image
Rocco Schiavone

Rocco Schiavone (2016)

Rocco Schiavone

Rocco Schiavone e' una serie televisiva di genere Biografia girata in Italia, realizzata nel 2016,. Rocco Schiavone si compone di 3 stagioni e da 14 episodi.
Ogni episodio dura circa 90 minuti.

Rocco Schiavone è un vicequestore in forza alla Polizia di Stato, romano fin nel midollo, che si ritrova a dover svolgere le sue funzioni nella città di Aosta. Saccente, sarcastico, nel senso più romanesco del termine, maleducato, cinico quanto basta, odia il suo lavoro, ma soprattutto odia Aosta. Però ha talento.

Stagioni

Stagioni - EpisodiPrima Visione in Italia
Stagione 1 - Episodi 69 Novembre 2016 su Rai 2
Stagione 2 - Episodi 417 Ottobre 2018 su Rai 2
Stagione 3 - Episodi 42 Ottobre 2019 su Rai 2

Cast e Personaggi


Curiosità

ROCCO SCHIAVONE

Rocco Schiavone è un personaggio letterario, protagonista dei romanzi polizieschi scritti da Antonio Manzini. Schiavone è un vicequestore in forza alla Polizia di Stato, romano fin nel midollo, che si ritrova a dover svolgere le sue funzioni nella città di Aosta. Rocco Schiavone è saccente, sarcastico nel senso più romanesco del termine, maleducato, cinico quanto basta; odia il suo lavoro, soprattutto odia Aosta. Però ha talento. Trasferito nel capoluogo valdostano per motivi disciplinari, è un uomo con un senso etico tutto personale, che raramente coincide con quello che un poliziotto dovrebbe avere. È sboccato, violento e le sue azioni spesso esondano i margini della legalità. Un uomo con un passato oscuro, con molti scheletri nell'armadio. Nato a Trastevere negli anni '70, in un piccolo appartamento in via delle Mantellate, quando il pittoresco quartiere romano non era ancora meta dei turisti e degli investitori americani, figlio di operai, Schiavone è cresciuto per strada giocando a guardie e ladri con i suoi amici del cuore, Sebastiano, Furio e Brizio. Col tempo i suoi amici sono rimasti ladri, lui invece è diventato guardia. Ma questo non ha intaccato il loro affetto e soprattutto il rispetto reciproco. Insomma, Rocco Schiavone è sì un poliziotto, ma tutto di lui farebbe dire il contrario. C'è solo una persona al mondo che riesce a penetrare la scorza dura che Rocco si è costruito intorno: Marina, sua moglie. O meglio, la donna che era sua moglie. Che lo è stata fino al 7 luglio del 2007, giorno terribile nella vita di Rocco, nel quale la sua esistenza ha cambiato rotta, si è incrinata e, come un vaso di valore, non ha più potuto riprendere lo splendore di un tempo. Ma Marina continua a vivere nella fantasia di Rocco, che la vede viva e più bella che mai accanto a sé tutte le sere quando torna a casa. E la presenza della donna è l'unica cosa che rende a Rocco sopportabile la vita ad Aosta, l'unica cosa che riesce, in qualche modo, a colmare la nostalgia per Roma, per gli amici di sempre, per la sua vecchia vita.

PERSONAGGI

ITALO PIERRON, un giovane poliziotto valdostano di circa trent'anni che abita ancora con i genitori, ma che non vede l'ora di conquistarsi il suo posto nella vita. La sua intraprendenza e la sua intelligenza intuitiva lo rendono fin da subito la spalla perfetta per Rocco che sembra sceglierlo come discepolo, dopo averlo riconosciuto da lontano. Ma la fermezza che Italo dimostra sul lavoro scompare quando, tolta la divisa, si trova faccia a faccia con Caterina: nella loro storia d'amore, infatti, è lei a tenere il coltello dalla parte del manico.

CATERINA RISPOLI, una trentenne piena di risorse e di carte da giocare, bella ma di una bellezza discreta, quasi nascosta, è una delle poche poliziotte di cui Rocco si può davvero fidare. Seria e dotata di intuito femminile, svolge il suo lavoro con amore e dedizione, guadagnandosi la stima dei suoi colleghi, e non solo. Il fascino discreto di Caterina, infatti, non ha lasciato indifferenti né Rocco né Italo che, a causa sua, entreranno presto in competizione.

AGENTE DERUTA, accento sardo, occhio bovino e aria mite, è un poliziotto con problemi di peso e reattività. La dedizione che mette nel suo lavoro è tanta, ma i risultati che riesce ad ottenere sono sempre pochi, un po' per il fatto che ogni mattina all'alba aiuta sua moglie a fare il pane in una panetteria, un po' per la sua scarsa agilità fisica.

AGENTE D'INTINO, originario dell'Abruzzo, è uno dei peggiori incubi di Rocco Schiavone. È infatti del tutto privo di senso pratico e di talento per il proprio lavoro a cui unisce un'irritante sicumera e la totale incapacità di tacere al momento giusto. Pur di tenere lontani dalla Questura lui e Deruta, Rocco gli affida compiti estenuanti e di scarsa rilevanza, che i due accettano sempre con entusiasmo e forte senso del dovere.

AGENTE CASELLA è un poliziotto meridionale appesantito dal tempo ed eternamente in attesa della pensione. Di indole placida e afflitto da problemi alla prostata, affianca stancamente Rocco Schiavone nelle indagini e nella gestione del commissariato, cercando vanamente di "imbucarsi" dietro qualche faldone d'archivio.

AGENTE ANTONIO SCIPIONI, trent'anni, capelli scuri e fisico asciutto, è un ragazzone siciliano sano e robusto, dalla forte indole operativa. In commissariato, assieme a Italo e Caterina, è l'unico a muoversi con disinvoltura dietro al Vicequestore.

NORA, proprietaria di un negozio di vestiti da sposa, è una bella ed elegante donna valdostana con cui Rocco intreccia una relazione. Ma Schiavone non sembra ricambiare Nora con gli stessi forti sentimenti che lei gli riserva. Infatti l'unica donna che Rocco può amare rimane Marina.

ANNA è una pittrice ed è la migliore amica di Nora. Bella e intrigante, rimane folgorata da Rocco Schiavone al punto da iniziare una relazione con lui, incurante dei sentimenti dell'amica. Dopo un primo periodo in cui sembra in grado di tenere testa al difficile carattere di Rocco, si misurerà anche lei con il suo bisogno di fuggire da ogni impegno sentimentale.

SEBASTIANO è l'amico di sempre del Vicequestore Schiavone. Coetaneo di Rocco, è un trasteverino, genuino e verace. Sono cresciuti insieme e da sempre condividono tutto con gli altri amici di una vita: Furio e Brizio. Ma se Rocco è diventato un uomo di legge, Sebastiano e gli altri hanno scelto di vivere al di là della legge, senza che però questo abbia mai intaccato la loro amicizia.

ALBERTO FUMAGALLI, medico legale e braccio destro di Rocco nelle indagini, ha sguardo acuto, precisione e un po' di macabra ironia. Originario della Toscana, terra di cui conserva un forte accento, Fumagalli ha col Vicequestore un rapporto fatto di modi burberi e schietti, ma di profonda stima reciproca.

MAURIZIO BALDI è il magistrato di Aosta che collabora sempre col Vicequestore nelle sue indagini. Idealista, sentenzioso, vagamente folle e imprevedibile, sottopone spesso Rocco a insopportabili monologhi sui mali del mondo. Ha un rapporto conflittuale con la moglie, di cui spesso nasconde la foto in un cassetto, ed è uno dei pochi ad avere capito che il passato di Rocco nasconde qualcosa di torbido.

ANDREA COSTA, uomo delle istituzioni dal profilo elegante ed autorevole, ha sessant'anni e dei vecchi rancori che lo perseguitano. Il Questore, infatti, vive nell'ossessione che i giornalisti tutti cospirino contro di lui, dopo che sua moglie è fuggita con uno di loro.

MARINA, la moglie di Rocco, che da anni ormai non c'è più e che lo ha lasciato solo, a riempire con giornate inutili quel vuoto incolmabile.

Apri Box Commenti