Roma 2020: Palm Springs, After Love e La Fellinette nel Programma di Domenica 18 Ottobre

Un loop temporale, un matrimonio infinito, una commedia sulla natura dell'amore e della solitudine: Palm Springs di Max Barbakow, già film cult negli Stati Uniti, arriva alla 15a edizione della Festa del Cinema. Tigers di Ronnie Sandahl porta sul grande schermo la storia di un prodigio del calcio mai sbocciato. Un cortometraggio e un documentario omaggiano Federico Fellini: La Fellinette di Francesca Fabbri Fellini e Fellinopolis di Silvia Giulietti.

di / 18.10.2020
Roma 2020: Palm Springs, After Love e La Fellinette nel Programma di Domenica 18 Ottobre

Domenica 18 ottobre 2020, quarto giorno della 15a edizione della Festa del Cinema di Roma.

Dopo un positivo esordio negli Stati Uniti, forte del successo di critica e pubblico raccolto in occasione del Sundance Film Festival, arriva alla Festa Palm Springs di Max Barbakow, il primo lungometraggio di finzione del regista e scrittore californiano. Il film segue le vicende di due sconosciuti che si incontrano casualmente nel corso di un matrimonio a Palm Springs: le cose si complicano quando lo spensierato Nyles e la riluttante damigella d'onore Sarah restano bloccati in un loop temporale, impossibilitati a scappare dal ricevimento, da sé stessi e, soprattutto, l'uno dall'altra.

 Palm Springs
Palm Springs

In coproduzione con Alice nella città, viene presentato Tigers di Ronnie Sandahl. Martin Bengtsson è un prodigio del calcio, il talento più promettente che la Svezia abbia mai visto. A sedici anni, Martin realizza il suo sogno d'infanzia di diventare un calciatore professionista quando viene acquistato da una delle più importanti società calcistiche italiane e internazionali, l'Inter. È l'occasione di una vita, ma a quale prezzo? Mentre tenta di adattarsi a una realtà nella quale tutto e tutti possono essere comprati e venduti, Martin trova sempre più difficile distinguere l'abnegazione dalla sottomissione, il piacere dalla sofferenza, gli amici dai nemici.

 Tigers
Tigers

Nel programma della Selezione Ufficiale, i la proiezione di After Love di Aleem Khan. Nel film, Mary Hussain, convertitasi alla religione islamica quando si è sposata, ha poco più di sessant'anni e vive serenamente con suo marito Ahmed nella città costiera di Dover, situata nella parte sud-orientale dell'Inghilterra. In seguito alla morte inaspettata del coniuge, Mary si ritrova improvvisamente vedova. Il giorno dopo la sepoltura, la donna scopre che Ahmed aveva una vita segreta a Calais, oltre il canale della Manica, a soli trentaquattro chilometri di distanza dalla loro casa di Dover. La sconvolgente rivelazione la spinge ad andare lì per saperne di più.

 After Love
After Love

Il pubblico potrà assistere alla proiezione di Hasta el cielo di Daniel Calparsoro, nella linea di programma Riflessi. Quando incontra per la prima volta Estrella, Angel non sa che quella ragazza gli cambierà la vita. Poli non può lasciare che Angel gli rubi la fidanzata. Tuttavia, lo convince a unirsi alla sua banda di rapinatori di gioiellerie.

Alla quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma tornano gli appuntamenti di "Fedeltà/Tradimenti" durante i quali alcune delle più interessanti personalità della cultura commentano la trasposizione cinematografica di celebri opere letterarie. Oggi, il critico cinematografico e regista Steve Della Casa parlerà de La notte dei morti viventi.

Nel programma della retrospettiva dedicata a Satyajit Ray, la Casa del Cinema ospita una conversazione su estetica, linguaggio e tecniche del cineasta indiano con protagonisti il curatore Mario Sesti, il direttore della Casa del Cinema Giorgio Gosetti, il regista Italo Spinelli e il direttore artistico del River to River Florence Indian Film Festival, Selvaggia Velo. Sarà proiettato il film Devi (La Dea) che il regista indiano ambienta nel 1860: Umaprasad, figlio di un possidente del Bengala, va a Calcutta per studiare e lascia la moglie Doyamoyee nella casa del padre, il quale, dopo aver sognato la nuora nelle vesti della dea Kali, si convince che ne sia la reincarnazione e la fa diventare oggetto di culto per la gente del posto. Umaprasad non lo accetta, ma ormai anche la ragazza crede di essere una dea. Quando però il nipote si ammala, lei non può guarirlo, e perde la ragione.

Nel programma del Teatro Palladium la proiezione di Era la più bella di tutti noi - Le molte vite di Veronica Lazar di Leonardo Celi e Roberto Savoca. In questo docu-film biografico, presentato fra le preaperture della Festa, Alexandra Celi racconta i molteplici aspetti della vita di sua madre, Veronica Lazar, che è stata attrice di teatro e di cinema, ebrea esule dalla Transilvania, moglie di Adolfo Celi, organizzatrice culturale, psicologa professionista, donna fiera e rivoluzionaria, scomparsa nel 2014.

Le repliche in programma prevedono: Ricochet di Rodrigo Fiallega, Été 85 di François Ozon, Tigers di Ronnie Sandahl, Las mejores familias di Javier Fuentes-León, Le Eumenidi di Gipo Fasano, Small Axe - Mangrove / Lovers Rock / Red, White and Blue di Steve McQueen, After Love di Xavier de Lauzanne , Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli, Hasta el cielo di Daniel Calparsoro.

Per celebrare il centenario della nascita di Federico Fellini due proiezioni in omaggio al regista riminese

Viene presentato nella Sezione Omaggi il cortometraggio La Fellinette diretto da Francesca Fabbri Fellini, un omaggio a suo zio Federico Fellini che parte da un disegno che uno dei più grandi registi del mondo ha lasciato in regalo alla nipote. Ricordi, immaginazione e poesia per un sogno di cartone, una favola muta a tecnica mista (animazione dello Studio Ibrido di Torino e live action) dove sono protagonisti una bambina e il suo cagnolino, una spiaggia invernale, un palloncino rosso che vola in cielo e gli occhi che si chiudono spalancando le porte al regno dell'incanto e della fantasia. Perché quella sedia da regista su cui si siede la piccola protagonista del cortometraggio è il lasciapassare verso un altro mondo dove regnano stupore, divertimento e atmosfere oniriche.

 La Fellinette
La Fellinette

"La Fellinette è un sogno di cartone" racconta Francesca Fabbri Fellini "perché prende vita da un disegno che lo zio Federico mi ha fatto nella nostra casa di famiglia a Rimini, dopo una passeggiata sulla spiaggia. Era il 20 gennaio, giorno del suo compleanno, quando arrivò da Roma con un regalo per me: una mantellina di panno blu pavone e un paio di stivaletti rossi. Mio zio ha sempre amato i cartoni animati e una volta mi disse che gli sarebbe piaciuto firmarne uno. Con il mio cortometraggio credo di aver completato l'ultimo tassello del puzzle, avendo nel mio sangue il suo dna. Quel disegno, intitolato La Fellinette, è la cosa più preziosa che mi ha lasciato".

Creature magiche sfilano agli ordini del Direttore (Ivano Marescotti) avvolto dal mantello di Mandrake (lo stesso che indossava Marcello Mastroianni in Intervista): una ballerina eterea (Milena Vukotic, che rimanda a Giulietta Masina ne La Strada), un mago delle bolle (Bustric), un funambolo (Federico Bassi), l'uomo delle ombre (Carlo Truzzi) e il creatore della neve (Gabriele Pagliarani). Il tutto accompagnato dalla musica senza tempo di Andrea Guerra.

 La Fellinette
La Fellinette

"Quando ero piccola - continua Francesca Fabbri Fellini - lo zio Federico mi ripeteva sempre: 'Ricordati che esistono due vite: quella ad occhi aperti e quella ad occhi chiusi. L'immaginazione è la forma più alta di pensiero. Mia piccola Fellinette, buttati e non perdere mai la tua schiettezza, né l'entusiasmo giovanile nel lungo viaggio che si chiama vita, e le cose accadranno come desideri'. Per me la fantasia è una realtà parallela e grazie a lui continuo a guardare il mondo con gli occhi dell'infanzia, da visionaria".

In programma anche la proiezione del documentario Fellinopolis firmato da Silvia Giulietti: il mondo di Federico Fellini, dentro gli studi di Cinecittà, popolato dai suoi personaggi, raccontato dai suoi collaboratori Lina Wertmüller, Dante Ferretti, Nicola Piovani, Maurizio Millenotti e dai backstage di Ferruccio Castronuovo, emersi da un passato di oltre quarant'anni.

Ad Alice nella Città

Alice nella Città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma, apre per la prima volta alla settima arte la Sala Alice Timvision La Nuvola all'EUR (viale Asia) domenica 18 ottobre grazie alla collaborazione con l'Ente EUR Spa. L'iniziativa viene commentata così dai Direttori di Alice nella Città Fabia Bettini e Gianluca Giannelli: "Aprire per la prima volta la Nuvola al cinema è un segnale di resilienza cinematografica che in un momento come questo ci riempie di speranza. Lo faremo nel rispetto e nei modi concessi, sicuri di tornare presto a condividere le storie e le trame dei film che ci legano". "È un giorno importante, continuiamo con l'apertura della Nuvola ai talenti e, certamente, la rassegna Alice nella Città è tra questi - ha dichiarato Antonio Rosati Amministratore Delegato di Eur Spa, società proprietaria del Convention Center e partner dell'evento. "Proseguiamo sulla via del rilancio di un sistema in cui crediamo fortemente, l'economia della bellezza: un asset strategico - conclude Rosati -per promuovere attività rivolte ai giovani e ai cittadini tutti, per guardare con fiducia al futuro ed essere più forti domani".

In programma oggi ad Alice nella Città l'anteprima della commedia francese "The Specials - Fuori dal comune" con Vincent Cassel e Reda Kateb firmata dai registi Olivier Nakache e Éric Toledano ("Quasi Amici", "C'est la vie - Prendila come viene", "Samba"), presenti sul red carpet insieme al protagonista Reda Kateb e a seguire introdurranno il film al pubblico presente in sala.
"The Specials - Fuori dal comune" è già stato presentato come evento di chiusura all'ultimo Festival di Cannes e ha vinto il Premio del Pubblico al San Sebastián International Film Festival. La storia raccontata affronta le problematiche quotidiane vissute da ragazzi affetti da autismo, storie vere, tratte da esperienze reali delle Onlus parigine e dei casi sotto la loro tutela. Il film sarà al cinema dal 29 ottobre distribuito in sala per Europictures da Lucky Red.

In programma anche il film "I predatori" di Pietro Castellitto, già premiato per la migliore sceneggiatura alla Mostra del Cinema di Venezia, e presentato ora nella sezione Sintonie, nata dalla volontà dei direttori di Alice nella Città Fabia Bettini e Gianluca Giannelli di concerto con il direttore della Mostra del Cinema Alberto Barbera, di dar vita quest'anno a un percorso complementare di collaborazione tra i due festival con al centro i ragazzi: quelli raccontati nei film e quelli fra il pubblico giovane che potranno recuperare ora ad Alice nella Città la visione di alcuni lavori preziosi. "I predatori" sarà accompagnato in sala da Pietro Castellitto, Giorgio Montanini, Dario Cassini, Giulia Petrini, Liliana Fiorelli, Alessandro La Ginestra.

La programmazione di Alice nella Città, in questa giornata quasi tutta dedicata al cinema d'oltralpe prosegue con il documentario "Il futuro siamo noi" di Gilles De Maistre che dà voce a ragazzi di tutto il mondo che non si rassegnano alle ingiustizie e invece lottano per un mondo migliore impegnandosi in prima persona in cause umanitarie. E poi anche l'opera prima di Samir Guesmi "Ibrahim" interpretato da Abdel Bendaher, già presente nella selezione ufficiale di Cannes 2020, che racconta la storia di un ragazzo combattuto tra le sue due figure di riferimento: il padre e il suo amico del college che lo coinvolge nel progetto di un furto. E poi la proiezione di "Tigers" di Ronnie Sandhal, film che arriva dalla Svezia e che racconta una storia ispirata alla vicenda realmente accaduta a Martin Bengtsson calciatore prodigio che a 16 anni entra nel mercato del calcio professionale.

A Liliana Cavani, Paola Cortellesi e Riccardo Milani, Daniela Ciancio, Donatella Palermo e Claudio Masenza a Casa Alice sarà consegnato il WiCA|Women in Cinema Award che vuole contribuire alla visibilità delle donne del cinema all'interno dei più importanti Festival, assegnando dei riconoscimenti senza divisioni tra le categorie professionali. È anche un premio agli uomini che nel corso della carriera, o nelle ultime stagioni, hanno messo al centro dei loro film le figure femminili e ai cineasti che hanno scelto di valorizzarne il talento all'interno delle produzioni. A condurre l'evento, l'attrice e scrittrice Claudia Conte.

Programma della Festa del Cinema di Roma di Domenica 18 Ottobre

9.00 Proiezione stampa Tigers (CO) 112' - Sala Sinopoli
9.00 Proiezione stampa Hasta el cielo \ Sky High (RI) 121' - Sala Petrassi
11.30 Proiezione stampa Palm Springs \ Palm Springs. Vivi come se non ci fosse un domani (TP) 90' - Sala Petrassi
13.10 Photocall Tigers (CO)
Ronnie Sandahl (regista) | Cast: Erik Enge, Maurizio Lombardi, Alberto Basaluzzo, Antonio Bannò, Gianluca Di Gennaro, Daniele La Leggia | Martin Bengtsson (scrittore) | Piodor Gustafsson, Lucia Nicolai, Marcello Paolillo (produttori)
13.30 Conferenza StampaTigers (CO) - Sala Petrassi
Ronnie Sandahl (regista) | Cast: Erik Enge, Maurizio Lombardi | Martin Bengtsson (scrittore), Piodor Gustafsson (produttore)
13.40 Photocall Hasta el cielo \ Sky High (RI)
Jorge Guerricaechevarría (sceneggiatore) | Borja Pena, Emma Lustres (produttori)
14.00 Conferenza Stampa Hasta el cielo \ Sky High (RI) - Sala Petrassi
Daniel Calparsoro (regista) | Jorge Guerricaechevarría (sceneggiatore) | Borja Pena, Emma Lustres (produttori)
14.10 Photocall After Love (SU)
Aleem Khan (regista) | Matthieu de Braconier (produttore)
14.30 Conferenza StampaAfter Love (SU) - Sala Petrassi
Aleem Khan (regista) | Matthieu de Braconier (produttore)
16.00 Conferenza stampa in streaming/Streaming Press Conference Palm Springs \ Palm Springs. Vivi come se non ci fosse un domani (TP) | Max Barbakow (regista)
18.00 Incontro/Conversation Satyajit Ray (RE) - Casa del Cinema | Con Mario Sesti, Giorgio Gosetti, Italo Spinelli, Selvaggia Velo
18.15 Red carpet Tigers (CO)
Ronnie Sandahl (regista) | Cast: Erik Enge, Maurizio Lombardi, Alberto Basaluzzo, Antonio Bannò, Gianluca Di Gennaro, Daniele La Leggia | Martin Bengtsson (scrittore) | Piodor Gustafsson, Lucia Nicolai, Marcello Paolillo (produttori)
18.30 Photocall Cinema Europa La Fellinette (O) - My Cityplex Europa
Francesca Fabbri Fellini (regista) | Cast: Milena Vukotic, Sergio Bustric + Photocall Cinema Europa Fellinopolis (O) - My Cityplex Europa
Silvia Giulietti (regista) | Cast: Ferruccio Castronuovo
19.00 Incontro/Conversation La notte dei morti viventi (FT) - MACRO | Con Steve Della Casa
19.00 Proiezione/ Screening Pub. Acc. La Fellinette (O) 13' + Fellinopolis (O) 79' - My Cityplex Europa
20.00 Proiezione Pub. Era la più bella di tutti noi - Le molte vite di Veronica Lazar 52' - Teatro Palladium
20.15 Red Carpet Open Your Eyes
Gabriele Muccino (regista) | Cast: Francesco Scianna, Marianna Falace
21.00 Photocall Cinema Europa Hasta el cielo \ Sky High (RI) - My Cityplex Europa
Jorge Guerricaechevarría (sceneggiatore) | Borja Pena, Emma Lustres (produttori)
21.00 Proiezione Stampa I Carry You With Me (SU) 111' - My Cityplex Savoy Sala 3
21.00 Proiezione Devi | The Goddess | La Dea (RE) 93' - Casa del Cinema
21.30 Proiezione Pub. Acc. After Love (SU) - MAXXI
Con Aleem Khan (regista) | Matthieu de Braconier (produttore)

Live streaming Conferenze stampa/Press Conferences:
- www.raiplay.it/dirette/raiplay2
- www.youtube.com/user/romacinemafest/
- www.facebook.com/romacinemafest

ALTRI EVENTI DELLA FESTA / OTHER EVENTS OF THE FEST
11.00 CineCampus Atelier. Le tante anime di un artista: il doppiaggio cinematografico - AuditoriumArte
Con Marco Guadagno
14.00 CineCampus Atelier. L'organizzatore generale è la figura chiave nella produzione cinematografica - AuditoriumArte
Con Ferdinando Cocco

ALICE NELLA CITTÀ
9.30 Proiezione Stampa Ibrahim 80' - Cinema Caravaggio
11.30 Proiezione Stampa The Specials 114' - Cinema Caravaggio
12.00 Proiezione Pub. Acc. Il futuro siamo noi 85' - Sala Sinopoli
14.30 Proiezione Pub. Acc. Sul più bello 87' - Cinema Caravaggio
15.45 Conferenza StampaThe Specials - Casa Alice
Olivier Nakache, Éric Toledano (registis) | Cast: Reda Kateb
16.30 Proiezione Pub. Acc. Wendy 112' - Cinema Caravaggio
18.00 Proiezione Pub. Acc. I predatori 109' - Sala Alice Tim Vision Nuvola
18.30 Proiezione Pub. Acc. Il futuro siamo noi 85' - Cinema Caravaggio
20.30 Proiezione Pub. Acc. Ibrahim 80' - Cinema Caravaggio
21.00 Proiezione Pub. Acc. The Specials 114' - Sala Alice Tim Vision Nuvola
22.30 Proiezione Stampa Slalom 90' - Cinema Caravaggio

LEGENDA
SU: SELEZIONE UFFICIALE / OFFICIAL SELECTION
IR: INCONTRI RAVVICINATI / CLOSE ENCOUNTERS
O: OMAGGI E RESTAURI / TRIBUTES AND RESTORED FILMS
RI: RIFLESSI / REFLECTIONS
CO: COPRODUZIONE / CO-PRODUCTION ALICE NELLA CITTÀ
RE: RETROSPETTIVA / RETROSPECTIVE

La Festa del Cinema di Roma dalla parte delle donne: il cinema entra nelle case rifugio

La Regione Lazio, con l'Assessorato alle Pari Opportunità, in collaborazione con la Festa del Cinema di Roma, porta il cinema nelle Case rifugio, dove le donne trovano riparo dalla violenza e cercano di ricostruire la propria identità e autonomia. Il presidente Nicola Zingaretti ha sempre considerato il Lazio terra di Cinema e audiovisivo. Per questo, grazie a una dotazione tecnica straordinaria messa a disposizione dalla Regione Lazio, le ospiti delle Case rifugio, spesso accompagnate dalle figlie e dai figli, potranno accedere gratuitamente alle proiezioni dei film trasmessi in anteprima durante la Festa del Cinema. La rete dei servizi dalla parte delle donne della Regione Lazio comprende oggi ventisei Centri antiviolenza, nove Case rifugio e una Casa di semiautonomia, ed è un numero in costante aumento. Quest'anno, anche le donne che abitano queste strutture e i loro figli, potranno godere della magia della Festa del Cinema di Roma con tutta la sua gamma di emozioni, confermando il cinema come un elemento di crescita e di raccordo tra tutti i soggetti della nostra società. 1522 è il numero nazionale antiviolenza e stalking, attivo H24, sette giorni su sette.



Apri Box Commenti