un processo che ha richiesto fino a quattro ore di lavoro. "Devi solo raggiungere lo ZEN per un po'. Non ho mai indossato protesi come queste, sono sorprendenti. E' strano  guardarsi allo specchio e riconoscere i tuoi occhi, ma non il tuo volto", osserva la Wiig.
La trasformazione è stata incredibile. "E' stato davvero divertente osservare il risultato del trucco, e come lo abbia ispirata. Dopo questo processo è entrata nel personaggio ed hanno iniziato a lavorare sulle unghie rendendole lunghe e colorate: uno dei lavori più impegnativi che abbia mai visto", ricorda Stiller.
"Gran parte della trasformazione è avvenuta sul volto e sulle unghie. Mi piaceva avere delle unghie lunghe; mi ha ispirato una gestualità come se avessi degli artigli che la rendevano ancora più cattiva. Leesa Evans, costumista straordinaria, ha proposto dei costumi folli,  stravaganti, elaborati e Freak, che insieme al viso, alle parrucche, alle unghie, mi hanno reso al meglio per il personaggio. E' stato molto divertente", dice la Wiig.
I co-protagonisti della Wiig sono rimasti attoniti di fronte alla sua performance. "Kristen ha reso brillanti queste scelte incredibili ed eclettiche; è senza dubbio tra le mie attrici comiche preferite di oggi," dice il collega Will Ferrell. "Ha creato questo personaggio, una sorta di cat woman dal  linguaggio incomprensibile, che è divertente, bella, elegante, e grottesca allo stesso tempo".
La Wiig e Ferrell condividono un momento speciale sullo schermo, quello che sicuramente sarà ricordato come un bacio memorabile del grande schermo. Quel giorno, Stiller ha dato poche direttive riguardo le specifiche del bacio, ed è rimasto sorpreso dalla profondità che questi due mostri sacri della comicità ci hanno messo. "Abbiamo un po' parlato prima di provare, e tra le righe gli ho detto 'fa quel che ti pare. Lecca pure, tanto non è la mia pelle'. Non credo che Ben abbia capito veramente cosa volessimo fare perché dopo averlo provato la prima volta, sembrava un po' sorpreso. Ma poi è andata", ride la Wiig.
"Non ho dato loro alcuna direzione - Will e Kristen si fidano ciecamente di loro stessi, e le considero tra le persone più divertenti di sempre; il risultato di ciò che hanno fatto è stato una delle cose più folli che abbia mai visto, una delle cose più divertenti del film", dice Stiller.
Al loro arrivo a Roma, Derek e Hansel cominciano a rendersi conto di quanto la moda e il mondo in generale sia cambiato: un mondo sconosciuto, pieno di hashtag, tweet, vlog. Niente passerelle, espressioni ammiccanti, e celebrazioni di stilisti. Lo stilista di moda più famoso è Don Atari (Kyle Mooney), un hipster riverenziale e wannabe metropolitano che è il nuovo cattivo della moda. Atari si è fatto un nome portando il banale alla ribalta come una dichiarazione artistica e critica sugli standard tradizionali della moda. Questo enfant terrible della moda, ha dichiarato che la bellezza è brutta, il non-cool è cool, e tutto ciò che non è di tendenza è in realtà super. "Don Atari è l'amalgama del cambiamento del mondo della moda di cui Derek e Hansel non si capacitano", spiega il produttore Jeff Mann. "Don Atari si contraddice nella stessa frase, ciò che è malandato è bello perché fa schifo. Ascoltare Don Atari è come una partita di tennis per Derek e Hansel dato che tutte le sue affermazioni si auto-annullano; non lo capiscono".
Si aggiunge alla lista degli adepti di Saturday Night Live il comico Kyle Mooney, scelto per portare in vita questo personaggio super-ironico. Entusiasta di far parte del progetto, Mooney ha goduto della natura ridicola ed estrema del personaggio. "Don Atari rappresenta la cultura popolare contemporanea e il peggio del mondo degli hipster. Si contraddice continuamente, e i suoi eccessi sono divertenti".
Stiller ha apprezzato l'energia che Mooney ha infuso nel personaggio, e che lo ha reso un valore aggiunto del mondo di Zoolander. "Kyle è un giovane talento che pur non avendo fatto molti film è unico: ha una sua energia e delle vibrazioni  particolari. E' stato davvero divertente porlo in quell'ambiente e avere un volto nuovo ed una nuova prospettiva".
Uno dei motivi che spingono Derek ad uscire allo scoperto è stata la possibilità del ricongiungimento con il figlio perduto Derek Jr., che vive in un orfanotrofio italiano da quando Derek si è ritirato. Derek è sorpreso di scoprire che suo figlio non ha i tratti somatici che ci si aspetta dalla progenie di uno dei più grandi modelli uomini di tutto il mondo. Aspettandosi di trovare un ragazzo bello, bello in modo assurdo, ovviamente con la capigliatura di Derek Zoolander, si trova invece di fronte un ragazzo che preferisce leggere piuttosto che posare con le espressioni, e che non considera gli addominali una virtù. Per il ruolo di Derek Jr., Stiller ha scelto il giovane attore Cyrus Arnold, che era elettrizzato all'idea di entrare a far parte del mondo strano e stravagante di Zoolander.
"Volevo trovare un attore giovane veramente forte, un ragazzo ordinario, intelligente e normale rispetto a Derek e Hansel. Cyrus è un ragazzino molto intelligente con uno spiccato senso dell'umorismo - ho sempre potuto contare su di lui sul set".
Per continuare a rendere omaggio all'osannato mondo della moda, appare un elenco di ruoli cammeo e, a differenza del primo film, nel sequel sono stati coinvolti dei grandi appassionati di moda pronti a partecipare ai dialoghi ed alle battute del film. "Il film esalta la consapevolezza del mondo della moda, e abbiamo trovato persone ansiose di farne parte e che hanno contribuito in modo sostanziale alla storia. Credo che aggiunga realtà ad una commedia stupida", dice Stiller.

PARIGI ANNUNCIA:
IL RITORNO TRIONFALE DI DEREK E HANSEL SULLA PASSERELLA

Nella moda, si raggiunge l'apice del successo in un attimo ed in un attimo si perde ... si è dentro, poi si è fuori. L'industria della moda è nota per gli alti e bassi dei protagonisti e delle tendenze; vive veramente il momento. Gli stilisti e le tendenze nell'ambito di una stagione possono salire alla ribalta o rimanere in sordina a seconda di come vengono accolti sulle passerelle.
Una volta definita la data d'inizio della produzione, il ritorno dei modelli maschili più famosi del mondo è stato annunciato in un modo degno dell'attesa. Dopo una pausa di 15 anni (ben oltre la tipica 'data di scadenza' di un top model), quale potrebbe essere il posto migliore per il ritorno sulla passerella? Al di là dei confini tra realtà e finzione, l'idea covata da Derek e Hansel era quella di tornare a sfilare durante la settimana della moda a Parigi. Per rendere l'occasione ancora più surreale, i media, il pubblico presente ed i modelli che appaiono nello show non sono stati informati della notizia. "Abbiamo pensato che sarebbe stato interessante annunciare il film senza annunciarlo, e far sfilare Derek e Hansel senza dire nulla. L'idea sembrava divertente fino a quando è arrivato il giorno ... poi ci siamo detti "cosa diavolo pensavamo di fare ... potrebbe mandare tutto a rotoli", spiega Stiller.
Era fondamentale trovare lo stilista giusto con cui collaborare, disposto a condividere il palco e divertirsi un pò; una richiesta significativa in un settore che si prende molto sul serio. "Bisognava trovare un partner che fosse disposto a concederci uno spazietto nella sua sfilata di alta moda, che è una cosa difficile perché questi eventi sono estremamente importanti e significano molto nel loro mondo. Ho pensato che al massimo ci saremmo ritrovati a farlo in un magazzino di abbigliamento maschile o qualcosa del genere, perché chi davvero avrebbe potuto avere quel senso dell'umorismo? ".
Con diversi presupposti – tra cui un marchio che unisse creatività e cultura – nell'ambito della settimana della moda, sono state considerate diverse opzioni. "Ci siamo seriamente concentrati su come trovare l'equilibrio tra l'assurdità del nostro mondo ed il massimo rispetto per il mondo della moda, optando comunque per una sfilata di abbigliamento maschile di un marchio italiano", spiega Jeff Mann.
Al di là delle più rosee aspettative, la casa di moda disposta a condividere la sfilata non era altro che VALENTINO, una maison leggendaria ed iconica della moda. Un' amica di lunga data di Stiller, Francesca Leoni, responsabile della Worldwide Communications di Valentino, ha reso possibile questa audace ed inaspettata partecipazione, durante la sfilata femminile in occasione della settimana della moda a Parigi: un evento senza precedenti. "Maria Grazia e Pierpaolo sono molto rispettati nel settore della moda e considerati degli stilisti di prim'ordine. Le loro collezioni e le sfilate si contraddistinguono per l'attenzione rivolta ai modelli, alla musica ed agli abiti, più che alla spettacolarità dell'evento. Quando ci siamo seduti con Ben per pianificare quest'idea, non hanno esitato un secondo, anzi ne erano entusiasti", ricorda la Leoni.
Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, direttori creativi della maison Valentino, e grandi fan del film originale, non hanno disdegnato  l'idea di apportare un po' di divertimento durante quella che è tipicamente un' esperienza molto intensa e seria. "Quando Ben è venuto da noi con l'idea di lanciare il film nella nostra sfilata, eravamo felicissimi perché Zoolander fa parte del nostro passato, una parte della nostro percorso. Direi che è il film che meglio rappresenta la moda, e quanto può essere estrema", spiega Piccioli.
"Credo che siamo tutti un po' Zoolander a volte", afferma ridendo la Chiuri. Mentre i due non hanno avuto alcuna esitazione riguardo la bravata, i loro collaboratori non ne erano abbastanza convinti. "Alcuni hanno detto: 'Cosa ?! Siete pazzi? Potrebbe essere pericoloso associare l'immagine del marchio e degli abiti a qualcosa di così divertente' ", ricorda la Chiuri.
Piccioli aggiunge ancora: "E' stato molto sovversivo portare Zoolander nello spettacolo. La moda si prende molto sul serio, ma a nostro avviso si può anche lavorare seriamente e ridere allo stesso tempo, perché no? ".
L'effetto sorpresa era essenziale. Combattere la realtà di un mondo in cui i flussi di informazioni possono essere condivisi istantaneamente da chiunque con un telefono cellulare, la preparazione e la tattica sono stati a dir poco cruciali. "Era tutto segreto: lo sapevamo solo io, Maria Grazia, Pierpaolo ed il loro direttore generale il signor Sassi. Neanche i miei PR o i modelli dello spettacolo sapevano. Abbiamo usato dei nomi falsi durante la produzione, e nessuno avrebbe mai potuto immaginare che avremmo fatto una cosa simile", spiega la Leoni.
Volati a Parigi in incognito, Stiller, Wilson ed un gruppo ristrettissimo di collaboratori sono stati portati alla sede tre ore prima dello spettacolo, e si sono nascosti dietro una tenda fino alla fine dello show, senza esser visti da nessuno. Quando si sono abbassate le luci ed è iniziata la musica, i modelli si sono fatti strada sulla passerella sotto gli occhi del mondo della moda attenti alla nuova collezione di uno dei marchi più prestigiosi. Poco prima del finale, quando solitamente tutti i modelli sfilano insieme per chiudere lo spettacolo, si sono abbassate le luci ed è cambiata la musica. Stiller e Wilson hanno fatto il loro ingresso camminando parallelamente su una pista ovale, ed il pubblico è andato in confusione totale, ridendo ed applaudendo incredulo. "Lungo la passerella le persone si guardavano intorno chiedendo cosa stesse succedendo. Hanno tirato fuori i cellulari e iniziato a ridere, mettendosi in piedi e applaudendo", ricorda Stiller.
Il team di Valentino ha vissuto questa esperienza dal backstage. "Gli spettatori inizialmente sono rimasti seduti in silenzio: era troppo strano vedere questi uomini sulla passerella. La reazione è stata di sorpresa, si percepiva veramente dietro le quinte; è stato come se la moda stesse vivendo un momento di libertà. Ognuno ha iniziato a ridere e battere le mani, come se in chiesa il papa si mettesse a ridere", afferma Piccioli ridendo.
"Quando siamo usciti ci siamo guardati l'un l'altro ed abbiamo avuto la sensazione del 'Che sta succedendo' ?. Mi sentivo come se avessimo vinto il Super Bowl o qualcosa del genere, e non abbiamo fatto altro che camminare in avanti lungo la passerella e tornare indietro", spiega Stiller.
Come se non bastasse, durante la passeggiata in passerella Ben Stiller ha anche sfilato lo smartphone di mano ad uno dei presenti per immortalare la sua "Blue Steel" in un selfie. L'invitato in questione, in realtà, è Jerome Jarre, che ha più iscritti di chiunque sul suo canale di Vine. Nervoso per la dinamica della coreografia del momento, Stiller ha provato meticolosamente le mosse prima dell'evento. "Ho fatto pratica in hotel: con una mano afferravo un telefono cellulare e con l'altra mi toglievo il cappotto dalla spalla facendomi un selfie: la cosa più ridicola che un uomo adulto possa fare da solo in una camera d'albergo", ride Stiller.
Dopo esser stato pubblicato on line, quel che è stato sicuramente il momento più chiacchierato della settimana della moda è diventato rapidamente uno dei più grandi momenti della moda dell'anno. La bravata è diventata un trend in tutto il mondo: in 6 ore si è diffusa in tutto il mondo, raccogliendo oltre 2 miliardi di visualizzazioni in 24 ore. Dice Jeff Mann: "Il momento era molto potente. La risposta globale ha avuto l'effetto di un fulmine. L'irruzione nella sfilata vista dal backstage è un'esperienza che non dimenticheremo mai".

IL MONDO DI ZOOLANDER
NELL'ANTICA ROMA

Stiller, da fan del cinema italiano e di registi leggendari come Federico Fellini e Vittorio De Sica, pensava che l'Italia avrebbe offerto una scenario fantastico per il capitolo successivo. "Ogni volta che vado in Italia la gente mi parla di Zoolander, come se lì ci fosse una sorta di connessione con i personaggi. Mi piaceva l'idea di porre il film in un contesto internazionale per dare una sensazione diversa, e sostenere il concetto di globalità della moda".
Anche se Milano è considerata la culla italiana della moda, era Roma il luogo ideale per la storia e la produzione del film. "Milano è tradizionalmente considerata il centro della moda forse più di Roma, ma diverse maison di moda hanno proprio lì le loro sedi, come Valentino e Fendi. Roma inoltre è estremamente cinematografica, quindi la scelta era più che giustificata", spiega il produttore Clayton Townsend.
Ricca di storia e paesaggi visivi, Roma si adattava perfettamente all'estetica visiva ed alla trama del film. "Dopo una pausa di 15 anni, abbiamo ritenuto che Roma offrisse uno scenario tanto grande quanto la reintroduzione della produzione necessitasse. E' grande e mondana, così ho pensato che sarebbe stato uno sfondo fantastico per il nostro ritorno sulle scene. La trama del film ha uno sfondo mitologico, consono alla profondità della storia di questa città", dice lo scenografo e produttore Jeff Mann.
Le riprese si sono svolte nell'arco di quattro mesi, nella primavera del 2015 con una troupe composta da un piccolo gruppo di artigiani americani affiancati da alcuni tra i migliori membri dell'industria cinematografica italiana. La lista delle location sembra la lista di un itinerario turistico che comprende alcuni dei più importanti siti storici di Roma: il Foro, il Pantheon, le Terme di Caracalla, Palazzo Venezia, il Museo d'arte contemporanea MACRO, il Tevere, il Palazzo dei Congressi, e i leggendari studi di Cinecittà.
Lo scenografo / produttore Jeff Mann si è spinto oltre ogni limite per il suo approccio ai set ed all'aspetto del film. Per l'esterno grandioso dell'impero di Alexanya Atoz, l'architettura unica del Palazzo della Civiltà ha soddisfatto tutti i criteri. Considerato un'icona dell'architettura fascista, l'edificio è stato commissionato nel 1937 da Mussolini con l'intento di ospitare grandi opere artistiche romane. Interamente rivestito in travertino, il design monumentale e la scala prodigiosa hanno dato uno sfondo perfetto. "L'edificio è molto grafico, austero ed estremo ed era perfetto per rappresentare l'imponenza. Si respira una certa indulgenza in questo scorcio", spiega Mann.
Per non sminuire la grandiosità degli esterni, il Palazzo dei Congressi di Roma è servito per gli interni della Casa di Atoz. Originariamente costruito per l'Esposizione Universale del 1942 ma interrotto a causa della Seconda Guerra Mondiale, gli ampi interni costituivano le location ideali per Mann ed il suo team, per la creazione degli ambienti dal design elaborato di Atoz. "Volevamo concepire un ambiente simile ad un mausoleo per Alexanya, uno spazio enorme dove potesse vivere e creare. In fondo è un'imperatrice".
E di cosa ha bisogno un'imperatrice della creatività nel suo posto di lavoro? Di un nido gigante da cui dominare l'impero della moda. "Ci piaceva l'idea di dare ad Alexanya un nido dove covare le sue grandi idee", ride Mann.
Per le riprese sono stati utilizzati alcuni dei siti turistici più famosi di Roma: il Pantheon, che è servito da sfondo per una grande sequenza di inseguimento in cui sono coinvolti un team di motociclisti ed una tra le più famose pop star del mondo; mentre le Terme di Caracalla sono state utilizzate in diverse sequenze per i grandi spazi le sue ampie gallerie sotterranee.
Considerate uno dei siti storici archeologici più monumentali ed imponenti, le Terme di Caracalla sono state originariamente costruite tra il 212-217 d.c, e sono una magnifica testimonianza dell'architettura e dell'ingegneria romana. Il terreno delle Terme di Caracalla è stato trasformato nell' Incredi-ball, il più grande evento del mondo della moda, dove Derek, Hansel e Valentina seguono segretamente alcuni dei personaggi più influenti del mondo della moda avventurandosi nelle profonde, estese ed oscure gallerie verso ciò che apprendono sia una camera sacrificale.
Mentre alcune scene sono state girate all'interno dei tunnel reali delle Terme di Caracalla, un' enorme ricostruzione di una volta è stata allestita sul palco degli illustri studi di Cinecittà. Questo leggendario complesso, commissionato nel 1937 da Mussolini, è considerato il fulcro del cinema italiano e ha ospitato alcuni dei più grandi tesori cinematografici del cinema italiano tra cui il capolavoro di Fellini La Dolce Vita. La produzione di Zoolander ha occupato diversi set contemporaneamente, uno dei quali ospitava la più ampia costruzione della produzione: la camera sacrificale. "E' stata la più elaborata, la più impegnativa in termini di tempo, e racchiudeva elementi antichi e moderni", spiega Clayton Townsend.
Sperando in un grande ritorno alla gloria ed al glamour del mondo della moda, Derek e Hansel constatano in prima persona quanto le cose siano cambiate quando appaiono nella sfilata della House of Atoz, con indosso la collezione dello stilista più in voga del momento, Don Atari. Ambientata in una discarica abbandonata di rifiuti ospedalieri che ha richiesto ai ricchi partecipanti la traversata tra i fori all'interno di reti metalliche con il fango fino alle ginocchia, lo spettacolo esprime l'estetica anti-moda dello stilista e tutta la sua sprezzante gloria. "Ci siamo divertiti a combinare tutti questi elementi ed a creare tale livello di assurdità, palesando questo aspetto della moda. L'idea era quella di mostrare quanto tutto sia portato all'eccesso e cammina sulla linea sottile tra 'Va bene tutto, basta mettere insieme un po' di roba' e in realtà metterla insieme in modo molto elaborato", commenta Jeff Mann.
Con un set imponente fatto di grandi impalcature e giganti condotte fognarie in calcestruzzo che delineano un' impressionante passerella su di un nastro trasportatore, il Wasteland Show mostra inoltre l'approccio elaborato ma poco brillante di Don Atari alla moda. Mann ha voluto creare un'immagine che sembrava messa insieme senza cura, pur essendo eseguita con estrema precisione e pianificazione. "Rappresenta la dicotomia del suo personaggio: una produzione monumentale che mostra gente adulta in costumi di Halloween sporchi che scendono su un nastro trasportatore."
Per Stiller e Mann, uno degli obiettivi principali del film è stato quello di andare oltre la portata e le dimensioni delle commedie tradizionali. "Come regista, Ben è un esteta della cinematografia nonostante il fatto che si tratti di una commedia, si sforza di dare un bell'aspetto al film. E' lì che batte il suo cuore", spiega Mann. "Il nostro obiettivo era sorprendere il pubblico con questi ambienti dal design estremo in bilico tra la fantasia e la realtà".
Per la pianificazione dell'aspetto del film, Stiller si è ispirato a vari film italiani del passato. "Ho preso idee da quei meravigliosi film in Technicolor di DE SICA degli anni '60, con Marcello Mastroianni e Sophia Loren con dei colori ed uno stile particolare".
"Non sempre ci si aspetta che le commedie abbiano un aspetto formidabile, mirano a far ridere, quindi non necessitano di bellezza e glamour in ogni ripresa. Per questo film invece la follia e la bellezza si mischiano ai costumi, alle luci, alle location e ad ogni singolo dettaglio, perché Ben ha un occhio straordinario e molto gusto", commenta Penélope Cruz.
Kristen Wiig è d'accordo: "Ben è incredibilmente attento ai dettagli, e si occupa di ogni singolo elemento del film. Ha gusto e vuole che tutto appaia perfettamente, senza trascurare nessun dettaglio. E' bello lavorare con persone così attente".
"Come regista, Ben è completamente sottovalutato. E' sempre vigile ed è fantastico con gli attori nel mantenere la concentrazione. Ha grandi idee, ma in realtà lascia ampia libertà d'azione e supporta il loro impegno", spiega Will Ferrell.
Per Stiller, quest'ultimo argomento era di primaria importanza per consentire al suo talentuoso cast l'opportunità di esprimersi in ciò che fanno meglio. "Una volta pianificate le circostanze, e messa a fuoco la telecamera, bisogna semplicemente lasciare che gli attori facciano da sé. In ultima analisi, nella direzione di una commedia, si assiste a qualcosa che fa ridere, ed è una gioia lavorare con persone che lo sanno fare bene. Sono stato molto fortunato".
Il ruolo di regista è un'impresa notoriamente impegnativa: bisogna destreggiarsi tra una moltitudine di elementi dietro la telecamera. Come volto del franchising, Stiller ha avuto l'ulteriore sfida di lavorare dietro e di fronte la macchina da presa. La capacità di Stiller di tenersi in linea tra la regia e l'interpretazione del protagonista all'interno di una scena è stato uno spettacolo  suggestivo per chi stava intorno. "E' incredibile il lavoro svolto da Ben: può apparire in una scena, riscrivere la scena, recitare nella scena, dirigere la scena e montare la scena nella sua testa. E' tutto dietro il suo sguardo vigile", ride Justin Theroux.
"E' stato sorprendente vedere Ben destreggiarsi tra finzione e realtà, ricoprendo i ruoli di  molte persone in una sola volta", ricorda la Cruz. "Dirige, cambia i movimenti e le luci della macchina da presa e poi torna in scena nei panni di Derek …. e questo è accaduto centinaia di volte al giorno. Non tutti sarebbero capaci di sopportare tanta pressione. Avere una flessibilità del genere è davvero ammirevole".

QUANDO LA MODA INCONTRA LA COMMEDIA:
I COSTUMI DI ZOOLANDER

Con una storia immersa nel mondo dell'alta moda, a Stiller è toccato il compito di trovare una costumista che potesse conciliare la couture con la commedia. Con una lunga lista di crediti che include Un Disastro di Ragazza e Le Amiche della Sposa, la costumista Leesa Evans, chiamata nel progetto, era attratta dalle varie sfide che avrebbe affrontato nella lavorazione in un set cinematografico del mondo della moda. "Ero entusiasta di avere l'opportunità di mostrare l'arte della moda grazie a questo film. L'intento non era ridicolizzarla, ma al contrario volevamo dimostrare che la moda può essere divertente, brillante, estrosa, fantasiosa ed ironica a seconda del contesto", spiega la Evans.
Amato e sostenuto da una comunità pronta a divertirsi, il sequel è stato un'opportunità di lavorare con un ampio gruppo di stilisti d'alta moda, editori e varie personalità, un'esperienza totalmente diversa dal primo film. Stiller riflette: "Nella pianificazione delle nostre idee e dei nostri obiettivi per il progetto, c'è sembrato giusto considerare l'industria della moda parte integrante del film, e ne abbiamo avuto un accesso di gran lunga più ampio della prima volta".
"Fortunatamente abbiamo constatato che l'industria della moda ha accolto ed amato il primo film, quindi molte persone del settore erano entusiaste di far parte del suo sequel. Abbiamo avuto così, molte opportunità per spaziare nella moda, ancor più dell'originale", dice la Evans.
Trattandosi in sostanza di una commedia satirica, il team creativo ha voluto creare un equilibrio tra la couture reale e l'assurdità del mondo di Zoolander. "Abbiamo esaminato in lungo e in largo gli stilisti per capire chi avesse disegnato dei capi che si adattavano perfettamente ai personaggi. Partendo da capi già realizzati, ho iniziato ad apportarvi delle modifiche, a dimostrazione di una vera e propria collaborazione tra la commedia e la couture. Il risultato atteso in definitiva è stato: 50% moda e 50% commedia".
La Evans ha avuto il compito di far apparire questi personaggi famosi nel contesto della moda attuale pur non virando troppo dall' onorare le loro caratteristiche originali. Anche se in un'epoca diversa, sia Derek che Hansel prendono molto seriamente le loro scelte di moda, malgrado avessero deciso di voltare pagina. "In qualche modo Derek e Hansel sono sempre radicati nella moda, perché li ha resi ciò che sono", dice la Evans.
Inizialmente nel sequel Derek e Hansel, vivono come eremiti ognuno all'estremità del globo, dopo essersi ripromessi di non tornare mai più sulle passerelle e nel mondo in generale. Ma in realtà sono entrambi pronti per tornare a sfilare, e sono sempre vestiti a festa ... anche nel loro momento più buio. Vivendo da solo su una montagna desolata lontano dagli occhi del mondo della moda, Derek inizialmente appare nelle vesti di un montanaro molto elegante, mentre Hansel vive una vita tranquilla facendo yoga in India. "Entrambi malgrado tutto non riuscivano ad allontanare il richiamo alla moda anche nelle loro nuove condizioni: Derek cercava di apparire come l'uomo di montagna per eccellenza; ed Hansel pensava alla versione fashion delle belle stoffe dai colori incredibili, e dell'artigianato che si integra perfettamente con la sua capanna di fango. Entrambi erano sempre pronti per la passerella", ride la Evans.
Sono cambiate molte cose durante la lunga assenza di Derek e Hansel dal mondo della moda, tuttavia chiaramente rappresentato da un nuovo eletto: il bad boy Don Atari. "Derek e Hansel hanno concepito la moda come una forma d'arte incredibilmente elaborata e spettacolare, mentre  Don Atari è un tipo anti-moda". Il look di Don Atari, dove il banale è considerato molto fashion, ha apportato un po' di divertimento al mondo intenso e serioso della moda. "Ho amato questo aspetto, che Don Atari può puntare qualsiasi cosa e chiamarla moda. Ha presentato dei modelli assolutamente ridicoli e semplicistici stile Halloween anni '70 e hanno fatto tendenza. E, oh, hai un paio di calzini bianchi? Beh anche questi ora sono di moda", ride la Evans.
Il guardaroba più ornato e spettacolare appartiene ad Alexanya Atoz, la cui visione unica si riflette nei suoi abiti elaborati e negli ambienti che crea. Ogni abito che indossa la Atoz è un'opera d'arte che cammina: uno più grandioso del precedente. La Evans ha potuto esagerare con il personaggio di Alexanya. "Con quella linea e quei capi, abbiamo raggiunto il ridicolo, offrendo un tono differente. E' stato divertente ispirarsi alla vera moda e renderla folle e selvaggia".
L'attrice Kristen Wiig è rimasta sbalordita dall'aspetto e dai particolari del design. "Tutti questi abiti erano incredibili, Leesa è semplicemente fantastica. Mi ha mandato i bozzetti prima di cominciare ed abbiamo parlato di ogni aspetto e del tema da seguire: l'idea era quella di uno scoiattolo volante sexy con delle ali di pelliccia, una pelliccia Mohawk, e pelle viola".
Basandosi sull'eccentricità del suo personaggio, Alexanya non perde occasione di mettere in mostra ogni suo dettaglio dalla testa ai piedi. Le sue creazioni sono solitamente accompagnate da copricapo labirintici che riprendono l'abbigliamento. Se un vestito ha disegni cubici, le forme geometriche vengono riprese per i copricapo. "E' stato divertente perché c'erano dei grandi cappelli e delle parrucche con delle pettinature particolari, che non sempre si adattavano perfettamente. Dovevamo capire esattamente le dimensioni delle parrucche per farle adattare con gli accessori che avevamo a disposizione: c'è voluta una grande collaborazione ma al contempo ci siamo molto divertiti".
"Disponevamo di parrucche incredibili e ciocche di capelli, con del polistirolo su cui venivano avvolti i capelli, a forma sferica, triangolare e cubica; è stato incredibile! Non so proprio come le sia venuto in mente", afferma ridendo la Wiig.
Il risultato nel suo insieme era tanto impegnativo quanto bello da vedere. La Wiig ricorda: "L'abito a forma di fiore viola era un po' inquietante perché aveva un copricapo a forma di fiore che arrivava fino a contenere le mie braccia. L'unica cosa che si vedeva era il mio viso, anzi in verità solo il mio naso ed il mento, perché tutto il resto erano protesi. Certo, non era tra i più comodi, ma l'effetto era fantastico".
Per la Valentina di Penélope Cruz, il lato comico del suo personaggio era evidente già dall'eccesso di sensualità di una serissima agente dell'Interpol. Che si trattasse di un corsetto indossato sotto i vestiti quando le capita di dover nuotare al largo di un'isola remota, o di una tuta aderente da motociclista rosso fuoco che si abbina perfettamente alla sua moto rossa, Valentina è sempre pronta per qualunque chiamata urgente, con un aspetto sempre perfetto. Malgrado la varietà degli abiti, Valentina ha il classico aspetto della spia sexy, che ben si addice alla bellezza naturale di Penélope. "Con il personaggio di Penélope volevamo ricordare le bellezze degli anni '60 dell'italiana Sophia Loren e Bridgette Bardot, immagini iconiche di donne sexy e belle, mentre in chiave comica interpreta un personaggio che non sa di essere poi così tanto sexy. E' stato davvero divertente trovare l'equilibrio tra la serietà dell'immagine di Valentina e la sua esuberanza, e Penélope è stata sorprendente, e gli abiti le stanno perfettamente indosso", dice la Evans.
"Questi personaggi si prendono molto sul serio, che è importante per il ritmo e la comicità di questo film, perché tutto è scandaloso. Ma ciò che ha creato Leesa è unico e speciale. Alcuni dei look da lei creati sono così sopra le righe che abbagliano: ogni sua creazione è meravigliosa", commenta la Cruz.
L'Italia è famosa per la moda artigianale, ma anche la Evans ed il suo team hanno avuto una grande mole di lavoro per la creazione di alcuni guardaroba. "E' stato come fare un film d'epoca. Non abbiamo avuto il vantaggio di utilizzare un paio di jeans e una t-shirt già pronti per ogni personaggio, abbiamo dovuto fare tutto su misura".
Stiller aggiunge: "Quel che ha creato con l'ausilio della manifattura italiana era molto ambizioso. I costumi dovevano interagire con i set e le location, ed erano un elemento estremamente importante per un film del genere".
La collaborazione tra i reparti è stata essenziale per il look dei personaggi: "Per alcuni dei personaggi, il cross-over tra i costumi, il trucco, le pettinature e le protesi è stato impegnativo. Un'azione era collegata alla successiva e la collaborazione tra i reparti è stata fondamentale. E' stato incredibile vedere tutti in azione", commenta il produttore Clayton Townsend.
Bilanciare i costumi impegnativi ed il costante flusso di cammei che appaiono nel film, molti dei quali sono tra i più grandi nomi del mondo della moda, ha aggiunto portata alla sfida per la Evans ed il suo team. A causa degli impegni di coloro che sono coinvolti, la squadra della Evans ha avuto poco se non addirittura alcun tempo di preparazione per vestire delle personalità. "Il più delle volte scoprivamo all'ultimo momento l'arrivo di un cameo, che aveva a disposizione solamente 24 ore per girare. Ogni cameo era unico, ed ogni persona è unica a causa del proprio status di icona nel mondo della moda. C'erano così tante persone che noi tutti conosciamo ed amiamo che fanno parte di questo sorprendente e meraviglioso fashion business, che ho voluto onorarle tutte in qualche modo. E' stato importante vestirli non solo con dei capi decisamente alla moda, ma anche in modo iconico come loro stessi", spiega la Evans.
Nonostante tutto il caos che accompagna un film di questa portata in un paese straniero e che coinvolge alcuni dei più grandi nomi della moda, l'opportunità di mostrarne una forma d'arte ed al contempo soddisfare il pubblico, è stato un obiettivo costante per coloro che sono stati coinvolti. "L'idea era: se riusciamo a far amare il film agli esperti di moda e far apprezzare la moda agli amanti della commedia, vuol dire che abbiamo fatto il nostro lavoro. Sarò orgoglioso di sapere che questo film catturerà tutti e che farà divertire gli spettatori, che potranno ammirare degli elementi di straordinaria bellezza e d'arte, che vanno ad arricchire artisticamente il primo film pur rimanendogli fedele".

Apri Box Commenti